close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#top8

Gli 8 migliori film di Denis Villeneuve

Il regista canadese ha diretto 9 lungometraggi: quali i migliori 8?

Nato il 3 ottobre 1967 a Trois-Rivières, in Québec, Denis Villeneuve ha all'attivo 9 lungometraggi diretti in 20 anni di carriera. 
A parte i primi due (Un 32 Août sur Terre e Maelström) non ne ha più scritti da solo, ma nonostante non sia un autore nel senso letterale del termine appare ovvio come si possa definirlo tale grazie alla sua poetica. 

Le scelte che fa quando accetta un film da dirigere si inseriscono perfettamente in un'idea di Cinema che lo vede alle prese con storie dai temi e dai dilemmi etici importanti, personaggi che affrontano contraddizioni e lottano per un'identità, figure femminili forti e centrali. 

9 film, ma questa è una Top 8: quale sarà il film mancante secondo la redazione di CineFacts.it? 
Sarete d'accordo con la classifica? 



Posizione 8


Maelström - 2000 

Un pesce ci racconta la storia tragica di Bibiane, di quello che ha fatto e che dovrà affrontare. 
Scritto interamente da Villeneuve, al secondo lungometraggio si intravede già la voglia del regista di narrare vicende umane che toccano la morale e l'etica, le contraddizioni e le decisioni da prendere con se stessi e nei confronti del mondo.

Media voto della redazione: 76%

 

Vuoi farci sapere come la pensi? Maelström lo trovi qui.

Posizione 7


Prisoners - 2013

 

Un dramma familiare, un thriller a scatole cinesi, un dilemma etico e tre interpretazioni fuori dal normale. 


Jake Gyllenhaal, Paul Dano e Hugh Jackman si sfidano a chi è più bravo, ma è evidente che la mano di chi li dirige ha parecchi meriti in tutto ciò: il film non si dimentica facilmente, ma non è l'unico di questa Top 8 a lasciare questa sensazione. 

 

Media voto della redazione: 79%

 

Vuoi farci sapere come la pensi? Prisoners lo trovi qui.

Posizione 6


Polytechnique - 2011

 

Terzo film del regista: tratto da una storia vera, la strage avvenuta nel 1989 al Politecnico di Montréal. 
Il bianco e nero estetizza la violenza che esplode da una situazione di calma apparente, il sangue diventa un liquido scuro e la messa in scena è glaciale, distante. 

Le 14 vittime della follia di uno studente furono solamente donne, non a caso: un altro tratto distintivo di Villeneuve che spicca in mezzo al resto. 

 

Media voto della redazione: 80%

 

Vuoi farci sapere come la pensi? Polytechnique lo trovi qui.

Posizione 5


Enemy - 2013

 

Il secondo film hollywoodiano del regista, tratto dal romanzo L'Uomo Duplicato del premio Nobel José Saramago. 

Il tema dell'identità sfocia qui nel doppelganger, il professore che vede un altro se stesso in un film è l'occasione per un discorso profondo sulla ricerca di sé e sul potere femminile simboleggiato dagli aracnidi, reali o immaginari, che costellano la pellicola. 

 

Media voto della redazione: 83%

 

Vuoi farci sapere come la pensi? Enemy lo trovi qui.

Posizione 4


Sicario - 2015 

 

I narcos messicani e l'FBI, una giovane agente in mezzo a qualcosa di molto più grande di lei, dove le decisioni da prendere in nome di un bene più grande sono spesso decisioni contro la morale e contro le regole: cosa è giusto fare per fare quello che è giusto? 
Con la splendida fotografia di Roger Deakins (tre in tutto le collaborazioni tra lui e Villeneuve) una storia violenta nella messa in scena e nel concetto di base. 

Media voto della redazione: 84%

 

Vuoi farci sapere come la pensi? Sicario lo trovi qui.

Posizione 3


La donna che canta - 2010

 

Due gemelli che cercano di ricostruire la propria identità, una madre che diventa una sconosciuta e un padre da riscoprire. 

In un gioco tragico di scoperte e rivelazioni, segreti e promesse, un viaggio fisico e psicologico che non lascia scampo e si apre anche alla ricerca dell'identità di un intero popolo. 

Il film che fece conoscere Villeneuve a Hollywood grazie alla nomination come Miglior Film in Lingua Straniera agli Oscar 2011. 

 

Media voto della redazione: 87%

 

Vuoi farci sapere come la pensi? La donna che canta lo trovi qui.

Posizione 2


Arrival - 2016

 

L'identità è in Arrival quella dell'umanità intera: la conoscenza, il tempo, la comunicazione come crescita e conoscenza. 
Il primo passo di Villeneuve nella fantascienza è già un passo enorme, con una protagonista-madre che si trova ad affrontare un problema che riguarda tutti ed uno che riguarda se stessa e, mentre nel film ci si chiede chi siamo e cosa ci rende ciò che siamo, in sala ci si domanda cosa faremmo al suo posto. 

Due domande che puntualmente tornano in tutta la filmografia villeneuviana. 

Media voto della redazione: 88%

 

Vuoi farci sapere come la pensi? Arrival lo trovi qui.

Posizione 1


Blade Runner 2049 - 2017

 

Con uno dei pochi sequel della Storia del Cinema che non tradisce l'opera originale, Villeneuve accoglie il discorso del film di Ridley Scott e lo porta nel terzo millennio. 
La scoperta e la ricerca di sé, la presa di coscienza su ciò che siamo e quello che siamo destinati a essere, una madre "impossibile" e delle figure femminili che sono al centro di tutto in una realtà ricostruita che diviene più reale di quella vera. 

Tutti i temi del cinema di Denis Villeneuve si incontrano e si palesano nel suo film più maturo e più costoso, più difficile proprio perché più facile da sbagliare e più esteticamente e formalmente riuscito. 

Media voto della redazione: 89%

 

Vuoi farci sapere come la pensi? Blade Runner 2049 lo trovi qui.



Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Articoli

Top8

Top8

Lascia un commento



12 commenti

Drugo

5 anni fa

ti consiglio infatti di riguardarlo perché sono molto legati

Rispondi

Segnala

Benito Sgarlato

5 anni fa

Assolutamente! Non l'ho messo in lista solo perchè prima devo fare un re-watch di Blade Runner, dato che l'ho visto tanti anni fa e non ricordo moltissimo

Rispondi

Segnala

OldBoy

5 anni fa

😉 😉 😉

Rispondi

Segnala

Grazia173

5 anni fa

Stessi che ho visto io😂 
Anche a me somo piaciuti tutti e 4, con una leggera preferenza per Arrival

Rispondi

Segnala

Mattia Landoni

5 anni fa

Assolutamente d'accordo con te su tutta la linea. E nemmeno io parlo di tecnicismi perché non ho abbastanza teoria alle spalle. Preciso che Prisoners mi è piaciuto davvero tanto (nella mia classifica sarebbe il secondo dietro appunto ad Arrival) e la prima volta che l'ho visto mi ha fatto letteralmente impazzire. Dano, Jackman e Gyllenhall davvero eccezionali

Rispondi

Segnala

OldBoy

5 anni fa

Perfettamente d'accordo

Rispondi

Segnala

OldBoy

5 anni fa

Guarda, io l'ho visti entrambi in sala all'uscita, reazione tiepida per arrival, e ora come ora non mi ha lasciato nulla, altro discorso per the prisoners, che mi ha letteralmente stregato. Naturalmente mi riferisco solo a delle sensazioni, alcuni film toccano delle corde a qualcuno e altri no, e viceversa. Tecnicamente parlando forse non ho ancora la sensibilità di giudicare se è fatto meglio uno o l'altro, a me pare entrambi di buonissimo livello e trovo difficile per questo sceglierne uno

Rispondi

Segnala

Drugo

5 anni fa

Concordo, penso sia meglio prisonerrispetto a Sicario

Rispondi

Segnala

Drugo

5 anni fa

Ti consiglio di recuperare anche Blade Runner 2049

Rispondi

Segnala

Mattia Landoni

5 anni fa

Io sopra a Sicario ma non credo sopra ad Arrival

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni