close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#NationalPlatoon

Madness in the Method - Tu lo conosci l'attore Jason Mewes?

Madness in the Method è una crime comedy del 2019 diretta da Jason Mewes e scritta da Chris Anastasi e Dominic Burns.

 

Il film vede protagonisti lo stesso Jason Mewes assieme a Kevin Smith, Danny Trejo, Vinnie Jones, Blake Harrison e Evanna Lynch. 

 

Madness in the Method ci presenta Mewes nei panni di se stesso: dopo avere avuto accesso allo Star System grazie al suo ruolo di Jay nei film di Kevin Smith, dove fin dai tempi di Clerks insieme interpretano la coppia Jay e Silent Bob, Jason vuole riuscire ad avere una carriera da attore che gli permetta di non essere immedatamente riconosciuto solo e soltanto come "Jay".

 

 

 

Ignorando i consigli di Kevin Smith, Jason scopre un metodo estremo per diventare un attore caratterista e, dopo essersi immerso fin troppo nel libro che fa da codex per questo method acting esagerato, Mewes finisce con lo sprofondare in un abisso di menzogne e segreti pericolosi.

 

Madness in the Method è un film tutto particolare.

Non solo perché la storia parte da una situazione reale - la difficoltà di Mewes di farsi conoscere al di fuori del suo "Jay" - che coinvolge e ha coinvolto anche diversi attori come George Reeves, Lucy Lawless o Daniel Radcliffe, tanto per nominarne qualcuno, ma anche perché offre uno sguardo inedito e dissacrante sul mondo di Hollywood.

 

 

 

 

Madness in the method ci permette di avere una specie di insolito viaggio dietro le quinte, ma non romantico e delicato come succede in La La Land dove si parla di nuovi talenti che devono emergere, quanto più disilluso e amaro, perché si parla di attori che sono già emersi nel mondo dello spettacolo, ma senza riuscire a farsi veramente conoscere. 

 

Particolarmente interessante è l'uso che viene fatto dei camei, che risultano sempre bene inseriti nella trama e aiutano, anche in maniera sottilie, a capire come Hollywood sia anche una specie di società a parte, con regole e priorità tutte sue. 

 

 


 

Degno di nota il cameo di Stan Lee che, dopo aver avuto il suo debutto come "attore parlante" in Mallrats di Kevin Smith, ha avuto il suo ultimo cameo proprio in Madness in the method di Jason Mewes. 

 

L'aspetto tecnico di Madness in the Method non è propriamente facile da affrontare in maniera critica.

 

Gli effetti visivi e quelli speciali sembrano risentire particolarmente della natura semi-indipedente del film, ma tutto viene reso molto più gradevole dal contesto fornito della storia e per questo, fortunatamente, il cattivo utilizzo del green screen riesce a non estraniare troppo lo spettatore che è ormai coivolto nello psichedelico viaggio personale di Jason.

 

 

 

 

La regia di Madness in the Method risulta un po' grezza, ma va reso merito al regista al suo primo lungometraggio per aver provato a offrire una regia dinamica e con spunti molto interessanti.

 

Una valutazione del cast potrebbe quasi sembrare superflua, considerando i grandi nomi coinvolti in Madness in the Method, ma non approfondire questo aspetto andrebbe, ironicamente o meno, contro l'obiettivo primario del film, ovvero quello di far valutare i membri del cast (e non solo Mewes) come attori e artisti, e non solo come i personaggi che hanno interpretato in passato.

 

 

 


Sembra quasi ovvio dire che Jason Mewes sia l'attore che pare impegnarsi di più nella sua interpretazione, riuscendo a creare le giuste emozioni e reazioni nel pubblico, durante le varie svolte che la personalità del suo personaggio prende in Madness in the Method.

 

Da menzionare anche le interpretazioni di Kevin Smith, sempre nei panni di se stesso, Danny Trejo, Evanna Lynch e Brian Cristopher O'Halloran, che riescono a mostrarsi in versioni molto diverse dai ruoli a cui ci hanno abituato riuscendo ad essere convincenti e divertenti.

 

Madness in the method è un film consigliato particolarmente a chi magari conosce già Jason Mewes e Kevin Smith e vuole vederli in una storia e in ruoli inediti e insoliti, ma comunque capaci di divertire e intrattenere, o magari a chi semplicemente cerca una commedia con cui passare il tempo che sia priva di quegli stilemi che il genere sembra portarsi dietro da qualche tempo.

 

Vi saluto augurandovi come sempre buona visione e tante, tante risate. 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

CineFactsPodcast

SconcertantiPassatempi

Good&Bad

Lascia un commento



close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni