close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#articoli

Parasite: in equilibrio su mondi distanti - Recensione

Parasite è una pellicola in perenne equilibrio, una straordinaria metafora universale sulle relazioni sociali.

 

Il Cinema è soprattutto questione di equilibrio. 

 

Equilibrio tra forma e contenuto, tra autorialità e generi, tra puro intrattenimento e critica sociale, tra necessità distributive e velleità artistiche.

Ogni produzione è attraversata da spinte opposte che si bilanciano, ogni film è sospeso su dei contrasti che ne determinano la natura e, di conseguenza, anche il successo o il fallimento. 

 

 

 

Bong Joon-ho è un regista che sul bilanciamento di esigenze apparentemente opposte ci ha costruito un'intera carriera: il suo percorso artistico lo ha portato a conoscere in profondità i contrasti che il Cinema nasconde dentro di sé.

 

Dopo essersi costruito la nomea di autore nella natia Corea del Sud, infatti, Bong ha girato due film dal buget piuttosto elevato negli USA (Snowpiercer e Okja), prima di tornare a casa e profondere ogni suo sforzo in Parasite, il film che gli ha permesso di mettere a posto ogni singolo pezzo del puzzle e aggiudicarsi la Palma d'Oro alla 72ª edizione del Festival del Cinema di Cannes.

 

 

[Il regista con la Palma d'oro a Cannes 2019 per Parasite]

 

 

La pellicola si apre con una premessa piuttosto semplice: raccontarci le dinamiche che intercorrono tra due famiglie, i Kim e i Park, appartenenti a classi sociali molto differenti.

 

I primi vivono in uno scantinato nei bassifondi di Seul e si mantengono grazie a un sussidio di disoccupazione, a lavoretti saltuari ed espedienti, mentre i secondi abitano in una casa lussuosissima in cima a una collina e sembrano non avere altre preoccupazioni all'infuori dell'educazione dei figli.


Grazie a una fortunata coincidenza, Ki-woo, il primogenito della famiglia Kim ha l'opportunità di diventare l'insegnante di inglese di Da-hye, primogenita della famiglia Park.

A questo punto la famiglia Kim coglie la palla al balzo e, con una serie di astute trovate, riesce a costruire un catena di raccomandazioni che li porta farsi assumere interamente dalla famiglia Park, anche a discapito della vecchia servitù della casa.

 

Proprio come dei parassiti, i Kim infestano la meravigliosa casa dei Park, nutrendosi delle insicurezze e dei vizi della benestante famiglia.

 

Il film ci mostra immediatamente una contrapposizione universale, quella tra il mondo di sopra e il mondo di sotto, tema sempre più ricorrente nel mondo cinematografico, come dimostra, ad esempio, il recentissimo Noi di Jordan Peele.

 

 

 


Come potrete capire, Parasite assume immediatamente le fattezze di una commedia corrosiva, che indaga le differenze sociali riuscendo sin dalle prime battute a trasmetterci un messaggio.

 

Poi, però - complice un colpo di scena tutt'altro che scontato che ci porta anche a rivalutare la centralità del concetto di parassitismo all'interno dell'opera - la tensione sale, la storia evolve e la pellicola si trasforma, muta di registro ed esplora generi diversi, scendendo ancor più in profondità e trovando sempre un nuovo equilibrio.

 

Quando lo spettatore crede di aver trovato delle risposte sulla reale decodificazione dell'opera, Parasite cambia completamente direzione diventando prima un dramma e poi un thriller e arrivando a sfiorare addirittura alcune corde dell'horror.

 

Proprio l'equilibrio è la caratteristica più stupefacente del film: un equilibrio dinamico, che viene quasi miracolosamente raggiunto dopo ogni cambiamento formale e narrativo della pellicola, un equilibrio che riflette la maestria di Bong nel raggiungere il perfetto bilanciamento tra le numerose spinte artistiche e sociali che la sua opera incontra, pur mantenendone intatta l'essenza.

 

 

 

 

La regia di Bong Joon-ho da questo punto di vista riesce in un'impresa mirabile: coniugare l'eleganza formale con le esigenze narrative di Parasite.

 

L'autore mette la propria macchina da presa al servizio della storia, senza mai giudicare realmente nessuno dei protagonisti e senza mai esagerare nei virtuosismi.

 

Bong è in grado di restituirci immediatamente l'enorme contrasto tra il senso di claustrofobia e sciatteria percepibile nella casa dei Kim e la luminosità e l'eleganza di casa Park, ci permette in pochi minuti di conoscere alla perfezione le strutture delle due abitazioni, ci mostra l'enorme distanza tra le due case e tra gli stili di vita delle due famiglie, ci mostra una Seul stratificata nella struttura fisica e sociale e ricama continuamente con i concetti di salita e di discesa.

Le case, soprattutto quella dei Park, diventano veri e propri personaggi della storia di Parasite.

 

Al contempo, ogni composizione è appagante per gli occhi e carica di significato: in questo il lavoro congiunto di Bong e Hong Kyung-pyo (già Direttore della Fotografia di Burning, The Wailing e Snowpiercer) risulta davvero maniacale e rifinito in ogni dettaglio.

 

 

 


Bong, che di Parasite è anche soggettista e co-sceneggiatore, riesce a far montare la tensione sottesa alla propria opera poco alla volta, di scena in scena, trasformando in immagini e sensazioni tangibili tutte le potenzialità della sceneggiatura. 

 

Parasite copre un range emotivo enorme: è un film nel quale la risata, il dramma e la paura si susseguono senza soluzione di continuità.

 

L'equilibrio tra le sensazioni che il film genera nello spettatore deriva dal perfetto incastro con cui ogni emozione si connette a quella che lo ha preceduto e a quella che sta per seguirlo.

La tensione riesce a montare anche quando il pubblico ride di gusto ma anche nei momenti più drammatici la pellicola conserva quella levità d'animo che la caratterizza sin dalle prime battute. 

 

 

 


Parasite vive di contrasti e chiaroscuri, tanto nella messa in scena quanto nella scrittura: i personaggi sono ben caratterizzati e vanno oltre gli stereotipi ai quali dovrebbero appartenere.

 

I Kim non sono dei semplici arrampicatori sociali, ma provano dei sentimenti per i Park, si confrontano con le differenze tra le due famiglie e ciascuno di loro ha proprio un punto di vista sul rapporto con i loro "padroni".
I Park, invece, sono mossi da evidenti insicurezze, nascondono dei piccoli segreti e vivono in continua contraddizione rispetto ai sentimenti che provano rispetto alla loro "servitù". 

 

Tra l'immaginario del mondo di sopra e quello del mondo di sotto si sviluppa un rapporto dialogico che permette allo spettatore di assimilare con naturalezza le differenze e le analogie senza che il ritmo dell'opera si abbassi mai.

 

 

 

 

Parasite è un film in grado di reggersi in perfetto equilibrio sulle correnti contrapposte che si muovono sotto la sua superficie da black-comedy.

 

Nell'opera di Bong Joon-ho quel bilanciamento tra forma e contenuto, tra autorialità e generi, tra puro intrattenimento e critica sociale di cui si parlava in precedenza non viene semplicemente subito dall'autore.


Viene prima perseguito come poetica fondante e poi meravigliosamente realizzato.

 

Con ogni probabilità, è proprio questo elemento che fatto innamorare la prestigiosissima ed eterogenea giuria di Cannes 2019, portandolo a vincere la prima Palma d'oro unanime dal 2013 a oggi.

 

 

 


Parasite non solo segna il raggiungimento della piena maturità artistica di Bong Joon-ho, ma rappresenta anche un fondamentale momento di incontro tra sensibilità cinematografiche apparentemente contrapposte, tanto negli autori quanto negli spettatori. 

 

Parasite potrebbe essere realmente un ponte tra mondi che, per troppo tempo, abbiamo creduto non potessero mai toccarsi.

 

Voto: 95%

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Lascia un commento

11 commenti

Alessandro Vacca

14 giorni fa

Film fantastico in un anno della madonna per il cinema.

Rispondi

Segnala

Nicolò Manias

14 giorni fa

Arte moderna, la regia parla e narra a se in un equilibrio fra la comicità e la desolazione.

Rispondi

Segnala

Luca Buratta

15 giorni fa

Film assurdo, incredibile, di una fluidità nella narrazione disarmante, un viaggio di due ore che contiene tre o quattro film diversi, dieci personaggi (dodici con le due case), senza essere mai pesante. Due ore e passa completamente rapito dal film, che è parso allo stesso tempo lunghissimo per la quantità di roba che succede, e cortissimo perché ne avrei viste altre otto ore tranquillamente. 
La sequenza dell'alluvione è la scena dell'anno.

Rispondi

Segnala

Michelangelo Pollini

16 giorni fa

È il genere di film che ti tiene talmente incollato che non riesci a pensare "che bel film".

Rispondi

Segnala

Matteo Mazzuto

17 giorni fa

Eccezionale sotto ogni punto di vista

Rispondi

Segnala

Claudio Bertelle

21 giorni fa

Bong Joon Ho ... finalmente è tornato con una prova magistrale !!!

Rispondi

Segnala

Davide Montalto

21 giorni fa

Ho provato un susseguirsi di emozioni una dietro l'altra, e non sapevo a quale badare prima. Sono rimasto davvero colpito nel profondo da questo film, per 10 minuti buoni ho fissato il vuoto dopo la fine della pellicola. Davvero meraviglioso.

Rispondi

Segnala

Jaimy

24 giorni fa

Angosciante divertente spiazzante! Da vedere assolutamente

Rispondi

Segnala

Claudio Sicari

24 giorni fa

Un film che, non appena esci dalla sala, ti fa provare tante emozioni contrastanti. Disgusto, timore, paura e anche divertimento. Tocchiamo il tema grottesco fino all'inverosimile per poi notare che, in realtà, tutto ciò che accade all'inizio ripiomba sugli attori in maniera pesante e con un'evoluzione straordinaria della trama. Piccoli dettagli nei dialoghi che possono sembrare ridicoli e farci ridere ritornano sulla scena quando meno te li aspetti, quando li avevi pure dimenticati. Praticamente niente è lasciato al caso, ogni tassello si incastra bene con gli altri e il film risulta equilibrato e ben bilanciato. Da vedere assolutamente, ma una volta visto non credo vorrò più vederlo. Molto bello davvero.

Rispondi

Segnala

Filippo Barbanti

24 giorni fa

Dopo aver visto parasite e the Irishman faccio davvero fatica a capire chi voglio vedere vincere agli oscar

Rispondi

Segnala

Hanza

24 giorni fa

Sono un grande amante di Bong Joon-ho e dopo la sua vittoria a Cannes non vedevo l'ora di vederlo il film. 
Film stupendo, un thriller satirico che passa da un genere all'altro in un modo sorprendente. Gli attori stupendi (sopratutto Song Kang-ho, il padre della famiglia Kim), ottima la colonna sonora (perfetto l'uso della canzone di Gianni Morandi) e grandissima la regia e la fotografia.

Rispondi

Segnala

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni