close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#news

Addio al regista tedesco Wolfgang Petersen: aveva 81 anni

Il regista tedesco Wolfgang Petersen si è spento serenamente lo scorso venerdì 12 agosto nella sua residenza di Brentwood, a Los Angeles.

 

La notizia è stata confermata dalla sua compagnia di produzione: Petersen aveva 81 anni e da tempo lottava contro un cancro al pancreas.

 

Il regista iniziò la sua carriera in Germania negli anni '70, dopo aver frequentato corsi di Teatro e di Cinema, realizzando nel 1981 il film che gli diede notorietà a livello mondiale: U-Boot 96, realistica ricostruzione della vita a bordo di un sottomarino tedesco durante la seconda guerra mondiale, candidato a ben sei premi Oscar.

 

[Il trailer di U-Boot 96]

 

 

Nel 1984, Petersen fu incaricato di dirigere La storia infinita, colossal del genere fantasy incentrato su un ragazzo del mondo reale che - attraverso la lettura di un racconto - si ritrova a combattere per la salvezza del fantastico regno di Fantàsia; il film fu amato dagli spettatori sin dalla sua uscita guadagnandosi ben presto lo status di cult.

 

Successivamente il regista rispose alla chiamata di Hollywood, dove realizzò numerosi film - specialmente d'azione e thriller - con risultati alterni: se ben accolte furono pellicole come Nel centro del mirino con Clint Eastwood e Air Force One con Harrison Ford, risalenti rispettivamente al 1993 e al 1997, stessa fortuna non ebbero altri film fra i quali Troy - libera rilettura dell'Iliade omerica - e Poseidon, girati uno dopo l'altro nel 2004 e nel 2006.

 

[Il trailer del film Nel centro del mirino]

 

 

Vier gegen die Bank, ultimo film del regista e primo in lingua tedesca dai tempi di U-Boot 96, è uscito in sala nel 2016; in precedenza, Petersen stava lavorando a una trasposizione live action del Paprika di Satoshi Kon, progetto poi abbandonato. 

 

Wolfgang Petersen è stato uno dei primi registi di blockbuster a ottenere sempre ottimi incassi al box office mondiale, anche quando la critica si pronunciava negativamente sulle sue opere.

 

Il regista lascia il figlio Daniel, avuto nel 1968 dall'attrice Ursula Sieg, sua prima moglie. 

 

Become a Patron!

 

Vi rispettiamo: crediamo che amare il Cinema significhi anche amare la giusta diffusione del Cinema.

Se vuoi che le nostre battaglie diventino anche un po' tue, entra a far parte de Gli amici di CineFacts.it!

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

news

news

news

Lascia un commento



close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni