close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#Disneyinpillole

Angela Lansbury: una Disney Legend nel cuore di tutti

Il primo film che ho visto al Cinema in questo 2019 che sta tramontando è stato Il ritorno di Mary Poppins - per inciso: sono uscito dalla sala piuttosto soddisfatto, anche se non mi ha esaltato - che era stato distribuito il 20 dicembre 2018: com’è noto nel cast c’è anche un volto molto conosciuto dagli spettatori italiani che sintonizzano i loro televisori all’ora di pranzo sulle avventure di Cabot Cove e Jessica Fletcher: l’attrice Angela Lansbury.

 

Oggi festeggia il meraviglioso traguardo di 94 anni di età e, in una carriera costellata di successi, mi piacerebbe ripercorrere brevemente il rapporto di questa favolosa attrice, molto attiva tra le altre cose anche in teatro, con il mondo Disney.

 

In tutta la sala (e mi raccontano che la medesima reazione è avvenuta anche in diversi altri cinema d’Italia) quando è apparsa la Signora dei Palloncini della foto sotto, ossia il ruolo interpretato brevemente dalla Lansbury, il pubblico ha commentato:

“Ma quella è la Signora in Giallo! Oddio, ma è la Fletcher?!”

 

Ebbene sì: era proprio il volto della celebre professoressa d’inglese in pensione che della passione per la scrittura e della vena investigativa ne ha fatto una sorta di seconda professione!

 

 

[La Signora dei Palloncini, interpretata da Angela Lansbury ne Il ritorno di Mary Poppins, è un personaggio a sua volta tratto dal romanzo di Pamela L. Travers]

 

Il rapporto tra l’amata attrice inglese e il mondo Disney ha però radici ben più lontane di questo piccolo e dolce cameo che le è stato riservato nella pellicola firmata da Bob Marshall e che ha sbancato il botteghino delle scorse festività natalizie.

 

A onor del vero fu proprio un film della Casa del Topo a consacrare definitivamente Angela Lansbury al grande pubblico, anche se va detto che come poche altre l'attrice aveva saputo farsi conoscere fin da subito per la sua bravura conquistandosi nientemeno che una nomination all’Oscar al suo primo film: Angoscia, del 1944 per la regia di George Cukor, con Ingrid Bergman e Joseph Cotten.

 

Un primato che non molti interpreti possono vantare, specie se si considera che l'attrice venne nominata pure l'anno seguente, per Il ritratto di Dorian Gray diretto da Albert Lewin, nuovamente come Migliore Attrice non Protagonista in un film del quale ancora oggi la sua Sibyl Vane resta memorabile. 

 

 

[Una scena di Angoscia (1944), pellicola con la quale Angela Lansbury si aggiudicò la sua prima nomination agli Oscar ad appena 19 anni]

 


Pomi d’ottone e manici di scopa (in originale Bedknobs and Broomsticks) diretto da Robert Stevenson nel 1971 ricalca dichiaratamente la struttura filmica di Mary Poppins, diretto oltretutto dallo stesso regista e avente il medesimo protagonista maschile, il grande David Tomlinson.

 

Proprio Angela Lansbury è a mio avviso il vero punto di forza del film, che sia pur sulla falsa riga di Mary Poppins è ancora oggi nel cuore di tantissimi appassionati.

 

L’attrice, nel ruolo della provetta strega Miss Eglantine Price, ha regalato alla pellicola tutto il suo talento attoriale e canoro consacrando all’immortalità capolavori disneyani come le canzoni Negli abissi del mare (in originale The Beautiful Briny), Supercallimagic-extramotus (Substitutiary Locomotion) o la celebre Portobello Road (id.).

 

 

[Angela Lansbury in Pomi d'ottone e manici di scopa del 1971; nell'edizione italiana la voce è di Lydia Simoneschi sostituita nel canto da Gianna Spagnulo]

 

 

A proposito di canzoni è da ricordare che il film segna l’ultima collaborazione dei fratelli Sherman con la Disney fino a un loro ritorno nel 2000 per il lungometraggio animato T come Tigro.

 

Prima di affidare il ruolo ad Angela Lansbury la produzione vagliò diverse altre attrici famose, tra cui Leslie Caron, Lynn Redgrave o Judy Carne proponendolo perfino alla stessa Julie Andrews, la quale rifiutò per timore di riproporre un personaggio troppo vicino a quello che le valse l’Oscar nel 1964.


La Andrews poi ci ripensò ma… la Lansbury aveva già firmato il contratto della parte e per questo motivo – fortunatamente – il ruolo andò a lei.

 

 

[Nel 1949 Angela Lansbury si è risposata con l'attore e produttore Peter Shaw (1919-2003) dal quale ha avuto due figli]

 

Angela Lansbury oltretutto ha dichiarato in un’intervista rilasciata alla rivista degli associati al club Disney23 che quando lesse la sceneggiatura del film le tornò alla memoria la propria adolescenza:

Come Miss Price, ero in Inghilterra quando scoppiò la Seconda Guerra Mondiale.

 

 

Mia madre mi offrì la possibilità o di essere evacuata da Londra per andare in un collegio di campagna oppure di rimanere a studiare recitazione a casa.

Scelsi quest'ultima opzione senza esitazione.”

 

 

[Angela Lansbury e i tre giovani attori protoagonisti con i loro colleghi animati di Pomi d'ottone e manici di scopa]

 

Le nuove generazioni però conoscono l’attrice, nell’ambito Disney, specialmente per essere stata la voce originale della celebre teiera parlante de La bella e la bestia nel 1991.

 

A differenza di quanto successe con altri personaggi del film d’animazione, gli artisti Disney ricordano che trovare la voce adatta per Mrs. Bric (Mrs. Potts in originale) fu semplicissimo: tutti convennero che solo Angela Lansbury avrebbe potuto interpretare la cuoca trasformata in teiera.

 

Nel raro e bellissimo libro La bella e la bestia - Storia di un capolavoro (ed. Disney Libri, 1992) l’attrice afferma che quando ha sentito la canzone-tema del film si era preoccupata di non essere in grado di cantarla: aveva il timore di non avere i mezzi vocali per farlo poiché era solo una attrice che canta e non una cantante professionista con un timbro adatto per la canzone.

 

Howard Ashman tuttavia fugò ogni timore dell’attrice ripetendole che a lui non interessava il timbro vocale, quanto la carica emotiva della voce e dell’interpretazione.

 

 

[Mrs. Bric, azzeccato nome italiano di Mrs. Potts, con la voce originale di Angela Lansbury è in italiano restituita da Isa Di Marzio]

 

 

La nostra Signora in Giallo interpellata sul personaggio ha dichiarato:

Ho recitato a lungo gli sceneggiati radiofonici e credo sia stato un allenamento estremamente utile. 

Vedo Mrs. Bric un po’ come Mrs. Bridge, la cuoca di Su e giù per le scale che fu impersonata da Angela Baddeley.

 

L’ho tenuta molto presente nella mia mente ed anche nelle mie orecchie.

Non potevo usare la sua voce stridula però potevo prendere ad esempio il suo modo di fare, l’orgoglio che prova per il suo lavoro, il suo senso di giusto e dell’ingiusto.

E da lei ho ripreso anche quel tanto di accento londinese, anche se in modo non eccessivamente marcato, altrimenti risulterebbe incomprensibile.

  

 

[L'attrice Angela Baddeley nella serie Tv Su e giù per le scale (Upstairs, Downstairs) interpreta Mrs. Bridges, 1971-75]

 

 
Stranamente devo qualcosa anche a Mrs. Lowett 
[ruolo da lei interpretato in Sweeney Todd a teatro], personaggio decisamente ambiguo.

 

Quando parla sembra una donna a posto, così disponibile, anche se poi in realtà le piace tagliare a pezzi la gente per fare dolci.

Sotto sotto ha alcuni degli atteggiamenti tipici dei bassifondi londinesi”. 

 

 

[Angela Lansbury e Len Cariou a Broadway nel musical Sweeney Todd, 1979]

 

Se è grazie al ruolo di Jessica Fletcher nella serie Tv La signora in giallo (Murder, She Wrote) che l'attrice raggiunge la popolarità a livello mondiale, la collaborazione della Disney con la Lansbury continua a solidificarsi in televisione, quando le viene affidata la conduzione del bel documentario Una eredità in musica (The Best of Disney Music: A Legacy in Song) nel 1993.

 

Al cinema il rapporto tra le due parti continua quando la Disney affida all'attrice l’elegantissima presentazione del segmento dedicato a L’uccello di fuoco in Fantasia 2000 e poi perfino nell’home-video con la partecipazione ai contenuti speciali dei DVD di Biancaneve e i sette nani, La bella e la bestia e Pomi d’ottone e manici di scopa.

 

Angela Lansbury interviene brevemente anche nell’interessantissimo documentario The Boys - La storia dei fratelli Sherman (The Boys: The Sherman Brothers' Story) girato nel 2009 ed approdato finalmente anche in lingua italiana solo lo scorso aprile in streaming su TimVision.

 

 

[Un collage appositamente realizzato dall'amico Alessandro Sestili con alcuni esilaranti momenti dagli episodi de La signora in giallo]



Quella stessa Angela Lansbury che aveva esordito ad Hollywood appena diciannovenne tenendo testa nientemeno che a Ingrid Bergman nel già citato film di Cukor diventa, assieme all’animatore e scultore Wathel Rogers e al collega attore Dean Jones, il 30 novembre 1995, un'autentica Disney Legend!

 

Difatti a partire dal 1987 la Walt Disney Company premia con uno speciale riconoscimento coloro che hanno contribuito nel corso degli anni, con il loro talento, al successo della casa di produzione.

Oltre alla consegna del bellissimo premio - una sorta di trofeo con la mano guantata di Topolino che spunta da un’onda stringendo una bacchetta magica, ispirata al film Fantasia - durante la cerimonia di premiazione vengono anche posizionate delle targhe di bronzo sul marciapiede davanti al cinema dello Studio e sul cemento fresco i premiati imprimono le loro impronte e l’autografo in perfetto stile Walk of Fame su Hollywood Boulevard. 

 

Ecco quelle delle nostra dolce Angela Lansbury: 

 

 

[Le impronte di Angela Lansbury impresse durante la cerimonia d'onore  di premiazione delle Disney Legends del 1995]

 

Amatissima anche in Italia l’attrice è divenuta celebre, fuori da Disney, proprio grazie al ruolo di Jessica Fletcher per la serie La signora in giallo della Universal.

 

Grazie anche all’iconica voce italiana di Alina Moradei che ha accompagnato il volto dell’attrice dalla “Gialla” in poi, per oltre 12 anni, in un’accoppiata voce-volto senza molti altri eguali: la stessa Lansbury si è pubblicamente detta felice, durante la premiazione dei Telegatti 1999 al fianco della Moradei, che fosse

"Un’attrice così adorabile a doppiarla" e che trovava la sua voce vicinissima al suo timbro originale.

 

 

[L'attrice e doppiatrice Alina Moradei, a sinistra, davanti all'attrice più rappresentativa nella sua carriera di doppiaggio: Angela Lansbury, nel 1999]

 

 

Obiettivamente sono pochi gli italiani che non conoscono quel volto "giallesco" ma anche quella voce (italiana), anche solo di sfuggita o che ne conservano un sia pur vago ricordo.

 

La Moradei è purtroppo venuta a mancare nel 2016 ed è da segnalare sul volto di Jessica l’ottima prova di Vittoria Febbi che è riuscita in ben due occasioni finora (Doppio funerale; Il Grinch) a non far rimpiangere una voce che è nel cuore di tutti noi

 

Per dirne una restando in tema con la rubrica: oltre ad Angela Lansbury, Alina era in Disney la voce italiana ufficiale della Fata Smemorina in tutti i prodotti audiovisivi dal 2000 in poi. 

 

 

[Doppio funerale (Funeral at Fifty-Miles) è l'unico episodio de La signora in giallo rimasto inedito in Italia fino alla sua prima trasmissione di venerdì 24 giugno 2016 alle ore 13.00 su Rete 4: la puntata, unica non doppiata in italiano da Alina Moradei, contiene un finale controverso che si pensava potesse urtare all'epoca la sensibilità degli spettatori italiani]
 

 

Attingo dunque per concludere proprio a quel documentario del 1993 presentato da Angela Lansbury dove, per l’appunto con la voce italiana di Alina Moradei, scopriamo che in realtà il rapporto fra l’attrice e il mondo Disney nasce ben prima di Pomi d’ottone e manici di scopa e che il commovente cameo in Il ritorno di Mary Poppins è solo la punta di un meraviglioso iceberg fatto di emozioni e ricordi legati ad un universo magico:

 

“Come tantissimi altri bambini in tutto il mondo, anche io sono cresciuta con le dolci e orecchiabili melodie Disney.

Io le conobbi in Inghilterra, i miei figli invece qui in America.

Mi rammento quando si andava in vacanza sulla costa inglese con tutta la famiglia, quand’ero piccola.

 

I miei fratelli e io ci travestivamo come i Tre Porcellini del film di Disney che avevamo appena visto e costringevamo nostra sorella a fare il Lupo Cattivo!

Il che aveva anche il suo lato positivo, comunque, perché lei doveva mettersi una pelliccia di nostra madre…

 

 

Avevamo anche un gran bel grammofono e lo mettevamo sul tettuccio della macchina, giravamo la manovella e cantavamo quello che divenne il primo grande successo della Disney Company: "Who's Afraid of the Big Bad Wolf?", composta da Frank Churchill.”  

 

 

 

[Nel 2014 durante i Governors Award Angela Lansbury ha ricevuto il prestigioso Premio Oscar alla Carriera]

 

 

E su questa emozionante foto che suggella il coronamento di una invidibile quanto prolifica carriera d'attrice, oltretutto ancora in divenire e oggettivamente poco nota in Italia - tantissimi sono i suoi film soprattutto per la televisione ancora oggi inediti da noi anche se realizzati da tempo - non mi resta che scrivere, con tanto affetto:

 

Buon compleanno, Angela Lansbury!

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Lascia un commento

2 commenti

Enrico Liverani

1 mese fa

Una diva, non ci sono altri termini

Rispondi

Segnala

Benito Sgarlato

1 mese fa

Un mito... una di quelle attrici che non si può non amare! Come una nonna per tutti quelli della mia generazione

Rispondi

Segnala

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni