close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#OscarHistory

Oscar 1999: Elia Kazan e il maccartismo

La cerimonia degli Oscar 1999 non viene ricordata solo per l'incredibile vittoria di Roberto Benigni (qui l'articolo della rubrica ad essa dedicata), ma anche per ciò che accadde al momento della consegna dell'Oscar alla carriera a Elia Kazan, grande regista, tra gli altri, di Fronte del Porto, Un tram che si chiama Desiderio e La valle dell'Eden.

 

L'apporto che Kazan diede al cinema americano tra gli anni '40 e i '50 fu considerevole: contribuì a lanciare nell'Olimpo degli attori Marlon Brando e James Dean, cioè i due divi maledetti per antonomasia, tra i primi esponenti del cosiddetto Metodo (l'Actors Studio di New York fu fondato proprio da Kazan nel 1947), che più di altri seppero rappresentare su schermo una generazione intera di giovani smarriti e insoddisfatti del proprio ruolo sociale, anticipando così i temi della futura New Hollywood e assurgendo a modelli per la successiva generazione di interpreti.

 

Ma soprattutto, grazie allo stile e ai contenuti delle nuove storie raccontate, che mettevano in luce un lato oscuro dell'America che fino a quel momento non era mai stato affrontato, Kazan ebbe il merito di essere una sorta di traghettatore, alla pari di pochissimi altri, tra il cinema narrativo classico e la prima modernità hollywoodiana, che sarebbe poi esplosa di lì a poco. 

 

 

[Marlon Brando in Un Tram che si chiama Desiderio (1951) e James Dean ne La Valle dell'Eden (1955)]

 

 

Purtroppo, gli indubbi meriti cinematografici non bastarono a coprire un triste episodio della vita e carriera del regista, che l'avrebbe condannato per sempre agli occhi dell'opinione pubblica e dei colleghi (una parte di essi, almeno).

 

Nel 1952 Kazan, dietro forte pressione del comitato McCarthy, fece numerosi nomi di attori e registi che avessero avuto un passato da simpatizzanti comunisti.
A seguito della soffiata, molte di quelle persone ebbero la carriera finita e/o la vita rovinata.

In ragione di ciò, nell'istante in cui il regista entrò nella sala per ritirare la statuetta (all'epoca aveva 90 anni) il pubblico, memore dei suoi trascorsi, si divise essenzialmente in tre parti: qualcuno si alzò comunque in piedi per concedergli onore, come Meryl Streep, Kathy Bates e Kurt Russel; qualcun altro applaudì, ma in modo tiepido e senza alzarsi, come Steven Spielberg, Jim Carrey e Cate Blanchett; qualcun altro ancora, invece, rimase seduto e a braccia conserte, in segno di chiara protesta, come Ed Harris e Nick Nolte, seduti entrambi in prima fila. 

 

È certamente uno dei tanti episodi di Hollywood che fa riflettere sul confine che intercorre tra Uomo e Artista.

 

Un discorso di cui si è sempre dibattutto nel corso del tempo con riferimento a tantissime personalità del mondo del cinema (da Walt Disney a Kevin Spacey, passando per Roman Polanski) e che oggi è più attuale che mai, soprattutto alla luce degli scandali che si sono verificati nell'ultimo anno e mezzo, dal caso Weinstein in poi, e che hanno causato una sorta di caccia alle streghe nell'ambiente hollywoodiano, per non dire delle vere e proprie epurazioni (alcune anche discutibili, come per il caso di Woody Allen).

 

Queste furono le parole di Kazan:

"Vi ringrazio molto.

Mi piace molto sentire tutto questo. Voglio ringraziare l'Academy per il coraggio e la generosità.

E voglio dirvi che sono stato membro dell'Academy, dentro e fuori dall'Academy, non so per quanti anni, quindi sono grato di poter affermare solo il meglio sul loro conto: sono dannatamente bravi a lavorare.


Voglio anche ringraziare... Marty? Dove sei?

Dove ti nascondi, dietro di me? Dov'è Marty? Eccoti, grazie anche a te.

E Bobby, Bobby De Niro [abbraccia Robert De Niro]. Voglio ringraziarvi tutti quanti.

E penso che ora potrei svignarmela."

 

Qui di seguito il video originale della premiazione.
Da notare l'evidente imbarazzo sui volti di Martin Scorsese e Robert De Niro, chiamati sul palco per introdurre Kazan.

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

News

News

Top8

Lascia un commento



1 commento

Nuriell

1 anno fa

In questo caso non credo che ci si debba riflettere sul confine tra uomo e artista, la sua fu la scelta di un uomo, il fatto che fosse un'artista non centra nulla.

Dal mio punto di vista capisco perfettamente che ci sia chi ha deciso di "protestare dignitosamente" contro questo premio che forse ha impedito a molti altri di essere su quel palco.

Certo le sue qualità d'artista possono meritare un premio ma visto che sicuramente ci sono tante persone che lo meritano ogni anno ce ne saranno state altre più meritevoli anche quell'anno.

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni