close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#news

DGA Awards 2019: tutti i vincitori!

Si è svolta ieri sera la 71esima edizione dei Directors Guild of America Awards, ovvero i premi dell’associazione dei registi di Hollywood.

 

Il vincitore della sezione Lungometraggi è stato Alfonso Cuarón con il suo Roma, già vincitore del Leone d’Oro all'ultima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia e ormai quasi certo vincitore ai prossimi Oscar, dove ha ottenuto ben 10 nomination.

 

Dal 1949, primo anno dei DGA Awards, a oggi soltanto in sette occasioni il vincitore non ha vinto l'Oscar per la Miglior Regia: statistica prevedibile, dato che i membri del Directors Guild of America fanno anche parte dell'Academy ed è quindi facile pensare che non cambino idea in pochi giorni. 

 

Se come sembra Cuarón vincesse l'Oscar per Roma sarebbe la quinta volta in sei anni per un regista messicano: lo stesso Cuarón nel 2014 con Gravity, la doppietta nel 2015 e 2016 di Alejandro G. Inárritu con Birdman e Revenant, la parentesi a stelle e strisce di Damien Chazelle con La La Land nel 2017 e Guillermo del Toro l'anno scorso con La Forma dell'acqua.

 

Ecco tutti i vincitori dei DGA Awards 2019:

 

 



Lungometraggi

 

Alfonso Cuarón - Roma

Bradley Cooper - A Star Is Born

Peter Farrelly - Green Book

Spike Lee - BlacKkKlansman

Adam McKay - Vice - L'Uomo nell'Ombra

 

 



Documentari

 

Tim Wardle - Three Identical Strangers

Morgan Neville - Won’t You Be My Neighbor?

RaMell Ross - Hale County This Morning, This Evening

Elizabeth Chai Vasarhelyi e Jimmy Chin - Free Solo

Betsy West e Julie Cohen - RBG

 

 



Esordio alla Regia di un Lungometraggio

 

Bo Burnham - Eighth Grade

Bradley Cooper - A Star Is Born

Carlos López Estrada - Blindspotting

Matthew Heineman - A Private War

Boots Riley - Sorry to Bother You 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

news

Goodnight__Goodlucknc1

articoli

Lascia un commento



8 commenti

Antonella

1 anno fa

se la "tradizione" della vittoria collegata poi a quella degli oscar continua, allora cuaròn sa di aver già l'oscar in mano

Rispondi

Segnala

Yuri Palamini

1 anno fa

Giù il cappello a questo periodo storico del cinema messicano! Una delle poche certezze agli Oscar di quest'anno, almeno per me!

Rispondi

Segnala

Billizful

1 anno fa

Cuaròn continua a sbancare potente, è decisamente il suo anno!

Rispondi

Segnala

Elena Mercuri

1 anno fa

Onestamente ero convinta che il premio per l’esordio alla regia lo avrebbe vinto Bradley Cooper!

Rispondi

Segnala

Federico Rossato

1 anno fa

Fiero di Burnham come di un fratello maggiore laureato. Mi ricordo ancora di quando lo conobbi con "My whole family thinks I'm gay" e non posso che saltellare felice come una pasqua per questa sua conquista: lui è una nuova speranza! *Guarda in lontananza i due soli di Torino*

Rispondi

Segnala

Emanuele Sbrocchi

1 anno fa

Ma che momento sta vivendo il cinema messicano!?

Rispondi

Segnala

Manuel Perin

1 anno fa

meritatissimo per Cuarón, la scena dove Cleo e Fermin sono al cinema mi ha lasciato senza fiato, sarei voluto immergermi in quella scena e non uscirne più

Rispondi

Segnala

Miro Meli

1 anno fa

Grandissimo Alfonso Cuarón. Meritatissimo a parer mio

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni