close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#top8

8 cose che non sai su Interstellar

Interstellar è uscito nel 2014 e da subito ha diviso in due: da una parte gli amanti del film che hanno apprezzato l'impianto fanta-scientifico nel vero senso etimologico del termine, dall'altra i detrattori che invece non hanno sopprtato le - presunte - libertà in termini di scienza che il film si prende e soprattutto il fatto che il tutto si basi in fin dei conti sui sentimenti. 

 

Al di là di come la pensiate sulla pellicola di Christopher Nolan, ecco qui 8 cinefacts sul film, veloci veloci da leggere alla velocità della luce! 



Posizione 8



Kip Thorne

 

Quando ha lavorato al film non aveva ancora vinto il Nobel, ma era già indubbiamente uno dei nomi più autorevoli al mondo in merito alla fisica teorica. 

 

Per suo volere Interstellar non avrebbe lasciato spazio alla fantasia degli sceneggiatori - Christopher Nolan e suo fratello Jonathan - ma si sarebbe tutto basato su calcoli reali. 

 

Il fisico produsse per il film una quantità esagerata di equazioni scientifiche che furono poi la base per la creazione del buco nero e del wormhole: venne inventato un apposito software CGI basato sulle sue equazioni, e Thorne stesso si stupì quando vide per la prima volta la rappresentazione grafica del buco nero da lui teorizzato. 

 

Alcuni frame - 1/24 di secondo - generati dal software richiesero oltre 100 ore per essere renderizzati e tutto il sistema arrivò a pesare alla fine circa 800 Terabytes. 

Le rappresentazioni di buco nero e wormhole diedero lo spunto a Kip Thorne per la stesura di due nuovi saggi scientifici: uno rivolto alla comunità astrofisica e l'altro... ai tecnici di computer grafica. 

 

Se siete tra coloro che contestano a Interstellar un'eccessiva libertà creativa relativa alla rappresentazione di ciò che c'è nello spazio, sappiate che state contestando i calcoli di un Premio Nobel per la Fisica: sicuri di volerlo fare? 

Posizione 7



La Tuta di Anne Hathaway

 

L'attrice ha raccontato che mesi prima delle riprese avevano provato le tute per le scene che avrebbero poi girato nelle gelide acque islandesi, ed i test non erano andati benissimo...

 

Una volta sul set di Interstellar agli attori venne data una tuta da sommozzatore da indossare sotto la tuta da astronauta, per evitare appunto che prendessero troppo freddo. 


Anne Hathaway ricorda che purtroppo la sua tuta aveva un piccolo foro di meno di un centimetro, dal quale... entrava l'acqua.

 

A un certo punto si sentiva l'acqua al livello delle spalle, ma dato che si rendeva conto che non era l'unica in condizioni difficili (l'intera troupe era comunque immersa nell'acqua ghiacciata) decise di non lamentarsi: poco dopo però comincò a non sentire più le dita dei piedi, ad avere dei flash visivi e a notare che i contorni degli oggetti si facevano confusi e sfocati, al che chiese all'assistente regia

 

"Ehi, io non me ne intendo molto di ipotermia, ma quali sono i sintomi?"

 

L'assistente corse dal regista Christopher Nolan che, allarmato dalla situazione, urlò di iniziare a girare la scena immediatamente mentre chiamavano i soccorsi, per poter così finire più in fretta possibile, tirare fuori l'attrice dall'acqua e portarla a medicare, dato che in quel momento sul set non c'erano mezzi di trasporto a portata di mano ed era quindi quella la decisione più immediata ed utile.

 

...la Hathaway in ogni caso se la cavò solo con i primi sentori di una e vera e propria ipotermia, nulla di grave.

 

Ma sicuramente sui prossimi set non ci penserà due volte prima di avvertire qualcuno!

 

 

Posizione 6



L'IMAX sul Jet

 

Christopher Nolan è uno che preferisce le cose reali e tangibili agli effetti speciali. 

Così, non appena gli è possibile, sceglie di girare in location reali e con oggetti reali piuttosto che affidarsi alla CGI. 

 

Per Interstellar decise di far posizionare le pesanti e ingombranti cineprese IMAX - che riprendono con un formato ancora più grande del doppio di un normale 35mm - sul muso di un jet a reazione, in modo da avere del girato effettivamente ripreso da un aereo in volo ad altissima velocità. 

 

Non immagino la faccia della produzione quando chierì le sue intenzioni, e nemmeno quella del pilota quando gli dissero che avrebbe dovuto volare con una trentina di chili in più proprio sulla sommità del muso del jet! 

 

Posizione 5



I Click di Hans Zimmer

 

Tra i protagonisti assoluti del film di Christopher Nolan c'è la colonna sonora di Hans Zimmer, una delle componenti più premiate e apprezzate della pellicola. 

 

Un utente di Reddit ha notato una cosa riguardante il brano Mountainsche potete ascoltare qui.

 

Vi riporto il calcolo effettuato: ogni 60 secondi del brano si sentono 48 "click", quindi l'intervallo tra un "click" e l'altro è di 1,25 secondi.

 

"Ogni ora su Miller è di circa 7 anni sulla Terra" dicono nel film.

 

Ci sono 3600 secondi in un'ora e (86400 x 365.25 x 7) o circa 221.000.000 secondi in 7 anni, dandoci un fattore di conversione di 221.000.000 / 3600 ≈ 61400 secondi che passano sulla Terra per ogni secondo speso su Miller, il pianeta acquatico.

 

Se si moltiplica per l'intervallo tra ogni "click" si ottiene che... ogni "click" che si sente è un'intera giornata terrestre. 

Bel colpo, Zimmer!

Posizione 4



Il Mais

 

Perché fare dei campi di mais al computer quando puoi piantarlo davvero?

 

Tutte le scene iniziali del film, dove Matthew McConaughey e famiglia rincorrono il drone passando con il pick up attraverso il campo di mais, sono state girate... in un vero campo di mais!

 

Reduce da un lavoro simile effettuato sul set di Man of Steel nel 2012, film del quale era produttore, Christopher Nolan ha fatto coltivare 500 ettari di mais appositamente per il film, organizzandolo con largo anticipo per fare in modo che arrivasse all'altezza desiderata.

 

A fine riprese il mais è stato venduto, generando un piccolo profitto per la produzione. 

 

Vedete che conviene fare le cose dal vivo? 

 

Posizione 3

 

 

Il Tesseract

 

Vista al cinema, la scena ambientata nel tesseract sembra pura Computer Generated Imagery, ovvero CGI. 

Ma ormai dovreste avere imparato che a Christopher Nolan piace stare in mezzo alla realtà: il set era gigantesco e rappresentava le molteplici dimensioni all'interno delle quali si trova Cooper nel film, con l'illusione di una libreria che si allunga e si stira. 

Non solo: la scena del tesseract ha svariate ispirazioni letterarie. 
Il termine fu coniato da Charles Howard Hinton nel 1888 nel suo libro Una Nuova Era del Pensiero, dove viene descritto come una struttura che estende un cubo normale in quattro dimensioni.

Nel racconto breve di fantascienza di Robert A. Heinlein del 1941 La Casa Nuova, un architetto progetta una casa basata sul concetto geometrico di un analogo cubo quadridimensionale. 

Lo fa così bene che la casa si piega su se stessa e crea un ciclo dimensionale all'interno della struttura: le persone all'interno della casa possono vedere se stesse guardando da una stanza all'altra che è, in effetti, la stanza in cui si trovano ed è quindi quasi impossibile andarsene: molto simile a ciò che vede Coop nella scena di Interstellar

 

La scena ha alcune somiglianze con il concetto di Spazio L descritto nei libri di Terry Pratchett ambientati nel Mondo Disco

L'L-space - abbreviazione di Library Space, spazio della biblioteca - è il principio secondo cui la massa di informazioni contenute in una vasta raccolta di libri deforma lo spazio e il tempo, e di conseguenza una biblioteca sufficientemente ampia consentirebbe al visitatore di accedere a qualsiasi biblioteca ovunque nello spazio e nel tempo. 

 

Inoltre, durante la scena si può notare che uno dei libri sullo scaffale è Il Grande Nulla, di James Ellroy - chiaramente un'allusione a dove si trova Cooper in quel momento.

 

Non si può certo dire che i fratelli Nolan non abbiano fatto i compiti...

Posizione 2



La Polvere

 

Ancora realtà al posto del computer? 
Sì. 

È una costante nei film di Christopher Nolan e di conseguenza lo è anche in una Top 8 dedicata a Interstellar - e ancora non è finita! 

Sarebbe costato sicuramente meno realizzare le nuvole di polvere con l'aiuto della computer grafica, ma il regista volle a tutti i costi che fossero reali, per meglio catturare la reazione degli attori che avrebbero avuto a che fare con qualcosa di tangibile e dal quale scappare davvero, piuttosto che fingere di vedere qualche cosa che non c'è. 

 

La polvere inoltre gioca un ruolo fondamentale nel film. 

È la causa del disastro che vivono i protagonisti, dei loro problemi di salute e del cattivo raccolto, è ciò che spinge i ricercatori a trovare alternative valide dove far prosperare l'umanità. 

 

E il documentario The Dust Bowl del 2012 è stato l'ispirazione per l'impianto narrativo di Interstellar: il documentario narra della terribile piaga delle nubi di sabbia e polvere che colpirono le lande del nord degli Stati Uniti negli anni '30, in piena Grande Depressione. 

 

Nolan contattò il regista e il produttore di The Dust Bowl e ottenne da loro il permesso per qualcosa di particolare e, forse, poco conosciuto del film: le interviste che vediamo alla televisione in Interstellar non sono recitate e quelli non sono attori. 

 

Sono i veri sopravvissuti al disastro reale degli anni '30 e quelle sono le loro autentiche testimonianze, presenti nel documentario del 2012 e riutilizzate, con il permesso, da Christopher Nolan per Interstellar

 

Ancora una volta, la realtà la vince sulla costruzione della stessa. 

 

 

Posizione 1

 

 

Tars

 

Vi avevo avvisati: non era ancora finita. 

La maggior parte delle immagini dove vediamo il robot TARS non sono state generate al computer.

 

TARS era una sorta di burattino controllato e doppiato sul set dall'attore Bill Irwin, che venne poi cancellato digitalmente dal film.

 

In questo modo Christopher Nolan poteva dirigerlo come un attore reale - quale era a tutti gli effetti - dandogli indicazioni sui movimenti, sulle pause e sulle interazioni con il resto del cast. 

 

Irwin ha anche lavorato come burattinaio dell'altro robot del film, CASE, ma in quel caso la voce è stata data da Josh Stewart.

 

È stato calcolato che circa l'80% di ciò che vediamo di TARS nel film sia reale, e il resto aggiustato al computer. 

Irwin ha raccontato in seguito che a proposito del personaggio ebbe con Nolan una sola conversazione, nella quale il regista gli spiegò che avrebbe potuto risparmiare parecchi soldi facendo muovere sul set qualcosa di meno complicato e facendolo doppiare in post-produzione, senza quindi coinvolgere un attore durante le riprese, ma che non aveva intenzione di farlo. 

 

Nolan gli chiese poi a che tipo di voce aveva pensato per TARS. 
Bill Irwin rispose che leggendo la sceneggiatura gli aveva dato l'idea di essere una sorta di "ufficiale militare in pensione, uno che ha visto molte cose e che ha un deciso modo di porsi ma allo stesso tempo un suo senso dell'umorismo". 

Pare che la reazione del regista fu semplicemente un "Sì, va bene". 

 



Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Articoli

CineFacts

Articoli

Lascia un commento

16 commenti

Marco Natale

21 giorni fa

Il film lo apprezzo molto ma il lavoro di Kip Thorne sul buco nero è mostruoso

Rispondi

Segnala

Nicolò Murru

2 mesi fa

Film incredibile, anche per la produzione.

Rispondi

Segnala

Nicolò Murru

2 mesi fa

Film incredibile, anche per la produzione.

Rispondi

Segnala

Andrea Ginanni

3 mesi fa

Film strepitoso, l'attenzione ai dettagli e la volontà di girare il tutto in maniera più realistica possibile fanno la differenza tra un gran regista e uno mediocre.

Rispondi

Segnala

Michele Penna

3 mesi fa

Wow... quella sulle interviste non me la sarei mai aspettata.

Rispondi

Segnala

Giulio Scervino

3 mesi fa

Wow, le interviste e la numero 8 non me le aspettavo, bella top 8!

Rispondi

Segnala

matsod

3 mesi fa

Le sapevo tutte tranne… le cineprese IMAX montate sugli aerei. Ma quanto devi essere matto per pensarla un cosa del genere? ahahah

Rispondi

Segnala

Jaimy

3 mesi fa

Nolan un mito sempre

Rispondi

Segnala

Benito Sgarlato

3 mesi fa

Una delle top 8 più pazzesche per un film che non mi stancherò mai di riguardare e di difendere

Rispondi

Segnala

Billizful

3 mesi fa

Nolan è sempre una certezza. Penso che sia uno dei registi migliori in circolazione al momento ed Interestellar mi piace moltissimo.
*La cosa di Kip Thorne la sapevo quindi quando l'ho visto mi son tenuto alla larga da commenti sulla veridicità di alcune scene (anche perchè sono scarso in fisica😂)

Rispondi

Segnala

Val

3 mesi fa

La numero 7 è esagerata! Nolan si conferma uno dei registi/sceneggiatori che più tiene al realismo delle sue scene.

Rispondi

Segnala

Nuriell

3 mesi fa

Fantastico, ci sono diverse cose che non sapevo.

Rispondi

Segnala

Elena Mercuri

4 mesi fa

Io sono dal lato di quelli a cui il film è piaciuto e devo dire che quando leggo quanto si sbatte Nolan per il realismo non mi pento di considerarlo così bravo

Rispondi

Segnala

Sam_swarley

3 mesi fa

Elena Mercuri
condivido, ce ne sono pochi ormai che puntano ancora al realismo (per quanto possibile), mi ha colpito parecchio anche la questione delle interviste, assurdo

Rispondi

Segnala

Claudio Serena

4 mesi fa

il numero 7 è spettacolare! Mi era sfuggito questo Cinefacts!

Rispondi

Segnala

Eros Biazzi

4 mesi fa

Cinefacts a gogo!!! Devo dire che quello sulla polvere e le interviste mi ha veramente colpito !

Rispondi

Segnala

close
condividi

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni