close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#articoli

Il Racconto dei racconti: la fiaba feroce di Matteo Garrone - Recensione

Tre Nastri d'Argento, sette David di Donatello e un Globo d'Oro: un risultato decisamente rimarchevole quello ottenuto da Il racconto dei racconti - Tales of tales, il settimo lungometraggio di Matteo Garrone presentato in concorso alla 68a edizione del Festival del Cinema di Cannes.


Il regista romano, nel 2002 era riuscito ad imporsi all'attenzione del grande pubblico riproponendo un genere cinematografico semi-abbandonato come il noir combinandolo con un fatto di cronaca nera (L'Imbalsamatore); nel 2004 attraverso il suo Primo Amore ci raccontò la drammatica storia di una coppia costruita sull'ossessione, anche in questo caso ricavata da una vicenda reale; nel 2008 arrivò la definitiva consacrazione con Gomorra, tratto dall'omonimo libro-inchiesta di Roberto Saviano.

 

 

[Matteo Garrone sul set green screen de Il racconto dei racconti]


Il 2012 è l'anno della vittoria del Grand Prix della Giuria al Festival del Cinema di Cannes, dove Garrone trionfa con Reality, una commedia amara sull'influenza nefasta che i reality show hanno sul pubblico.

Come si evince da questa breve ricostruzione, la carriera di Garrone, fino ad allora, sembrava essere improntata all'attualizzazione del concetto di "Cinema verità" tramite l'utilizzo di riprese effettuate in contesti reali - tangibili e concreti per lo spettatore - oltre alla proposta di soggetti derivati dalla cronaca giornalistica. Attraverso la focale del regista e sceneggiatore classe '68, i soggetti delle narrazioni non ci venivano proposti come  giusti o empi, vittime o carnefici, bensì come esseri multidimensionali dotati di fragilità e pulsioni profonde.

I contesti sociali e le realtà culturali erano veri e propri co-protagonisti delle vicende, e in quanto tali incidevano in maniera determinante sulle  attitudini, comportamenti e desideri dei personaggi protagonisti.

 

 

[La locandina de Il Racconto dei Racconti]



Nel 2015 avviene il cambio di rotta repentino, coloratissimo e favoloso di Matteo Garrone: la sfera del reale trasmigra nella sfera del fantastico.


Il racconto dei racconti è infatti la rappresentazione di tre racconti tratti dal Pentamerone dello scrittore napoletano Giambattista Basile, Lo cunto de li cunti overo lo trattenemiento de peccerille, una raccolta di 50 fiabe, edite fra il 1634 e il 1636, sulla falsa riga di quello che era stato il Decamerone di Giovanni Boccaccio (1349/1353).

 

Ma se le novelle del poeta toscano avevano un setting  reale e fortemente contestualizzato nell'epoca trecentesca italiana, quelle di Basile sono invece delle fiabe feroci, popolate da orchi, fattucchiere e pulci giganti.

Una "regina spezzata" e inconsolabile, privata della possibilità di avere una progenie; due anziane - e orripilanti - sorelle coinvolte in un dramma degli inganni insieme a un re/satiro sempre pronto a concupire giovani e bellissime fanciulle; un sovrano che mette in palio l'unica figlia - quasi fosse un trofeo - in un assurdo torneo per darla in sposa. 

 

 

[Vincent Cassel è il Re di Roccaforte ne Il racconto dei racconti]


 

Tre storie - La cerva fatata, La pulce e La vecchia scorticata - che si svolgono indipendentemente l'una dall'altra per poi confluire assieme nell'incantevole finale.

 

Garrone attinge a piene mani dall'opera di Basile, rimodellando (e reinterpretando liberamente) il trittico di fiabe legate fra loro dai temi dell'amore e della passione e della morte. 

 

Il racconto dei racconti, oltre a un cambio di genere e tono rispetto alla precedente filmografia del regista, è anche la prima pellicola di Garrone che vanta un cast internazionale colmo di nomi di rilievo: Salma Hayek, Vincent Cassel, John C. Relly Toby Jones

 

 

[Salma Hayek è la regina di Selvascura ne Il racconto dei racconti]


Ma se la lingua dominante è quella inglese, all'interno del film non mancano di certo gli alfieri del Bel Paese.


Negli interpreti, vista la partecipazione di Massimo Ceccherini, Franco Pistoni e Alba Rohrwacher, così come nelle maestranze tecniche, rappresentate dai visual-special artists di Makinarium (qui la nostra intervista al Creative Director Leonardo Cruciano) e negli autori della sceneggiatura Edoardo AlbinatiUgo ChitiMassimo Gaudioso (collaboratore abituale di Garrone).

A rubare la scena ai nostri connazionali ci pensano le splendide location del film, che vanno dalla Sicilia all'Umbria, da Castel Del Monte al  Castello di Sammezzano, magnifico (e caleidoscopico) protagonista dell'episodio della Cerva Fatata insieme a Salma Hayek.


I luoghi del film, vista la loro magnificenza, sembrerebbero essere ricreati in digitale, invece sono semplicemente messi in risalto dallo splendido lavoro di Peter Suschitzky, direttore della fotografia di pezzi di Storia del Cinema come The Rocky Horror Picture Show, L'Impero colpisce ancora o La promessa dell'assassino.

[Il trailer italiano de Il racconto dei racconti]

 

 

Le meravigliose musiche di Alexandre Desplat (The tree of life, Il curioso caso di Benjamin Button, Grand Budapest Hotel) accompagnano quasi costantemente Il racconto dei racconti, una fiaba feroce dominata dal porpora della passione e ornata da costumi barocchi e scenografie sontuose.

 

Un susseguirsi di vicende che hanno come focus l'amore, gli inganni, le passioni degli uomini, le loro manie e peccati che, spesso, devono essere raccolti e mondati dalle mani innocenti dei figli.

Al netto delle pregevolezze visivo/contenutistiche, di recensioni più che favorevoli e dei premi ricevuti, Il racconto dei racconti  di Matteo Garrone verrà ricordato come un'opera coraggiosa, colorata e fantastica. Una delle prime ad aprire la strada alla "nuova fioritura" del Cinema di genere italiano che, negli anni a venire, speriamo possa proseguire con la stessa veemenza. 

 

Il racconto dei racconti potete trovarlo gratuitamente sulla piattaforma Infinity!

Se non siete ancora iscritti a Infinity andate a curiosare il suo vastissimo catalogo sfruttando il codice sconto "CINEFACTS": avrete così diritto a ben DUE MESI GRATIS!

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Articoli

Articoli

Articoli

Lascia un commento

2 commenti

Morena Falcone

4 giorni fa

Quando finisci di guardarlo e torni con gli occhi sul reale vorresti chiedere ai colori “Dai, che vi costa essere un po’ più felici?” *.*

Rispondi

Segnala

Pippor

21 giorni fa

Concordo con l'articolo. È un film che, attraverso il linguaggio della fiaba, riesce a parlare anche di temi attuali come la ricerca della bellezza nel terzo racconto o l'emancipazione femminile nel secondo. Dopo aver visto questo film aspetto con grande curiosità il Pinocchio di Garrone!

Rispondi

Segnala

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni