close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#news

The Irishman: è scontro tra Netflix e le sale cinematografiche

I negoziati sulla distribuzione di The Irishman nelle sale cinematografiche sono ancora in corso, senza che sia stato raggiunto un accordo tra Netflix e le catene statunitensi AMC e Cineplex, secondo quanto riportato dal New York Times.

 

Come già successo per Roma, il film di Alfonso Cuaròn vincitore di 3 Premi Oscar, il principale punto di contesa riguarda l'esclusiva finestra temporale per la tenitura nelle sale, con Netflix che si oppone all'insistenza degli esercenti che vogliono che il film rimanga per circa tre mesi nei cinema prima di diventare disponibile per lo streaming.

 

I negoziati tra Netflix e le sale in merito a The Irishman pare che si siano interrotti a luglio, per poi ricominciare due settimane fa.  

 

"Sono in corso colloqui con Netflix sulla nostra proiezione di The Irishman e altri film di Netflix, ma il risultato di queste conversazioni non è ancora chiaro", ha dichiarato il direttore generale di AMC Adam Aron in una nota al New York Times.

 

 

 

The Irishman è senza dubbio tra i film più attesi dell'anno: regia di Martin Scorsese, protagonisti Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci, con la partecipazione di Harvey Keitel, Bobby Cannavale e Anna Paquin. 

 

Basterebbero questi nomi per convincere chiunque che si tratta di un film che merita un grande spazio nelle sale cinematografiche: sappiamo che sarà presentato in anteprima al New York Film Festival il 27 settembre, ma dopo quella data è ancora tutto avvolto dalla nebbia.  

 

 

 

 

In The Irishman vedremo Joe Pesci che interpreta il capo della mafia della Pennsylvania Russell Bufalino, con Al Pacino co-protagonista nel ruolo del presidente dei Teamsters Jimmy Hoffa, e Robert De Niro nei panni del braccio destro, il titolare irlandese Frank Sheeran.

 

 

Il film utilizza ampiamente la tecnologia di ringiovanimento per raccontare una storia che si espande nel tempo: De Niro, Pacino e Pesci interpretano i loro personaggi lungo decenni di vita.

 

Ovviamente The Irishman è una delle maggiori speranze di Netflix per la corsa agli Oscar 2020 ed è scontato che la piattaforma streaming farà una feroce campagna promozionale per il film durante la Award Season che partirà a novembre. 

 

 



Tuttavia, resta da vedere quanto The Irishman prospererà nella corsa all'Oscar, dato che Hollywood continua a esprimere disagio sull'approccio di Netflix alla distribuzione cinematografica.

 

"Ci sarà una distribuzione nelle sale", ha detto la produttrice del film Jane Rosenthal del film.

“Deve esserci. È un'esperienza diversa rispetto a guardarlo a casa.

In un cinema potresti iniziare a ridere di qualcosa perché le persone accanto a te ridono - e The Irishman è molto divertente, proprio come era divertente Quei Bravi Ragazzi".

 

Se lo dice una produttrice possiamo solo sperare che sia così, e che magari anche in Europa e in Italia non vedremo in sala The Irishman solo pochi giorni in poche sale. 

 

Ma non resta che aspettare la conclusione di un braccio di ferro tra esercenti e Netflix che, per ora, pare restare in perfetta parità. 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

news

news

news

Lascia un commento

4 commenti

Francesco Alfi

24 giorni fa

Se questo film non esce nella sale è proprio la sconfitta del cinematografia.

Rispondi

Segnala

Samuele Monzani

25 giorni fa

Non capisco questo accanimento da parte di Netflix a voler mandare il film in due cinema lo stesso giorno in cui li mette in streaming, non fanno che tirarsi la zappa sui piedi da soli. Voglio dire, anche Amazon ha le sue esclusive, ma almeno ha la decenza di farle uscire prima in sala con una distribuzione adeguata e poi, dopo qualche mese, caricarli su Prime Video. Ovviamente ignoro il lato economico della questione, ma così facendo Netflix si dimostra solo irrispettosa verso le sale, verso noi spettatori e verso la settima Arte in generale.

Rispondi

Segnala

Hanza

25 giorni fa

Ma io non capisco che problema abbia Netflix. 
Premetto che non so quali siano i costi per avere nelle sale cinematografiche un film, però se Netflix mandasse i suoi film al cinema avrebbe comunque un guadagno grazie agli incassi nelle sale (vero che non tutti i suoi film avrebbero un buon successo, però un film come The Irishman sono sicuro che avrebbe un grande successo) e dopo i 2/3 mesi nelle sale potrebbe mettere su Netflix i film. 
Secondo me sarebbe meglio fare così per loro, invece che mettere il film subito su Netflix senza passare nelle sale. E' vero che c'è la storia degli abbonati ma non penso che uno si abboni a Netflix solo perché esce il film che gli interessa, e poi essendo che c'è il mese gratis secondo me molti userebbero quello e basta invece che fare l'abbonamento.
Secondo me la cosa migliore sarebbe quella di fare sala + Netflix per film diciamo "buoni" (es. The Irishman, Roma, Annientamento..), invece solo Netflix per gli altri film.

Rispondi

Segnala

IlBuonVecchioNick

26 giorni fa

Ho Netflix ma se non va al. Cinema mi incazzerei

Rispondi

Segnala

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni