close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#articoli

L'apologia dell'uomo moderno: la connessione tra Il Petroliere e Il filo nascosto

Il filo nascosto e Il Petroliere formano un dittico: nella mia testa la nebbia si è dipanata lasciando nitido proprio il filo nascosto che collega le due opere. Daniel Day-Lewis è sacerdote di questo rito in due atti, il mezzo attraverso cui il soggetto si rivela nella forma più completa.

 


Qual è il soggetto se non l'uomo moderno?

 

I due film confluiscono l'uno nell'altro, muto scambio di fluidi e di fili, di intenzioni e percezioni. Di sofferenze, più o meno sentite, di cui ne fa spese il self made-man.

 

Dedizione e sacrificio, votarsi alle proprie ambizioni diventa costruirsi una prigione dorata nel dittico plasmato da Paul Thomas Anderson.

 

Reynolds Woodcock e Daniel Plainview si ergono su un trono non condiviso. Il capitalismo è arte e l'arte è denaro, ancora una volta si palesa il filo nascosto tra i due film. Plainview guarda al petrolio con lo stupore che si riserva all'arte, come se l'oro nero fosse l'archè di ogni cosa, materia prima e soprattutto primordiale, non è solo un liquido, non è solo potenziale denaro, ma è il suo sangue e il sangue del capitalismo tutto e della nazione che ne è capostipite.

 

Nel 1992 Werner Herzog ci aveva proposto Apocalisse nel deserto dove, in una dimensione a più ampio respiro, uomo e natura vivono in un contrasto fatale, in cui a fare le spese alla corsa all’oro nero è il lato più povero del mondo; la pellicola di Paul Thomas Anderson invece si focalizza sul disagio e sui successi, in modo meno evidente ma altrettanto distruttivo, di chi sporcandosi le mani di petrolio può arricchirsi.

 



Woodcock si rivolge ai suoi abiti come prolungamenti delle sue braccia, ogni lembo di tessuto è una creatura pulsante ma silenziosa, sacro custode di segreti e debolezze non rilevabili.

 

La sartoria è arte, le terminologie modaiole vengono malviste e, soprattutto, malvissute, sono un involgarimento del proprio lavoro.

 

Confezionare abiti è nascondere emozioni altrimenti non comunicabili, ma non è soltanto questo.

L'arte è commercio, attenta comunicazione, i rapporti tra sarto e cliente assumono un'importanza quasi uguale, se non uguale, alla lavorazione della stoffa.

 

L'uomo moderno si trova succube del tempo: dare il massimo e farlo nei tempi più risicati è la ricetta del successo.

 

Trovarsi al posto giusto al momento giusto è il suo catalizzatore.

Sia Plainview che Woodcock sacrificano la felicità per ambizione: la felicità richiede tempo, per costruire rapporti umani sinceri bisogna votarsi alla lentezza, la profondità richiede ore preziose che all’uomo moderno non è permesso sprecare.

 

Ci vuole tempo per scavare la superficie, per capire gli altri e per capirsi, aldilà delle relazioni di opportunità.

Ne Il Petroliere non esiste amore di coppia, ma ogni legame che Plainview tenta di instaurare è avvelenato dalla cupidigia e dal petrolio.

 

Woodcock trova la catarsi grazie all’appoggio di una donna che è musa, amante e poi moglie, ma il tempo che i due riescono a ritagliare è conseguenza di un avvelenamento, nel senso letterale del termine. 

 

 

 

Alma, che vuol dire “anima” ma anche “nutrice”, è l’altra protagonista de Il filo nascosto, la figura femminile che manca a Il Petroliere, la compagna dell’uomo di successo destinata a ridimensionarne il complesso di Dio.

 

Come la ragazza della fonte di Guido Anselmi in 8 ½ di Federico Fellini è lei a ricordargli che lui “non sa voler bene”.

  

È vittima e carnefice in un mutevole e liquido gioco di ruolo, l’unica sembrare corporea in mezzo alle maschere e ai fantasmi che abitano l’atelier, sfaccettata e prismatica, accogliente ma ombrosa nei suoi piccoli ma affascinanti misteri come l’Alma bergmaniana di Persona.

 

Alma rappresenta la via d’uscita di quelle donne-muse-madri destinate a perire ciclicamente sotto il peso imponente di un uomo-artista-dio, in quel claustrofobico e asfissiante processo mostratoci ad esempio da Darren Aronofsky nel suo recente madre!

 

 

 

La rabbia di Plainview, di Woodcock o di chi come loro si erge in una posizione così sopraelevata rispetto agli altri, incontrollabile per un figlio e troppo imponente per chi si è appropinquato alla loro sfera d’influenza, è ridimensionata, rimpacchettata e forse persino ottimizzata da chi sa imporsi e da chi ama con pazienza, risolutezza, maturità e persino a volte con gli atti estremi necessari per venire accolti tra le mura (quasi) impenetrabili di chi ha sempre gli occhi puntati sempre in alto, verso vette sempre più irraggiungibili.

 

È l’amore tra persone adulte e difficoltose, che si incastrano e si respingono su più livelli, un amore che cresce su una superficie ruvida e incerta ma finisce per appiattirsi e consolidarsi lungo le pareti della fiducia e della parità. 

 



Il petroliere e Il filo nascosto sono due parabole sul self made-man che plasma la sua materia e costruisce il suo impero con l’ausilio del suo ingegno, su personalità a cui è difficile avvicinarsi e che si sottomettono solo ad un dio imperturbabile ed immutabile: il tempo.

 

In questo senso è difficile per me non considerarle due pellicole a loro modo complementari, seppur seguano delle strade parallele, sui percorsi tracciati dalle colonne sonore di Jonny Greenwood e dalla regia algida e precisa di Paul Thomas Anderson. 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Articoli

Articoli

News

Lascia un commento



24 commenti

Sky

7 mesi fa

Molto interessante: anche io vedendo Il filo nascosto ho subito pensato a delle analogie e dei collegamenti fra i due film. Collegamenti descritti benissimo in questa analisi.

Rispondi

Segnala

Antonella

1 anno fa

non avevo mai pensato alle analogie tra questi capolavori se devo essere sincera, mi trovo naturalmente d'accordo sopratutto sul "sacrificano la felicità per ambizione".

Rispondi

Segnala

Matteo Mazzuto

2 anni fa

Molto interessante questa chiave di lettura, tuttavia io preferisco di gran lunga There will be blood (che considero uno dei migliori del nuovo millennio); il filo nascosto potrebbe addirittura, da un certo punto di vista, riprendere la situazione e il personaggio per trasferirlo in un contesto differente. Tuttavia anche Phantom thread è una grande opera.

Rispondi

Segnala

Danilo Canepa

2 anni fa

non li avevo mai pensato a questo collegamento, li rivedrò entrambi sotto un nuovo punto di vista,grazie!

Rispondi

Segnala

Matteo G

2 anni fa

E' un film straordinario,invito a vederlo

Rispondi

Segnala

Andrea Mazziotta

2 anni fa

Wow.Complimenti per l'analisi molto interessante su due film non facili di un regista non sempre immediato.
Il legame tra Plainview e Woodcock c'è:entrambi sono disposti a sacrificare tutto ciò che hanno intorno per il loro impero,per la loro ambizione, per la loro ossessione.
Plainview è matto già dal suo aspetto,è eccessivo,esuberante quasi.Woodcock è calmo,controllato, abitudinario ma non meno matto di Plainview.
La vera differenza tra i due,il vero passo avanti che PTA fa è Alma,è il confronto con quest'ultima;è la ricerca del compromesso tra il sentimento e l'ossessione.
Per questo secondo me 'Il filo nascosto' si pone quasi come un contraltare del 'Petroliere' e si pone quasi come una conclusione di un discorso iniziato con 'The Master'.Alla fine il rapporto tra i personaggi di Philiph Seymour Hoffman e Joaquin Phoenix non è rappresentato come un gioco di potere come quello tra Woodcock e Alma?
In 'The Master' non si  raggiunge il compromesso.L'allievo si affranca dal maestro che gli giura ostilità per le vite future.Mentre il 'Il filo nascosto' si conclude con un compromesso,con il raggiungimento di un equilibrio,forse inusuale ma comunque di un equilibrio.Il rapporto può durare, il sentimento può perdurare anche nell'uomo che si nutre di ossessione.

a margine:molto interessante il confronto che fai tra la figura di Alma e le figura femminile di un film come 'Mother!'

Rispondi

Segnala

Lorenza Guerra

2 anni fa

Andrea Mazziotta
E' vero, Alma è la chiave di volta. Banale dire che "l'amore cambia, dà equilibrio, ecc ecc", ma certo non è banale nel modo in cui lo dice PTA. 
Io il finale di The Master l'ho visto in modo leggermente diverso: non sono più allievo e maestro ma due persone alla pari, l'allievo si libera del suo maestro, si trovano ad essere due uomini alla pari faccia a faccia. Almeno io l'ho vista così, non saranno più amici ma la stima reciproca non se ne andrà.

Rispondi

Segnala

Riccardo De Fusco

2 anni fa

Bellissima analisi, i due film sono molto simili pur essendo diversissimi. Secondo me il "passo in più" che Il filo nascosto compie rispetto a Il Petroliere è proprio il confronto del protagonista con un'altra personalità così forte che è quella di Alma, confronto che in Il Petroliere si può trovare forse nel rapporto Daniel-Paul, ma che come tutti sappiamo finisce con la vittoria del primo sul secondo e con quel sangue evocato dal titolo originale (There will be blood) tanto atteso durante tutto il film. Alma a differenza di Paul si dimostra all'altezza non solo di fronteggiare ma anche di sorprendere Reynolds, e il rapporto che ne viene fuori tra i due è uno strano amore, malato ma passionale, che solo due giganti come loro possono sopportare.
Infine volevo "buttare lì" una piccola connessione con The Master che mi era venuta in mente: se Il Petroliere descrive l'avidità dell'uomo moderno, Il filo nascosto l'ossessione e l'amore, The Master mette in luce il suo rapporto con la fede, l'idea di religione, che non si esaurisce più nella religione tradizionale come nel passato, ma che cerca sempre nuove vie di espressione. è come se l'uomo cercasse costantemente qualcosa in cui credere rispondendo a un bisogno primario (si vedano le ultime parole che Hoffman rivolge al personaggio di Phoenix). La religione di Plainwiew e Woodcock è rispettivamente il petrolio e l'arte sartoriale, ma cosa succede invece a un uomo qualsiasi, che non ha niente e niente in cui credere, che non è un self-made man come il protagonista di The Master?

Rispondi

Segnala

Lorenza Guerra

2 anni fa

Riccardo De Fusco
The Master è forse il suo film più criptico. La religione, che non è corporea e materiale infatti è un argomento assolutamente più complesso. Soprattutto la figura di Lancaster Dodd è sfuggente, non capiamo fino a che punto creda nelle sue intenzioni. Non dà giudizi di valore sulla religione, piuttosto Freddie la utilizza come mezzo per ritrovare se stesso e, una volta ritrovatosi, può viverne anche senza. Sappiamo che PTA si è ispirato alla storia di Scientology ed era piuttosto semplice farne un film accusatorio (non penso che una persona sana di mente potrebbe concordare con quella banda di matti), ma ha superato il concetto di film-denuncia, biografia, semi-documentario, per parlare invece di tutte le follie di un certo microcosmo, del bisogno di aggrapparsi a speranze assolutamente improponibili per raggiungere la serenità, della necessità finale di superare quelle speranze in favore di un recupero che riguarda soltanto se stessi e la propria persona. Alla fine togliendo tutti i vari strati ciò che ha davvero aiutato Freddie a superare lo stress post-traumatico della guerra non è stata tanto la setta quanto più l'amicizia che si è creata tra lui e Lancaster. E forse, questo è tutto un mio punto di vista che può essere o meno condivisibile, Lancaster stima Freddie proprio perché la sua vicinanza non era dovuta al fanatismo religioso quanto più a un sentimento di sincera stima. Però è una di quelle opere di cui si può pensare davvero di tutto.

Rispondi

Segnala

Yuri Palamini

2 anni fa

Fin dal giorno dopo la prima visione de Il filo nascosto (giusto il tempo di metabolizzare) ho pensato che ci fosse qualcosa che lo unisse a Il petroliere, oltre a regista, attore e autore delle colonne sorore, un "filo nascosto" appunto. Ora, con questo articolo, tiri in ballo aspetti che non avevo considerato prima e che effettivamente coincidono alla grande. A breve riguarderò Il petroliere, che dei due è quello che non vedo da più tempo, tenendo a mente queste tue affermazioni e facendoci bene caso... Grazie!

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni