close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#articoli

Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald - Recensione

David Yates torna alla regia del mondo magico cinematografico di Harry Potter, nel decimo film della saga con Animali Fantastici - I crimini di Grindelwald.

 

È il secondo prequel dopo Animali fantastici e dove trovarli e sesto film consecutivo della saga di cui è regista.

 

 

 

 

In passato i prequel di grandi franchise hollywoodiani hanno deluso gran parte degli appassionati delle saghe, con film distanti dallo spirito dei film originali come ad esempio i prequel di Star Wars e i più recenti prequel de Il signore degli Anelli e della saga di Alien.

 

Con Animali fantastici e dove trovarli, invece, sembrava che finalmente si avessero le idee chiare per costruire le basi di una saga prequel che funzionasse e che mettesse d’accordo sia il grande pubblico che gli appassionati del mondo di Harry Potter.

Il primo film funzionava bene e i personaggi erano diventati subito icone di questo prosieguo della saga.

 

Premessa doverosa, in quanto questo secondo capitolo è disastroso sotto molti punti di vista. Il che era quasi inaspettato sapendo che il team di Yates è stato lo stesso che ha lavorato al film precedente e che alla scrittura del soggetto e della sceneggiatura vi è sempre l'autrice dei romanzi, J. K. Rowling.

 

Di film in film la regia di Yates andava a migliorarsi, fino ad Animali Fantastici e dove trovarli in cui sembrava aver preso consapevolezza della gestione di un blockbuster.

Ne I crimini di Grindelwald sembra invece che sia tornato il Yates alle prime armi dei tempi di Harry Potter e L’ordine della Fenice.

 

Movimenti di macchina, fotografia e montaggio non riescono a creare inquadrature che appaghino visivamente e le sequenze non coinvolgono a causa di un ritmo blando provocato dal montaggio e dalla scrittura delle scene, rendendo il comparto visivo mediocre e poco coinvolgente.

In molti casi, quando un film non possiede di base un soggetto brillante, se viene curato sotto l’aspetto tecnico la visione diventa godibile e riesce a risollevare anche una sceneggiatura fallace. Però in questo caso la sceneggiatura non è solo poco brillante: è proprio pessima.

 

Un difetto che fin da subito fa capire il poco impegno messo nella scrittura è la scelta di far spiegare ai personaggi, attraverso dei dialoghi, ciò che accade tra il primo e il secondo film.

Cosa che normalmente nel cinema è un espediente narrativo di poco gusto se non viene reso bene, infatti tale scena quando viene mostrata appare ridicola.

 

 

 

 

 

Gli animali fantastici vengono messi in secondo piano e sembrano anch’essi inseriti a forza per giustificare il titolo del film.

Almeno da un punto di vista della computer grafica sono resi bene, come in generale tutti gli effetti visivi, una delle poche cose che funzionano del film.

 

Un altro aspetto che delude di questo capitolo della saga è lo snaturamento dei personaggi: nel primo film i protagonisti erano scritti e interpretati molto bene, tanto da fartici affezionare.

Qui invece non sembrano gli stessi che il pubblico ha imparato a conoscere: Newt Scamander, Jacob, Porpentina e Queenie compiono azioni e dicono frasi che risultano spesso insensate, arrivando a tratti a sembrare una parodia di loro stessi.

 

Il personaggio di Jacob, che nel primo film era il personaggio comico e che si armonizzava perfettamente con gli altri protagonisti, qui è stato inserito nella trama in modo forzato.

Non è mai divertente nel film, nemmeno quando si vuol cercare di far ridere il pubblico.

Neppure la sua classica risata, che nel capitolo precedente funzionava come espediente comico, qui viene buttata quasi a caso in una scena, risultando solo come l’ennesima forzatura.

 

La direzione degli attori è quasi inesistente.

Probabilmente gran parte di questo problema è da attribuire nuovamente alla sceneggiatura che fa acqua da tutte le parti: i personaggi sono davvero tanti e quasi nessuno approfondito.

L’unico personaggio che ha una caratterizzazione meno superficiale rispetto agli altri è quello di Leta Lestrange, legata narrativamente a molti dei personaggi del film e al centro di varie sottotrame.

 

Sottotrame che però a tratti risultano prive di logica, per le azioni compiute dai personaggi e per come vengono narrate, da un punto di vista cinematografico e da un punto di vista di costruzione dell’intreccio narrativo.

 

Nel film inoltre ci sono varie incoerenze a livello di continuità della saga che vanno ulteriormente a confondere lo spettatore e che fanno chiedere come sia possibile che tali incoerenze narrative provengano dalla mente dell’autrice del mondo magico di Harry Potter.

 

 

 

 

 

Una delle poche cose che funzionano nel film, per presenza scenica e dialoghi, sono i personaggi di Silente e di Grindelwald, interpretati rispettivamente da Jude Law e Johnny Depp.

 

La bravura dei due attori riesce ad innalzare qualitativamente le scene in cui compaiono, soprattutto una in cui Depp recita un monologo scritto bene, in cui finalmente il villain della saga mostra il suo potenziale e ruba la scena a tutto il resto del film.

 

Questo però non basta per considerare riuscito, o quantomeno gradevole, un film che ha troppi problemi sia nella scrittura che nella messa in scena.

Non si capisce cosa sia preso a J. K. Rowling, la quale non solo scrive una sceneggiatura che da un punto di vista cinematografico non funziona, ma che rovina con le proprie mani parte della coerenza narrativa costruita in anni di romanzi e film dell’universo di Harry Potter

 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Articoli

Articoli

Articoli

Lascia un commento

14 commenti

Rebecca Pettirossi

8 mesi fa

Non so voi ma io di Crimini di Grindelwald ne ho visti ben pochi 😂
A parte le battute, mi è piaciuto molto meno rispetto al primo, alcuni personaggi trascurati o snaturati senza spiegazione (come Queenie), le creature magiche a parte una breve apparizione iniziale sono andate scemando durante tutto il film e poi ci sono stati dei collegamenti errati con Harry Potter (piuttosto che inserire a forza dei richiami alla saga principale per poi sbagliarli, meglio non mettere nulla a mio avviso)....sufficienza scarsa questa volta...

Rispondi

Segnala

Eugenio Donini

9 mesi fa

Secondo me il film è molto confusionario e si perde dietro mille personaggi praticamente tutti dimenticabili. Poi da fan (dei libri) ho trovato i collegamenti con la saga  molto forzati o addirittura errati.

Rispondi

Segnala

Vi.

10 mesi fa

Sinceramente ho trovato gradevole il film, sarà che sono una fan della saga e forse è stato l'affetto a condizionarmi molto. Il ritorno a Hogwarts mi ha messo la pelle d'oca. Sono d'accordo sulle imprecisioni e spero con tutto il cuore che le ultime frasi di Grindelwald siano solo una menzogna per spingere Credence ad agire! Il rapporto tra Grindelwald e Silente è una delle cose che più mi aveva affascinato nei Doni della Morte (e che non era stato affrontato bene nel film) e spero che nello scontro finale si ritorni alle origini (per così dire)!

Rispondi

Segnala

Niccolò Nuti

10 mesi fa

Secondo me questo film risente tantissimo la sua natura di capitolo interlocutorio all'interno di un franchise, come  volte accade in questi casi. Se Animali Fantastici doveva servire ad introdurre nuovi personaggi mentre sullo sfondo si intravedeva una storia più grande, a questo film toccava l'onere di iniziare la storia vera e propria, eppure alla fine succede poco nulla. L'esigenza di riempire due ore di film (blockbuster dal minutaggio più contenuto non ne escono) quando hai due cose da dire essenzialmente (la definizione degli schieramenti e la rivelazione finale) ga generato questo mappazzone intricatissimo.
Sul lato tecnico sottoscrivo tutto, anche se temo che Yates rimarrà al timone fino alla fine come da programma.
Sono rimasto invece abbastanza spiazzato dalla scrittura dei personaggi invece, perché se nel primo film mal sopportavo Tina e Newt, in questo tutto sommato si salvano secondo me, mentre Queenie e Jacob, che erano la parte migliore del capitolo precedente, in questo sono veramente tremendi. In particolare è la scrittura di lei che è pessima, affossa ogni scena in cui è presente, compie una scelta finale senza senso e credo che Jacob ne risenta tanto, in fondo lei è il suo aggancio alla storia.
Detto questo io in realtà sono un super fan di HP quindi non ho odiato il film e ho tanto hype per il proseguo, speriamo solo aggiustino il tiro.

Rispondi

Segnala

Enrico Macchiarella

10 mesi fa

Io l'ho trovato appunto un film gradevole e godibile, non indimenticabile( ma già il primo non lo era) . Insomma un buon film di " harry potter"

Rispondi

Segnala

Mattia Malaspina

10 mesi fa

Essendo un fan della saga sia letteraria che cinematografica, ho trovato molto godibile il film, ho trovato qualche difetto, come la confusione iniziale, o i primi piani con sguardi in macchina, ma per il resto credo che sia un film gestito relativamente bene, vedremo con gli altri

Rispondi

Segnala

Anna

10 mesi fa

Sono convinta che la Rowling entro i prossimi film, perchè ricordiamoci che questo è solo il secondo su cinque previsti per Animali Fantastici, darà una spiegazione migliore. Il finale mi ha lasciato molto MEH, nel senso che da fan di Harry Potter mi è venuto un forte mal di testa, non sapendo se essere contenta o incazzata per la cosa. 
Tralasciando le incongruenze a livello di trama, la regia ha delle carenze evidenti. Questa mia tesi si può confermare con i primi 10 minuti di film, dove "non si capisce na mazza" di quello che sta succedendo, cercando di evitare di scrivere spoiler. Altra cosa, subito dopo direi, perché quei lunghissimi primi piani su Newt e Leta, perché?
Rispetto al primo film è sottotono, però d'altro canto immagino che essendo un film di transizione magari è stato gestito un po' male per via di non lo so, sto giustificando l'ingiustificabile, Dadiv Yates basta per piacere, non capisco questo rapporto fisso con la Rowling, sogno ancora un giorno che Cuaròn torni a prendere in mano la situazione. 
Infine le interpretazioni, posso solo dire che sono piacevolmente stupita di Johnny Depp, era da veramente troppo tempo che non lo vedevo così, è magnetico, ha costruito un personaggio interessante e complesso, ruba effettivamente tutta la scena per cui i miei complimentoni. Jude Law è stato anche lui molto bravo, è effettivamente il Silente che da lettrice mi sarei aspettata ma che soprattutto desideravo. Sono assolutamente d'accordo con te quando parli di Leta, tralasciando il fatto che è bellissima, ogni volta che compariva in scena pensavo quanto bella sia quella ragazza, è un gran bel personaggio, che ho amato e che spero torni.

Rispondi

Segnala

Kevin Hysa

10 mesi fa

Anna
Yates penso che rimarrà a dirigere tutti i prequel. Ha firmato contratti così duraturi con Warner perché probabilmente la major, fin dai tempi del quinto film di Harry Potter, voleva puntare su un regista che facesse il suo mestiere senza pretendere nulla. Pretese che un regista come Cuaron giustamente avrebbe.

Rispondi

Segnala

Nuriell

10 mesi fa

Se volete un'analisi approfondita, diverse teorie e scoprire anche errori dovuti a traduzioni errate cercate il canale di Caleel su YouTube, ha fatto diversi che per gli appassionati della serie saranno sicuramente molto interessanti.

Rispondi

Segnala

Maatz

10 mesi fa

Premetto che non sono un fan sfegatato della saga e il primo Animali Fantastici non mi aveva fatto impazzire. Ma questo è proprio brutto. Anche tralasciando presunti errori di continuity con l'universo Potteriano e guardandolo come film a se stante fa acqua da tutte la parti. Non esiste una trama, sembrava un episodio di una serie tv scritto male, personaggi del tutto out of character, flashback a caso giusto per fare un po' di fan service, il protagonista sballottato di qua e di là fastidioso e completamente inutile, introduzione di 200 personaggi senza alcun approfondimento... pur guardandolo come film di raccordo, non raggiunge la sufficienza neanche lontanamente... nemmeno gli effetti speciali e un buona perfomance di Johnny Depp riescono a risollevarlo

Rispondi

Segnala

Billizful

10 mesi fa

Concordo con la recensione ma mi piacerebbe leggerne una con gli spoiler e le relative reazioni.

Rispondi

Segnala

Drugo

10 mesi fa

Da fan di questo universo posso dire che il film non mi è proprio piaciuto.

Rispondi

Segnala

Paolo

10 mesi fa

sicuramente non il più riuscito dei lavori della Rowling, per quanto a me sembra sia riuscito a trasmettere un'atmosfera immersiva nel mondo magico, che poi è il bello dei film di questa saga!
Però sulla sceneggiatura ho dei dubbi sia interamente sua  non scritta a più mani..non riesco a spiegarmi sennò il dislivello rispetto alla storia originale..

Rispondi

Segnala

Kevin Hysa

10 mesi fa

Paolo
Penso che in quanto produttrice del film ed autrice del soggetto abbia avuto molto potere decisionale per quanto riguarda la scrittura della storia. Quindi credo che la maggior parte delle incoerenze con l'universo di Harry Potter che ci sono in questo film siano state decise da lei.

Rispondi

Segnala

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni