close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#articoli

Birdman - o (l'imprevedibile universalità di Riggan Thompson)

Amore e ammirazione, presunzione e coraggio, fama e prestigio: Riggan Thompson (Michael Keaton) è un personaggio tragico e contraddittorio, dilaniato tra il bisogno di vicinanza e quello di essere messo su un piedistallo.

 

A dispetto del nome da supereroe, il nostro Birdman è essenzialmente uno sconfitto: dalla sua famiglia (che l’ha superato), dal suo mondo (che l’ha dimenticato), da se stesso (che ha lasciato ciò accadesse).

 

- E hai ottenuto quello che volevi da questa vita, comunque?
- L'ho fatto

- E cosa volevi?

- Poter dire a me stesso che sono amato, sentirmi amato qui sulla Terra.

 

Una decadenza che a posteriori sembra inesorabile.

 

E senza riscatto: sin dalle prime scene lo troviamo rovistare tra le macerie di una carriera finita, pronto a esaurire tutte le risorse rimaste alla ricerca di una nuova luce, che poi è sempre la stessa: quella dei riflettori.

 

La sua parabola è quella di tanti: da attore a superstar, da personaggio a macchietta; il ruolo che ne ha sancito il successo (Birdman, supereroe alato) è stato anche la sua morte artistica, un sarcofago che prima gli ha dato lustro e poi si è richiuso su di lui, rivelandosi la sua tomba. 

 

 

 

Senza il successo che lo aveva allontanato dai suoi affetti, e lontano dalla possibilità di recuperarli, Riggan cerca di riscattarsi nell’unico modo che conosce: la recitazione. Dopo anni di anonimato il nostro decide di ripartire da Broadway, con uno spettacolo teatrale di cui è produttore, attore principale e regista.

 

What We Talk About When We Talk About Love: il romanzo da cui è tratto lo spettacolo è - ad un tempo - l’oggetto e la cornice di Birdman.

Riggan è una persona incapace di dare e di ricevere, un egocentrico che “confonde l’amore per ammirazione”.

Nella sua rincorsa disperata non riesce a trovare nessuno dei due.

 

Inseguito da un piano sequenza lunghissimo e ossessivo, Riggan inciampa su una serie di personaggi coi quali non fa altro che scontrarsi. 

"È come se qualcuno mi colpisse continuamente le palle con un martello minuscolo" .

 

Il secondo attore, Mike (Edward Norton) prende poco sul serio lui e lo spettacolo; le due attrici, Leslie e Laura, (Naomi Watts e Andrea Riseborough) intrecciano problemi personali e lavorativi, l'amico e co-produttore Jake (Zach Galifianakis) lo costringere a sbattere la testa sulle varie esigenze extra palco.

 

 



Ma lo scontro maggiore si consuma con la figlia Sam (Emma Stone), l'unica che Riggan cerca veramente di avvicinare, ma senza sapere come.

 

Esagerando (forse no) si potrebbe dire che gran parte delle sue motivazioni, in questo tentativo di rinascita, risiedono nell'idea che tornando famoso può ridare alla figlia un padre a cui ispirarsi.

 

"Quando sono venuto qui l'ultima volta da Los Angeles George Clooney era seduto due file più avanti in aereo con un bel paio di gemelli ai polsi e quel mento del cazzo.

A un certo punto c'è stata una turbolenza veramente terribile. 

E l'aereo non faceva che vibrare e scuotersi. Ed erano tutti in lacrime.

Piangevano.

 

Voglio dire... Piangevano e pregavano. 

Tutti. 

Io me ne stavo seduto, loro piangevano. Io stavo seduto e pensavo

"Oh, mamma. Domattina quando Sam aprirà il giornale vedrà la faccia di Clooney in prima pagina, non la mia"

 

Riggan è vuoto nella misura in cui problemi e soluzioni sono tutti proiettati all'esterno. 

 

Con un passato ingombrante alle sue spalle (letteralmente), e poche prospettive davanti a lui, l'unico rimedio è un'ottusa ostinazione nell'Arte, stavolta con la A maiuscola (almeno nelle intenzioni).

 

 



Ma in questa battaglia è solo o, meglio, isolato. 

 

Rigettato dal mondo dello spettacolo, che non ne dimentica il passato, e dalla stessa figlia, che non ne accetta le contraddizioni.

 

"Stai facendo una commedia basata su un libro scritto sessant'anni fa per un migliaio di vecchi rincoglioniti bianchi la cui preoccupazione è dove andarsi a prendere un dolce e un caffè a fine serata!
L'unico interessato a questa merda sei tu!

E adesso ammettilo papà: qui non c'entra assolutamente niente l'arte! Tu stai facendo questo perché vuoi sentirti di nuovo importante!   

 

[...] Insomma, chi cazzo sei tu?! Tu odi i blogger, ti fa schifo Twitter, non sei neanche su Facebook, è pazzesco!

Sei tu quello che non esiste!

Tu stai facendo questo perché hai una paura dannata, come tutti quanti noi, di non contare niente! E la sai una cosa?

Hai ragione: non conti!

Non è così importante, ok? Tu non sei importante!

Facci l'abitudine!"

 

 



Il dialogo con Sam è il punto di rottura di Birdman, il momento in cui nasce la frattura tra le ambizioni (o illusioni?) di Riggan e la realtà di un mondo affollato e insensibile.

 

La sua ricerca è un po' quella di tutti, e l'universalità della cosa la rende un mero atto di vanità.

L'incontro con Tabitha Dickinson (Lindsay Duncan) è uno scontro che non lascia incolumi: la vanità di Riggan è anche arroganza. 

 

"Questo è teatro, e non può presentarsi qui a far finta di saper scrivere, dirigere e recitare nel suo lavoro di autopropaganda, senza prima passare da me", lo snobismo di Tabitha è anche grettezza

 

"Qui non si parla per niente di tecnica! Non c'è una sola parola sulla struttura!

Non una parola sulle intenzioni!

È solo un mucchio di merdose opinioni, supportate da ancora più merdosi paragoni!"

 

 



Birdman è un film tecnicamente eccellente (che lavoro, Lubezki!), ma non è fine a se stesso: nel suo finto cinecomic - che parla di cinema parlando di teatro - Iñárritu ha creato un affresco enorme e sfaccettatissimo, disegnato dalle ossessionate perenigrazione di Riggan.

 

Il regista messicano ci regala giudizi netti, ma non lascia nessuno incolume: in un mondo privo di valori assoluti, le responsabilità dell’uno e dell’altro si sfumano fino a creare un insieme torbido.

 

Iñárritu ridicolizza, a un tempo, la ripetitiva artificiosità dei cinecomics - basati su formule trite e ritrite, un’omologazione capace di far scomparire gli interpreti - e la superficialità della critica, pronta ad etichettare aprioristicamente ogni lavoro artistico.

 

Ma la vera storia - quella che muove tutto, almeno - è la storia di un uomo che cerca di tornare rilevante in un contesto che sembra averlo già dimenticato.

Riggan sembra vincere la sua battaglia, ma è un'illusione.

 

In un mondo che porta in sé la sconfitta, l'unica catarsi è scomparire.

 

Dove?

Lo sanno solo gli occhi di Sam.

 

 



Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Articoli

Articoli

Articoli

Lascia un commento



135 commenti

Antonio Petta

8 mesi fa

Madonna che analisi nemmeno quando ti fai le analisi del sangue è cosi accurata

Rispondi

Segnala

Nikola Carpitelli

12 mesi fa

Analisi molto accurata di un film stupendo anche grazie ad un’ennesima ottima regia di alejandro gonzalez iñárritu che si conferma uno dei migliori registi del nuovo millennio

Rispondi

Segnala

Mike

1 anno fa

Analisi molto bella! Film stupendo e pieno di significati

Rispondi

Segnala

Santi Macaluso

1 anno fa

Analisi molto bella, anche se di questo film ci sarebbe da parlare per ore

Rispondi

Segnala

Manuel Perin

1 anno fa

io consiglio sempre di leggere "Di cosa parliamo quando parliamo d'amore" di Carver prima di vederlo, ci si mette pochissimo a leggerlo e permette di apprezzare ancora di più il contesto in cui i personaggi sono inseriti

Rispondi

Segnala

Matteo Tocci

2 anni fa

Uno dei miei film preferiti degli ultimi anni, nonché il preferito in assoluto di Iñárritu. Quando andai a vederlo al cinema ne sapevo poco e nulla, a fine proiezione non sapevo cosa dire tanto era l'incanto che provavo.
Racconto pregno di significati, attori straordinari (la scena in cui Sam recrimina il padre è da pelle d'oca), perfetto bilanciamento tra momenti comici e drammatici, tecnica impeccabile. Il modo in cui il regista e Lubezki hanno composto le immagini e mosso la MDP è da veri fuoriclasse.

Rispondi

Segnala

Enrico Foà

2 anni fa

Birdman mi è piaciuto moltissimo, lo trovo un film molto profondo e con molti significati. Un' altra cosa che io adoro che non è però menzionata in questa recensione è il sonoro; la batteria che accompagna tutto il piano sequenza è azzeccatissima senza essere invadente!

Rispondi

Segnala

Mattia Landoni

2 anni fa

Che film ragazzi. Bella recensione, secondo me hai centrato in pieno tutti gli spunti più salienti del film, ma visto che non ne hai parlato secondo me è da elogiare molto anche la parte sonora, che incornicia alla perfezione tutto il film (senza risultare troppo ingombrante)

Rispondi

Segnala

Nuriell

2 anni fa

Io amo gli happy ending, quindi ho un'interpretazione tutta mia del finale di questo film, alal faccia di tutto coloro che vedono solo il lato negativo.

Rispondi

Segnala

Milena Vesco

2 anni fa

Quando ho visto questo film al cinema ero presa malissimo, dovrei rivederlo per capire davvero se mi piace...

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni