close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#articoli

Spider-Man: Far from Home - Una bella avventura... targata Disney Channel - Recensione

La Marvel deve fare i conti con quanto successo in Avengers: Endgame e Spider-Man: Far from Home, il film che chiude la Fase 3 del MCU, a mio avviso è un film che va a discostarsi troppo dal tono degli ultimi film e che più che chiudere una fase sembra chiedere di far finta che non sia mai successo niente, e se le scene più interessanti sono quelle nei titoli di coda allora forse c'è da farsi qualche domanda. 

 

L'avventura questa volta si svolge in giro per l'Europa: Peter Parker e i suoi compagni di scuola sono in gita e il film è ambientato a Venezia, Praga, Londra e Berlino. 

 

C'è un nuovo eroe - un Mysterio ottimamente interpretato da un Jake Gyllenhaal che nonostante tutto dimostra ancora una volta la sua versatilità - e dei nuovi nemici da affrontare, ma soprattutto c'è da prendere atto degli accadimenti di Avengers: Endgame.  

 

 



L'ombra degli eventi passati è però fin troppo ingombrante, presente dall'inizio alla fine e non lascia libero né il film né il personaggio, che si trova costretto a confrontarcisi in ogni passaggio. 

 

Oltre a ciò, Spider-Man: Far from Home è un prodotto che innegabilmente intrattiene e diverte ma che si rivolge spudoratamente a un target più giovane dei film Marvel precedenti: complice l'età del protagonista e dei suoi compagni, il tono è leggero lungo tutta la durata e anche i personaggi comprimari come Nick Fury, Zia May Happy Hogan - Samuel L. Jackson, Marisa Tomei e Jon Favreau che si limitano a fare il compitino - risultano adolescenziali nonostante l'età, nei dialoghi, negli atteggiamenti e nel comportamento.  

 

 



Dopo un primo atto introduttivo che ci mostra Peter Parker e le sue pene d'amore, assistiamo ad un secondo atto che potrebbe quasi essere considerato un film a sé stante, con un proprio inizio, svolgimento e conclusione: va da sé che gli eventi mostrati corrono a una velocità tale che è presumibile che il "vero" film dovrà iniziare appena finito "il film nel film", con il risultato di depotenziarne l'interesse e svelare subito le proprie carte. 

 

Dopo un colpo di scena che a quel punto è piuttosto telefonato, inizia un altro film. 

 

Ma la leggerezza quasi naïf di Spider-Man: Far from Home si mostra anche in quel passaggio, con una scrittura impegnata nel livellare tutto quanto verso lo stile Disney Channel, qualcosa che in film come Avengers: Infinity War, Avengers: Endgame e - pur con i suoi difetti - Captain Marvel erano invece riusciti in qualche modo ad evitare.  

 

 


 

Spider-Man: Far from Home mi è parso quindi un passo indietro: la doppia teen romance di base, i professori sciocchini e inadeguati, i siparietti tra Happy e Zia May, sono tutte parti di un insieme che non riesce mai secondo me veramente a decollare, tenuto a terra da un cattivo banale che si muove spinto da motivazioni banali e da una struttura volta a piacere solo ed esclusivamente al target di riferimento, ovvero i coetanei del Peter Parker sedicenne. 

 

È pressoché impossibile parlare ancora del film senza fare spoiler, quindi vi avviso che d'ora in poi ce ne saranno e vi consiglio di terminare la lettura se ancora non avete visto Endgame o, appunto, Spider-Man: Far from Home. 

 

Se invece li avete visti, o se non vi interessa conoscere i dettagli del film in questione prima di vederlo, proseguite pure. 

 

Ultimo avviso, dopo il trailer ci saranno spoiler. 
Poi non dite che non vi avevo avvertito. 

 

 

 

Una delle cose che per me contribuisce a far funzionare il film fino a un certo punto è la scomoda presenza di Tony Stark: Iron Man è morto nel film precedente ma prende il comando su tutta l'azione, risulta essere ancora fondamentale per lo svolgimento del plot e non lascia spazio ai personaggi del film per evolversi, per crescere, per liberarsi di lui. 

 

Pensando al personaggio, la cosa è coerente. 

 

Perfino il nome della nuova intelligenza artificiale EDITH lo sottolinea: 
"Even Death I'm The Hero", anche da morto sono io l'eroe, io Tony Stark, io Iron Man. 

 

E le gigantografie di Tony sono presenti in tutta Europa, come murales o come ritratto sullo schermo a led della stazione ferroviaria di Venezia, dappertutto è presente Iron Man, ancora Iron Man, sempre Iron Man. 

 

 



Alla lunga la cosa stucca, e mi ha dato l'impressione che non siano solo Peter, Happy e il mondo raccontato nel film a non riuscire a fare a meno di Stark, ma che forse nemmeno gli stessi Marvel Studios riescono ad abbandonare quel personaggio che ha fatto la loro fortuna, iniziando il Marvel Cinematic Universe nel 2008 quando ancora non ci credeva nessuno, né nel personaggio né nel protagonista Robert Downey Jr

 

Il risultato è quindi un film indubbiamente fresco e simpatico, ma che non riesce a volare con le proprie ali, che non chiude una fase come è stato annunciato avrebbe fatto e che non pone le basi per tutto quello che verrà dopo. 

Non aiuta in tal senso nemmeno l'esagerato utilizzo della CGI, che in Spider-Man: Far from Home la fa da padrona appesantendolo e rendendolo eccessivamente finto. 

È ovvio che le illusioni di Mysterio non si potrebbero trasporre in altro modo e che quindi la computer grafica è obbligatoriamente presente in maniera massiccia, ma a conti fatti risulta essere la vera protagonista quasi da farne sentire la mancanza nei - pochi - momenti in cui non c'è, che appaiono stanchi e annoiati.  

 

 

 

 

Grande merito di Spider-Man: Far from Home è aver parlato del "Blip", ovvero del momento in cui tutti coloro che erano scomparsi in Infinity War per colpa di Thanos sono tornati dal nulla dopo 5 anni: diverte l'inizio del film dove un più che amatoriale "in memoriam" creato con foto di qualità dubbia o visibilmente prese da Getty Images, e con le scritte in comic sans, ricorda gli eroi che non ci sono più. 

 

Con tanto di spilling visibile nel green back fatto dai ragazzi per il loro telegiornale scolastico. 

 

Ma il discorso finisce lì, con le sole intuizioni visive di mostrare un paio di momenti del "ritorno" e un personaggio che da ragazzino sfigatello è adesso diventato un affascinante adolescente.

 

E in seguito si scopre che questa sensazione di amatorialità e di "film leggero della domenica pomeriggio" non cambia mai. 

 

 

 

Per quanto possa personalmente amare il personaggio in sé e apprezzare l'evidente talento e impegno messo in campo da Tom Holland nell'interpretare un Uomo Ragno liceale, con i problemi connessi alla sua età, il plot è portato avanti in modo risibile e sconclusionato, le battute sono scontate e tutto lo svolgimento non regala mai delle vere sorprese né porta a riflettere più di tanto sulla reale condizione di Spider-Man, ragazzino costretto a compiere azioni più grandi di lui mentre vorrebbe solo godersi la gita e provare a conquistare la ragazza che gli piace (Zendaya, altra ottima attrice imbrigliata in un ruolo bidimensionale). 

 

Tutto Spider-Man: Far from Home è quindi una sorta di leggiadra nuvoletta di zucchero filato, tranne le scene durante e dopo i titoli di coda che sono ormai un marchio di fabbrica Marvel. 

 

 



Nella mid-credit viene sconvolta l'esistenza di Spider-Man - anche se è davvero poco chiaro come ciò sia avvenuto - e nella post-credit addirittura viene messa in discussione la presenza di Nick Fury, le sue alleanze e i suoi scopi, aprendo a chissà quali e quante elucubrazioni e teorie da parte dei fan che ci accompagneranno fino al prossimo film. 

 

Due scene riuscite, due coup de théâtre inaspettati che rimarcano il rimpianto per l'avventura appena vissuta, con un interessantissimo scontro tra il Peter Parker ragazzino e il Peter Parker Avenger e nuovo eroe del mondo che resta solo abbozzato, suggerito, impastato in una storia che fondamentalmente si chiude su di sé e non lo lascia mai libero di lanciare le sue ragnatele e conquistarsi il proprio spazio. 

 

Voto: 60%

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Articoli

Articoli

Articoli

Lascia un commento

11 commenti

Leonardo Califano

2 mesi fa

Devo dire che il villain funziona bene e Jake Gyllenhaal lo incarna perfettamente. 
per quanto riguarda il film, l'ho trovato abbastanza noioso e conclusivo di qualcosa di già concluso: le uniche scene che segnano una svolta per l'MCU sono quelle post-credit e ciò rende davvero "subdolo" il film.
Niente da dire sulle scene delle illusioni: ben dirette e originali; sfortunatamente, per me, le cose che funzionano in questo film sono poche.
Vedendo i nuovi film sull'arrampicamuri mi manca sempre di più Raimi.
P.S.: ridicola questa cosa di far diventare spidey iron man.

Rispondi

Segnala

Hanza

2 mesi fa

Diciamo che io mi aspettavo una film diverso. Avevo letto che lo avevano deciso di farlo un pò leggero, dopo tutto quello che era successo con Endgame, ma non mi aspetavo che fosse così leggero. Come ha detto Teo sembra più un film per Disney Channel.

Premetto che non ho letto i fumetti, quindi non so come sia il personaggio, però per me hanno sprecato un villain molto interessante. Personalmente speravo molto che venisse da un'altra terra perchè questo avrebbe reso le cose molto più interessanti anche per i film futuri della MCU. 

Inoltre speravo che parlassero delle conseguenze di quello che è successo in Endgame, invece hanno quasi ignorato il film (tranne per il blip, anche se ne hanno parlato in maniera molto leggera). 

Non dico che sia brutto, perchè come film intrattiene, però mi aspettavo un salto di qualità che non è arrivato, anzi per me è sceso rispetto ad Homecoming.

Rispondi

Segnala

fabiocake

2 mesi fa

io l'ho recensito cosi:

le belle premesse del primo film dove Zia May scopriva l'identità del nipotino ragnesco non vengono minimanente portate avanti. A lei va bene cosi, esce pure con Happy (non in cane di settimo cielo) e non c'e problema.

nonostante il film cerchi di dire continuamente che PETER PARKER NON E' IRON MAN si contraddice ogni volta che puo'. lui ci prova anche a cercare mentori dove non deve eh, ma rassegniamoci, questo Spider-man delle nuove generazioni è destinato a essere l'iron man degli anni '20 dell'MCU.

il film è bello di per se, Mysterio come villain spacca (davvero pensavate fosse buono?) e in 2 ore non ti annoi assolutamente. ci sono un paio di sequenze davvero particolari e il film vale la pena.

il vero problema è aver perculato i fan con il multiverso, e poi mettere IL VECCHIO JAMESON PELATO nella scena post crediti. il multiverso per ora ahimè è una cazzatona. non esiste. è come venom in spider-man 3. esiste per volere della sony, che anche qua poteva farsi magari i cazzi suoi e sono convinto che il becco l'ha messo.

Mj (che ovviamente qua si chiama solo Mj senza altri nomi quindi anche qua perculiamo i fan dicendo che ma no non è quella vera però è lei) funziona alla grande. lei ha il potere di capire che lui è spider-man da diverso tempo, cosi con un po di logica. ma va bene cosi.

come film preso a se stante va benissimo, ma RAIMI, GARFIELD e i paragoni scomodi con gli altri universi lasciamoli da parte, che non serve scomodare i top player, anche perchè non c'e nemmeno metà della voglia degli score di elfman, del girato di raimi e di qualsiasi altra cosa. E' quella sindrome maledetta che ogni tanto viene fuori, succede. ma lasciamola li.

VOTO 7 se volete apprezzare 2 ore di cazzeggio con effetti speciali e voto 10 alla colonna sonora solo perchè hanno messo STELLA STAI di Umberto Tozzi.

Rispondi

Segnala

Alessio Adinolfi

2 mesi fa

Premettendo che non mi aspettavo granché da questo film dopo Spiderman Homecoming (che salvo grazie alla presenza di Michael Keaton), secondo me questo film è abbondantemente sufficiente. Anche a me il plot twist è risultato abbastanza telefonato, ma il villain del film, che sicuramente somiglia poco alla sua controparte fumettistica, è stato un vero spettacolo. La scena del primo scontro tra Mysterio e Spiderman con tutte le illusioni ripaga il prezzo del biglietto. Poi si, sono d'accordo, il tono lo avrei gradito leggermente più "adulto". Ma considerando le mie aspettative per il film (ossia zero) non posso che dare come voto un 6.8-7.0 su 10.

Rispondi

Segnala

Alchit19

2 mesi fa

Per me è stato perfetto all' interno dell' MCU. MJ è un personaggio un filo piatto secondo me, dovrebbero migliorarlo un po'. Bellissimi i paragoni con tony, dagli occhiali, alla scena nel jet, fino anche alla post credit (ora tutti sanno chi è spiderman, come con tony stark, anche se non positivamente). La cosa che manca un po è il cameo di stan lee, ok è morto, ma non vuol dire che non si possa mettere una sua foto su un giornale, magari con scritto "morto uno dei più grando disegnatori di fumetti" cosi da chiudere un ciclo di camei bellissimi (ma questo è irrilevante ai fini del film). Myserio è  decisamente un buon villan, interpretato molto bene secondo me. Insomma direi che più che 60% sarebbe da dare un 75%❤️

Rispondi

Segnala

Andrea Cavo

2 mesi fa

Io l'ho trovato esattamente quello che doveva essere, un leggero epilogo di questa fase produttiva marvel, che personalmente potrebbe anche finire qui ma ovviamente se continua così non finirà mai. Partendo dal presupposto che, personalmente, i cinecomics dei Marvel Studios li trovo in gran parte tutti uguali e abbastanza piatti (tranne i due Guardiani che hanno molto più carattere degli altri ) quindi le mie aspettative quando vedo uno di questi film sono talmente basse che è difficile rimanere deluso: il villain funziona molto bene ed è forse l'unica cosa che funziona davvero del film, però direi che in linea generale lo salva abbastanza. Il maldestro tentativo di sostituire nel cuore dei propri fan la figura di Tony Stark con quella del Peter Parker di Tom Holland mi sembra una  mossa disperata soprattutto perchè in confronto a Robert Downey Jr ha il carisma di un comodino ikea.

Rispondi

Segnala

Carlo Dall'Ara

2 mesi fa

Non so...da un certo punto di vista concordo con Teo, però è anche vero che, secondo me, questo capitolo non è da considerarsi la conclusione di questa "prima parte" del MCU, ma bensì l'epilogo (nonché trampolino della nuova fase con le due scene post-credit).
Quindi è anche giusto affrontare il post Tony, e far vedere come i nuovi supereroi reagiscano alla perdita di un leader. Non dimentichiamoci che qui Tony prende quello che canonicamente è comunemente il posto dello zio Ben, la sua figura paterna.
Cosa secondo me estremamente sottovalutata, qui come in Endgame, sono state le conseguenze del BLIP.
Quando May dice di essere riapparsa in casa, ora abitata da un altra famiglia creando il caos dovrebbe portare a pensare, " ma tutte quelle persone che in 5 anni si erano rifatte una vita non potendo immaginare che sarebbe tornato tutto come prima, e poi si vedono tornare indietro mariti, mogli e famiglie."
Il blip, secondo me, ha aperto troppi buchi di trama in tutti i prossimi film.
Per il resto Mysterio è stato reso in maniera sontuosa sin dal primo secondo, e i trailer ci hanno nascosto sotto il naso la cosa più ovvia che ci si doveva aspettare da questo personaggio, che era tutta un'illusione.
Sicuramente inserisco questo film nella metà alta dei film MCU (che oramai sono talmente tanti che meritano quasi una classificazione a parte).

Rispondi

Segnala

Jaimy

2 mesi fa

Endgame ha senza dubbio portato uno degli scontri più epici sul grande schermo. Nonostante questo avevo un hype assurdo anche per questo secondo capitolo di Spiderman. E le mie aspettative sono state di gran lunga superate! 
I personaggi, gli effetti speciali, le scene action, i trip assurdi delle illusioni di Mysterio: a mio parere tutto bellissimo.
Tom Holland e Jake Gyllenhaal spaziali. Holland riesce a mostrarci uno Spider-Man incredibilmente spassoso e tuttavia sempre più consapevole della sua responsabilità di nuovo Avengers.
Sono assolutamente d'accordo con te che hanno chiuso troppo frettolosamente la prima parte per fare iniziare il vero e proprio film con un plot twist molto telefonato. Ma nonostante mi aspettassi la svolta di Mysterio, non ho provato delusione per la resa del tutto.
La Marvel ha chiuso la saga dell’infinito in grande stile grazie all’epicità di Endgame, ma anche grazie alla leggerezza e agli omaggi di questo Spider-Man: Far From Home.

Rispondi

Segnala

Peter from Space

2 mesi fa

Nonostante io capisca perfettamente il tuo punto di vista (e su alcune cose sono perfettamente d'accordo) mi permetta di dissentire. Trovo che la filosofia centrale del personaggio di Spider-Man, seppur non approfondita, sia stata centrata in pieno; Mysterio mi è piaciuto parecchio e le scene delle illusioni (nonostante facessere effettivamente uso di una quantità massiccia di CGI) erano a mio parere visivamente molto belle (niente di eccezionale ovviamente, ma mi sono piaciute moltissimo e mi sono sentito veramente immerso). Probabilmente la percezione del film in generale (come anche tu hai scritto) dipende dalla differenza di target. Nonostante tutto lo considero a mani basse uno dei live action su Spider-Man più riusciti.

Rispondi

Segnala

Jaimy

2 mesi fa

Peter from Space
Le scene delle illusioni spettacolari! Trip assurdi.

Rispondi

Segnala

Francesco Gliro

2 mesi fa

L'eredità dei fratelli Russo è ingombrante, ed è evidente che ci sono due nature che stridono nel film, quella dello Spidey di quartiere e quella dell'Avenger. Il teen drama l'ho trovato stucchevole e veramente ai livelli di Disney Channel (ho capito che han 15 anni ma il bacino bacettoso tra MJ e Peter non l'ho dato così neanche quando andavo alle elementari), è tutto così puerile e caramelloso...
Però se c'è una cosa che ho apprezzato di questo film è un lato un po' oscuro di Peter che purtroppo è stato appena accennato in qualche scena; dopo che viene travolto letteralmente da un treno finalmente ho visto uno Spider-Man che si rendeva conto del suo ruolo, invece dell'adolescente in preda agli ormoni che è per il resto del film, che per carità, capisco faccia parte del personaggio, ma ragazzi, un po' di pathos in più non uccide nessuno...
In qualche modo il film funziona, ma vederlo dopo Endgame è stato come guidare in paese col pandino dopo essere stato in superstrada col Ferrari.

Rispondi

Segnala

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni