close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#articoli

La scena della matita del Joker ne Il Cavaliere Oscuro

La scena con la matita ne Il Cavaliere Oscuro è una delle più famose del film: inaspettata, improvvisa, riesce in pochissimi secondi a dare l'idea di che tipo di personaggio sia il Joker interpretato da Heath Ledger.

 

Si presenta senza essere invitato a un incontro della mafia locale, mette una matita in verticale su un tavolo dicendo che la farà sparire, al che uno dei mafiosi (Charles Jarman) gli si avvicina... il Joker gli afferra la testa e la sbatte contro il tavolo, conficcando la matita nella testa del malcapitato, uccidendolo. 


La scena è questa: 

 

 

Ma come è nata questa memorabile sequenza di pochi secondi?

Vulture ha incontrato e intervistato alcuni dei professionisti che la realizzarono: 

 

Richard Ryan (coordinatore degli stunt):

"In sceneggiatura c'era scritto che Heath avrebbe sbattuto la testa di uno degli scagnozzi contro la matita, perforandogli l'occhio"

 

Nathan Crowley (scenografo):

 

"Leggendo la scena, tutti pensavano "Oh, come la faremo?"
In quella fase ci sono sempre un sacco di incontri con persone che vogliono fare trucchi prostetici."

 

 

Ryan:

"Si parlava di fare la matita CGI. Quindi tutta la gag sarebbe stata una questione di effetti visivi?"

 

Nick Davis (supervisore degli effetti visivi):

 

"Penso che anche Chris [Nolan] abbia pensato che avremmo dovuto fare qualche cosa in CGI.
Non è particolarmente difficile costruire una matita in CGI, farne il tracking e farla poi sparire, ma il film era girato IMAX, quindi poi lo vedi su uno schermo davvero grande, gigantesco.

Dove possibile, abbiamo cercato di non eseguire inutili effetti visivi perché, digitalmente, non si riesce mai a ricreare un'immagine in IMAX." 

 

 

 



 

Wally Pfister (direttore della fotografia):

 

"In realtà non c'è nessun "trucco della matita" Perché non c'era una matita quando la testa colpisce il tavolo, quindi la matita... non scompare, perché non c'è."
 

 

Crowley:

 

"Alla fine abbiamo girato la scena due volte: una con la matita e una senza la matita.
È il montaggio che fa la magia. Il film precedente che io e Chris [Nolan] abbiamo fatto insieme è stato The Prestige.

Abbiamo passato un anno su Prestige imparando trucchi magici e come riprenderli con la macchina da presa."

 

 

Charles Jarman (lo scagnozzo malcapitato)

 

"Ricordo che Christopher Nolan mi ha detto, "Senti, faremo un paio di inquadrature in cui devi essere in grado di prendere quella matita"
Abbiamo fatto un paio di prove alla metà della velocità giusto per prendere confidenza con l'azione della mia mano destra che passa sul tavolo, prende la matita mentre il mio corpo va giù, e la mia testa colpisce il tavolo.    

 

Non era semplice, perché la matita era conficcata nel tavolo.

Se, per qualche motivo, non avessi preso la matita in tempo, oggi non avremmo questa conversazione. O l'avremmo solo grazie a una tavoletta Ouija.

 

Abbiamo fatto qualcosa come 22 ciak in due giorni. Avevamo due tavoli diversi: il tavolo con cui sono state girate la maggior parte delle riprese era di gomma zincata, quindi era abbastanza solido e aveva questo mezzo centimetro di gomma sulla superficie.  

 

La cosa avrebbe dovuto renderlo più morbido per l'impatto.

Abbiamo provato prima con un tavolo reale e devo dire che secondo me farlo con il tavolo vero era molto più semplice. Era più sottile, dava più la vera impressione del colpo. Certo, faceva un po' male, ma quando colpisci il legno l'intera cosa si flette, quindi c'è quella sensazione di realtà.  

 

Con il tavolo in gomma zincata, a causa della sua minore densità, ce n'era meno.

Sembrava come correre contro un muro ricoperto da un asciugamano. Non che l'abbia fatto molte volte, sto solo usando la mia immaginazione."

 

 

Pfister:

"Ricordo che c'erano delle pieghe sul tavolo imbottito, dopo che la sua testa lo aveva colpito le prime volte, e volevamo evitare che si vedessero nella ripresa" 

 

 

 

 



 

Ritchie Coster (attore, il ceceno):

 

"In quel fine settimana l'unica cosa interessante era vedere cosa stava facendo Heath Ledger.
Non avevo visto il trucco prima di quando si presentò sul set per fare il primo ciak.

 

Ha fatto questo giochetto e la mia reazione immediata è stata:

"Oh, Dio. Non lo stai facendo, vero?" E poi ho pensato "Oh sì, lo sta facendo... Ed è fottutamente geniale!"

 

 

Jarman:

 

"Quando abbiamo girato la scena, Heath Ledger non è mai stato davvero presente nella stanza.
Penso che fosse parte del suo metodo di recitazione.

Entrava sul set ed era il Joker. Lasciava il set ed era il Joker. Era un professionista pieno di esperienza, è rimasto nel personaggio tutto il tempo.

 

L'ho visto uscire dal personaggio una volta, quando mi ha colpito per la prima volta e mi ha chiesto come stessi dopo il colpo. 

 

 

Pfister:

 

"È piuttosto scioccante cheIl Cavaliere Oscuro sia uscito come PG-13 (vietato ai minori di 13 anni non accompagnati, ndr) 
Tutti i film di Chris sono dei PG-13 per avere un pubblico più ampio possibile. In qualche modo è un regista che ha sempre fatto qualche magia con l'MPAA.  

 

Ecco, durante la scena con la matita mi ricordo di avergli detto

"Non lo prendi il PG-13 con questa. Non c'è modo che te la passino, c'è una matita che attraversa la testa di uno!"

E mi sbagliavo.

Chris ha sempre ragione, che ti piaccia o no. Ogni volta pensi

"Ah, 'fanculo, avevi ragione di nuovo."

 

Con questo trucco della matita ho pensato

"Se avrà la giusta dose di leggerezza non sarà violento ma uscirà come se fosse davvero un trucco di magia e ne verrà fuori una scena iconica. 
E così è stato!"

 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

CineFactsPodcast

CineFacts

Articoli

Lascia un commento

7 commenti

Claudio Bertelle

13 giorni fa

I bei trucchi artigiani di una volta 😱

Rispondi

Segnala

Emanuele Cusentino

9 mesi fa

Io ero convinto che qualcuno si era davvero offerto di prendersi una matita nell'occhio, la mia vita è tutta una bugia

Rispondi

Segnala

Emanuele Cusentino

9 mesi fa

Io ero convinto che qualcuno si era davvero offerto di prendersi una matita nell'occhio, la mia vita è tutta una bugia

Rispondi

Segnala

Drugo

10 mesi fa

da piccolo ero rimasto impressionato dalla scena😂

Rispondi

Segnala

Billizful

10 mesi fa

Uno dei miei registi preferiti. Filmografia scarsa a quantità ma ricca di qualità, non si smentisce mai. Sono curioso di sapere a cosa sta lavorando ora, qual è il suo prossimo film.

Rispondi

Segnala

Peter from Space

10 mesi fa

Mi sono sempre chiesto come fosse stata realizzata!

Rispondi

Segnala

Luca Buratta

10 mesi fa

Col PG-13 se l'è cavata perché sì, sparisce la matita, ma non si vede né la ferita né il sangue. Rimane il dubbio di come abbiano fatto poi a far passare l'effetto/makeup di Due Facce, che la prima volta in sala mi fece venire i brividi. 
Scena semplice ma d'effetto, e serve a far capire che anche se è un uomo solo e va in giro vestito e truccato come uno scemo, il Joker è pericoloso. Certo, personalmente preferisco un blitz in un museo con decine d'opere d'arte rovinate con le bombolette spray al ritmo di una canzone di Prince, ma son gusti 😂

Rispondi

Segnala

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni