close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#Goodnight&Goodluck

Mind Game: il coloratissimo rompicapo di Masaaki Yuasa

Buonanotte amici (e amiche) della notte, è il Marzullo di CineFactsLand che vi parla.

 

Sono passati diversi mesi da quando ho visto per la prima volta il film che vorrei presentarvi stanotte.

 

Eppure, anche a distanza di tanto tempo, non riesco proprio a togliermelo dal gulliver.

Dopo una seconda visione (avvenuta per confermare la prima - ed eccellente - impressione) è rimasto ranicchiato lì, nel mio cervello, come un’idea piantata fra l’aorta e l’intenzione.


Una roba mostruosa.


Solo pellicole incredibilmente potenti riescono a cementarsi così saldamente nella memoria e nel cuore.

 

Ma lasciamo da parte la sfera del soggettivo. Veniamo a noi. 

Passiamo a Mind Game.

 

 


 

Nishi e Myon sono due ragazzi che vivono a Tokyo e si conoscono fin da bambini.

 

Ovviamente – situazione più classica dei classici – Nishi è da sempre innamorato di Myon, ma non ha mai avuto il coraggio di dichiararsi all’amica.

Imbranato cronico, timoroso e spaventato dalle situazioni ostili che la vita gli presenta davanti, Nishi sarà costretto a prendere coraggio e a dichiararsi quando Myon gli confessa che sta uscendo con un altro ragazzo. 

 

Il punto di snodo della storia (vera e propria esplosione del film), avviene una sera, quando i due si ritrovano in un ristorante in compagnia di due feroci Yakuza privi di senno che… STOOOP.

 

Direi che può bastare.

Il resto ve lo lascio scoprire.

 

 



Mind Game è un film del 2004 prodotto e animato dallo studio 4°C (sono gli stessi della trilogia di Berserk e di Tekkonkinkreet) diretto da Masaaki Yuasa e Kôji Morimoto.

 

I disegni utilizzati per la composizione della pellicola sono realizzati con una tecnica di composizione mista (estremamente varia: si passa da uno stile molto essenziale all’iperrealismo - anche tramite l'utilizzo di immagini reali) per un risultato finale decisamente sperimentale

 

Lo script è eccezionale, al pari delle musiche di Seiichi Yamamoto che creano una commistione armonica perfetta fra immagine e suono.

 

 



Mind Game è un viaggio interdimensionale coloratissimo e splendido.

 

Un’opera dotata di ritmo, dinamicità e sensibilità fuori dal comune.

 

Fra citazioni, linee temporali che si amalgano fino a formare un maestoso (quanto complesso) rompicapo, elementi classici della cinematografia nipponica e collegamenti ipertestuali e neurologici dei personaggi, il film del duo Yuasa-Morimoto - già durante la visione - si consegna allo spettatore per ciò che è a tutti gli effetti: un capolavoro dell’animazione contemporanea.

 
 

[Dopo aver visto questa sequenza tornate qui che riparliamo un attimo del concetto di 'capolavoro']

 

 

Il dramma, la vergogna, lo schifo e l’indice di miseria di questo povero, piccolo, sciocco paese in cui viviamo sta nel fatto che, ovviamente, in Italia non è mai stato distribuito.

 

Oltre a ciò, è disarmante vedere come - girovagando tra siti vari e social - nessuno o quasi parli di questa benedetta e ipnotica perla.

 

 



Il film ha ricevuto riscontri eccezionali nel panorama internazionale e numerosi riconoscimenti (tra i quali il Grand Prize per l'animazione al Japan Media Arts Festival del 2004, superando tra gli altri candidati anche Il castello errante di Howl del grande Hayao Miyazaki), ed è stato pubblicamente esaltato dal pluripremiato maestro dell'animazione asiatica Satoshi Kon.

 

Oltretutto, attualmente, Mind Game ha una valutazione del 100% su Rotten Tomatoes.


[Il trailer semi-spoileroso del film. Io vi ho avvisati]

 


Per una volta, i claim promozionali che accompagnano un trailer non sono bugiardi...

Mind Game (マインド・ゲーム), di Masaaki Yuasa e Kôji Morimoto, 2004


Devo dirvi di guardarlo?

 

‘Notte, Marchi Piselloni e Incontinenzie Deretane. 

p.s: amanti dei puzzle (e di Inception), nel caso non l'abbiate intuito, questo è IL film che fa per voi.

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Top8

News

AnimalinelCinema

Lascia un commento

10 commenti

Claudio Bertelle

27 giorni fa

Grazie Adriano, sei una fonte inesauribile di perle preziose. Corro a recuperare questo capolavoro.

Rispondi

Segnala

Valeriano Fatica

1 anno fa

Wow!
Grazie mille per il consiglio,prima ero fissatissimo con l'animazione orientale, appena ho tempo lo recupero sicuramente e verrò a ringraziarti nuovamente se è stato di mio gradimento ;)

Rispondi

Segnala

L'ultima parte non mi ha fatto impazzire (SPOILER: quella alla Pinocchio, per intenderci ahahah), ma forse non ero pronto per un trip così esagerato ahahahaha, anche se per un'ora buona sono stato al gioco. Il valore artistico comunque è a livelli altissimi e prima o poi gli darò un'altra chance

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

1 anno fa

Francesco Brandolini
Ciao Francesco! Io l'ho trovato perfetto, tan'è vero che la mia spada laser si è illuminata fino a un bel 100% (cosa che è avvenuta ben di rado!).
Ti consiglio di riprovare...non so quanti tasselli del puzzle sei riuscito a collocare ma, personalmente, ogni volta che lo vedo, scopro una storyline che mi era sfuggita durante la visione precedente!

Rispondi

Segnala

Kenji Endo

1 anno fa

Devo ancora vederlo ma da colui che ha ideato due dei migliori anime di sempre, ovvero The Tatami Galaxy e Ping Pong, non posso che aspettarmi grandi cose.

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

1 anno fa

Kenji Endo
Credo verrai ripagato alla grande ;)

Rispondi

Segnala

Maatz

1 anno fa

Dal trailer sembra una cosa completamente folle, corro a recuperarlo e ti farò sapere ahah

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

1 anno fa

Maatz
È un viaggione 😉

Rispondi

Segnala

Maatz

1 anno fa

Adriano Meis
Eccomi! Allora dove iniziare, innanzitutto mi è piaciuto molto, probabilmente non quanto a te ma un 8 ci sta tutto 😂
La tecnica così surreale aiuta un sacco ad entrate nel "trip", l'unica cosa che avrei evitato sono le facce in live action soprattutto nella prima parte che sono abbastanza improponibili ahah
Bella sia la sezione di storia raccontata sia il messaggio che sta dietro. Mi spiace un po' che il "rompicapo" è concentrato in pochissimi minuti e che alla fin fine serve solo ad ampliare il background dei personaggi e spiegare meglio alcune loro relazioni. Mi aspettavo qualcosa di più in quella parte, ma può anche essere che ci sia e me la sia persa 😅
Detto ciò, ho adorato la sequenze dell'amore e quella con Dio,

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

1 anno fa

Maatz
In realtà, sapere che sia piaciuto tantissimissimo anche a Satoshi Kon mi fa sentire un po’ meno solo nel mio amore (quasi) totale 😅
Contento che ti sia piaciuto!

Rispondi

Segnala

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni