close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#articoli

Heavy Trip - Torino Film Festival 36

La strada verso il successo e la gloria di una giovane band finlandese nel contesto più grottesco, esagerato e volutamente demenziale (in senso positivo) possibile.

 

Detto così sembra un film da evitare come la peste ma, credetemi, ho visto raramente una sala intera ridere così di gusto, dai giovani metallari come me alle signore sulla sessantina, passando per tutti i generi, gli stili e le età.
Quando un film riesce a mettere d'accordo un pubblico così eterogeneo e cinefilo/appassionato da presentarsi in sala alle 9.30 di sabato mattina, evidentemente qualcosa di buono sotto deve esserci.

 

 

 

 

Il film di Juuso Laatio e Jukka Vidgren è infatti un film che vive totalmente della sua grandissima scrittura, offrendo una sceneggiatura che, nella sua follia e nella sua esagerazione, riesce a essere sempre puntuale nello scandire atti e figure fondamentali.


Cosa piuttosto rara, soprattutto nel mondo della commedia demenziale. 

 

Ancora più rari sono tempi comici così azzeccati, perchè se è vero che provocare una risata con un gesto stupido come vomitare sul pubblico è becero, è altrettanto vero che è difficile farlo per due volte nello stesso film senza sembrare posticci o risultare fastidiosi.

Ancor più divertente è il modo in cui i due registi finlandesi giocano con i cliché di un mondo così dogmatico e chiuso come quello dei metallari (lo dico con affetto, non in senso negativo). 

 

 

 



Infatti, i tòpoi utilizzati convivono costantemente con un amore viscerale degli autori del film per il mondo che stanno prendendo in giro: da un lato abbiamo un metallaro che - con la maglia dei Cannibal Corpse, capelli fino alla vita e chiodo d'ordinanza - porta in graziella un mazzo di fiori ad uno degli ospiti dell'ospizio in cui lavora; dall'altro un membro della band che cita a menadito centinaia di pezzi storici dell'heavy metal.


E poi ancora il folle viaggio su un pullman viola glitterato con sopra la bara del batterista morto.

 

Tuttavia, il film non è solo un insieme di situazioni grottesche e luoghi comuni, ma ha anche un paio di spunti - seppur molto semplici ed abbozzati - di tutto rispetto.
Ad esempio il modo in cui il piccolo paese cambia completamente opinione sulla band o come, seppur in maniera sovraccarica, vengano mostrati l'energia violenta e repressa della polizia e il cameratismo tipico dei movimenti underground (prima proposto all'interno della band e poi ripresentato durante il festival).

Inoltre è interessantissimo il modo in cui i membri della band si costruiscano un'immagine e, successivamente, riescano a garantirsi l'accesso al festival da trionfatori solo per una serie di dicerie ed equivoci, mostrandoci come la fama e le possibilità siano effimere e difficilissime da raggiungere.

Anche la messa in scena è mirabilissima e qui ritorno sul gioco di cliché di cui abbiamo già parlato.

 

 

Una scena in tal senso è emblematica: il frontman della band finge di suonare nei corridoi della casa di cura in cui lavora.

In un'immagine così semplice possiamo osservare come basti pochissimo a chi sceglie come riprendere una data situazione per cambiarne completamente l'effetto: prima, con la musica di sottofondo e con l'immaginazione che va mille, il ragazzo sembra il più figo degli Alexi Laiho; poi, in un attimo, la musica viene stoppata e, con un taglio di ripresa diverso sulla sua figura (semplicemente un angolo e uno sfondo "meno potenti"), diventa improvvisamente l'ultimo degli sfigati.

 

 

 



Ogni anno al Torino Film Festival incrociamo almeno una commedia esilarante, di altissimo livello tecnico e di scrittura, che potrebbe tranquillamente accaparrarsi un posto nelle sale e ottimi incassi... se non fosse australiana o finlandese.

Quest'anno credo proprio sia il caso di Heavy Trip.

 

 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Articoli

Articoli

Top8

Lascia un commento

6 commenti

Mattia Malaspina

1 anno fa

da metallaro e amante del cinema questa va subito in watchlist

Rispondi

Segnala

Fabrizio Cassandro

1 anno fa

Mattia Malaspina
Da metallaro a metallaro consiglio tantissimo anche metalhead che fa la stessa cosa ma in salsa drammatica e che per me è stato una delle più belle sorprese degli ultimi anni. 
Comunque questo, soprattutto per chi conosce ciò di cui si sta parlando, è una vera chicca

Rispondi

Segnala

Mattia Malaspina

11 mesi fa

Fabrizio Cassandro
scusa se non ti ho risposto prima, ma le feste mi hanno segnato, grazie per il consiglio, stasera lo guarderò. Poi ti dirò👍

Rispondi

Segnala

Mattia Malaspina

6 mesi fa

Fabrizio Cassandro
oi eccomi qua dopo parecchio tempo, madonna che bello, madonna. Ho guardato anche heavy trip, bello anche questo ma molto ironico e no sense, che ci sta. Ma metalhead é qualcosa di strabiliante, peccato che non esce dal suo territorio, come la maggior parte dei film del nord, se non bazzichi festival di esordienti é difficile. 
grazie davvero per il consiglio.

Rispondi

Segnala

Fabrizio Cassandro

5 mesi fa

Mattia Malaspina
Dovere (scusa se ci ho messo una vita)! 
Sì Heavy Trip alla fine è più un giochino per chi conosce ciò che sta guardando e gioca sui riferimenti e sugli stereotipi, mentre Metalhead è proprio un bel film per chiunque, indipendentemente dalla musica che si ascolta (che il pezzo principale non esista su Spotify è una delle più grandi sofferenze musical della mia vita).
Sul genere, dopo questi, è uscito anche Lord of Chaos (https://www.cinefacts.it/cinefacts-articolo-228/lords-of-chaos-al-seeyousound-2019-recensione.html) che ti consiglio molto

Rispondi

Segnala

Sebastiano Miotti

1 anno fa

Questa me la cerco di sicuro

Rispondi

Segnala

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni