close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#top8

Le 8 migliori dichiarazioni d'amore per il Cinema

Il Cinema è davvero un mezzo espressivo straordinario. E, se state leggendo queste parole, molto probabilmente sarete d'accordo con questa affermazione.

 

 

La "Settima Arte" - definizione coniata nel 1921 dal critico cinematografico italiano Ricciotto Canudo - è la miracolosa e potentissima summa di tutte le altre discipline artistiche.

 

All'interno di un film troviamo musica, fotografia, recitazione e scrittura unite sapientemente da quello che Sergej Michajlovič Ėjzenštejn nel 1924 definì il montaggio delle attrazioni, ossia lo strumento utile a suscitare reali e intense reazioni emotive nel cuore dello spettatore.

 

 

["L'occhio della madre!". Un frame da La corazzata Potëmkin, il capolavoro del 1925 di Sergej Michajlovič Ėjzenštejn]

 

 

Andrej Tarkovskij disse: 

"A differenza di tutte le altre forme d'arte, il Cinema è in grado di cogliere e rendere il passaggio del tempo, per fermarlo, quasi a possederlo in infinito.

Direi che il film è la scultura del tempo"

 

Una scultura che si cristallizza dentro di noi, sedimentanosi nei ricordi che, rispolverati anche a distanza di anni, sono in grado di muovere le nostre emozioni con la stessa energia e potenza. 

Perché se nominiamo Bambi molti di voi percepiranno tristezza?

Perché tanti di coloro che stanno leggendo ricordano perfettamente la loro prima proiezione in una sala cinematografica?


Probabilmente per lo stesso motivo per il quale, se ve lo chiedessimo, sareste in grado di canticchiare i temi musicali de Lo Squalo o Jurassic Park di John Williams.

 

[Dai su, lo sappiamo che non era necessario suggerirvela]

 

 

Avete mai provato a fare un rapido calcolo di quanti film avete visto nell'arco della vostra vita?

 

Mediamente, sparando basso, potreste essere spettatori da 2/3 film alla settimana.

Se siete cinefili accaniti potreste arrivare fino a 5/6.


Supponiamo che siate dei quarantenni e che abbiate incominciato a divorare pellicole (alcune di esse persino più di una volta) quando avevate dieci anni: sareste almeno a cinquemila titoli. 

Cinquemila.

Una mostruosità.

Calcolatrice alla mano, nell'arco della vita di un discreto appassionato di Cinema si raggiungono quindi fra i 12-15 mila film.

Quanti metri di celluloide sarebbero? Probabilmente abbastanza per circumnavigare il globo più e più volte. 

 

Il Cinema è passione, sentimento, arte.

Il Cinema è intrattenimento, uno sfogo, un compagno fedele.


Il Cinema è magia.

 

 

[Le lacrime di Mia Farrow ne La rosa purpurea del Cairo: una delle più belle dichiarazioni d'amore al Cinema, firmata Woody Allen]


Nel corso di più di 120 anni di fotogrammi in movimento, pop corn esplosi e sale cinematografiche gremite, tanti spettatori e "addetti ai lavori" hanno tentato di definire una passione così grande.

Quali sono le 8 migliori dichiarazioni d'amore alla Settima Arte?
E qual è la vostra preferita?

 

Ditecelo nei commenti!



Posizione 8

Nessuno spettacolo più del Cinema è capace di assorbirci, anche se scadente, facendo dimenticare tutto il resto.

 

Dino Buzzati

Giornalista, scrittore, disegnatore e critico cinematografico

Posizione 7

Il Cinema è una malattia.

Quando ti infetta il sangue, si appropria di te e diventa l'ormone numero uno, spadroneggia sugli enzimi, dirige la ghiandola pineale, recita la parte di Jago con la tua psiche.

Come con l'eroina, l'unico antidoto al Cinema è più Cinema.

 

Frank Capra
Regista, sceneggiatore e produttore cinematografico

Posizione 6

Il Cinema deve essere spettacolo, è questo che il pubblico vuole.

E per me lo spettacolo più bello è quello del mito.

Il Cinema è mito.

 

Sergio Leone

Regista, sceneggiatore e produttore cinematografico

Posizione 5

Il Cinema è morte al lavoro, ventiquattro fotogrammi al secondo: una macchina infernale capace di generare fantasmi e di infondervi vita e anima, di giocare pericolosamente al confine tra il visibile della nostra vita quotidiana e l'invisibile di un aldilà inconoscibile.

 

Jean Cocteau

Poeta, scrittore, drammaturgo, sceneggiatore, attore e regista

Posizione 4

Io sono il cineocchio.

Io sono l'occhio meccanico. Io, macchina, vi illustro il mondo come io solo posso vederlo.

Io mi libero, da oggi e per sempre, dall'immobilità umana, io sono in continuo movimento, io mi avvicino e mi allontano dagli oggetti, striscio sotto di essi, vi monto sopra, io mi muovo fianco a fianco col muso di un cavallo in corsa, io irrompo, a piena velocità, nella folla io corro davanti ai soldati in corsa, io mi lascio cadere sul dorso, io mi levo in volo con gli aeroplani, precipito e risalgo, in volo, con corpi che precipitano e risalgono.

 

Dziga Vertov (David Abelevič Kaufman)
Sceneggiatore, regista e teorico del Cinema

Posizione 3

Il Cinema è come una vecchia puttana, come il circo e il varietà, e sa come dare molte forme di piacere.

 

Federico Fellini
Regista, sceneggiatore, fumettista e produttore cinematografico

Posizione 2

Per me andare al cinema è come andare in chiesa, con la differenza che la chiesa non consente il dibattito, il Cinema sì.

 

Martin Scorsese
Regista, sceneggiatore e produttore cinematografico

Posizione 1

La fotografia è verità.

Il Cinema è verità 24 volte al secondo.

 

Jean-Luc Godard
Regista, montatore, sceneggiatore e critico cinematografico



Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Articoli

News

Top8

Lascia un commento



1 commento

Nuriell

29 giorni fa

Mi ero perso questa top, davvero bella, la citazione alla prima posizione è sicuramente la mia preferita.

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni