close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#articoli

Il finale di Una Poltrona per Due che cambiò le regole di Wall Street

Ormai sono pochissimi coloro che ancora non hanno visto Una Poltrona per Due: sono una specie in via di estinzione, come l'elefante indonesiano, la tigre siberiana, i fan di Massimo Boldi. 

 

 

Il finale del film è sempre stato qualcosa di abbastanza ostico per chi non mastica di finanza, ma si può spiegare brevemente in questo modo: in borsa, tra le altre operazioni, si contratta con dei futures, che sono dei contratti di fornitura per il futuro, che si possono acquistare allo scoperto. 

 

Nel film di John Landis all’apertura dei mercati i futures del succo d’arancia valgono 106 dollari.

 

Il broker dei fratelli Duke inizia a comprare come un pazzo convincendo tutti gli altri compratori a fare lo stesso, perché la fama dei Dukes fa pensare che abbiano qualche preziosa informazione in merito.  

 

 



Il prezzo sale quindi fino ad arrivare 142 dollari.

 

Ma i fratelli Duke hanno in mano un rapporto falso, scambiato dai protagonisti interpretati da Eddie Murphy e Dan Aykroyd, quindi credono che il raccolto di arance sia stato scarso e di conseguenza il prezzo di rivendita sarà alto. 

 

Louis e Billy Ray quindi a un certo punto iniziano a vendere, facendo scendere il prezzo fino a 96 dollari.

 

Il segretario dell’agricoltura appare in tv dicendo che i raccolti di arance sono stati abbondanti e a quel punto... il prezzo precipita e i due protagonisti iniziano a comprare fino al prezzo di 29 dollari. 

 

 



Riassumendo, dunque, i due hanno venduto i futures acquistati allo scoperto a 142 dollari, per poi ricomprarli a un prezzo che è sceso fino a 29 dollari, con un guadagno gigantesco per loro stessi e per i loro clienti. 

Al contrario i Duke, che erano convinti fosse giusto comprare a prezzi alti un bene il cui valore è poi crollato, si sono rovinati.

 

27 anni dopo l'uscita del film, questo finale fu da ispirazione per le nuove regole sui mercati finanziari: prima di allora, infatti, fare insider trading su beni di consumo non era affatto illegale.

 

Il 3 marzo 2010 il capo del Commodity Futures Trading Commission, Gary Gensler, in una dichiarazione al 111° Congresso, dichiarò:

 

“Abbiamo consigliato il divieto di utilizzare le informazioni riservate del governo per operazioni nei mercati delle materie prime.


Nel film 'Una Poltrona per Due' i fratelli Duke provano a trarre profitto dalle compravendite in contratti futures di succo d’arancia congelato, grazie a un rapporto del Ministero dell’Agricoltura illecitamente ottenuto e non ancora pubblico“.

 

La regola è stata denominata “Eddie Murphy rule” ed è entrata in vigore come sezione 136 del Wall Street Trasparency and Accountability Act del Dodd-Frank Wall Street Reform and Consumer Protection Act, che disciplina l’insider trading. 

 

E nessuno più potrà urlare 
"Rimetta subito in funzione quelle macchineeeee!" 

 

 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Articoli

CineFacts

CineFacts

Lascia un commento



8 commenti

Mike

5 mesi fa

ma perché tutti vogliono vendere i loro futures ai protagonisti? cioè alla fine hanno già sbagliato strategia, e si ritrovano con futures pagati tanto che ora non valgono nulla. Cioè ok che recuperano almeno una parte di quello che hanno speso, ma che senso ha il tutto? Cioè alla fine coi futures ti puoi veramente comprare le arance? ahah

Rispondi

Segnala

Mike

1 anno fa

Geniale!

Rispondi

Segnala

Andy Dufresne

1 anno fa

Ahhhh, finalmente! Era da tutta la vita che guardavo questa scena senza capire come potessero vendere all'inizio senza aver comprato prima 😂. Grazie mille Teo e Buon Natale!!!

Rispondi

Segnala

ZERO

1 anno fa

Tutto chiaro... credo! =/

Rispondi

Segnala

Mike

5 mesi fa

ZERO
già 😂

Rispondi

Segnala

Eros Biazzi

1 anno fa

Spiegazione impeccabile! Chissà poi se ci sono altre leggi/regolamenti che hanno preso il via nella loro stesura, da fatti narrati da film...

Rispondi

Segnala

Nuriell

1 anno fa

Eros Biazzi
Molto probabile, sie nel bene che nel male (quante idee possono aver messo in testa ai politici, nel corso degli anni, i molti film distopici e quante di queste si sono un po' fatte strada nella vita di tutti i giorni?).

Rispondi

Segnala

Teo Youssoufian

1 anno fa

Eros Biazzi
proprio qui su cinefacts ho parlato di un altro esempio: lo trovi cercando "jfk" 😉

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni