close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#articoli

Perhaps love - Recensione: una commedia (non) romantica - FEFF 2022

Perhaps love è il primo lungometraggio di Cho Eun-jin, attrice sudcoreana che dopo aver debuttato in Tears di Im Sang-soo è diventata famosa in patria soprattutto per le sue produzioni televisive. 

 

Il film è una commedia brillante su cosa (non) è l'amore: le vicende ruotano intorno Hyeon, un famoso scrittore che vive di rendita grazie ai diritti d'autore e non riesce più a scrivere da sette anni.

 

Ci viene presentato come un uomo meschino, che inquina la vita di tutte le persone che ha intorno: la moglie attuale, l'ex moglie da cui non riesce a separarsi, il suo editore e il figlio adolescente. 

 

[Il trailer di Perhaps love]

 

 

Nonostante la leggerezza e la comicità con cui ci vengono presentate le vicende in Perhaps love - che risulteranno familiari a chi ha dimestichezza con le produzioni mainstream sudcoreane - come spettatori riusciamo agevolmente a intuire tutti i drammi che affligono questa famiglia allargata. 

 

Hyun ha un animo sensibile con cui non riesce a scendere a patti da molto tempo; è proprio qui che entra in gioco il rapporto con Yu-jin, un giovane scrittore omosessuale, sensibile e malinconico, che si dichiara innamorato di lui.

 

Una delle scene più emblematiche del film è quella in cui il ragazzo si paragona al personaggio di Leslie Cheung in Days of being wild

 

 

[Il personaggio di Yu-jin permette anche un breve excursus su come viene percepita l'omosessualità in Corea del Sud]

 

Nelle parole del giovane non si capisce però dove inizi l'infatuazione e dove finisca l'ammirazione di un artista emergente verso un collega maturo e di successo; d'altra parte, dopo le iniziali reticenze di Hyun a interagire con Yu-jin, tra i due si instaurerà un rapporto di collaborazione e amicizia che nulla ha a che vedere che con ciò che intendiamo abitualmente quando parliamo di amore. 

 

Hyun infatti sarà per Yu-jin una figura paterna e una guida per la sua attività letteraria, mentre il ragazzo aiuterà il suo mentore a trovare l'ispirazione per tornare a scrivere e capire meglio se stesso. 

 

 

[Il protagonista di Perhaps love con il figlio e l'ex moglie]

 

Nonostante non manchino personaggi femminili interessanti, Perhaps love è un compendio leggero - ma non superficiale - sulle varie declinazioni della mascolinità e sugli obblighi sociali che questa comporta in una società conservatrice come quella sudcoreana.

 

Abbiamo il romantico ma determinato Yu-jin, il figlio adolescente di Hyun che si strugge d'amore per una donna molto più grande di lui, l'editore che viene deriso perché piange in pubblico per amore e Hyun che nasconde il suo animo sensibile dietro una coltre di sentimenti repressi. 

 

Perhaps love è un lungometraggio senza troppe pretese che ha come punto forte il suo cast corale e che riesce a ritagliarsi un spazio nel genere della rom-com decostruendo alcuni dei suoi cliché. 

 

Become a Patron!

 

CineFacts segue tantissimi festival, dal più piccolo al più grande, dal più istituzionale al più strano, per parlarvi sempre di nuovi film da scoprire, perché amiamo il Cinema in ogni sua forma.

Vuoi sostenerci in questa battaglia a difesa della Settima Arte?

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Articoli

Articoli

Articoli

Lascia un commento



close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni