close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#Stortod'autore

Diritto d'autore e opera biografica

Si possono liberamente scrivere, pubblicare o raccontare le vite dei personaggi famosi?

Se, per esempio, volessi fare un film tratto da una biografia o solo raccontare in pellicola la vita di una persona famosa, dovresti chiedere l'autorizzazione? Sto parlando di personaggi noti a cui piace mettere in piazza le proprie faccende e quindi perché dovresti avere paura di parlare della loro vita?     

 

Te lo dico subito: per raccontare una storia vera sarebbe meglio chiedere il permesso.

Partiamo, infatti, da un concetto fondamentale che regola la legge sul diritto d'autore: è sempre meglio, per evitare qualsiasi problema o controversia legale, chiedere l'autorizzazione.

Non è detto che la legge ti obblighi, ma è sempre utile avere il consenso in forma scritta. Una bella liberatoria firmata è già qualcosa.  

 

Se racconti la vita di una persona ancora in vita, il consenso te lo dovrebbe rilasciare lui o lei.

Altrimenti i diritti sulla biografia durano anche dopo la morte del personaggio che vuoi ritrarre e possono essere fatti valere, senza limite di tempo, dal coniuge e dai figli e, in loro mancanza, dai genitori e dagli altri ascendenti e dai discendenti diretti; mancando gli ascendenti e i discendenti, dai fratelli e dalle sorelle e dai loro discendenti.    

 

Come ti accennavo, i diritti sulla biografia non sono di per sé tutelati da nessuna legge, né in Italia né tanto meno in America, ma c'è sempre un rischio: quello di ledere l'integrità morale, il decoro o la reputazione del protagonista della tua storia.

Che diritti sono?

In Italia si definiscono diritto morali d'autore e i nostri Giudici tendono a rendere i diritti sulla vita liberamente utilizzabili se non venga rappresentata la persona con elementi che possano integrarne la diffamazione. In America sono i c.d. right of publicity che non sono altro che quelli riguardanti l'uso pubblicitario e commerciale del nome, ritratto o immagine di qualsiasi persona vivente.       

 

Allora mettiamo che tu voglia raccontare la vita di un narcotrafficante.

Incrocia le dita e spera che non abbia figli perché anche i narcotrafficanti hanno una dignità da difendere!

 

 

 

 

 

Perché tutta questa premessa?

Per raccontarti la storia del film sulla vita di Barry Seal.

Barry Seal - Una Storia Americana è un film del 2017, diretto da Doug Liman, con protagonista Tom Cruise. Seal aiutò il governo degli Stati Uniti a imprigionare diversi criminali del cartello di Medellin per poi, successivamente, venire ucciso a Baton Rouge.

 

La vita di Seal ha fatto gola alla Universal che ha subodorato la possibilità di farci un film che fosse al tempo stesso un thriller, una spy story, un biopic e, stando ad alcune dichiarazioni, anche una commedia.

Quindi Universal si è messa al lavoro.

Ha fatto scrivere una bella sceneggiatura tutta azione e ha ingaggiato Tom Cruise.

 

 

 

 

 

L'uscita del film era prevista per gennaio 2017, ma una causa legale ha bloccato la distribuzione.

Infatti una delle figlie del pilota e contrabbandiere di droga ha citato in giudizio la casa di produzione americana.

 

Le vicende familiari di Barry (un po' diverso da Tom Cruise in quanto a fisico e presenza scenica) sono veramente complicate ed emozionanti quasi come la sua vita da narcotrafficante.

Nel 1963 Seal sposa Barbara Dodson. Ebbero due figli, Lisa e Adler.

Nel 1971, Seal e Barbara si separano e Seal sposa Lynn Ross quello stesso anno. Da quel matrimonio non nacquero altri figli.

Nel 1974, Seal sposa Deborah Dubois. Ebbero tre figli, Aaron, Christina e Dean.

 

 

 

 

 

La figlia di Barry, Lisa Seal Frigon, avuta con la prima moglie, è stata nominata amministratrice degli immobili di Barry Seal il 2 Giugno 2015 e, sulla base di tale nomina, ha citato in giudizio Universal e gli eredi di Barry. La figlia, amministratrice delle proprietà del padre, ha avanzato diritti sulla vita di Barry come parte del suo patrimonio e quindi ricadenti nella gestione immobiliare affidata a lei.

 

Inoltre si legge nella citazione che

"anche se la storia della vita di Adler Berriman Seal non fosse di proprietà della figlia Lisa, i convenuti Debbie, Aaron, Christina e Dean non si sono curati di rimettere alla amministratrice delle sue proprietà eventuali proventi che hanno ricevuto dal loro accordo con la Universal, ma invece hanno usufruito del ricavato solo per il loro uso personale e a loro beneficio." 

 

Eh sì, perché nella causa si legge che la terza moglie di Seal, Debbie, e i suoi tre figli, hanno ricevuto 350.000 dollari per i diritti sulla storia del contrabbandiere della CIA, mentre la figlia Lisa non ha ricevuto nulla. Vedi: Universal aveva chiesto l'autorizzazione agli eredi, per evitare problemi, ma si era dimenticata della prima figlia di Barry! 

 

Lisa, oltre che sul fatto di non essere stata pagata, ha anche avuto da ridire sulla sceneggiatura del film.

Ha detto che si basava sulla vita di suo padre ma tuttavia 

"...contiene molte inesattezze di fatto e quindi ritrae falsamente Adler Berriman Seal." 

L'azione legale afferma che il film travisa la storia coniugale di Seal: lo ritrae come il padre di tre figli, non cinque, travisa la storia del suo lavoro, falsamente lo ritrae come un ubriaco, travisa il suo rapporto con i suoi due figli più grandi, falsamente lo ritrae come un pilota spericolato e ritrae falsamente il luogo e le modalità della sua morte.

 

C'è una lesione della personalità e della persona di Barry Seal. Viene sminuito il valore della persona di Barry (che ricordati: era un narcotrafficante!)

 

 

 

 

 

A queste accuse la casa di produzione cinematografica ovviamente ha risposto.

Universal ha rivendicato il diritto sulla biografia di Barry Seal dicendo che 

"...è la storia di un narcotrafficante e del lavoro che ha fatto per il cartello di Medellin per la CIA a Mena, Arkansas... La vera storia di Barry Seal, un pilota originario della Louisiana che trafficava droga sotto copertura per la CIA nel 1980."

E visto che le storie non sono tutelate dal diritto d'autore perché riguardano fatti in pubblico dominio, beh... Lisa non aveva, secondo la difesa, nessun diritto da vantare.

 

Non sono più emerse in seguito informazioni sul caso, ma il film alla fine è uscito nelle sale quindi probabilmente tutto si è concluso con una transazione che ha sedato gli animi e i portafogli! 

 

Molti, quando devono raccontare una storia vera, pensano sia obbligatorio il consenso del protagonista.

In realtà, se i fatti della vita che vuoi raccontare sono di pubblico dominio e la storia è vera e non lede la moralità o il decoro di nessuno, non è necessaria alcuna autorizzazione. Ma, come dimostra la storia che ti ho raccontato, è sempre meglio ottenere un consenso scritto da chi detiene i diritti, dagli eredi o dalla persona protagonista della storia, se ancora in vita.

 

Sempre meglio avere tutti dalla propria parte e collaborare alla realizzazione dell'opera filmica.

Altrimenti, quello che puoi fare è inserire un bel disclaimer per tutelarti.

Il classico "Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è puramente casuale"

 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Lascia un commento

12 commenti

Marco Masi

5 mesi fa

Grazie per l'articolo. Molto interessante. Ma se qualcuno ti scrive che ti autorizza a raccontare/scrivere/girare la sua storia puoi promettergli che gli darai una parte dei guadagni? e se si per quanti anni vale?

Rispondi

Segnala

Samuel De Checchi

12 mesi fa

Il film è buono

Rispondi

Segnala

Vi.

12 mesi fa

Articolo molto interessante! Complimenti! Volevo chiederti il fatto di raccontare una storia vera in cui si capisce di chi si sta parlando (anche senza farne i nomi) e mettendo "Ogni riferimento a fatti realmente accaduti è puramente casuale", ti assicura di non essere citato in giudizio?

Rispondi

Segnala

Claudia Roggero

12 mesi fa

Vi.
Ciao Vi. Grazie per il commento. La domanda è molto interessante. È vero che la storia, per essere oggetto di una fondata querela, dovrebbe arrecare un danno o una lesione alla reputazione del personaggio di cui intendi parlare. La sicurezza quindi non c'è mai ed è sempre meglio ottenere una liberatoria. Se vuoi saperne di più sull'argomento vai su https://www.dandi.media/2017/06/utilizzo-dellimmagine/

Rispondi

Segnala

Vi.

12 mesi fa

Claudia Roggero
Grazie mille! Approfondirò il discorso😁

Rispondi

Segnala

Claudia Roggero

12 mesi fa

Vi.
👍 se avessi qualche altro dubbio o curiosità contattami pure. ciao claudia

Rispondi

Segnala

Angela

12 mesi fa

Bello, molto interessante anche perché a me piacciono molto i film biografici e mi stavo giusto chiedendo come facessero in certe situazioni.
Ma se invece devono fare un film biografico sulla vita di una persona morta da molto tempo (tipo Leonardo Da Vinci) si segue la stessa procedura?

Rispondi

Segnala

Claudia Roggero

12 mesi fa

Angela
Ciao Angela. Dipende da cosa intendi per "molto tempo". Il personaggio deve essere caduto in pubblico dominio. Scriverò anche di questo, ma se vuoi saperne di più vai su https://www.dandi.media/2017/11/ogni-riferimento-e-da-ritenersi-puramente-casuale/😃

Rispondi

Segnala

in tutto ciò... Barry Seal, il film, com'è? 😂

Rispondi

Segnala

Claudia Roggero

12 mesi fa

Francesco Brandolini
Ahhaha! Io dopo che ho saputo della causa e di tutti i soldi spesi da Universal non sono andata a vederlo. Mi sono fermata alla serie su Escobar.

Rispondi

Segnala

Nuriell

12 mesi fa

In effetti nel mondo moderno pieno di leggi su copyright e privacy mi chiedevo come facessero in situazioni simili e che rischi si corrsssero a fare qualcosa di "non autorizzato", come viene spesso scritto in titoli di vari libri.

Davvero molto interessante, spero in futuro di leggere altre cose interessanti su questo aspetto della creazione delle opere che seguiamo tanto.

Rispondi

Segnala

Claudia Roggero

12 mesi fa

Nuriell
Grazie! Con questo articolo ho inaugurato la rubrica dedicata al diritto d'autore su cinefacts. Presto potrai leggere nuove curiosità al riguardo, stay tuned! Se hai domande specifiche sul diritto d'autore nel cinema, scrivimi pure. 😊

Rispondi

Segnala

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni