close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#TuttaColpaDiAuzolle

Che razza di locandina!

Nel #01 abbiamo visto le diverse tipologie di locandine per quanto riguarda lo stile. Oggi vedremo i tipi di poster da un punto di vista più tecnico, se così si può dire.

 

Lo so, lo so, per molti "tecnico = noia", ma questo episodio serve come background al #04.

Capirete.  

 

Allora: la tipologia più frequente e nota è sicuramente la cosiddetta locandina principale o finale. Come si evince dal nome è quella definitiva, contiene l'artwork principale e un sacco di informazioni su gran parte del cast.

A volte invece vengono prodotte più locandine ufficiali, in più versioni, spesso indicate come versione (style in inglese) A, B, C, etc, per riuscire ad attrarre più persone dai gusti più disparati.

Star Wars (Episodio IV) è forse il caso più noto, con ben 4 versioni, ma sulla saga aprirò un capitolo a parte. 

 

 

 

[Le versioni A e B della locandina di Apocalypse Now]

 

 

[...e le sopra citate quattro versioni per il primo film di Guerre Stellari]

 

Come si può dedurre da quel "finale", prima che vengano rilasciate quelle ne vengono pubblicate altre, come le locandine teaser o preliminari.

 

Queste non contengono molte informazioni, anzi, di solito basta il titolo, o un simbolo, o un dettaglio e/o la tag line del film.

Il cast manca del tutto, a volte manca persino il titolo.

 

 

 

[a sinistra una delle numerose locandine teaser de Il cavaliere oscuro, a destra quella definitiva]

 

Ciò che non manca quasi mai è la data o il periodo dell'uscita nelle sale. Serve appunto, come si evince dal nome, a creare hype.

 

Il bello dei teaser poster è che spesso lasciano più spazio ai designer, o almeno così sembra, in quanto spesso risultano migliori della locandina finale, a mio avviso.

 

 

 

[Non so per voi, ma per me non ci sono paragoni]

 

Se poi il film ha un cast stellare o più personaggi di rilievo, gli studios e i distributori optano direttamente per una serie di poster, uno per ogni personaggio principale (i character poster).

 

 

[Ecco quelle di Inside Out, ma ormai si fa prima a contare i film che non hanno locandine di questo tipo]

 

 

[...e comunque preferisco le versioni giapponesi]

 

Fra le anticipate e le finali si può avere una categoria intermedia, ovvero quella delle locandine con i commenti (ovviamente positivi) della critica (review poster).

 

Se nella proiezione esclusiva per stampa e critici il film colleziona diversi commenti positivi, la locandina ne sarà costellata. Non troppo artistico, molto auto-referenziale, ma una locandina/lettera di raccomandazione spesso funziona.

 

 

[Con Whiplash e La La Land Chazelle non ha di certo faticato a ottenere un numero sufficiente di commenti positivi per locandine così. Sebbene, come nei casi qui sopra, a volte riescano a trovare soluzioni visivamente gradevoli, mi ricorda quando ti rompi il braccio e la gente ti riempie il gesso di pensierini firmati]

 

Ci sono però anche versioni "postume" di un poster.

 

Può accadere infatti che ad una distanza di tempo variabile dalla release ufficiale i film vengano proiettati nuovamente, ma ovviamente necessiteranno di una nuova campagna di marketing e quindi di nuovi poster.

 

E siamo davanti ai re-release poster, per l'appunto.

 

 

 

[Un re-release poster di Halloween. Bei tempi quando si limitavano a rifare solo le locandine, eh? Ora rifanno direttamente il film]

 

Poi magari il film è acclamato dalle folle e vince premi su premi. E che fai, non sistemi la locandina facendone una versione con tutti i premi schiaffati in faccia a tutti noi?

 

Nascono così gli award poster, che appunto sono versioni non troppo diverse dall'originali (o per niente) con ben esposto "vincitore di X premi Oscar/BAFTA/Golden Globes" e giù con l'elenco.

 

 

 

[A sinistra l'award poster di Her. Onore a Spike Jonze per il successo del film, ma trasformare una locandina in una sala trofei lo aborro anche più dei review poster]

 

Ma il tempo, si sa, passa inesorabile e certi film diventano dei classici, dei "cult", e quindi è d'uopo una nuova release nel giorno di un determinato anniversario e di conseguenza una nuova locandina commemorativa ad hoc, spesso in edizione limitata e a volte fusa con la versione precedente, esponendo eventuali premi.

 

 

[Le locandine che celebrano i 25 anni di Ritorno al Futuro, i 30 anni di Ghostbusters, i 90 anni di Metropolis e i 10 anni de Le ali della libertà]

 

Dopodiché abbiamo le locandine in edizione limitata.

 

In senso stretto non sono considerabili al 100% ufficiali dato che vengono realizzate il più delle volte da stampatori indipendenti, seppur ovviamente pubblicate e autorizzate dalla produzione dei film in questione.

 

Le più note stamperie indipendenti in ambito cinematografico sono state sicuramente la Film Prints, la S2 Art Group e la Kilian Enterprise, tutte non più in attività.

 

 

 

[A sinistra la locandina della Film Prints di 2001: Odissea nello spazio, al centro quella di Chi ha incastrato Roger Rabbit della Killian Enterprise e a destra quella di King Kong della S2 Art Group, che nel 1999 fu venduta per 244.500$]

 

 

Ognuna di queste tipologie, a sua volta, può essere stampata in vari modi.

 

La principale è la stampa a singolo lato (single-sided poster), ovvero tutte le locandine il cui retro è bianco.

 

 

 

[Il fronte e il retro di un single-sided poster di quel gioiellino che è Il viaggio di Arlo]

 

Meno diffusa e più costosa è la stampa a doppio lato (double-sided poster); viene stampato anche il retro con l'immagine frontale riflessa e colori molto più tenui, un processo che li rende molto più vivi quando la locandina viene esposta in bacheche luminose.

 

 

[Stesso poster, stesso film, ma in versione double-sided, stampato anche sul retro]

 

Poi ci sono le locandine lenticolari, tecnologia nata negli anni '40 che permette di vedere più immagini a seconda dell'angolazione.

 

In pratica si stampano più immagini (fotogrammi di una scena o angolazioni diverse per dare rispettivamente un effetto movimento o tridimensionale) interlacciate tra loro, che a quel punto diventa singola e piuttosto confusa e insignificante, ma disponendo una lamina lenticolare su di essa, questa nasconderà tutte le immagini tranne una a seconda dell'angolazione, e con le moderne tecnologie la cosa si è evoluta con risultati piuttosto stupefacenti con anche una trentina di fotogrammi.

 

Tecnica usata ad esempio per Il Mondo Perduto, in cui spuntava il T-Rex che "distruggeva la locandina", Matrix Reloaded, in cui Neo cambiava da "carne e ossa" a stringhe di codice verdi, o ancora Ghost Rider, in cui la mezza faccia di Nicolas Cage tramutava in un teschio infuocato, e così via.

 

 

[...o come in questa versione per Harry Potter e Il prigioniero di Azkaban, in cui Sirius Black compare e scompare più o meno come nel film]

 

Ma è decisamente un effetto che rende meglio dal vivo o quanto meno in video.

 

Ecco il poster lenticolare di Matrix Reloaded di cui parlavo prima:  

 

 

 

Ultime ma non ultime, le locandine stampate su polietilene tereftalato rivestito di vernice argentata o dorata (mylar poster).

La stampa nasconde la cromatura dove non serve ottenendo un effetto a specchio molto bello.

 

E abbiamo quindi locandine di Star Wars con le scritte riflettenti o locandine di Kill Bill con la lama della katana di Hattori Hanzo che sembra metallica, etc etc.

 

 

 

[Ai lati le locandine di cui sopra con al centro quella del capolavoro di Abe D'Catfish]

 

Quindi niente, spero che come episodio sia stato utile, se non per imparare qualcosa sulle locandine quanto meno per sconfiggere l'insonnia, in ogni caso... non c'è di che!

 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

News

Hey,Doc!

Good&Bad

Lascia un commento

28 commenti

Marco Natale

2 mesi fa

Grandissimo articolo ma PS: La locandina di Secretariat è quella di Bojack Horseman o la serie ha citato uno dei veri poster del vero film su Secretariat?

Rispondi

Segnala

Fabrizio Boni

4 mesi fa

Articolo molto interessante. Quando ero pischello (giovane 😊 per i non romani sotto i 40) amavo collezionare le locandine dei miei film preferiti.
In centro a Roma, vicino Campo dei Fiori, c'è un negozzietto (credo si chiami Hollywood) che noleggia film rari e vende gadgets, nel quale trascorrevo pomeriggi interi. 
Da qualche parte dovrei ancora avere le locandine di Taxi Driver e Rocky Horror Picture Show.

Rispondi

Segnala

Sam_swarley

8 mesi fa

Complimenti davvero, articolo ultrainteressante, ora voglio tappezzare casa di poster e locandine 😂😂

Rispondi

Segnala

Daniele Besana

8 mesi fa

Questa rubrica e la noia sono due cose del tutto antitetiche...😎

Rispondi

Segnala

Elena Mercuri

8 mesi fa

Secondo me altro che noioso, questo è il più interessante degli episodi della rubrica!

Rispondi

Segnala

RayRJJackson

9 mesi fa

Mirabile disquisizione sulle locandine.
Mitico Drenny noto anche come Kakami Okatsu.

Rispondi

Segnala

Yuri Pennacchi

10 mesi fa

Qua come non mai viene smentito " tecnico=noia"

Rispondi

Segnala

Dalila Croce

11 mesi fa

Questi articoli sono fantastici!! Complimenti!!

Rispondi

Segnala

Filippo Soccini

11 mesi fa

I tuoi articoli sono davvero tra i migliori del sito. Informazioni chiarissime e contenuto sempre interessante. Complimenti e gazie.😁

Rispondi

Segnala

Morena Falcone

11 mesi fa

Fantastico, come sempre! *.*
So che non è quello l’argomento centrale dell’articolo ma, già che ci sono, ingrandendo le foto delle locandine ho visto che quella di Ritorno al Futuro non è quella italiana che secondo me è più bella! Oltre alla scritta “OCT 21 2015” subito sotto a “AL FUTURO” e “raduno mondiale al cinema” in basso, in cima c’è “ci sono eventi che accadono solo una volta bella storia”! 😍

Rispondi

Segnala

Drugo

11 mesi fa

questa rubrica mi piace tantissimo.

Rispondi

Segnala

Mattia Malaspina

11 mesi fa

Le lenticolari purtroppo non le ho mai viste, speriamo

Rispondi

Segnala

Samuel De Checchi

12 mesi fa

Che figo sto format

Rispondi

Segnala

Maatz

12 mesi fa

Finalmente è uscito il nuovo episodio! Personalmente le scritte dei vari premi e recensioni appiccicate a caso in giro per il poster mi fanno sorgere un effetto contrario, come se dovessero coprire la mancanza di idea e fantasia con qualcosa di spicciolo per attrarre la gente. So che non è proprio così, ma vuoi mettere con un bel teaser poster minimalista

Rispondi

Segnala

Vi.

12 mesi fa

Finalmente la #03! Peccato che non si vedano molte locandine lenticolari in Italia, sono fighissime!😁

Rispondi

Segnala

Angela

12 mesi fa

Articolo interessantissimo, ho apprezzato molto e imparato molto, aspetto altri come questo 😄

Rispondi

Segnala

ZERO

12 mesi fa

Articolo molto interessante! Io di solito quando apprezzo particolarmente un film poi vado a cercare le locandine e devo dire che ho scoperto dei veri gioiellini, come ad esempio la locandina di Hard Candy (di cui consiglio a tutti la visione).

Rispondi

Segnala

Francesco Alfi

12 mesi fa

Quanto è figo il lenticolare. Peccato non se ne vedano proprio, almeno qui in Italia.
Ci consoliamo con qualche edizione home video 😁

Rispondi

Segnala

OldBoy

12 mesi fa

C'è sempre qualcosa da imparare

Rispondi

Segnala

Yuri Palamini

12 mesi fa

Altro che noia, come sempre articolo letto tutto d'un fiato! Onestamente non ho mai visto locandine come quella di Il viaggio di Arlo con il retro... Comunque a me quelle che più infastidiscono sono quelle con un personaggio per locandina.... Al contrario tra quelle preliminari minimali spiccano davvero piccoli capolavori

Rispondi

Segnala

Sara Barbieri

12 mesi fa

Articolo interessante! Complimenti!

Rispondi

Segnala

George Nadir

12 mesi fa

Articolo molto interessante. Almeno ho capito i vari utilizzi delle locandine, dato che ce ne sono sempre tante per ogni film.
Davvero, i teaser poster sono migliori, d'altronde lì si possono sbizzarrire gli artisti senza preoccuparsi di trascurare qualche personaggio egocentrico o qualche giudizio da sbandierare. Per esempio, per il film BatmanVsSuperman mi sono piaciute molto di più le locandine preliminari di quella ufficiale, per intendersi si trattava dei poster 'strappato'. Ma di esempi ce ne sarebbero molti.
Condivido la stessa antipatia per le locandine autocelebrative, sia della critica che dei premi vinti. Sperano di attrarre più pubblico sbandierando i propri successi o è solo egocentrismo allo stato puro?
Domanda: ma tutte le locandine delle foto da dove le prendi? Sono di una collezione personale o le trovi da qualche parte?

Rispondi

Segnala

Martina Cellanetti

12 mesi fa

Amo sempre di più questa rubrica!
E concordo, le locandine preliminari sono mille volte più belle di quelle definitive, trovo incredibilmente affasciante lo stile "minimal"!

Rispondi

Segnala

Sebastiano Miotti

12 mesi fa

Bellissima l'idea dei double-sided poster

Rispondi

Segnala

Nuriell

12 mesi fa

Non sono uno che analizza molto le locandine, gli do uno sguardo e bon, però questa rubrica è diventata la mia favorita qui sul sito, complimenti.

Rispondi

Segnala

Luca Buratta

12 mesi fa

Io ho un debole per le locandine "dipinte" che erano in voga fino a due - tre decenni fa. In certi casi erano delle vere e proprie opere d'arte.

Rispondi

Segnala

ZERO

12 mesi fa

Luca Buratta
Anche a me piacciono molto (se sono fatte bene) peccato che ormai non se ne vedano più. L'ultima locandina dipinta che mi viene in mente è quella del Signore Degli Anelli che era strabella, poi di rado ne ho viste su film usciti in quest'ultimo decennio. =(

Rispondi

Segnala

Peter from Space

12 mesi fa

Fantastico articolo! Adoro le locandine

Rispondi

Segnala

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni