close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#Goodnight&Goodluck

Grizzly Man - Gli orsi e la terra del caos e del sogno

Buonanotte amici della notte... Vorrei parlare di un film che, personalmente, ritengo essere uno dei più rilevanti degli ultimi 20 anni. Perdonate se mi dilungherò ma, il regista e la pellicola in questione meritano tutto lo spazio possibile. (Bisogna vedere se sarò in grado di rendergli onore!)

 

«Sono sempre stato interessato alla differenza tra “fatto” e “verità”.

E ho sempre sentito che esiste qualcosa come una verità più profonda. Esiste nel cinema, e la chiamerei “verità estatica”.

È più o meno come in poesia.

 

Quando leggi una grande poesia, senti immediatamente, nel tuo cuore, nelle tue budella, che c’è una profonda, inerente verità, una verità estatica. […] è misteriosa ed elusiva, e può essere colta solo per mezzo di invenzione e immaginazione e stilizzazione» 
[Werner Herzog]

 

 



Il tentativo di dare una definizione marcata e sintetica dell’opera artistico-cinematografica di Werner Herzog può risultare un compito tanto improbo quanto cercare di infilare un cammello nella più proverbiale cruna dell’ago.

 

Nato nel ’42 in Germania, il giovane Werner si trasferì in Baviera con la madre e i fratelli dove visse un’infanzia felice seppur caratterizzata da stenti, privazioni e difficoltà economiche.

Studente mediocre ma con un’enorme capacità di osservazione, terminati gli studi iniziò a girovagare (a piedi) per l’Europa, fra Inghilterra e Grecia; in seguito andò alla scoperta del Sud America e si ritrovò a guidare un camion in giro per l’Africa con l’obiettivo di raggiungere il Congo, senza mai approdarvi per aver contratto una malattia lungo la strada.

 

"Sono convinto che quel che ci impongono di imparare a scuola venga dimenticato nel giro di un paio d’anni.

Ma ogni cosa che impari per placare la tua sete non la dimentichi mai."

 

A 19 anni il suo primo cortometraggio (Ercole), autoprodotto con i soldi ricavati dopo aver lavorato in una fonderia.

Di qui inizia una lunga carriera che lo porterà a essere considerato uno dei padri fondatori del cosiddetto “Nuovo cinema tedesco” oltre che uno dei più grandi cineasti viventi.

 

La sua filmografia, composta da oltre 70 pellicole, comprende capolavori del calibro di Aguirre, furore di Dio, Fitzcarraldo e molti altri ancora (la lista sarebbe interminabile).

 

Come detto, Werner Herzog è uno dei registi più “dinamici” e “avventurieri” della Storia del Cinema: ha girato diversi film nella selvaggia foresta amazzonica (in Fitzcarraldo fece issare su per un colle un battello tramite un sistema di carrucole e argani manovrati dagli indios – perché questo prevedeva la storia – e si rifiutò di ricorrere a ricostruzioni con modellini), ha affrontato i deserti arroventati dell’Africa per catturare con l’obiettivo della macchina da presa la sua Fata Morgana, ha girato un film con l’intero cast sotto effetto di ipnosi (Cuore di vetro) e ci ha spiegato che Anche i nani hanno cominciato da piccoli.

 

In breve: Werner Herzog ne sa una più del demonio.

 

Il suo cinema è caratterizzato dalla potenza e dalla “nitidezza” delle immagini che vengono catturate dalla cinepresa: ogni anfratto di foresta tropicale o duna rossiccia, ogni volto segnato da follia, stanchezza o genio sembrano balzare fuori dallo schermo tanto è potente la loro carica evocativa.

 

 

[Klaus Kinski in Aguirre, furore di Dio,1972]

 

Nel 2005 il regista tedesco realizzò un film documentario montando il materiale ripreso da una delle figure più controverse e discusse degli ultimi decenni: Timothy Treadwell.

 

Chi era costui?

 

Treadwell era un giovane americano, appartenente alla middle class, con trascorsi abbastanza anonimi tra una famiglia amorevole e problemi di alcolismo.

Tim, da sempre animalista convinto, per 13 stagioni consecutive (dal 1990 al 2003) visse in Alaska in mezzo a una delle bestie più pericolose del globo terracqueo: il grizzly.

 

Fermamente convinto di essere stato scelto dalla provvidenza come “paladino” di una specie a rischio, Timothy realizzò circa 100 ore di riprese della sua vita insieme alle mastodontiche creature in una cornice spettacolosamente ostile e selvaggia come quella del parco nazionale di Katmai.

 

Nel corso degli anni diventò una celebrità nazionale: presentò nelle scuole una campagna di sensibilizzazione verso i grizzly (senza mai chiedere un soldo), parlava con la gente, si batteva per i diritti dei suoi amici ursidi e arrivò a essere intervistato persino da David Letterman che ne predisse la morte.

 

 

 

Raccontare in poche righe il rapporto fra Treadwell e la natura è deleterio.

 

Sognatore dal cuore d’oro, amante della bellezza del mondo o semplice mitomane incallito?

Difficile dirlo.

 

Quello che fece Herzog fu di montare il materiale a disposizione e, nel mentre, ripercorrere la storia di Tim, attraverso le parole degli amici e dei parenti, dall’infanzia fino alla sua morte.

 

Nel percorso biografico dell’uomo dei grizzly si scontrano gli universi dei due protagonisti: Treadwell con il suo amore fanatico e viscerale per l’ambiente e per le creature che lo popolano, dove tutto è in armonia e meraviglioso; e poi quello di Herzog, con una natura matrigna conosciuta nell’ostilità dell’Amazzonia e nei deserti bruciati di mezzo mondo.

 

Luoghi che fecero maturare nella mente di Herzog il pensiero che la natura, l’universo e, perché no, la vita stessa siano dominati

“Non dall’armonia ma dal caos, l’ostilità e l’omicidio”.

 

«È un luogo dove la natura non è ancora completa…

un luogo dove Dio, se esiste, ha creato con rabbia… anche le stelle nel cielo appaiono in confusione» 

[Werner Herzog a proposito della Foresta Amazzonica, durante la lavorazione di Fitzcarraldo]

 

 

 

 

Lo scontro fra le visioni dei due protagonisti della narrazione è violentissimo, da una parte il romanticismo e la sensibilità di Tim e dall’altra la realtà cinica e feroce di Werner.

 

Il risultato finale è qualcosa di semplicemente magico.

Grizzly Man è cinema allo stato puro.

 

All’interno del film ci sono riprese e immagini che definire meravigliose è a dir poco un eufemismo (i contatti di Treadwell con gli Orsi, le corse e i giochi con “volpi addomesticate” e la bellezza della flora dell’Alaska sono qualcosa che toglie letteralmente il fiato), ma soprattutto resta di una pregevolezza disarmante il discorso-scontro fra i due poli della pellicola.

 

Herzog sembra voler condurre lo spettatore a parteggiare per Treadwell, per poi portarlo a un’abiura immediata di fronte alla follia-ingenuità-genio di un uomo che convisse per un lungo periodo con uno dei predatori più feroci esistenti al mondo, rifiutando la sua natura di essere umano - le sue convenzioni sociali e i suoi dogmi - cercando di trasfigurarsi in orso. 

 

Impietoso, a tratti, il commento di Herzog sembrerebbe esprimersi attraverso la testimonianza di uno dei soccorritori che trovarono il cadavere di Tim (Timothy Treadwell è stato ucciso, brutalizzato e sbranato da un Grizzly insieme alla fidanzata Amie Huguenard nel 2003):

 

“Ha avuto quello che meritava… quello che cercava…

Era come convinto di avere a che fare non con veri orsi ma con esseri umani travestiti da grizzly…

Probabilmente loro lo accettavano perché pensavano che fosse una qualche sorta di ritardato… finché uno di loro non deve aver pensato

‘Hey… He might be good to eat!’”.

 

In mezzo a tutto questo Herzog ha anche modo di raccontarci la sua visione di cinema.

 

Nel materiale girato da Treadwell, spiega il regista, esistono delle sequenze catturate “inconsapevolmente” che sprigionano tutta la potenza di paesaggi e situazioni che affondano le loro radici nella storia della Terra.

Dentro di esse è possibile individuare chiaramente quello splendido, orribile, misterioso alone di misticismo e ancestralità proprio della natura selvaggia.

 

Impreziosito da una colonna sonora a dir poco perfetta, Grizzly Man rappresenta uno dei più importanti prodotti cinematografici degli ultimi anni.

 

In tutte le sue piccole imperfezioni (l’artificiosità di certe interviste è più che evidente, e probabilmente anche voluta) questo film racchiude in sé tutta la magia, la potenza visiva ed emotiva del mezzo cinematografico, stillate con maestria dal regista tedesco fino all’ultima goccia.

 

 

 

Grizzly Man, di Werner Herzog, 2005

 

Fate un favore a voi stessi: guardatelo.

È uno di quei film che fa sorridere il cuore per tutta la sua durata… e anche oltre.

 

Buonanotte, verdi formiche sognatrici.

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Ognimesealcinema

CineFactsPodcast

News

Lascia un commento

32 commenti

Marco Natale

1 mese fa

Lo vedrò assolutamente e soprattutto grazie a te e al tuo consiglio

Rispondi

Segnala

Yuri Pennacchi

11 mesi fa

Film grandioso che quasi analizza la natura con occhio "oggettivo" come se Herzog fosse uno scienziato e non un artista. Si posso trarre molti più spunti, riflessioni, suggestioni e quant'altro da questo lavoro che dalle troppe porcate ambientate nel "cuore della natura in sintonia col cosmo" (coffcoffInToTheWildcoffcoff)

Rispondi

Segnala

Simone Antonino

1 anno fa

Non ho visto il film, ma quando il cinema si mischia con la realtà le possibilità sono due: o viene qualcosa di stupendo o viene tutto troppo romanzato e si cade nel banale. Dai commenti direi che siamo nel primo caso, quindi lo vedrò appena possibile

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

1 anno fa

Simone Antonino
Vedrai che non te ne pentirai ;)

Rispondi

Segnala

Fabrizio Cassandro

1 anno fa

Ho mantenuto fede ad una promessa e l'ho visto. È figo, poco da dire, un gran bel film.
Sinceramente più che lo scontro tra Herzog e Treadwell, presente, interessante e tutto quanto, ho amato il modo in cui ha "corstruito una persona".
Un pezzettino alla volta, come in un corto che ho visto di recente tutto fatto di foto di famiglia, Herzog ricostruisce una persona a 360° ed ogni tassello che aggiunge diventa meno "eroe mitico da documentario" e più personaggio a 360° a tratti coraggioso a tratti folle, a tratti umano a tratti viscido (il passaggio sulle donne mai menzionato è breve e sottile, ma è come una nuova luce su Treadwell che non riesci a staccarti di dosso). 
Un lavoro, non pensavo, interessantissimo soprattutto a livello di scrittura.

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

1 anno fa

Fabrizio Cassandro
Teeeee l'avevooooo deeeettoooooo!

Rispondi

Segnala

Questo film e "Apocalisse nel Deserto" sono i due documentari di Herzog che apprezzo di più! Bella recensione, spero che porti parecchie persone a vedere il film e a rivalutare l'idea/luogo comune  che spesso si ha quando si sente il termine "documentario" 😂

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

1 anno fa

Edoardo Raffaele ヅ
Lo spero anch’io! Ma del resto TUTTO il cinema documentario di Herzog è magico. Ha veramente un potere straordinario. Solo lui può riuscire a farti intrigare da una gara di battitori d’asta di vacche (si, esiste davvero: “How much wood would a woodchuck chuck”)

Rispondi

Segnala

Anacrusi

1 anno fa

Bellissiam recensione, ben scritta, convincente e palese passione, complimenti. Conoscevo la storia di Tim, ma non che Herzog ci avesse fatto un film sopra. Recupererò al più presto.

Rispondi

Segnala

Kelevra

1 anno fa

La prima volta che ho sentito parlare di questo film, mi fu detto da una mia compagna di scuola che proprio il giorno in cui non c'ero avevano deciso di far vedere a tutti un film "con un imbecille che va a vivere con gli orsi e poi quelli se lo mangiano". Credo che non sia una pellicola adatta alla visione per un undicenne, soprattutto per la scena (o non scena, dato che lo schermo è nero?) finale.  Detto questo, da quando l'ho visto -cosa che è avvenuta fortunatamente quando ero già adulta- ho iniziato a cercare informazioni su Treadwell, su Herzog, sulla vicenda, sui personaggi che gli ruotano intorno. A quanto ho capito la "reale" registrazione dell'ultima notte di Timothy è stata ascoltata da Herzog, dagli ufficiali giudiziari e dalla madre di Treadwell ma il regista stesso a un certo punto dice che non si sente di includere il girato nel suo film. Quindi cos'è che ascoltiamo noi? Una rielaborazione in studio ricostruita ad hoc (da brividi per la cronaca, mi viene la pelle d'oca al solo ricordo) oppure l'audio reale dell'accaduto?

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

1 anno fa

Kelevra
Ciao Kelevra! Credo che tu stia ricordando male...All’interno del film non viene fatta sentire la registrazione della morte di Tim, né una sua ricostruzione. L’unica cosa di similare a quanto dici è una clip su YouTube, ma è un fake. Fatto bene, ma un fake. L’audio originale è in mano alle autorità statunitensi e non è mai stato divulgato.

Rispondi

Segnala

Eugenio

1 anno fa

Bella questa recensione: tecnica ma si respira una passione autentica, bravo! Grizzly Man l'avevo visto qualche anno fa, consigli per proseguire nella sua filmografia? Aguirre o fitzcarraldo? (quale per primo, non quale dei due 😉)

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

1 anno fa

Eugenio
Ciao Eugenio! Grazie per il complimento!
Aguirre assolutamente. È il manifesto del pensiero Herzogghiano. Non che Fitzcarraldo non lo sia, ma Aguirre ha una storia (parlo sia della realizzazione che dello script) pazzesca (anche qui, non è che una nave issata su per una collina non abbia fascino, eh). Mi sentirei di spingerti verso il cinema documentario di WH...è l’essenza della settima arte. Ma magari ne riparlerò nella rubrica (o ci penserà qualche collega redattore 😉)

Rispondi

Segnala

Eugenio

1 anno fa

Adriano Meis
Allora attendo il prossimo appuntamento della rubrica e nel frattempo recupero Aguirre!

Rispondi

Segnala

Joaquin Phoenix

1 anno fa

Dopo nosferatu e fitzcarraldo mi recupero questo

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

1 anno fa

Joaquin Phoenix
Ripassa e dicci che ne pensi! 💪🏻

Rispondi

Segnala

Samuel De Checchi

1 anno fa

Mi manca questo regista.

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

1 anno fa

Samuel De Checchi
A questo si può porre rimedio (semicit)

Rispondi

Segnala

Luca Ernandes

1 anno fa

Da recuperare or ora! E non ero minimamente a conoscenza della giovinezza di Herzog, tanto insolita quanto avventurosa! Spero vivamente ci sia una biografia per approfondire meglio, anzi vado subito a cercare;)

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

1 anno fa

Luca Ernandes
Ti consiglio caldamente "Incontri alla fine del mondo. Conversazioni tra cinema e vita". Biografia autorizzata dove l'autore ha avuto modo di intervistare personalmente W.H 😉

Rispondi

Segnala

Luca Ernandes

1 anno fa

Adriano Meis
Grazie mille, aggiunta subito al carrello!👍

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

1 anno fa

Luca Ernandes
My pleasure

Rispondi

Segnala

Melancholia

1 anno fa

Non sono un'appassionata di documentari, ma la storia mi ha interessata e dalla descrizione che ne hai fatto sembra essere davvero qualcosa di fantastco. Lo vedrò magari in uno di quei giorni in cui non so che guardare!

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

1 anno fa

Melancholia
In realtà non è un documentario nel senso più stretto del termine. Come scrivo nell'articolo, è un film estremamente versatile...con la scusa della storia di Tim, Herzog parla della vita, dell'uomo, del cinema, della natura. Ti consiglio di cuore di non relegarlo a  film da vedere "magari in uno di quei giorni in cui non so che guardare". E' anzi un film da vedere il prima possibile! Fidati! Se ti avrò consigliato male, potrai tornare qui a dirmelo e pagherò pegno! ;)

Rispondi

Segnala

Marco Natale

1 mese fa

Melancholia
Herzog va oltre i semplici documentari

Rispondi

Segnala

Drugo

1 anno fa

Me lo sono già messo in lista👍

Rispondi

Segnala

RustCohle

1 anno fa

Uno dei capolavori di Herzog. Da vedere.

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

1 anno fa

RustCohle
Più volte! ❤️

Rispondi

Segnala

Alex Fanelli

1 anno fa

Il vero colpo di scena infatti, credo sia quando decide di nasconderci la scena; per quella che sembra la scena dove gli orsi sbranano Timothy, Herzog decide di farci solo sentire l'audio senza le immagini. Oltre che per probabili ragioni di decoro, credo sia una scelta ancora più forte e voluta per non darci tutto il possibile per giudicare il protagonista ma anzi offrire elementi più oggettivi possibili.
Un gran film da vedere sia se appassionati di documentario che non

Rispondi

Segnala

Claudio Serena

1 anno fa

La centralità di tutto il film, come giustamente sottolinei tu, è lo scontro di visioni tra Timothy ed Herzog. Herzog è riuscito a mantenersi abbastanza neutrale nel racconto della storia, nonostante sia palese il suo punto di vista e la sua opinione. Opinione che però cambia nel proseguo della storia, nel conoscere, attraverso i racconti dei suoi amici, Tim e la passione/follia che lo muovevano. Herzog lascia allo spettatore decidere con chi si trovi d'accordo senza mai cercare di influenzarlo. E' una lotta anche interiore quella del regista.

La vicenda, di per sè, è incredibile. Fa nascere nello spettatore lo stesso conflitto interiore che deve aver provato Herzog nel suo montaggio e nella realizzazione del film.

Lo vidi seguendo il tuo consiglio 😄

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

1 anno fa

Claudio Serena
Ne sono lieto, Claudio! E' un film potentissimo. Sicuramente uno dei miei film del cuore.

Rispondi

Segnala

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni