close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#Stortod'autore

Inside Out e le cause di plagio contro Disney Pixar

Se non hai visto Inside Out ti dico subito la trama e di cosa sto parlando: Inside Out è un film di animazione prodotto dalla Pixar e distribuito dalla Disney che racconta la storia di un'adolescente (Riley), sradicata dalla sua vita nel Midwest per seguire il padre, trasferitosi per lavoro a San Francisco, e di Gioia, Tristezza, Paura, Rabbia e Disgusto, i piccoli personaggi che governano la sua “consolle emotiva” e che ne influenzano le azioni di tutti i giorni.

 

 

Il film è stato premiato con un Oscar e ha incassato, solo negli Stati Uniti, 356,5 milioni di dollari.

 

Forse proprio per questa ragione, per gli incassi da capogiro, non sono mancate le cause di plagio: esplorando il web ne ho contate 3. 

 

 

 

Damon Pourshian v. Disney / Pixar

 

La prima è stata instaurata da Damon Pourshian.

Il canadese ha denunciato Disney/Pixar per plagio.

 

Nella sua denuncia si legge che Damon avrebbe scritto una sceneggiatura dal titolo “Inside Out” nel 1999.

Dalla sceneggiatura Damon avrebbe realizzato un cortometraggio che avrebbe proiettato nel college che ha frequentato, lo Sheridan. 

 

Molti dipendenti Disney/Pixar attuali si sono laureati proprio lì.

Disney/Pixar, quindi, avrebbe rubato la sua storia e utilizzato lo stesso titolo del film d’animazione: la causa è ancora in corso.

 

Qui sotto alcuni estratti.

“In effetti, ha ricevuto chiamate non richieste da vecchi compagni di scuola che erano a conoscenza del cortometraggio Inside Out di Mr. Pourshian e immediatamente hanno visto le sorprendenti somiglianze tra le due opere.

Dopo aver appreso delle numerose connessioni tra il suo lavoro proiettato ai tempi del college nel 2000 e il film Disney Pixar, il signor Pourshian è giunto alla conclusione che Disney Pixar ha violato il copyright del suo lavoro.”

 

“Anche i titoli delle due opere sono identici, e identici sono i temi trattati - il mondo esterno del protagonista e il modo in cui quel mondo è collegato al mondo interno normalmente invisibile.

Entrambe le opere descrivono i dettagli di come i mondi interiori dei loro protagonisti sperimentano il mondo esterno, ed entrambi lo fanno rappresentando le forze trainanti dei comportamenti dei loro protagonisti come personaggi interni antropomorfizzati che reagiscono e interagiscono con il mondo esterno.”

 

 

 

Carla J. Masterson v. Disney / Pixar

 

La seconda è stata instaurata da Carla J. Masterson, Carla è una scrittrice del Nevada.

Ha sostenuto che la Disney avesse plagiato il suo libro  e la sua sceneggiatura What’s On The Other Side Of The Rainbow? (The Secret Of The Golden Mirror).

 

Carla ha affermato che Disney Pixar le avrebbe copiato anche i personaggi riproducendoli nel film.

Ha affermato che le sue opere

“Descrivono le emozioni dell’infanzia di gioia, paura, tristezza, rabbia, felicità, amicizia, amore e timidezza come i personaggi che compaiono in tutto il suo libro”.

 

Carla dice che copie del suo libro sono state inserite nelle borse delle celebrità distribuite in attesa degli Emmy Awards 2010, degli Academy Awards 2011 e degli Teen Choice Awards 2012.

 

Poiché il regista di Inside Out, Pete Docter, lo sceneggiatore Michael Arndt e “molti dirigenti della Disney” hanno partecipato a queste cerimonie e hanno ricevuto le borse con il suo libro dentro, sostiene Carla, avrebbero copiato il suo libro.

 

La causa è stata archiviata.

 

 

 

Denise Daniels v. Disney / Pixar

 

La terza causa è stata instaurata da una psicologa del Minnesota, esperta di bambini, Denise Daniels. 

La Daniels rivendica la sua idea originale nata nel 2005 e poi utilizzata in Inside Out dieci anni dopo, nel 2015.

 

Secondo la causa, l’esperta quell’anno raggruppò un team per produrre la prima puntata pilota di uno show chiamato The Moodsters nato per aiutare i bambini a comprendere i loro sentimenti, dove a spiegarli ci sarebbero stati dei personaggi rappresentanti 5 emozioni: felicità, tristezza, rabbia, amore e paura. 

Allo stesso modo, in Inside Out sono 5 i personaggi protagonisti: gioia, tristezza, disgusto, paura e rabbia.

 

La Daniels aveva discusso delle prospettive di una produzione televisiva con dirigenti Disney e Pixar, incluso il regista del film. 

 

Il team di Disney le avrebbe, così, rubato l’idea.

 

In diverse interviste, Pete Docter ha detto di essersi ispirato allo sviluppo emozionale di sua figlia per scrivere il film. 

“È diventata sempre più solitaria e silenziosa”

 

In quel momento, Docter ha iniziato a domandarsi “Cosa succede nella sua testa?”.

Alla fine è arrivata l’idea di trasformare le emozioni in personaggi ed è nato Inside Out. 

 

Anche questa causa è stata archiviata.

Inside Out

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Lascia un commento



2 commenti

Mike

4 mesi fa

praticamente tutti i film potrebbero essere plagio di altri, il punto secondo me è come viene trattato un certo argomento, è quello che differenzia un film da un altro

Rispondi

Segnala

mariapinacris

4 mesi fa

Quando vidi inside out per la prima volta feci un ponte mentale con una serie poco conosciuta che, da poco più che ragazzina, adoravo:"ma che ti passa per la testa?" (Herman's head), questo per dire che in ogni caso l'argomento non è nuovissimo ma rimane originale la trattazione, la tecnologia di realizzazione etc etc...

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni