close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#news

Una regista per Guardiani della Galassia vol. 3

Una donna salverà il progetto di Guardiani della Galassia vol. 3
Questa pare la strada intrapresa dalla Disney dopo che pochi giorni fa alcune indiscrezioni hanno parlato di uno slittamento a febbraio 2021 per la produzione del film. 

James Gunn, licenziato per i motivi che ormai conoscono anche su Knowhere, è ormai parte del team della Distinta Concorrenza al lavoro sul sequel di Suicide Squad

La Marvel sta cercando un altro regista al timone di quello che ad oggi pare essere il filone più apprezzato dell'MCU: secondo un rumour, che però pare abbia delle solide fondamenta, tra i registi attualmente presenti nella lista ci sono Dee Rees, Michelle MacLaren, S. J. Clarkson e Jane Campion.

Non è ovviamente qualcosa di scritto nella pietra, e potrebbe anche risolversi in un nulla di fatto, ma è interessante guardare il curriculum di queste quattro registe. 

 

Dee Rees ha esordito nel lungometraggio con Eventual Salvation nel 2008, un documentario premiato al Tribeca Film Festival, proseguito tre anni dopo con un premiatissimo Pariah e arrivando nel 2017 a dirigere Mudbound: quattro nomination agli Oscar, tra cui quella per la Migliore Sceneggiatura non Originale a nome proprio della Rees, diventata così la prima regista afroamericana ad essere nominata in quella categoria.

 

 

 



Michelle MacLaren è conosciuta per aver diretto alcuni episodi di Game of Thrones e Breaking Bad, ma è stata dietro la macchina da presa anche su Westworld, The Walking Dead, The Deuce e Better Call Saul: per lei a breve ci sarà il debutto sul grande schermo con un film storico, The Nightingale, e con Cowboy Ninja Viking che vedrà come protagonista Chris Pratt.
Già: proprio Chris "Star-Lord" Pratt.

Tra le altre cose la MacLaren aveva sfiorato il mondo dei cinecomic con Wonder Woman, ma a causa di divergenze creative con la produzione venne sostituita da Patty Jenkins.

 

S. J. Clarkson è un'altra che con le serie tv ha una "certa" dimestichezza: da Eastenders a Life on Mars, da Heroes a Dexter, da Jessica Jones a The Defenders... la regista conosce molto bene il mestiere. 
Situazione lungometraggi? È il nome che dirigerà il sequel del nuovo corso cinematografico di Star Trek, dove recita Zoe Saldana
Già: proprio Zoe "Gamora" Saldana.

 

E come ultima ma non ultima Jane Campion: immagino tutti conosciate la regista di Lezioni di Piano, che nel 1993 prese otto nomination agli Oscar, compresa quella come Miglior Regia, e che vinse tre statuette, compresa quella proprio alla Campion per la Miglior Sceneggiatura Originale. 

 

Il tutto è ancora da verificare, ma in questi casi quando vengono fuori nomi di questo tipo e nessuna smentita è normale pensare che ci sia qualcosa di concreto, e che il tutto non sia solo una voce di corridoio. 
Guardiani della Galassia vol. 3, se confermato lo slittamento della produzione, non arriverà nelle sale prima del 2022 e questo potrebbe creare qualche problema di continuity nel Marvel Cinematic Universe giunto alla Fase 4.

Resteremo a vedere cosa succede, in ogni caso personalmente mi sembra ovvio che la querelle legata a James Gunn farà inevitabilmente ancora parlare di sé per parecchi anni. 

 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

PodcastPWa

Ogni_mese_al_cinemaUMy

articoli

Lascia un commento



25 commenti

Lucrezia Bariselli

1 anno fa

Gunn ha dato un tocco estremamente personale, chiunque subentri non potrà che scontravisi e cercare o di imitarlo (cosa che raramente riesce nel mondo della regia) o cambiare del tutto e ciò porterà un cambiamento totale ai Guardiani

Rispondi

Segnala

Jacopo Troise

1 anno fa

Chiunque sia delle quattro, sono contento. Mi piacciono tutte!

Rispondi

Segnala

Samuel De Checchi

1 anno fa

Peccato non sarà Gunn

Rispondi

Segnala

Paolo Cellammare

1 anno fa

La MacLaren va forte

Rispondi

Segnala

BubbleGyal

1 anno fa

Non mi dispiacerebbe affatto vedere una donna al timone dei Guardiani della galassia, sarebbe anche un modo per far parlare ulteriormente di sé e magari aprire la strada a molte più colleghe.

Rispondi

Segnala

Vi.

1 anno fa

Vedremo che ne uscirà. La cosa che mi preoccupa di più è lo slittamento del film e le conseguenze che questo avrà sugli altri in programma.

Rispondi

Segnala

Francesco Alfi

1 anno fa

Ogni notizia riguardante la non regia di Gunn su GOG3 mi fa venire il voltastomaco. Che amarezza. Che delusione. Spero che in un modo o nell'altro alla fine lo faccia lui...

Rispondi

Segnala

George Nadir

1 anno fa

Sicuramente avremo un GOTG3 molto diverso dai primi 2, che io personalmente ho apprezzato molto. Quelli portavano il marchio di fabbrica di Gunn, inripetibile ed inimitabile. I nomi trapelati sono importanti, ma da qui ad avere un buon film c'è una bella differenza.
Quando uscirà nel 2022 forse non riusciremo nemmeno a fare un confronto vero e proprio con i film di Gunn, dato il tempo passato e i continui cambiamenti nello stile dei blockbuster. E intanto avremo già visto Suicide Squad 2...

Rispondi

Segnala

Domenico Guarino

1 anno fa

Molto molto interessante

Rispondi

Segnala

Danilo Canepa

1 anno fa

Nonostante le alternative a Gunn siano più che valide ,trovo difficile che possano riuscire a ricreare le stesse atmosfere e la stessa alchimia tra i personaggi che aveva fatto Gunn. Il mio non vuole essere un pregiudizio perché è oggettivo come i due film sui guardiani della galassia siano i film più autoriali e personali del MCU e che ,in quanto tali, traspongano la visione e la formazione del regista stesso;mentre sostituire la regia di film come ,per esempio, black panther,thor o lo stesso avenger:infinity war sono pellicole di puro intrattenimento che puntano allo stupore(soprattutto attraverso effetti speciali) e al divertimento dello spettatore.

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni