close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#articoli

Monster - Recensione: le bugie dell'innocenza - Cannes 2023

Al Festival del Cinema di Cannes esordisce Monster, il nuovo film di Hirokazu Kore'eda che ci parla di infanzia, amore e delle bugie della società giapponese

Hirokazu Kore'eda torna al Festival del Cinema di Cannes con Monster, film che porta con sé i temi cari al regista e regala al pubblico le ultime note composte da Ryuichi Sakamoto, omaggiato alla fine del film dopo la recente scomparsa.

 

Per il regista giapponese Cannes è un po’ il giardino dei suoi sentimenti più morbidi, quello nel quale sente di poter tornare a giocare ogni qualvolta il suo animo segue l’impulso di correre nei prati dell’infanzia, dei rapporti d’amore e d’amicizia, per confrontarsi con tutto quello che segna e spezza uno dei periodi più delicati della vita di un essere umano.

 

Monster, parlando di ritorni, è quindi l'occasione per lavorare nuovamente con Sakura Ando, già protagonista del film Palma d’oro Un affare di famiglia, questa volta nei panni di una madre vedova alle prese con un figlio vessato a scuola dal maestro. 

 

 

[Trailer originale di Monster]

 

 

Su sceneggiatura di Yûji Sakamoto, Monster è un dramma strutturato sul sistema narrativo di Rashomon, raccontando i singoli punti di vista dei personaggi protagonisti al fine di ribaltare continuamente l’idea che lo spettatore si fa degli eventi. 

 

Va da sé che Monster, a partire da una premessa apparentemente semplice, diventa con il passare dei minuti sempre più accorato, appassionante e pregno di significati e dettagli che Hirokazu Kore'eda suggerisce allo spettatore con intelligenza. 

 

Le apparenze ingannano, ma la messa in scena è chiara e puntuale nel prendersi il cuore e la curiosità del pubblico: prima coinvolto emotivamente, poi stranito e incuriosito grazie all’utilizzo di soluzioni che raccontano mezze verità. Le bugie e le omissioni, in scena con i personaggi ma anche fuori campo, sono insieme struttura narrativa portante e soluzioni utili a rendere i raccordi tra i punti di vista non un mero espediente di ritmo, ma un collante emotivo saggiamente orchestrato.

 

Dissonanze per sussurrare che qualcosa non torna. 

È la vita di questi adulti che tiene in scacco la crescita dei veri protagonisti: i bambini.

Tuttavia, quello che ho letto attraverso il mio sguardo in Monster, non è LA verità. 

 

Non è un suggerimento su come affrontare la visione e, in tutta franchezza, sono certo che quando guarderò Monster una seconda volta troverò molto altro.

 

 

 

 

Monster è un film dove le bugie sono protagoniste e ci raccontano un Giappone dominato da adulti che soffiano via i problemi attraverso il senso pratico delle scuse. 

 

L’inchino diventa l’assunto assurdo di una grottesca barzelletta, le sentite scuse un seppuku morale che è tutto fuorché un gesto eroico, quanto piuttosto una logora etichetta parte di una mentalità legata al principio dell’onore e dell’ordine.

Monster sembra quasi suggerire come il rigore della società Giapponese, spesso invidiato da altre culture, e i suoi principi sociali diventano una gabbia crudele per l’animo, una conveniente via di fuga totalmente cieca ai bisogni dell'essere umano e delle sue emotività. 

 

Le formalità e le cordialità di questa brutta battuta che non sembra conoscere punchline è un ridicolo gioco di specchi: l’illusione della perfezione cercata a discapito di tutto e di tutti, un momento di fuga dalle responsabilità che mangia l’innocenza, l’amore e la vita.

 

 


 

L’infanzia e i sentimenti bianchi che spingono i bambini ad avere segreti riverberano nella magnificenza delle arie di Ryuichi Sakamoto, che in Monster accompagnano le brillanti immagini che Kore'eda dedica ai giovani protagonisti, portandoci in una visione più rotonda della vita e nella quale, grazie allo sguardo infantile, troviamo grazia nel caos.

 

I bambini, contrariamente a noi adulti, nelle loro esternazioni naturali governate dall’anarchia e dal loro estro sono senza filtri, piani, preconcetti, esprimono una logica infinitamente più cristallina dietro a quelle che possono sembrare azioni illogiche. 

Monster è un film che ci riporta a saper voler bene, quello che l’adulto ingrigito di Marcello Mastroianni in non sa più fare. 

 

Kore'eda gira un film allegro, agrodolce, malinconico, meravigliosamente poetico e aggraziato nel parlare di amore in ogni sua forma, trovando nella messa in scena di questa storia una formula perfetta per toccare temi complessi e spinosi. 

 

Become a Patron!

 

CineFacts segue tantissimi festival cinematografici e non potevamo certo mancare a quello più importante del mondo!  

Per il 5° anno di fila - che sarebbe il 6° se non ci fosse stata la pandemia - vi aggiorniamo quotidianamente su tutto ciò che è Cannes con recensioni, stories, video, podcast, foto, messaggi vocali e qualsiasi altra cosa ci venga in mente! 

Se vuoi supportare tutto il gigantesco sbattimento che ci facciamo (e che ti assicuriamo non costa poco...) allora prova a dare un'occhiata ai livelli degli Amici di CineFacts e diventa uno di loro! 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Lascia un commento



1 commento

LaTati23

1 anno fa

Molto interessante, spero venga distribuito in Italia.

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni