close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#articoli

Climax: Gaspar Noé o lo odi o lo odi... ma non puoi non amarlo!

Nel 2012 mi trovavo a Los Angeles e un amico mi segnalava un'imperdibile proiezione di Enter The Void al New Beverly. In tutta onestà non conoscevo il film, ero più curioso di andare a vedere qualcosa in quel cinema d'essai la cui programmazione è curata dallo stesso proprietario della sala, Quentin Tarantino

 

Enter The Void si rivelò essere un flash assurdo, un trip imperdibile.

 

Forse un tantino trascinato nella lunga seconda parte, ma quell'inizio raccontato in prima persona dagli occhi del protagonista con tanto di battiti di palpebre e percezioni alterate dalla droga, per di più ambientato a Kabuki-cho (il quartiere di Tokyo preferito da me e dalla Yakuza), è qualcosa di indimenticabile e mai visto prima.

 

In sala, più di altri film, è un'esperienza unica e imprescindibile.

 

 

 

 

Uscito dalla sala mi rendo conto che avevo già incrociato il mio cammino di cinefilo con questo bizzarro e provocatorio regista, avevo visto anni prima il controverso Irreversible, a casa, in TV, ma mi aveva indubbiamente colpito.

 

Era in effetti immaginato, concepito e confezionato per colpire.

Diciamo pure che al tempo, da buon cinico, avevo subodorato una certa paraculaggine dietro il suo intento artistico.

 

Enter the Void mi fa rivalutare completamente il tutto.

Ormai ero un fan di Gaspar Noé.

 

 

 

 

Fast forward.

 

Love in 3D.

Lasciatemi un attimo per sottolineare in 3D perché sono un fan della stereoscopia, quando viene usata per farci qualcosa (non necessariamente di buono o interessante).

 

Questo implica che ci sia un pensiero e un'idea dietro la scelta del formato, ed è ciò che conta per me.

Per l'ennesima volta vengo risucchiato nel mondo di Gaspar Noé e ne sono felicissimo.

 

Fast forward again.

Sono a Cannes e viene presentato Climax, che partecipa alla Quinzaine des Réalisateurs.

Mi affretto, ma la fila per entrare è lunga due isolati.

Impreco.

 

One more fast forward.

Finalmente Gaspar Noé è tornato in console e ieri sono riuscito a vedere il suo ultimo film in occasione del Milano Film Festival.

Sono felice e appagato.

 

 

 

 

Come accennavo prima, se ogni film ha qualcosa da guadagnare nell'esperienza di visione in sala, i film di Noé credo che vivano di una speciale simbiosi con questa modalità di fruizione.

 

Penso a Love visto in 3D e l'imbarazzo che provoca tra gli spettatori nascosti dietro gli occhialini o a Enter The Void e gli attacchi epilettici.

Come loro anche Climax riesce in qualche modo a destabilizzare.

 

Il regista sa perfettamente come catapultare lo spettatore in uno stato mentale alterato utilizzando suono e immagini per suggestionare invece che raccontare.

Il racconto c'è ma è indiretto, risultato di una concatenazione di stimoli audiovisivi, di curiosità verso i personaggi non-personaggi che si muovono sullo schermo e che condividono l'alterazione con lo spettatore.

 

Non voglio dire nulla di quello che succede nel film, perché ogni elemento svelato è dannoso all'esperienza e rimarrebbe comunque irrilevante.

Quello che il film riesce a suscitare non è raccontabile con le parole, ma fa parte di qualcosa di più intimo e viscerale.

 

È Cinema nella sua più vera concezione.

 

 

 

 

Torno un attimo sulla terra.

 

Il mio plauso va sicuramente al casting eccezionale, bravi tutti.

Sofia Boutella è il volto più riconoscibile in un ensemble che non predilige nessuno in particolare. Infatti non viene usata esplicitamente come "star", sebbene nell'effettivo lo sia, e questo dà alla sua performance un valore aggiunto.

 

Standing ovation alla fotografia dell'inseparabile Benoît Debie, con il concatenarsi di lunghi piani sequenza e situazioni di una complessità tale che non ho la minima idea di come siano state girate.

Impeccabile e geniale il montaggio curato dallo stesso Gaspar Noé.

 

Ogni cosa è perfettamente al suo posto, ma sono genuinamente curioso e vorrei sapere quanto del caos che si vede su schermo sia effettivamente controllato e quanto invece fosse dovuto a improvvisazione e guizzi dell'ultimo momento.

Purtroppo, sebbene invitato, il regista non è riuscito ad essere presente alla proiezione del Festival.

Sarà per la prossima volta.

 

 

 


Concludendo: non saprei giudicare il film, e anche rimanendo nell'ambito della filmografia di Noé non saprei dire se mi è piaciuto più o meno di altri.

E non saprei nemmeno dire se i suoi film possano essere considerati capolavori o meno.

 

Quello che posso dire è che credo che quello che lui aveva in mente di fare l'ha fatto.

L'esperimento è sicuramente riuscito.

 

In tutta onestà, nessuno dei suoi film è tra i miei film preferiti, ma Gaspar Noé ha la dote rara di riuscire a rendere lo schermo un gigantesco magnete e a risucchiarti al suo interno, e per questo ha un posto di diritto tra i miei registi preferiti.

 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Articoli

Articoli

News

Lascia un commento



25 commenti

Mike

1 anno fa

Devo recuperarli assolutamente

Rispondi

Segnala

zedisdead

2 anni fa

adoro noé e non vedo l'ora di vedere la sua nuova follia. chi sa dirmi quando esce in italia? non l'ho ancora capito

Rispondi

Segnala

Emanuele Antolini

2 anni fa

Ho visto solo Love e penso che vederlo in 3d sia stato un'esperienza inspiegabile. Affascinato da questo regista che se ne sbatte delle opinioni altrui e realizza il film come lo ha immaginato.

Rispondi

Segnala

Drugo

2 anni fa

È da tempo che voglio recuperarmi la filmografia di Gaspare Noé, penso che dopo questo articolo comincerò da Enter the void

Rispondi

Segnala

Luca Ernandes

2 anni fa

Visti al cinema devono essere uno spettacolo per gli occhi!!
Mi immagino le persone, alla proiezione di Love, nascoste dietro gli occhiali 3D che cercano di cogliere le espressioni del pubblico in sala pensando "ma solo io mi sento estremamente in imbarazzo seppur non riesca a smettere di guardare?!"

Rispondi

Segnala

Maatz

2 anni fa

Ho visto solo Love, però Enter The Void mi attira molto vedrò di recuperarlo

Rispondi

Segnala

Pietro Pagano

2 anni fa

Davvero una bella recensione genuina e diretta che non ha bisogno di costruzioni leziose per attirare. 

Rispondi

Segnala

Per ora visto ed apprezzato solo enter the void (e nemmeno al cinema 😭), devo recuperare gli altri al più presto

Rispondi

Segnala

Piero Crea

2 anni fa

Articolo perfetto per descrivere Noé e i suoi film..non avrei trovato parole migliori

Rispondi

Segnala

Regista che mi ha sempre attirato, vorrei iniziare vedendo "Enter the void" che mi ispira moltissimo ma non riesco a recuperarlo da nessuna parte 😞

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni