close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#news

The Irishman andrà nelle sale per 2 settimane

The Irishman, l'attesissimo film di Martin Scorsese con Al Pacino, Robert De Niro, Joe Pesci, Harvey Keitel e Bobby Cannavale, potrebbe avere una distribuzione cinematografica di due settimane. 

Il film è stato acquistato da Netflix e fino a ieri una distribuzione in sala non era mai stata nemmeno nominata. 

 

Ma in un'intervista con /Film sul futuro del cinema Paul Schrader, amico di lunga data di Scorsese e suo sceneggiatore su Taxi Driver, Toro Scatenato, L'ultima tentazione di Cristo e Al di là della vita, ha raccontato che il regista newyorkese pare abbia ottenuto una tenitura di due settimane nei cinema. 

Ecco l'estratto dell'intervista: 

 

D: Quello che ho sentito dire da molti registi è che in realtà amano davvero l'autonomia che Netflix offre loro. E sembra che tu abbia avuto molte difficoltà a lavorare con gli studios e che avresti cercato di lavorare con loro.  

 

R: Sì, danno autonomia ai cineasti.
Un mio amico sta producendo e dirigendo una nuova versione di Racconto di due città
(ndr: il romanzo di Charles Dickens già portato più volte sullo schermo).

E mi ha detto che Netflix gli ha dato quello che voleva. Scorsese sta facendo un film per loro adesso, un film da 140 milioni di dollari.

 

D: The Irishman.    

 

R: Sì. Due settimane, è tutto quello che può ottenere come periodo in sala.
E Netflix non si preoccupa delle distribuzioni in sala. Gli studios stanno crollando, Netflix è il nuovo modello. È anche un finanziamento cinematografico capovolto perché fin dagli anni '70 molti film sono finanziati dalla vendita sui territori. Vendi all'estero, ricevi un po' di capitale: ma Netflix e Amazon non vogliono territori.

 

Loro vogliono tutto il mondo o niente. E così quando lavori per Netflix, loro hanno in mano il mondo, non esistono dichiarazioni di profitto e non ci sono cifre al botteghino ma tu vieni pagato in anticipo. Quindi la ragione per la quale Marty ha ottenuto 140 milioni di dollari per quel film è perché sostanzialmente è stato pagato in anticipo.

 

(continua dopo la gallery)

 




 

 

 

 

 

 

Paul Schrader non è direttamente coinvolto sulla produzione di The Irishman, ma sicuramente si può parlare di lui come di qualcuno che conosce molto bene sia Martin Scorsese che le dinamiche interne al film e alla sua strategia di distribuzione. 

Staremo a vedere cosa succederà: con Roma di Alfonso Cuaròn, La Ballata di Buster Scruggs dei fratelli Coen e The Irishman, Netflix ultimamente senza entrare attivamente sulla produzione ha messo le mani su film importanti sui quali si riserva i diritti di distribuzione sulla propria piattaforma, ma è fuori di dubbio che si tratti di opere che hanno una dignità ed un'importanza tale da meritare la distribuzione nelle sale, anche solo per una questione di rispetto nei confronti dell'arte e degli spettatori.

 

Il 2019 dovrebbe iniziare a darci qualche risposta in merito a quale sarà il futuro del Cinema in generale, con da una parte i grossi studios storici che sempre meno sono disposti a spendere enormi cifre per produrre film che non siano parte di un franchise (e che come nel caso di Disney e Warner stanno sbarcando nel mondo dello streaming) e dall'altra piattaforme di streaming come Netflix e Amazon che puntano su grossi nomi da distribuire però in esclusiva solo ai propri abbonati, in televisione o sui pc o... sugli smartphone. 

Per qualunque lato facciate il tifo, siamo senza dubbio vicini a un momento epocale per la produzione e la fruizione cinematografica. 
In cuor mio mi auguro che la sala in quanto tale non venga sopraffatta da tali strategie... ma posso solo sperare.

 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

news

articoli

CineMark__La_cultura_attraverso_il_cinemaJHA

Lascia un commento



47 commenti

Antonella

1 anno fa

Spero davvero che venga proiettato nelle sale, con scorsese regista e quel cast sarebbe davvero un peccato

Rispondi

Segnala

BubbleGyal

1 anno fa

Fermi tutti! Da quando De Niro ha gli occhi di quel colore?!

Rispondi

Segnala

Matteo Tocci

1 anno fa

Spero con tutto il cuore di poterlo vedere al cinema. 
La non uscita in sala di un'opera di Scorsese con questo cast sarebbe alquanto seccante!

Rispondi

Segnala

Lorenzo Silano

1 anno fa

L'assenza di un nuovo film di Scorsese nelle sale segnerebbe un punto di non ritorno nel Cinema per come lo conosciamo. Sono famose tutte le sue lotte per proteggere il cinema come luogo fisico e la sua autorità in questo mondo é innegabile quindi se non dovesse riuscirci lui, la vedo dura per tutti. Le due settimane in sala mi sembrano un po' un contentino ed un tentativo di evitare problemi per la candidatura agli Oscar.
D'altro canto é impossibile pensare che Netflix o altre piattaforme digitali non sappiano bene dove indirizzare la distribuzione. Le sale sono sempre più vuote e, per quanto sia del tutto contrario a questo, forse é normale che sia così. Il cinema é e rimane solo intrattenimento per almeno un 60% del pubblico, che se può spendere 10 euro per vedere tutti i film che vuole in un mese anziché un solo film allo stesso prezzo é ben felice di rinunciare ai privilegi della sala. 
Mi auguro solo di poter sempre vedere i film al cinema, anche se sono sicuro che sarà sempre più complicato.

Rispondi

Segnala

ThePoleMan

1 anno fa

Io naturalmente ho Netflix per soddisfare la mia fame di serie tv e film, ma quando ho letto questa notizia mi ha fatto molto piacere. Film come questo, come fu per Sulla mia pelle, meritano di andare al cinema.

Rispondi

Segnala

Nicolò Murru

1 anno fa

GODO.

Rispondi

Segnala

Speriamo bene...

Rispondi

Segnala

Edoardo Gottifredi

1 anno fa

Speriamo bene, sia per questo film che per il futuro del cinema in generale

Rispondi

Segnala

stefano marino

1 anno fa

Mi piace guardare i film in sala, ma non sono morbosamente attaccato al cinema come luogo fisico, quindi ho sempre vosto nei servizi streaming una ottima opzione di fruizione del cinema. Il problema per me non riguarda tanto la fruizione ludica del cine ma quella culturale, per le rassegne e i festival é diventato complicatissimo procurarsi dei film usciti su piattaforme streaming, perchè queste ultime non hanno interesse a fornirle, impoverendo non poco i suddetti eventi culturali.

Rispondi

Segnala

Elena Raffaele

1 anno fa

Stiamo assistendo all’estinzione delle sale cinematografiche?
Spero proprio di no...

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni