Caricamento...

Caricamento...

close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#Stortod'autore

Woody Allen fa causa agli Amazon Studios per 68 milioni di dollari

Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, Woody Allen nella sua azione legale contro Amazon chiede 68 milioni di dollari per i danni subiti.

 

Nella documentazione prodotta da Allen si legge che Amazon si è tirata indietro: non ha voluto far fede all'accordo concluso lo scorso giugno a causa dell'accusa contro il regista-attore che, 25 anni fa, avrebbe molestato la figlia adottiva, Dylan Farrow!

 

Allen mette in discussione la validità della risoluzione del contratto avanzata da Amazon, affermando che si basa su vecchie denunce mai provate che, comunque, Amazon conosceva quando ha firmato con il regista.

Woody Allen afferma quindi che Amazon non ha il diritto di risolvere l'accordo per la produzione e la distribuzione del suo film.

 

 


 

Nel 2014 Amazon stava cercando contenuti originali da produrre e ha concluso un accordo con il cineasta per una serie intitolata Crisis in Six Scenes.

Poi sono arrivati altri accordi per altri quattro film.

 

Si trattava di patti con compensi ricchissimi che, secondo i documenti prodotti in Tribunale, garantivano minimi alla società di Allen, la Gravier Productions, per un totale compreso tra i 68 e i 73 milioni di dollari. 

 

Tuttavia, la carriera di Allen ha preso una nuova piega.

Le accuse di abusi sessuali sulla figlia sono tornate all'attenzione dei media e Amazon si è indispettita.

 

Allen afferma che nel giugno 2018 Amazon ha tentato di risolvere il contratto

"Amazon ha cercato di trovare una scusa per non fare fede agli accordi tirando fuori una storia di 25 anni fa, senza fondamento, contro il signor Allen.

Ma quella accusa era già ben nota ad Amazon (e al pubblico) prima che Amazon stipulasse quattro accordi separati con il signor Allen e, in ogni caso, non può essere causa di risoluzione del contratto ", afferma il reclamo (leggi qui).

 

 



"Semplicemente non c'era un motivo legittimo perché Amazon potesse non fare fede alle sue promesse". 

 

Allen dice che, in base all'accordo, lui e gli investitori hanno usato 20 milioni di dollari per finanziare la produzione di A Rainy Day a New York, con Jude Law e Selena Gomez, ma che Amazon si è rifiutata di effettuare i pagamenti garantiti sul film.

 

Dice che sono ancora dovuti 9 milioni di dollari più gli importi aggiuntivi da versare in ​​base al successo del film.

 

Allen sostiene inoltre che Amazon si è impegnata alla distribuzione cinematografica per un periodo di almeno 90 giorni.  

"Nonostante le ripetute richieste, i Convenuti non hanno evidenziato alcuna disposizione in nessuno degli accordi dei film di Allen che conferisse a Amazon il diritto di risolvere l'accordo e, di fatto, nessuna disposizione di questo tipo esiste. 

 

In breve, dopo che Amazon ha usato il signor Allen per promuovere e costruire lo studio di Amazon Studios come studio cinematografico a pieno titolo, lo ha scartato, ha ripudiato gli accordi cinematografici conclusi con Allen e si è rifiutata di onorare i propri impegni nei suoi confronti".  

 

La causa sottolinea che quando Amazon ha firmato per la prima volta, l'allora capo dello studio della compagnia Roy Price ha detto a tutti che Amazon sarebbe stata la "casa" di Woody Allen per il resto della sua carriera.

 

Nel frattempo Amazon ha cambiato gestione e Price ha dovuto dimettersi da Amazon in seguito... ad accuse di molestie sessuali!

Sei mesi dopo il completamento della post-produzione, Amazon informava Allen che "non intendeva distribuire o sfruttare in altro modo il film".

 

Amazon deve ancora rilasciare commenti sull'accaduto, ma si difenderà dicendo che sono sopraggiunti fatti tali da rendere impossibile il proseguimento del rapporto (c.d. frustration of purpose).

Mentre la causa si fa sempre più vicina, la domanda rimane una: saranno vere le accuse mosse contro Woody o dopo 25 anni cadono in prescrizione?  

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Lascia un commento

10 commenti

Angela

9 giorni fa

Sono assolutamente dalla parte di Allen; le accuse di 25 anni fa non sono fondate (e questo fatto delle molestie sta proprio scemando, sminuendo un po' il tutto) e Amazon o chiunque altro, oltre a rovinare la carriera di un regista che ha fatto la storia, le accuse le conosceva prima di girare il film, però ha accettato lo stesso per guadagnare qualche dindino in più. 
Che poi se uno è bravo nel lavoro che fa, perché mischiare la vita professionale con quella privata? Io conosco persone che si sono rifiutate di venire in sala con me, perché l'attore che recitava era stato accusato di abusi e violenze (e il tutto non era neanche provato) ma scherziamo?

Rispondi

Segnala

Vi.

7 giorni fa

Angela
Sono pienamente d'accordo!

Rispondi

Segnala

Claudia Roggero

6 giorni fa

Angela
Vero. La tristezza è che quando ci sono cosi tanti soldi di mezzo le cose sono sempre più complicate!

Rispondi

Segnala

Nuriell

9 giorni fa

Direi che Woody ha tutte le ragioni di chiedere i danni.

Rispondi

Segnala

Claudia Roggero

6 giorni fa

Nuriell
Forza Woody!

Rispondi

Segnala

Valerio Dp

9 giorni fa

Dalla parte di Allen: accuse, vere o meno, che si conoscevano anche prima dei contratti.
Spero distribuiscano almeno il film già girato.

Rispondi

Segnala

Elena Mercuri

9 giorni fa

Io non posso fare a meno di essere dalla parte di Allen

Rispondi

Segnala

Claudia Roggero

9 giorni fa

Elena Mercuri
beh direi! io rimango sempre sconvolta dalla quantità di denaro che gli americani investono nel cinema!😂

Rispondi

Segnala

Elena Mercuri

9 giorni fa

Claudia Roggero
Per poi ritirarsi al primo cambiamento di vento 😂

Rispondi

Segnala

Claudia Roggero

6 giorni fa

Elena Mercuri
Si appunto 🎥

Rispondi

Segnala