close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#CineFactsPodcast

El Camino: il film di Breaking Bad - Spoiler Special

Attesissimo da tutti i fan di Breaking Bad è finalmente uscito El Camino, il film sequel della serie TV di Vince Gilligan! 

 

 

Aaron Paul è il protagonista assoluto di due ore che trasudano breakingbaddismo da ogni inquadratura, e non potevamo esimerci dal fare una puntata del nostro podcast in versione Spoiler Special! 

Quindi attenzione: se NON avete visto El Camino: il film di Breaking Bad evitate di ascoltare la puntata altrimenti sapreste tutto prima di vederla.

Ma se l'avete visto e volete sapere cosa ne pensano Paolo Cellammare e Teo Youssoufian... beh, buon ascolto! 


Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

CineFactsPodcast

News

News

Lascia un commento

7 commenti

Elia Cassine

24 giorni fa

Trovo che la scelta di Vince di creare un'opera bella e celebrativa ma, dal punto di vista della storia, poco ambiziosa o stravolgente sia giusta e rispettosa nei confronti del vero capolavoro che è l'insieme delle 5 (o 6) stagioni di Breaking Bad, senza film o spin-off aggiuntivi.
Si può dire che El Camino sia una maxi-puntata extra che fa da appendice della serie (qualcosa di simile a una scena dopo i titoli di coda, che non aggiunge niente a un film) in quanto lo stile, i tempi narrativi e le atmosfere rimangon le stesse.

Rispondi

Segnala

Filman

29 giorni fa

Per me El Camino parla di qualcosa di importante per la mitologia di Vince Gilligan, invece. 
Se Breaking Bad era incentrato su personaggi che facevano scelte che a loro volta portavano a eventi fuori controllo e imprevisti che per essere risolti avrebbero portato a nuovi problemi, qua Jesse Pinkman fa quello che non aveva mai fatto in Breaking Bad: arrendersi. Segue il consiglio dei suoi genitori, smette di "seguire l'universo" e compie LA scelta invece che farsi trascinare dagli eventi continuando a spargere sangue. E questa scelta, compiuta prima non uccidendo Todd e poi arrendendosi ai finti FBI, a portarlo in Alaska.
Rifiutarsi di agire come avrebbero fatto i protagonisti di Breaking Bad, lo salva.

Rispondi

Segnala

Filman

29 giorni fa

Non sono d'accordo quando dite che l'estetica del film è quella di Breaking Bad e non quella di Better Call Saul. In BB la regia è molto più "indipendente", molta camera a mano, soggettive a morire e in generale molte scelte estetiche un po' fine a sé stesse. La regia di BCS è invece matura, sobria e compassata. In El Camino io ci ho visto un solo guizzo registico, cioè quella dall'alto mentre Jesse rivolta la casa come un calzino (una scena del genere c'è anche in Better Call Saul con lui che scava buche nel deserto, mi pare) e mezza soggettiva sul braccio meccanico. Tutto il resto si comporta come un film per nulla "indie" ma anzi è molto "studiato". Le scene noir hanno un'atmosfera noir, le scene di alta tensione hanno la musica e il montaggio giusto e in generale il flusso narrativo si mantiene a ritmi bassi e l'ironia viene quasi azzerata. Non che Breaking Bad fosse mal diretto e indubbiamente aveva il fascino della sperimentazione. Ma con Better Call Saul, Vince Gilligan ha dimostrato passi in avanti e difficilmente farà passi indietro in futuro, in questo senso.

Rispondi

Segnala

Federico Angiolini

29 giorni fa

Film nostalgico ma che trova il tempo che trova, forse anche un po' ruffiano, scegliendo di riproporre scene e personaggi storici della serie. Un sequel che segue una trama che  ci saremmo potuti immaginare tutti, non accade nulla di sconvolgente o di originale. A mio avviso anche le scene di suspence e azione non tengono testa a quelle magistralmente costruite in Breaking Bad.

Rispondi

Segnala

Davide Sciacca

29 giorni fa

Magnifico da notare che il "tatuaggio di insetto sopra al sopracciglio" era la farfalla sul cappellino. Anche a me è parso ottimo in alcuni punti e tirare la corda in altri

Rispondi

Segnala

Stefano Calegari

30 giorni fa

Concordo con quasi tutto quello che avete detto nel podcast, speravo anche io in un collegamento con Better Call Saul che per ora non si è palesato, poi si vedrà. A parte le incongruenze di età e fisicità dei personaggi il film mi è piaciuto, ma non aggiunge e non toglie niente ad un finale di serie per me perfetto. Anzi, per quanto mi abbia fatto piacere rivedere i personaggi per altre due ore (forse un po' troppo fan service), forse avrei preferito lasciare spazio alla mia immaginazione sul futuro di Jesse, con l'ultima immagine in testa quella di lui sulla El Camino. Comunque un paio di colpi alla Gilligan ci sono e sono belli. Spero un giorno di scoprire che questo film abbia avuto un senso ben preciso nell'universo di BrBa e che non sia solo un'operazione commerciale.

Rispondi

Segnala

Benito Sgarlato

1 mese fa

Appena finita la visione mi arriva la notifica su Instagram dello spoiler special... che bellezza! 😍
Dal film non sono rimasto deluso ma mi aspettavo un po' di più... mi è dispiaciuto il fatto che il film fosse troppo "Jesse-centrico", avrei voluto un approfondimento sulla scena di Skinny che si vedeva dal teaser (che invece è stata completamente tolta)

Rispondi

Segnala

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni