close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#articoli

Martin Scorsese: ''Ho detto che i film Marvel non sono Cinema: fatemi spiegare''

Quando ero in Inghilterra all'inizio di ottobre, ho rilasciato un'intervista alla rivista Empire. Mi è stata posta una domanda sui film Marvel. Ho risposto. Ho detto che ho provato a guardarne alcuni e che non fanno per me, che mi sembrano più vicini ai parchi a tema di quanto non lo siano ai film come li ho conosciuti e amati in tutta la mia vita, e che alla fine non penso che siano Cinema.

 

 

Alcune persone sembrano aver preso l'ultima parte della mia risposta come offensiva o come prova dell'odio per la Marvel da parte mia.

 

Se qualcuno è intenzionato a caratterizzare le mie parole in quella luce, non c'è niente che io possa fare per ostacolarlo. 

 

 

[Mean Streets - Domenica in chiesa, lunedì all'inferno, 1973]

 

 

Molti film in franchising sono realizzati da persone di notevole talento e abilità artistica.

 

Lo si può vedere sullo schermo.

Il fatto che i film stessi non mi interessino è una questione di gusto personale e indole.

 

So che se fossi più giovane, se avessi raggiunto la maturità in un secondo momento, avrei potuto eccitarmi per questi film e forse avrei persino voluto crearne uno io stesso.

 

Ma quando sono cresciuto nei tempi in cui è successo ho sviluppato una sensibilità nei confronti dei film - di quello che erano e di quello che potevano essere - che era lontana dall'universo Marvel quanto noi sulla Terra siamo lontani da Alpha Centauri. 

 

 

[Taxi Driver, 1976]

 

 

Per me, per i cineasti che ho imparato ad amare e rispettare, per i miei amici che hanno iniziato a girare film nello stesso periodo in cui l'ho fatto io, il Cinema riguardava la rivelazione - rivelazione estetica, emotiva e spirituale.

 

Riguardava i personaggi: la complessità delle persone e la loro natura contraddittoria e talvolta paradossale, il modo in cui possono farsi del male e amarsi l'un l'altro e di come improvvisamente si trovino faccia a faccia con se stessi.

 

Si trattava di affrontare l'imprevisto sullo schermo e nella vita che drammatizzava e interpretava e allargava il senso di ciò che era possibile fare come forma d'arte.

 

E quella era la chiave per noi: era una forma d'arte.

 

 

[Toro Scatenato, 1980]

 

 

All'epoca si discusse a tal proposito, quindi ci siamo schierati per il Cinema come pari a letteratura, musica o danza.

 

E abbiamo capito che l'arte poteva essere trovata in molti luoghi diversi e in altrettante forme - in Corea in Fiamme di Sam Fuller e Persona di Ingmar Bergman, in È sempre bel tempo di Stanley Donen e Gene Kelly e Scorpio Rising di Kenneth Anger, in Questa è la mia vita di Jean-Luc Godard e Contratto per uccidere di Don Siegel.

 

O nei film di Alfred Hitchcock, suppongo si potrebbe dire che Hitchcock era il franchise di se stesso.

O che fosse il nostro franchising. 

 

 

[Re per una Notte, 1983]

 

 

Ogni nuovo film di Hitchcock era un evento.

 

Trovarsi in una sala piena di gente in uno dei vecchi cinema a guardare La Finestra sul Cortile è stata un'esperienza straordinaria: è stato un evento creato dalla chimica tra il pubblico e il film stesso, ed è stato elettrizzante.

 

E in un certo senso, anche alcuni film di Hitchcock erano dei parchi a tema.

Sto pensando a L'altro uomo, in cui il climax si svolge in una giostra in un vero parco di divertimenti e Psycho, che ho visto a uno spettacolo di mezzanotte nel suo giorno di apertura, un'esperienza che non dimenticherò mai.

 

Le persone sono rimaste sorprese ed elettrizzate e non sono state deluse.

 

 

[Fuori Orario, 1985]

 

 

Sessanta o settanta anni dopo, stiamo ancora guardando quei film restandone meravigliati.

 

Ma sono il brivido e lo shock gli elementi a cui continuiamo a tornare?

Io non la penso così.

 

Le scene clou di Intrigo Internazionale sono sorprendenti, ma non sarebbero altro che una successione di composizioni e di tagli dinamici ed eleganti se non ci fosse l'emozione e il dolore al centro della storia o l'assoluto spaesamento del personaggio di Cary Grant.  

 

 

[Quei bravi ragazzi, 1990]

 

 

Il climax de L'altro uomo è prodigioso, ma è l'interazione tra i due personaggi principali e la performance profondamente inquietante di Robert Walker che risuona nel tempo.

 

Alcuni sostengono che i film di Hitchcock si assomigliassero tutti tra di loro, e forse è vero - lo stesso Hitchcock se lo era chiesto.

Ma l'identità dei film in franchising di oggi è un'altra cosa.

 

Molti degli elementi che definiscono il Cinema come lo conosco sono presenti nei film della Marvel.

Ciò che non c'è è la rivelazione, il mistero o un vero pericolo emotivo.

 

Niente è a rischio. 

 

 

[L'età dell'innocenza, 1993]

 

 

I film sono realizzati per soddisfare una serie specifica di esigenze e sono progettati come delle variazioni su un numero finito di temi.

 

Sono sequel nel nome ma sono remake nello spirito, e ogni cosa in essi è ufficialmente omologata perché non può essere diversamente.

Questa è la natura dei franchise cinematografici moderni: ricerche di mercato, testati con il pubblico, verificati, modificati, rivisti e rimodificati fino a quando non sono pronti per il consumo.

 

Un altro modo di dirlo sarebbe che sono tutto ciò che i film di Paul Thomas Anderson o Claire Denis o Spike Lee o Ari Aster o Kathryn Bigelow o Wes Anderson non sono.

Quando guardo un film di uno di questi cineasti so che vedrò qualcosa di assolutamente nuovo e che mi porterà a vivere esperienze inaspettate e forse persino inimitabili.

 

Il mio senso di ciò che è possibile nel raccontare storie attraverso immagini e suoni in movimento verrà ampliato.

 

 

[Casinò, 1995]

 

 

Quindi, potresti chiedere, qual è il mio problema?

 

Perché non lasciare che esistano i film sui supereroi e gli altri film in franchising?

Il motivo è semplice.

 

In molti posti in questo paese e in tutto il mondo, i film in franchising sono ora la scelta principale se vuoi vedere qualcosa sul grande schermo. 

È un momento rischioso per l'offerta cinematografica e ci sono meno cinema indipendenti che mai. 

 

 

[Al di là della vita, 1999]

 

 

L'equazione è stata capovolta e lo streaming è diventato il sistema di distribuzione principale.

 

Tuttavia, non conosco un singolo regista che non voglia progettare film per il grande schermo, da proiettare davanti al pubblico nei cinema. 

 

Ciò include me, e parlo come uno che ha appena completato un film per Netflix. 

Netflix ci ha permesso di realizzare The Irishman come dovevamo, e per questo sarò sempre grato.

 

Abbiamo una finestra di distribuzione nelle sale, ed è una cosa grandiosa.

Vorrei che il film venisse proiettato su più schermi di grandi dimensioni per periodi di tempo più lunghi?

 

Certo che lo vorrei. 

 

 

[Gangs of New York, 2002]

 

 

Ma non importa con chi realizzi il tuo film, il fatto è che gli schermi nella maggior parte dei multisala sono affollati di film in franchising. 

 

E se mi dirai che è semplicemente una questione di domanda e offerta e di dare alle persone ciò che vogliono, non sarò d'accordo.

È la questione dell'uovo e della gallina.

 

Se le persone ricevono solo un tipo di cose e vedono all'infinito solo un tipo di cose, ovviamente vorranno ancora e sempre di più quel tipo di cose. 

 

 

[The Departed, 2006]

 

 

Ma, potresti dire, non possono semplicemente andare a casa e guardare qualsiasi altra cosa vogliano su Netflix, iTunes o Hulu?

 

Certo: ovunque, tranne che sul grande schermo, dove il regista voleva che venisse visto il suo film.  

 

Negli ultimi 20 anni, come tutti sappiamo, il mondo del Cinema è cambiato su tutti i fronti. 

Ma il cambiamento più inquietante è avvenuto di soppiatto e senza che ce ne accorgessimo: la graduale ma costante eliminazione del rischio.

 

Molti film oggi sono prodotti perfetti, fabbricati per un consumo immediato. Molti di loro sono ben realizzati da un team di individui di talento.

Tuttavia, mancano di qualcosa di essenziale per il Cinema: la visione unificante di un singolo artista.

 

Perché, ovviamente, il singolo artista è il fattore più rischioso di tutti.

 

 

[The Wolf of Wall Street, 2013]

 

 

Non sto certamente insinuando che i film dovrebbero essere una forma d'arte sovvenzionata, o che lo siano mai stati. 

 

Quando a Hollywood lo Studio System era ancora vivo e vegeto, la tensione tra gli artisti e le persone che gestivano il business era costante e intensa, ma era una tensione produttiva che ci ha dato alcuni dei più grandi film mai realizzati - per dirla come Bob Dylan, i migliori erano "eroici e visionari".

 

Oggi questa tensione è scomparsa, e alcuni individui lavorano nel settore con assoluta indifferenza verso la vera questione dell'arte e con un atteggiamento nei confronti della Storia del Cinema che è allo stesso tempo sprezzante e approntato alla creazione di un brand - una combinazione letale.  

 

 

[The Irishman, 2019]

 

 

La situazione, purtroppo, è che ora abbiamo due campi separati: c'è l'intrattenimento audiovisivo mondiale e c'è il Cinema.

 

Di tanto in tanto si sovrappongono, ma sta diventando sempre più raro.

E temo che il dominio finanziario dell'uno venga utilizzato per emarginare e persino sminuire l'esistenza dell'altro.

 

Per chi sogna di fare film o ha appena iniziato a farne, la situazione in questo momento è brutale e inospitale per l'arte.

 

E il semplice atto di scrivere queste parole mi riempie di una terribile tristezza.

 

 

Martin Scorsese, 4 novembre 2019
New York Times 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

News

Articoli

CineFactsPodcast

Lascia un commento

20 commenti

Benito Sgarlato

6 giorni fa

Una lettera che resterà nella storia... credo siano parole condivisibili da molti, sia spettatori che "addetti ai lavori".
Io mi trovo d'accordo con lui e le motivazioni che ha illustrato sono anche quelle per cui io non sono un fan dei film della Marvel, oltre al fatto che...proprio non mi piacciono, neanche a livello di intrattenimento, ma, del resto... non mi sono mai piaciuti neanche i parchi a tema.

Rispondi

Segnala

Marco Natale

6 giorni fa

Spiegazione eccellente e che lascia l'amaro in bocca per come fa riflettere sul funzionamento della distribuzione

Rispondi

Segnala

Filman

6 giorni fa

Scorsese ha fatto stra-bene ha dire la sua. Siamo di fronte ad un primo spartiacque, in vista di futuri cambiamenti.

Rispondi

Segnala

Greta Soncin

6 giorni fa

Trovo parecchio triste che abbia dovuto scrivere una lettera per spiegare l'ovvio, ovvero che è una sua opinione che ha tutto il diritto di esprimere.

Rispondi

Segnala

Nuriell

6 giorni fa

Scorsese ha spiegato meglio ma già prima avevo capito che intendesse questo... e come allora penso che sia solo il ricordo diqualcuno che vorrebbe tornassero "i bei vecchi tempi" perché una volta "saltavamo i fossi per la lunga".

Non avverrà e ha ragione sull'ultimo punto, probabilmente più andremo avanti a più i film costeranno e più servirà che facciano soldi riducendo il "vero cinema amato da Scorsese" qualcosa di sempre più raro.

E non ci vedo nulla di catastrofico, le cose cambiano sempre, ti adatti o muori.

Rispondi

Segnala

Alice

7 giorni fa

Il talento è indiscusso, ma qui si parla di un UOMO e del suo grande amore, qui non ha spiegato solo il suo punto di vista, no, è andato molto oltre: ha scritto una dichiarazione d'amore. Scorsese qui ci racconta la SUA storia d'amore col cinema e noi non possiamo fare altro che leggerla rapiti.

Rispondi

Segnala

Michelangelo Pollini

7 giorni fa

Queste sue parole mi fanno quello strano effetto che capita prima o poi con tutti quei personaggi che sono talmente famosi e sono (o sono stati) talmente influenti da non riuscire più a percepirli come persone: qui trapela un amore per il cinema come l'ha conosciuto e fatto lui, ma raccontato da un punto di vista estremamente personale da essere sorprendente e, la sua figura si fa ai miei occhi decisamente più umana. Probabilmente mi succede perché sebbene abbia visto diversi film suoi, non mi era capitato mai di approfondirlo in questo senso, non ho mai letto tanto riguardo a lui o di suo. Sono felice di iniziare a farlo adesso, in ogni caso.

Rispondi

Segnala

Luca Colombo

7 giorni fa

Direi che è il solito confronto cinema d'autore contro cinema industriale che si può translare su qualsiasi prodotto culturale post-gutenberghiano. 
Non sono granchè d'accordo sulla chiosa: oggi, con tutta la tecnologia a basso costo, la base di chi può iniziare fare cinema è molto più ampia rispetto ai tempi in cui ha iniziato Scorsese ed è molto più "facile" farsi notare da produttori e studios ed entrare nel "giro" che conta. Guardate semplicemente i vari autori horror che sono saltati fuori in questo periodo, guardate quanto è più semplice scoprire un talento proveniente da un Paese sconosciuto, guardate quanti nuovi "autori" esordiscono al cinema ogni anno. Magari hanno un percorso diverso da quello che potevano avere i vari Scorsese and co. all'epoca, ma guardiamo quanti nomi cita: una decina di nomi scarsi per quasi 80 anni di storia. Ovvio che gli autori in quanto tali sono pochi e che un settore industriale come il cinema abbia,per la maggior parte, degli "artigiani" che lavorano a mano "grossa". Quindi attenzione a questa cosa del dire "il cinema è degli autori", perchè è solo in parte vero. Gli autori portano avanti il cinema come arte, ma il grosso del lavoro di fidelizzazione lo fanno gli "operai" o coloro i cui nomi dimentichiamo. Molti dei registi di cinecomic probabilmente verranno dimenticati, ma anche fatto respirare il cinema come arte popolare. Certamente i cinecomic sono tanti e occupano militarmente le sale, ma davvero è tanto diverso da quanto succedeva anni fa con (esempio) i cinepanettoni? Con i western? Ogni periodo storico ha avuto un genere di film che soverchiava gli altri, oggi tocca ai cinecomic.
(scusate il pippone, ma qui vedo meno fanboy rispetto ad altri postie mi sento più libero di sproloquiare di grandi sistemi)

Rispondi

Segnala

Jaimy

7 giorni fa

Luca Colombo
sono d'accordo con te! Tra l'altro non capisco .. continua a dire che i film dovrebbero essere visti in sala, ma poi, come dice lui stesso, pure lui ha fatto un film con Netflix che andrà in sala solo per 3 giorni. Anche lui sta contribuendo a togliere la possibilità a grandi film di essere apprezzati al cinema. Perché se è consapevole di tutto ciò non ha provato a cercare un altro distributore? Di sicuro ignoro la difficoltà nel trovare un distributore che ti faccia fare tutto quello di cui hai bisogno. Però nonostante rispetti il suo pensiero non riesco a capirlo appieno.

Rispondi

Segnala

Luca Colombo

7 giorni fa

Jaimy
Lì il motivo è semplice: quale altro studio li avrebbe dato 180 milioni di dollari e il totale controllo creativo per un film di 3 ore in cui fa ringiovanire i suoi attori feticcio? Con tutto l'amore che provo per Scorsese, dubito che ci sarebbe mai stato un ritorno dell'investimento tale da permettere un vero guadagno. Netflix gli ha costruito ponti d'oro e lui, giustamente, è saltato a bordo subito.

Rispondi

Segnala

Claudio Serena

7 giorni fa

Luca Colombo
Eppure Martin lo spiega bene: non si tratta di un genere predominante ma di un franchise. Un modo di produrre e progettare film del tutto specifico.
"I film sono realizzati per soddisfare una serie specifica di esigenze e sono progettati come delle variazioni su un numero finito di temi.
Sono sequel nel nome ma sono remake nello spirito, e ogni cosa in essi è ufficialmente omologata perché non può essere diversamente.
Questa è la natura dei franchise cinematografici moderni: ricerche di mercato, testati con il pubblico, verificati, modificati, rivisti e rimodificati fino a quando non sono pronti per il consumo"
Tornando all'esempio del genere predominante del western (perché il Cinepanettone è un fenomeno nostrano) si può applicare lo stesso ragionamento? I film di Leone hanno la stessa struttura e lo stesso stile narrativo di altri western?

Rispondi

Segnala

Luca Colombo

6 giorni fa

Claudio Serena
Sì, ma non c'è solo il MCU (che viene citato come veniva citata la playstation a inizio millennio per citare i videogiochi in generale) ci sono tutti gli altri cinecomic che fanno "numero" (dalla DC in poi), sempre che questo termine abbia senso. 
Anche volendo allargare ai franchise, sono sempre esistiti, guarda quanti "Lo Squalo" sono stati prodotti negli anni. Che questa cosa sia esplosa negli ultimi anni è fuor dubbio, ma è successo perchè portano la gente al cinema. 
Scorsese parla di un pubblico molto preciso quando fa il discorso sull'abitudine, ovvero quelli che vanno al cinema perchè sono appassionati di cinema, chi va a vedere molti cinecomic spesso non lo sono e le case di produzione puntano a questi per rientrare delle spese. Oggi il numero di spettatori "forti", che vanno più volte al cinema, sono pochi per mille motivi (prezzi, sale, nuove modalità di consumo, ecc...), quindi i distributori e i poroduttori devono fare queste scelte.
Non può fare un paragone con i suoi anni perchè il mondo è cambiato totalmente da quando ha esordito lui, applicare i suoi schemi mentali secondo me è scorretto (ripeto, con tutto l'amore che provo per un genio come lui). 
Per la questione western, rientriamo sempre nella questione Autore Vs. Industria: Leone aveva il suo stile, ma Leone ha resuscitato un genere che stava esalando gli ultimi respiri. Per dire: tra gli anni '50 e gli anni '60 sono andati in sala oltre 100 film western, quanti di questi sono "epocali" e quanti sono stati dimenticati di questi? Coi cinecomic succederà la stessa cosa, anzi per certi versi sta già succedendo: puoi dire che Joker ha lo stesso stile del MCU? I cinecomic stanno cambiando e cambieranno nei prossimi anni, è la Storia che ce lo racconta.

Rispondi

Segnala

Filman

6 giorni fa

Luca Colombo
Hai ragione su vari aspetti, il primo è che i cinecomics stanno cambiando. 
Ma i paragoni che hai fatto non valgono. 
Perché i film di supereroi sono una cosa a parte.
Per quanti western uscissero prima, essi non hanno mai comportato un franchise, ogni film aveva i propri personaggi e la propria storia. L'evento era dato dalla presenza di un attore, al massimo, ma non dalla presenza di un personaggio.
La differenza è tanta.

Rispondi

Segnala

Luca Colombo

6 giorni fa

Filman
Stiamo secondo facendo lo stesso errore di Scorsese, ovvero non distinguere il MCU dai cinecomic. Il MCU è un franchise, no doubt, ma la DC non fa (anzi non è riuscita a fare per mille motivi) un franchise unico e i film che stanno buttando fuori sono saghe uniche basate sui singoli personaggi (vds Aquaman, Harley Quinn, ecc...) quindi una cosa più standard.
Poi sul western, non so quanto sarei d'accordo a distinguere attore/personaggio: John Wayne ha praticamente fatto lo stesso personaggio in quasi tutti i suoi film, quando vedi un film suo sai già cosa farà/interpreterà. Diciamo che spesso i film della Vecchia Hollywood (che Scorsese e company hanno smantellato) producevano film in cui, se vedevi un attore, sapevi già (nel 90% dei casi eh) che film era e che "ruolo" interpretava

Rispondi

Segnala

Claudio Serena

6 giorni fa

Luca Colombo
Il discorso è diverso. E' il "modo" in cui vengono pensati e costruiti i film Marvel che non piace a Scorsese (ed anche a me).
L'esempio che fai del Joker è perfetto (infatti non viene neppure considerato un Cinecomics da moltissima parte di pubblico e critica). Ma ci sono anche altri esempi come Il Corvo, i Batman di Burton, etc...
uso sempre le parole del buon Martin:"Molti film in franchising sono realizzati da persone di notevole talento e abilità artistica.
Lo si può vedere sullo schermo. 
Il fatto che i film stessi non mi interessino è una questione di gusto personale e indole.
So che se fossi più giovane, se avessi raggiunto la maturità in un secondo momento, avrei potuto eccitarmi per questi film e forse avrei persino voluto crearne uno io stesso.
Ma quando sono cresciuto nei tempi in cui è successo ho sviluppato una sensibilità nei confronti dei film - di quello che erano e di quello che potevano essere - che era lontana dall'universo Marvel quanto noi sulla Terra siamo lontani da Alpha Centauri."
e:
"I film sono realizzati per soddisfare una serie specifica di esigenze e sono progettati come delle variazioni su un numero finito di temi.
Sono sequel nel nome ma sono remake nello spirito, e ogni cosa in essi è ufficialmente omologata perché non può essere diversamente.
Questa è la natura dei franchise cinematografici moderni: ricerche di mercato, testati con il pubblico, verificati, modificati, rivisti e rimodificati fino a quando non sono pronti per il consumo.
Un altro modo di dirlo sarebbe che sono tutto ciò che i film di Paul Thomas Anderson o Claire Denis o Spike Lee o Ari Aster o Kathryn Bigelow o Wes Anderson non sono.
Quando guardo un film di uno di questi cineasti so che vedrò qualcosa di assolutamente nuovo e che mi porterà a vivere esperienze inaspettate e forse persino inimitabili.
Il mio senso di ciò che è possibile nel raccontare storie attraverso immagini e suoni in movimento verrà ampliato."

Rispondi

Segnala

Luca Colombo

6 giorni fa

Claudio Serena
L'ho letto anche io XD Ma siamo da capo, come ho scritto sopra: il MCU è una cosa, una roba unica, gli altri fanno altro. E non illudiamoci che i film prima non li facevano per incassare e per essere biecamente consumati, oggi semplicemente ci sono strumenti più precisi. E come ho scritto sopra: "Direi che è il solito confronto cinema d'autore contro cinema industriale che si può translare su qualsiasi prodotto culturale post-gutenberghiano. "

Rispondi

Segnala

Filman

5 giorni fa

Luca Colombo
Non sono d'accordo né su una cosa né sull'altra.

La DC ha fatto uscire diverse versioni di tutto perché gli è andata male, altrimenti avremmo avuto ancora Jared Leto ad interpretare Joker. Non è che The Amazing Spider-Man è al di là del discorso di Scorsese perché non è lo stesso attore degli Avengers. Scorsese nei suoi discorsi non ha mai parlato di serialità, che sarebbe un tema interessante da discutere, ma non è inerente. I cinecomics sono comunemente intesi come i film di supereroi: pochi personaggi, conosciuti al di là del cinema e con storie circoscritte. Questo è un cinecomics. Chi paragona Avengers e La Vita di Adele lo fa per far quadrare il suo pensiero, non perché effettivamente siano paragonabili. Mio parere.

Sui western, ci ricolleghiamo a sopra: Clint Eastwood nella trilogia del dollaro non è né un personaggio conosciuto al di là dei suoi film né è al centro di storie circoscritte. E se volevi fare un western senza John Wayne lo facevi lo stesso. E invece, ad oggi, quanti film con supereroi inventati dal nulla esistono? Bo, io conto Gli Incredibili e Jeeg Robot, uno è un film animato per bambini, l'altro un film italiano. Vogliamo veramente far finta che il fenomeno super-eroe sia un fenomeno ricorrente? Qua l'unico paragone che si può fare è tra cinecomic e film tributo. Ed è questo ciò che intendeva Scorsese. Se El Camino fosse uscito al cinema sarebbe rientrato anch'esso nel discorso. Tutto il resto è fraintendimento.

Rispondi

Segnala

Alessandro Zaza

7 giorni fa

Questa dichiarazione dovrebbe essere letta in tutte le scuole di cinema e a tutti gli addetti ai lavori. Magnifico.

Rispondi

Segnala

Sasuke

7 giorni fa

"90 minuti di applausi" per il caro Martin..... non riesco a trovare un singolo punto con cui essere disaccordo, il suo discorso è di una lucidità, di una franchezza e onesta che è impossibile non dargli ragione.

Rispondi

Segnala

Elisa Argirò

7 giorni fa

Mentre leggevo l'articolo e osservavo le immagini dei film di Scorsese mi è venuta come l'impressione di sentirmi dire "ehi tu, guarda cosa ha fatto quello che ha pronunciato queste parole! Non avere minimamente la presunzione di andare contro a quanto sta dicendo!"

Rispondi

Segnala

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni