close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#Good&Bad

Robert Pattinson

Ammettiamolo: non ci abbiamo messo di certo poco ad abbandonare i nostri pregiudizi su di lui.

Lui, da parte sua ha lavorato molto per fugarli.

 

E finalmente, a quanto pare, ce l'ha fatta.

 

Robert Pattinson è ora a tutti gli effetti un nome di ottimo livello nella Hollywood del 2019.

 

Se Christopher Nolan ti sceglie per il suo nuovo e attesissimo film non può essere altrimenti.

 

 

 

 

E devo dirla tutta: quando ho letto il suo nome accanto a quello di John David Washington, l'hype mi ha assalito, pur in totale assenza di reali informazioni sul prossimo lavoro del regista britannico.

 

Eppure per anni ho covato enorme diffidenza nei confronti di questo giovane attore britannico.

E probabilmente non sono stato l'unico. 

 

I suoi inizi, d'altronde, non sono stati dei migliori.

Se in Harry Potter e il calice di fuoco ha interpretato, di fatto, uno stereotipo vivente, la saga di Twilight sembrava averne atrofizzato le capacità attoriali.

 

Anche Remember me apparteneva alla categoria dei film immancabili nelle cineteche delle 15enni millenial circa un lustro fa.

Un po' di diffidenza nei suoi confronti era lecita, no?

 

 

[Anche Kristen Stewart ne ha fatta di strada da allora, eh]

 

 

Però, ragazzi, Robert Pattinson è bravo!

 

Siamo stati sin troppo diffidenti con lui.

Come l'acqua per gli elefanti e Bel Ami sono stati due indizi rilevanti di cui si è accorto addirittura David Cronenberg che - con un bel po' di stomaco forte - ha guardato tutta la saga di Twilight perché estremamente interessato a lui.

 

E devo dire, ha fatto bene.

 

Così facendo ha regalato un grande Robert Pattinson in Cosmopolis e Maps to the Stars, pellicole che hanno rappresentato il vero turning point della sua carriera.

 

[Una gara di bravura tra lui e Julianne Moore]

 

 

A seguire sono arrivati The Rover di David MichôdQueen of the Desert di Werner Herzog, Civiltà Perduta di James Gray e soprattutto Good Time, film del 2017 dei fratelli Safdie che gli ha fruttato numerosissime nomination in giro per il mondo.

 

Ha persino abbandonato i ciuffi ribelli, lasciandosi crescere la barba per lanciarci un messaggio:

 

"Il vampiro Edward Cullen è morto!"

 

Insomma, Robert Pattinson ha meritato ogni flash che i fotografi gli dedicheranno.

 

Le prime rezioni della critica in merito al suo ruolo in The Lighthouse, diretto dal Robert Eggers di The Vvitch, lo dipingono come ottimo attore in grado di tener testa al suo socio Willem Dafoe, in un film in cui ci sono esclusivamente due personaggi e una location. 
Cosa non facile. 

 

Adesso sappiamo che vestirà i panni di Batman per Matt Reeves e non venitemi a dire che non vedete l'ora di vederlo diretto da Christopher Nolan in Tenet.

 

Il vampiro glitterato è ormai un lontano ricordo, ed è molto probabile che stiamo per assistere alla consacrazione di un grande attore.

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Good&Bad

AnimalinelCinema

AlcinemaconCineFacts

Lascia un commento

2 commenti

Sasuke

3 mesi fa

non ho ancora avuto l'occasione di vederlo in uno dei film sopra citati, spero di riuscirci presto..... Comunque anche Di Caprio ha iniziato cosi 😜

Rispondi

Segnala

A mio parere è un buon attore mi è piaciuto in tutti film che ha fatto non capisco tutto questo accanimento su di lui

Rispondi

Segnala

close
condividi

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni