close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#news

Netflix e la distribuzione al cinema: cambia tutto!

Roma, di Alfonso Cuarón, è l'inizio di una rivoluzione. 

Roma, il nuovo film di Alfonso Cuarón, dopo aver vinto il Leone d'oro a Venezia pare essere un sicuro candidato agli Oscar 2019 nella categoria Miglior Film e in molti sostengono che abbia già in tasca la vittoria della statuetta come Miglior Film in Lingua Straniera.

 

La strategia di Netflix in merito alla distribuzione nelle sale cinematografiche - abbiamo avuto un esempio di come funzioni la cosa qui in Italia, con Sulla mia Pelle distribuito in sala e in streaming lo stesso giorno - potrebbe adesso venire rivoluzionata, e le cose stanno già cambiando. 

 

 

 

[Alfonso Cuarón mentre bacia il Leone d'oro vinto alla Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia 2018]

 

Già, perché Roma è previsto che venga rilasciato sulla piattaforma il 14 dicembre 2018, ma Netflix ha organizzato delle proiezioni nei cinema di Los Angeles e New York per mercoledì 21 novembre e non solo: altre proiezioni sono previste per il 29 novembre, uscirà in 10-12 città il 7 dicembre - anche se ancora devono comunicare quali - e hanno già annunciato che beneficerà di un'uscita nei cinema in Messico, Germania, Regno Unito e (gioite!) in Italia.

 

Il film di Cuarón racconta di un quartiere di Città del Messico, è girato in bianco e nero in un cinematograficissimo 65mm e con uno studio sull'audio che ha reso necessario l'utilizzo del sistema Dolby Atmos: tutte caratteristiche che effettivamente poco si confanno a essere destinate a una mera fruizione casalinga. 

 

Ed è stato lo stesso regista, Oscar 2014 per la regia di Gravity, a fare pressioni su Netflix per ottenere una distribuzione nelle sale.   

 

 

 

[Un fotogramma dell'acclamatissimo Roma, di Alfonso Cuarón]

 

"Vedere Roma sul grande schermo è tanto importante quanto assicurare che le persone di tutto il mondo abbiano la possibilità di vederlo nelle proprie case." ha dichiarato Cuarón

 

"Il film è stato girato in un espansivo 65mm, corredato da un mix di suoni Dolby Atmos molto complesso.


Anche se comunque il film è stato progettato per essere ugualmente significativo se vissuto nell'intimità della propria casa, la sala cinematografica offre la migliore esperienza possibile per Roma"    

 

Prima di venire a conoscenza del cambio di strategia le speculazioni in merito erano tante (comprese le mie): il CEO di Netflix Reed Hastings sarebbe stato disposto a rompere la politica a lungo termine del sito di streaming? Per non rilasciare mai un "film originale" di Netflix nelle sale prima della sua disponibilità sulla piattaforma?

Cambierà qualcosa dopo il Leone d'oro a Cuarón

 

Ora sappiamo che Roma avrà una distribuzione cinematografica in oltre 20 territori in tutto il mondo, incluse diverse presentazioni da 70 mm.

Quindi le cose sono già cambiate.   

 

 

 

[Tim Blake Nelson ne La Ballata di Buster Scruggs, film a episodi dei fratelli Coen]

 

 

Il capo di Netflix Original Films, Scott Stuber, è stato determinante nel cambiare la nuova strategia di distribuzione, lavorando con il capo dei contenuti Ted Sarandos e con il supporto di uno squadrone di grandi registi.

 

Tra le pubblicazioni in piattaforma figurano anche il film vincitore a Venezia per la Miglior Sceneggiatura La Ballata di Buster Scruggs dei fratelli Coen, originariamente commissionato come serie ma trasformato in un film di antologia in sei parti, e il thriller Bird Box di Susanne Bier, con Sandra Bullock.    

 

"La priorità di Netflix sono i nostri abbonati e i nostri registi, e innoviamo costantemente per servirli", ha affermato Stuber.

"I nostri abbonati traggono vantaggio dall'avere i migliori film di qualità da registi di fama mondiale e i nostri cineasti traggono beneficio dalla possibilità di condividere il loro talento artistico con il pubblico più vasto possibile, in oltre 190 paesi in tutto il mondo".

 

Il film dei Coen uscirà l'8 novembre in una sala a Los Angeles, una a New York, una a San Francisco e in una di Londra.

La Ballata di Buster Scruggs sarà distribuito a livello globale su Netflix il 16 novembre e in seguito avrà una distribuzione cinematografica allargata in altre città degli Stati Uniti, a Toronto e nei cinema di tutta Europa.

 

Anche Bird Box avrà delle uscite limitate a partire dal 13 dicembre a Los Angeles, New York, San Francisco e Londra. Il film sarà distribuito a livello globale su Netflix il 21 dicembre e, come per i Coen, avrà una distribuzione cinematografica in altri cinema degli Stati Uniti e in Europa.

 

 

 

[Un'immagine da Bird Box, il thriller horror di Susanne Bier]

 

La vittoria di Roma alla Mostra di Venezia ha insomma cambiato tutto, in maniera piuttosto immediata: Private Life di Tamara Jenkins (presentato al Sundance e al New York Film festival), il thriller 22 luglio di Paul Greengrass (visto a Venezia e al Toronto Film Festival), e Oulaw King - il re fuorilegge di David Mackenzie (Toronto Film Festival e Londra Film Festival) verranno tutti distribuiti, anche se in maniera limitata, sulle 15 aree cinematografiche più importanti degli Stati Uniti, nonché nel Regno Unito e in Scozia, dove i biglietti sono già esauriti.  

 

Adesso Netflix aspetterà di vedere come verranno recepiti questi film nelle loro uscite in sala per determinare le strategie per il futuro di The Irishman, l'attesissimo film di Martin Scorsese con Robert De Niro e Al Pacino, così come per decidere le sorti dei nuovi film di Dee Rees (The Last Thing He Wanted, con Anne Hathaway, Ben Affleck e Willem Dafoe), di David Michod (lo shakesperiano The King con Timothée Chalamet e Joel Edgerton) e di Steven Soderbergh (High Flying Bird, con Kyle MacLachlan e Zachary Quinto).

 

Alcune catene cinematografiche statunitensi (Landmark, Alamo, Laemmle, IFC), alcune delle quali vantano il sistema Dolby Atmos, si erano già interessate per prenotare Roma sapendo che il film sarebbe uscito su Netflix ben prima della solita finestra esclusiva di 90 giorni, periodo minimo che di solito intercorre dall'uscita in sala alla prima uscita in streaming.

 

Netflix sta lavorando adesso con queste catene sul marketing locale (e secondo alcune fonti interne negoziando termini di affitto più alti del solito e nuove divisioni di fatturato) e sta comprando enormi spazi pubblicitari sul New York Times con l'elenco dei cinema che proietteranno i "suoi" film. 

 

 

 

[Una foto dal set di The Irishman, con i due mostri sacri Al Pacino e Robert De Niro]

 

 

D'altronde Netflix è una società della Silicon Valley, quotata in borsa, per la quale contano i numeri e i risultati che determineranno le loro strategie in futuro.

E avendo chiesto pochi giorni fa un ulteriore prestito di 2 miliardi di dollari per investire nelle produzioni interne, e sapendo che nel 2019 arriverà la concorrenza streaming sotto forma di un carroarmato di nome Disney, ora le cose per loro e per gli azionisti si fanno terribilmente serie.

 

Come politica Netflix non rivela mai i suoi numeri di "box office", ma sappiamo che in azienda sono particolarmente soddisfatti dell'andamento del thriller terroristico 22 luglio: il dramma norvegese è stato visto da oltre 14 milioni di persone nelle prime tre settimane, un risultato molto più grande di quanto avrebbe ottenuto se fosse uscito in sala.

 

Roma sarà il vero banco di prova. 

Dovessero lavorare bene a livello di distribuzione e marketing, il film di Alfonso Cuarón potrebbe ricevere delle nomination agli Oscar come Miglior Regia, Migliore Fotografia, Migliore Scenografia, Miglior Montaggio, Migliore Attrice Protagonista e... Miglior Film.

 

E per Netflix sarebbe una prima volta clamorosa, là dove il concorrente Amazon Studios è già arrivato grazie a Manchester by the Sea.

Da spettatori, non ci resta che sperare e supportare i "film Netflix" andando a vederli in sala, perché ormai è chiaro che solamente così potremo convincere la piattaforma a farci vedere al cinema il prossimo di Martin Scorsese, il prossimo di Guillermo del Toro e tutti quelli che arriveranno dopo. 


E se poi vorremo rivederli, potremo farlo tranquillamente spalmati sul divano di casa. 
Ma con la certezza di aver aiutato il Cinema a stare almeno un po' nella casa che più gli compete: la sala cinematografica.

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

articoli

PodcastPWa

Ogni_mese_al_cinemaUMy

Lascia un commento



9 commenti

BubbleGyal

5 anni fa

Fondamentalmente la penso come te, pur essendo io stessa una rompiballs se sono in compagnia perché mi piace commentare con il mio vicino ciò che sto vedendo (pensa che recentemente una coppia seduta accanto a me e mio moroso ha cambiato proprio posto - non potevo non commentare quell'atrocità di The Predator-  🙈 ) ma a mia volta vengo disturbata da gente che tossisce, da le pedate allo schienale, ride quando non c'è da ridere ecc... Per questo cerco sempre di beccare orari tattici in cui so che ci sarà poca gente in sala, così prevengo sia di disturbare che di essere disturbata, perché la visione al cinema è insostituibile alla pur comoda visione da casa. Almeno finché non avrò i soldi per potermi permettere una saletta cinema a casa mia XD

Rispondi

Segnala

Nuriell

5 anni fa

Per un doppio motivo, il primo è che detesto che qualcuno mi dia fastidio rovinandomi l'esperienza cinematografica e la seconda... che sono un rompicoglioni che puo' rovinare l'esperienza degli altri con commenti e altro.

Fondamentalmente quando guardo qualcosa lo voglio fare come pare a me, potendo anche mettere in pausa la scena, tornare indietro se non ho capito qulcosa e così via, il cinema e la tv non mi danno questa possibilità.

Rispondi

Segnala

BubbleGyal

5 anni fa

Perché non vai al cinema? Scusa se è una domanda troppo indiscreta...

Rispondi

Segnala

Drugo

5 anni fa

wow, che hype👍

Rispondi

Segnala

Andrea Mazziotta

5 anni fa

In realtà mi riferisco a grosse catene americane tipo Amc o Regal, e in Europa Cineworld che finora hanno sempre deciso di non mettere in programmazione nei loro cinema film netflix.
In italia l'unico film di netflix che abbia avuto una distribuzione in sala mi pare che sia stato proprio 'Sulla mia pelle' e lì a ragione molte catene hanno deciso di lasciar perdere.
Vediamo quali saranno le sale ad aderire per 'Roma'.Per esempio a Milano me lo aspetto nei cinema di SpazioCinema almeno, oltre che ai soliti Mexico,Beltrade ecct.
Speriamo che vada bene non solo in Usa ma anche qui in Italia(siamo uno dei mercati più poveri purtroppo) cosicchè questa che è una prova possa diventare una prassi.

Rispondi

Segnala

Teo Youssoufian

5 anni fa

il boicottaggio in realtà (se ti riferisci a Sulla mia Pelle) è nato perché il film usciva lo stesso giorno della messa online su Netflix, credo che se la distribuzione in sala avverrà in anticipo come spiegato nell'articolo - che è la VERA novità di tutta questa situazione - gli esercenti anzi potrebbero fare a gara per comprare il film e massimizzare il pubblico prima che il film diventi disponibile in streaming!

Rispondi

Segnala

Teo Youssoufian

5 anni fa

a breve avrai una bella sorpresa in merito qui sul sito 😉

Rispondi

Segnala

Yuri Palamini

5 anni fa

Siamo in 2!!

Rispondi

Segnala

Teo Youssoufian

5 anni fa

l'ho scritto giusto, l'ho messa in una foto… non chiedermi troppo! 😉

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni