close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#L'Autocheera

È meglio in originale o doppiato?

- Ma come puoi preferire il doppiaggio? È stupido! Non ti godi le sfumature degli interpreti originali!
- Se è per questo non mi godo nemmeno i sottotitoli. Almeno guardo la scena
- Beh, ma se sei un purista guardi senza i sottotitoli. Io l'inglese lo capisco benissimo
- E se guardi un film francese? Cinese? Coreano?
- Vabbè ma che c'entra. E poi vuoi mettere la recitazione degli attori? "English, motherfucker! Do you speak it?!", dai...
- Beh, rispondo con "E tutti quei ricordi andranno perduti... come... lacrime... nella pioggia".
E BLA BLA BLA BLA

 

Quante volte vi siete ritrovati a dibattere, dal vivo o su internet, con persone che proprio non vogliono capire?
Testardi, pronti a difendere a spada tratta la propria opinione affermando che loro hanno ragione e voi avete torto.


E voi state li, provate a spiegargli che stanno fruendo della visione di un film o di una serie solo a metà, e che si stanno lasciando per strada cose importantissime.
Fate di tutto, ma è come cercare di discutere di filosofia con Bane.

E non quello de Il Ritorno Del Cavaliere Oscuro, ma con quello di Batman & Robin.

 

 

 

 

 

E ora vi faccio una domanda. Voi quale dei due siete? Quello illuminato dal sacro fuoco della ragione? O quello ignorante, testardo e lontano dalla retta via?
Rispondo io per voi: è facile che siate entrambi.

 

Salve, sono L'Auto Che Era.
Forse vi ricorderete di me per altri articoli su Cinefacts.it come "Gli errori del doppiaggio" e "Dire che il tuo doppiatore preferito è Tonino Accolla non migliora la mia opinione di te".
(spiacenti, l'ultimo articolo non esiste. Tonino Accolla è stato un grandissimo professionista. È solo che mi fa imbestialire quando, parlando di doppiaggio, uno mi dice "ah, io adoro Tonino Accolla/ Ferruccio Amendola/ Luca Ward", solo perché sono gli unici nomi legati al doppiaggio che conosce, e non perché effettivamente ne apprezza la immane bravura. Stai zitto, fai più bella figura.)

Digressioni a parte, oggi sono qui per parlarvi del match di pugilato verbale più lungo della storia.


Lingua Originale VS Doppiaggio Italiano.

 

Entrambe le parti hanno ottimi punti di forza, ottime frecce al proprio arco.
Da un lato abbiamo la lingua originale, che ci regala la recitazione vera e genuina del cast del film, delle battute scritte e interpretate con piena cognizione di causa in ogni sua inflessione, riferimento e gioco di parole. 


Dall'altro il doppiaggio, spesso di altissima qualità, capace di eguagliare la recitazione degli attori originali (e a volte anche di rendere dei cani in grado di recitare Shakespeare, vero Arnold Schwarzenegger?)

 

 

 

 


Passando però ai punti deboli emergono delle criticità:
per l'originale abbiamo il problema della comprensione. Se non siamo padroni della lingua in cui è stato girato il film (e non esistono solo i film in inglese), dobbiamo affidarci ai sottotitoli che, volenti o nolenti, distolgono per qualche secondo la nostra attenzione dalla tanto amata recitazione degli attori, dalla scenografia, dalla regia, dalla fotografia. 
Per il doppiaggio abbiamo degli errori di traduzione, doppiatori la cui voce non si incolla perfettamente sul personaggio, attori diversi con la stessa voce, perdita di alcuni elementi per motivi di mancanza di riferimento in terra o lingua nostrana.

 

Per noi, pubblico italiano, ogni versione non è perfettamente ideale.

Volenti o nolenti dobbiamo scendere ad alcuni compromessi.
Perché potete dirmi quello che volete, che voi l'inglese lo parlate meglio della Regina stessa, ma vi sfido a seguire serenamente una puntata de Il Trono Di Spade coi suoi termini arcaici e i suoi accenti variopinti o una puntata di C.S.I. con i vari termini forensi o scientifici senza l'uso dei sottotitoli. 


O potete dirmi che il nostro doppiaggio è impeccabile, senza difetti, ma vi sfido a guardare prima I Predatori dell'Arca Perduta con Indiana Jones doppiato da Pino Insegno, poi Il Tempio Maledetto dove lo doppia Luigi La Monica e infine L'Ultima Crociata dove lo doppia Michele Gammino e non ritrovarsi col mal di testa e uno strano senso di estraniazione.
Vi sfido, due volte vi sfido, figli di puttana

 



Entrambe le versioni, PER NOI PUBBLICO ITALIANO, hanno dei difetti. Degli elementi che ci impediscono di fruirne alla perfezione.
Quindi qual è la soluzione? In quale versione bisognerebbe guardare un film?


Prima di rispondere a questo quesito, mi faccio uno speed round di risposte a domande paragonabili, per sagacia, al "E ALLORA LE FOIBE?!" di Caterina Guzzanti.

 

In italia non sappiamo l'inglese per colpa del doppiaggio!
Falso.

Non lo sappiamo perché siamo dei pigroni patentanti. L'inglese è una lingua che si studia per la bellezza di circa 15 anni nel corso della nostra carriera scolastica.

In più siamo circondati da videogiochi e musica in inglese da decenni.

Se invece di farti i fatti i tuoi durante le lezioni fossi stato attento, coadiuvando gli studi con approfondimento linguistico tramite videogames, canzoni e naturalmente film, lo sapresti.
Oltretutto non siamo, per niente, l'unica nazione che doppia. E in molte di queste nazioni sanno l'inglese meglio di noi.

È facile usare il doppiaggio italiano come capro espiatorio per la tua ignoranza.

 

Il doppiaggio impedisce l'arrivo dei film in lingua originale nei cinema!
Falso.

I cinema, negli ultimi anni più che mai, fanno di tutto per portare gente nelle sale. Anche fare proiezioni in lingua originale in molti multisala.

Lo so: sono poche le proiezioni di questo tipo.

E sapete perché? Perché non ci va abbastanza gente per motivare una programmazione più ricca in lingua originale. I puristi della lingua originale costituiscono una nicchia, molto rumorosa invero, ma pur sempre una nicchia.

Oltretutto "Amante della lingua originale" molte volte è sinonimo di "Pirata", e sappiamo la repulsione dei pirati per l'andare a pagare la visione di un film (se invece pagate per vedere i film VI RINGRAZIO CON TUTTO IL CUORE).

Insomma, fidatevi che se ci fosse abbastanza gente che vuole vedere i film in originale le sale sarebbero solo contente di fare più proiezioni. 

 

Il doppiaggio censura!
Cosa non più troppo vera da almeno una decina d'anni, e spesso e volentieri si parla di cartoni animati su canali Mediaset (quindi prodotti per bambini, per come li hanno considerati i responsabili di Italia 1).

Oggigiorno, con internet e la diffusione velocissima di informazioni, molte produzioni non si azzardano nemmeno a censurare per paura del ritorno di fiamma dell'utenza. Il che è anche positivo, ma presenta un rinculo di cui vi parlerò in un altro articolo.

 

Detto questo, torniamo alla domanda principale: in quale versione bisognerebbe guardare un film?

La risposta è: vanno bene entrambe.


Ognuna delle due versioni ci permette di godere dello stesso prodotto. Una in modo più completo e genuino, l'altra in modo più fruibile e godibile. 
Trovo davvero stupido fare elitarismi sul "io ne fruisco meglio di te". Siamo amanti di una passione che, ammettiamolo, è di nicchia.


Tutti andiamo al cinema, ma pochi sono amanti del cinema. Il successo dei cinepanettoni ne è un esempio.
E già che siamo pochi, secondo voi è furbo azzannarsi alla giugulare vicendevolmente perché io l'ho visto in originale e tu doppiato?


O è più furbo unirsi, fregarsene di questi tecnicismi e dirsi
- Hey, l'hai visto 500 Giorni Insieme?
- 500 Days Of Summer? Sì! Mi è piaciuto un sacco!

 

E celebrare insieme una passione che ci unisce. Amare la settima arte, supportarla come possiamo, e chiacchierare di quanto sia bello quel film, quanto aspettiamo la nuova stagione di quella serie, di quanto odiamo Adam Sandler.

 

Siamo come Rohan e Gondor.

Popoli simili, separati da motivazioni futili, ma che se solo si unissero saprebbero sconfiggere l'Oscuro Signore, e far trionfare la pace. 

 

 

 

L'Auto Che Era

 

p.s.:
Per chi se lo chiede, io guardo sia in originale che doppiato. Dipende dal prodotto e dalla qualità del doppiaggio.

 

p.p.s.:
Vi lascio un video buffo a tema.

 

 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Articoli

Top8

Articoli

Lascia un commento



75 commenti

Ilaria Ciciori

10 mesi fa

Condivido in pieno la tua posizione al riguardo, studiando e ragionando ho capito che il problema si riduce fondamentalmente a una questione di priorità: di base, cosa ci interessa di più in un prodotto audiovisivo, e cosa, viceversa, siamo disposti a sacrificare. Io personalmente ho una buona conoscenza dell’inglese e quindi preferisco ad esempio seguire le comedy in lingua originale in modo da poter apprezzare al meglio tutti i giochi linguistici e le varie sfumature dell’inglese, in quanto per me si tratta anche di uno strumento di apprendimento; preferisco la lingua originale anche quando mi interessa particolarmente godermi la recitazione di determinati attori. In altri casi, quando cerco puro e semplice intrattenimento e non ho voglia di stare troppo a concentrarmi, prediligo il doppiaggio. Non sono un’integralista e ritengo anch’io che non esista un metodo migliore, ma che vadano considerati i casi singoli :)

Rispondi

Segnala

Fabrizio Boni

10 mesi fa

Condivido l'approccio "laico" dell'articolo. Ho iniziato a vedere con regolarità  film in lingua originale solo da poco, da quando le piattaforme di streaming offrono la possibilità di scegliere la traccia audio, e devo dire che poter ascoltare la voce vera di certi attori, apprezzarne la recitazione, è un'esperienza che mi mancava.
Credo inoltre che la traccia originale offra allo spettatore un aspetto dell'audio che troppo spesso tralasciamo: la presa diretta. Ascoltare la voce degli gli attori in presa diretta, cioè nell'ambiante reale in cui stanno parlando, conferisce alla storia e all'esperienza visiva una profondità che il doppiaggio non riesce a ricreare.
Detto questo, ho sempre apprezzato il lavoro del doppiaggio, che coinvolge professionalità diverse e che ha in Italia una tradizione degna di nota.

Rispondi

Segnala

Marco Martignoni

10 mesi fa

Articolo davvero bellissimo! Per non parlare di "Superalamoda", una chicca!
Comunque sono d'accordissimo con tutto quello che hai scritto. Col doppiaggio magari certi aspetti si perdono, come delle battute o dei giochi di parole, ma è anche vero che come scritto nell'articolo, il doppiaggio rende il tutto più facilmente godibile. Per esempio in genere riesco a capire i film in lingua originale anche senza sottotitoli, pur perdendo qualche parola o termine, ma quando guardo un film con Matthew Mcconaughey (ne cito uno ma sono diversi), se non ci sono i sottotitoli, mi scoppia il cervello ancora prima dei titoli di testa.

Rispondi

Segnala

Francesco Gliro

1 anno fa

Purtroppo è vero che certe cose si perdono nel doppiaggio, certe battute dei Simpson ad esempio non significano nulla in italiano, MA viceversa, sempre nei Simpson si è visto molte volte da parte degli adattatori una spinta comica che ha creato nuove battute - indistinguibili tra l'altro da quelle del copione originale per qualità comica.
A proposito di doppiaggio e censura: segnalo il caso della nuova serie di Lupin (non proprio da bambini), mandata in seconda serata e privata nel doppiaggio di ogni riferimento a sesso e omosessualità... è triste per chi come me ama certi anime e non li ritiene inferiori a certi film o serie TV...

Rispondi

Segnala

Yuri Pennacchi

1 anno fa

Lo dissi già in passato: non crederò mai a chi mi verrà a dire che la versione originale di Frankenstein Junior è più divertente di quella italiana con il suo "Lupo ulu-là, castello ulu-lí".
Qualcuno sosteneva che fosse "matematico" perché l'originale si basava su un gioco di parole; io trovo la totale mancanza di senso dell'adattamento la ciliegina sulla torta di un capolavoro

Rispondi

Segnala

Jacopo Troise

1 anno fa

Come in tante cose nella vita, è sempre meglio l'originale.

Rispondi

Segnala

Mattia Malaspina

1 anno fa

Abito in Svizzera, abbiamo 3 lingue, tedesco, francese e italiano: o mi guardo il film in italiano o in inglese, principalmente in italiano, ma aihmé su piattaforme come netflix (dove in Svizzera il 70% delle opere sono doppiate in tedesco e francese e solo il restante in italiano) mi tocca vederlo in inglese, non riuscendo purtroppo a capire tutto, e quindi mi tocca scaricarlo doppiato.

Rispondi

Segnala

Filippo Soccini

1 anno fa

Io vivo in Finlandia e qui l'inglese secondo me in molti lo parlano bene anche grazie all'assenza di un doppiaggio, non solo al cinema ma anche in tv. Comunque ottimo articolo,condivido 😄

Rispondi

Segnala

Stanley K.

1 anno fa

Filippo Soccini
Oddio che trauma, se accadesse una cosa del genere qui da noi sarebbe catastrofico per me ahah anche se in effetti imparerei bene la lingua..! Che sofferenza però!

Rispondi

Segnala

Kappa

1 anno fa

Ad esempio nelle serie tv guardo un paio di episodi  e valuto se preferisco doppiaggio o originale.. poi se metto originale, metto sottotitoli in inglese e se sono particolarmente stanco e magari il film/serie tv è un po' complesso sia nel linguaggio che come trama allora magari guardo doppiato!

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni