close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#articoli

The Power of Love: il Cinema 3D di un secolo fa

The Power of Love, per la regia di Nat G. Deverich e Harry K. Fairall, utilizzava la tecnica dell'anaglifo ed era ripreso con una cinepresa che aveva due lenti separate di qualche centimetro, come potete vedere nell'immagine di copertina.

 

Le due riprese venivano poi stampate sovrapposte sullo stesso supporto con un filtraggio additivo: rosso per un occhio rosso e ciano per l'altro occhio.

 

Agli spettatori venivano consegnati degli occhialini con una lente color ciano e l'altra di colore rosso, in modo che ogni occhio escludesse il colore complementare e si avesse l'illusione della tridimensionalità. 

 

 

[Uno dei rari fotogrammi di The Power of Love]

 

 

Non solo: The Power of Love fu anche il primo film a lasciare la scelta del finale agli spettatori: a un certo punto del film veniva indicato che si poteva decidere con quale occhio proseguire la visione.

 

Gli spettatori quindi avrebbero visto il finale romantico oppure il finale tragico semplicemente chiudendo uno dei due occhi: il film in quel momento perdeva l'illusione del 3D e mostrava delle scene diverse a seconda di quale occhio si decideva di tenere aperto.


Purtroppo The Power of Love fa parte di quell'enorme mole di opere andate distrutte per sempre, quindi possiamo solo ricordarlo con delle rare immagini.

 

E ovviamente con i cinefacts! 

 

Become a Patron!

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Sappi che hai appena visto il risultato di tanto impegno, profuso nel portarti contenuti verificati e approfonditi come meriti!

Se vuoi supportare il nostro lavoro perché non provi a far parte de Gli Amici di CineFacts.it?

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Articoli

CineFactsPodcast

CineFacts

Lascia un commento



50 commenti

HAL 9000

2 anni fa

Come fare grandi cose con pochi mezzi, peccato sia andato perduto!

Rispondi

Segnala

Mike

2 anni fa

fantastico! quale è invece il primo film in 3D sopravvissuto? 😂

Rispondi

Segnala

Gloria Peluzzi

3 anni fa

scegliere il finale? stile Bandersnach?

Rispondi

Segnala

Antonella

3 anni fa

Innovazione negli anni '20, chi lo avrebbe mai detto

Rispondi

Segnala

Francesco Alfi

3 anni fa

"Ad un certo punto potevano decidere se guardare il finale romantico o il finale tragico semplicemente... chiudendo uno dei due occhi"
CHE MERAVIGLIA!!

Rispondi

Segnala

Mattia Malaspina

3 anni fa

Se non mi sbaglio il 3D fu utilizzato già per un film di Melies, comunque assurdo la scelta del finale

Rispondi

Segnala

Greta

3 anni fa

Scegliere il finale di un film?
Hai giorni nostri una pellicola così sarebbe un evento. Chiunque correrebbe al cinema a vederlo

Rispondi

Segnala

Nibbio

3 anni fa

Un peccato che nessuno più abbia utilizzato questa tecnica per così tanto tempo

Rispondi

Segnala

La domanda mi sorge spontanea: qual è il primo film in 3D che possiamo ancora vedere? e che fine ha fatto il 3D al cinema?

Rispondi

Segnala

Non avrei mai pensato che il 3D fosse stato inventato negli anni '20, in più il fatto di poter scegliere il finale.. Assurdo

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni