close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#articoli

Quando Sergio Leone stava per essere vittima di Charles Manson

Meno male che Leone non sapeva l'inglese!

L'incredibile aneddoto della morte scampata per un pelo fu raccontato dallo sceneggiatore Luciano Vincenzoni: lui e Sergio Leone si trovavano negli Stati Uniti per cercare dei costumi per Giù la testa e uno scrittore li invitò ad andare il sabato sera di quella settimana a casa di Sharon Tate, attrice e moglie di Roman Polanski, con altri invitati.

 

L'allora proprietario della United Artists, nel frattempo, seppe che Vincenzoni era a Los Angeles e gli chiese di passare il weekend da lui e la moglie a San Francisco: Vincenzoni, data l'amicizia che correva tra i due, accettò lasciando quindi Sergio Leone da solo per l'invito dalla Tate. 

 

 

[Lo sceneggiatore Luciano Vincenzoni, scomparso il 22 settembre 2013]

 

 

Il giorno dopo Vincenzoni seppe al telegiornale del tremendo massacro perpetrato dalla "Family" di Charles Manson: 5 morti, 6 se contiamo il bimbo che l'attrice portava in grembo all'ottavo mese di gravidanza, scritte sui muri fatte con il sangue delle vittime... i dettagli non furono resi pubblici immediatamente, le notizie dicevano soltanto che "non c'erano sopravvissuti". 

Spaventato e convinto che fosse stato ucciso anche Sergio Leone, lo sceneggiatore cercò di mettersi in contatto con lui. 

 

 

[Sergio Leone sul set di Giù la Testa con, da sinistra: Rod Steiger, Luciano Vincenzoni - se ne vede solo la punta del cappello - Sergio Donati e James Coburn]

 

 

Il regista però rispose subito al telefono, dicendogli che aveva preferito declinare l'invito a passare da Sharon Tate

"Ah Lucia', non so parlare l'inglese, dovevo andare là senza di te, mi son rotto... 

Faceva pure caldo, me ne sono andato a dormire".

 

Nel 1971 uscì al cinema Giù la Testa, nel 1984 C'era Una Volta in America.

 

Meno male che Sergio Leone nel 1969 non sapeva parlare inglese...

 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Lascia un commento



12 commenti

Mike

3 anni fa

peccato davvero 😂

Rispondi

Segnala

Alberto Cipolla

4 anni fa

Aggiungo, assolutamente, anche Mr. Nobody di Jaco Van Dormael che fonda tutta la sua trama proprio sulle diverse e potenzialmente infinite variabili.

Rispondi

Segnala

Joe Riga

5 anni fa

Sarebbe fatalmente esilarante

Rispondi

Segnala

Charlie Shield

5 anni fa

Io credo che Speed sia proprio uno dei film più belli suoi. Grazie per tutto quello che fa

Rispondi

Segnala

Sandra Bullock

5 anni fa

Non la perdonerò finché non vedrò la mia filmografia completa tra i suoi film visti.

Rispondi

Segnala

Drugo

5 anni fa

É in assoluto uno dei miei film preferiti

Rispondi

Segnala

Gigi Dag

5 anni fa

Non oso immaginare un mondo senza c’era una volta in America

Rispondi

Segnala

Drugo

5 anni fa

Mi fa paura solo pensarci.😱

Rispondi

Segnala

Charlie Shield

5 anni fa

Stavo per segnalarti, ma poi ho visto che sei la grande Sandra Bullock. Mi perdoni

Rispondi

Segnala

Marilena Saporito

5 anni fa

'Sliding Doors' è il primo che mi vene in mente.

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni