close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#news

L'Academy invita 819 nuovi membri: 17 gli italiani

Spicca il nome di Pierfrancesco Favino ma tra gli 819 invitati a entrare a far parte dell'Academy of Motion Pictures Arts and Sciences ci sono altri 16 nostri connazionali di prestigio, in varie categorie. 

 

 

Da ormai 5 anni l'Academy ha aumentato a dismisura il numero dei nuovi invitati, nell'ottica di una sempre più ampia inclusione di nuovi membri che non siano necessariamente statunitensi, bianchi, maschi e di oltre 55 anni di età: erano infatti queste quattro le caratteristiche più rappresentate tra i membri che nominano e votano i Premi Oscar, ma le cose stanno cambiando. 

 

Nel 2018 il numero di nuovi invitati fu 928, un record, e l'anno scorso scesero a 842: in totale oggi i membri sono 9537 ed è presumibile che con i nuovi arrivi si sforerà il numero di 10000.

 

 

 

 

Non tutti coloro che vengono invitati accettano di far parte dell'Academy e quest'ultima non comunica la lista dei membri effettivi - come diventare membro ve lo abbiamo spiegato qui - ma sappiamo che la percentuale di adesione è attorno al 95%. 

 

Quest'anno su 819 invitati 367 sono donne, 405 non sono residenti negli Stati Uniti e 294 sono ciò che l'Academy definisce "comunità etniche o razziali sottorappresentate".

Nel 2016 venne resa pubblica l'intenzione di raddoppiare il numero di donne e il numero di persone di colore presenti tra i membri, e se quest'ultimo obiettivo è già stato raggiunto quasi certamente nel 2021 il roster avrà raggiunto anche il primo.

 

 

 

 

L'Italia è presente nell'elenco dei nuovi invitati con ben 17 professionisti. 

 

Oltre a Pierfrancesco Favino, invitato nella branch degli attori, l'elenco vede anche un trio di registe formato da Cristina Comencini, Francesca Archibugi e Maria Sole Tognazzi.

 

Ma non solo, perché tra gli invitati compaiono anche il costumista Massimo Cantini Parrini (Dogman, Pinocchio, Il Racconto dei Racconti), i montatori Roberto Perpignani (Ultimo Tango a Parigi, Il Postino) e Francesca Calvelli (No Man's Land, Il Traditore), le scenografe Livia Borgognoni (La stoffa dei sogni) e Paola Comencini (Romanzo Criminale).

 

E ancora: i musicisti Andrea Guerra (La ricerca della felicità, Nine) e Lele Marchitelli (La grande bellezza), la produttrice Elda Ferri (Sostiene Pereira, La vita è bella), il tecnico del suono Adriano Di Lorenzo (Gangs of New York, Il Traditore), le animatrici Emanuela Cozzi (Paranorman, Kubo e la Spada Magica) e Giovanna Ferrari (La gabbianella e il gatto) e gli artisti degli effetti visivi Luca Fascione (Deadpool, Alita - Angelo della battaglia) e Marco Revelant (Prometheus, Avengers: Endgame). 

 

 

 

 

Qui sotto trovate l'elenco degli invitati dell'Academy nelle principali categorie.

 

Da sottolineare la presenza dei due registi Robert Eggers e Ari Aster, rispettivamente autori di The Vvitch e The Lighthouse e di Hereditary e Midsommar, e anche quella di 12 professionisti che hanno lavorato a Parasite, il film di Bong Joon-ho trionfatore agli Oscar 2020 (se non vedete il suo nome nell'elenco è perché fu già invitato in precedenza).

 

Fa poi piacere vedere il nome di Olivia Wilde, attrice diventata regista con ottimi risultati, e quello di giovani attrici di talento come Ana de Armas, Beanie Feldstein, Florence Pugh, Thomasin McKenzie e Zendaya, che senza dubbio saranno tra le protagoniste del Cinema dei prossimi anni. 

 

Nel caso notiate lo stesso nome in più branch non preoccupatevi, non si tratta di un refuso: succede quando un professionista del Cinema ha per l'Academy evidentemente dimostrato di eccellere in più di una categoria e sarà poi lui, o lei, a scegliere di quale branch far parte. 

 

Attori e attrici 

Yalitza Aparicio

Awkwafina

Zazie Beetz

Alia Bhatt

Bobby Cannavale

Choi Woo-shik

Zendaya Coleman

Tyne Daly

Mackenzie Davis

Ana de Armas

Kaitlyn Dever

Cynthia Erivo

Pierfrancesco Favino

Beanie Feldstein

Zack Gottsagen

David Gyasi

Adèle Haenel

Kelvin Harrison Jr.

Brian Tyree Henry

Huang Jue

Jang Hye-jin

Jo Yeo-jeong 

Udo Kier

Lee Jung-eun

Eva Longoria

Natasha Lyonne

Tzi Ma

George MacKay

Tim McGraw

Thomasin McKenzie

Ben Mendelsohn

Rob Morgan

Necy Nash

Genevieve Nnaji

Park So-dam

Teyonah Parris

Florence Pugh

Hrithik Roshan

James Saito

Alexander Siddig

Lakeith Stanfield

Yul Vazquez

John David Washington

Olivia Wilde

Constance Wu

Wu Jing

Zhao Tao

 

Direttori della Fotografia 

Todd Banhazl

Jarin Blaschke

Nicola Daley

Oscar Faura

Takeshi Hamada

Chayse Irvin

Ron Johanson

Polly Morgan

Trent Opaloch

Larkin Seiple

Ken Seng

Vladimír Smutný

Jörg Widmer

Jasper Wolf

 

Costumisti 

Massimo Cantini Parrini 

Choi Seyeon 

Lisy Christl 

Caroline De Vivaise 

Nicoletta Ercole 

Catherine George 

Danielle Hollowell 

Neeta Lulla 

Eimer Ní Mhaoldomhnaigh

Dayna Pink 

Dorota Roqueplo 

Judy Shrewsbury 

Amy Westcott 

Denise Wingate 

 

Registi

Ali Abbasi 

Levan Akin 

Francesca Archibugi 

Ari Aster 

Icíar Bolláin 

Kat Candler 

Felipe Cazals 

Cristina Comencini 

Seastián Cordero 

Terence Davies 

Sophie Deraspe 

Mati Diop 

Robert Eggers 

Luis Estrada 

Sydney Freeland 

Bette Gordon 

Maggie Greenwald

Megan Griffiths 

Alma Har’el 

Sterlin Harjo 

Kathleen Hepburn 

Jan Komasa 

Tamara Kotevska 

Alejandro Landes 

John H. Lee 

Ladj Ly 

Victoria Mahoney 

Smira Makhmalbaf 

Mai Masri 

Akin Omotoso 

Matt Reeves 

Ljubo Stefanov 

Elle-Máijá Tailfeathers 

Maria Sole Tognazzi 

Jorge Alí Triana 

Matthew Vaughn 

Lulu Wang 

Wash Westmoreland 

Andrés Wood 

 

Montatori

Catherine Apple 

Andrew Bird 

Konstantin Bock 

Andrew Buckland 

Francesca Calvelli 

Alejandro Carrillo Penovi 

Przemysław Chruścielewski 

David Coulson 

Patrick Don Vito 

Tom Eagles 

Kayla M. Emter 

Lise Ford 

Madeleine Gavin 

Atanas Georgiev

Jeff Groth 

Nick Houy 

Carole Kravetz Aykanian 

Julien Lacheray 

Jennifer Lame 

Igor Litoninskiy 

Alex Marquez 

Benjamin Massoubre 

Kelly Matsumoto 

Roberto Perpignani 

Fred Raskin 

David Ian Salter 

Tambet Tasuja 

Michael Taylor 

Yang Jinmo 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

news

news

news

Lascia un commento



3 commenti

Nuriell

11 giorni fa

Buona notizia ma servirebbe ancora più diversità, quest'anno potevano fare un all-in di non statunitesi.

Rispondi

Segnala

Tati23

11 giorni fa

Ci voleva un po' di cambiamento. Finalmente!

Rispondi

Segnala

Mike

12 giorni fa

Favino a quanto pare accetterà visto che l'ha condiviso su Instagram 😂😍

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni