close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#articoli

Disney ucciderà Netflix?

Ci sono ancora tanti misteri che gravitano attorno a cosa diventerà a breve la Walt Disney Company: quello che oggi è il più grande tra i tradizionali studios di Hollywood sta passando dall’essere un “semplice” produttore e distributore di contenuti ad essere presente sul mercato delle piattaforme streaming “direct-to-consumer”.

 

Il nome non si conosce ancora con certezza, ma pare che il servizio streaming della Casa del Topo si chiamerà "Disney Play", il lancio è previsto entro la fine del 2019 e promette di rivoluzionare lo streaming, dare uno scossone a Hollywood e polverizzare la concorrenza: Netflix ed Amazon Prime Video su tutti.

 

 

 

Lo scorso agosto il CEO della Disney, Bob Iger, ha rivelato alcune caratteristiche: sono numerosi i progetti originali attualmente in produzione - tra cui la prima serie televisiva live-action di Star Wars e, sul lato dei film, una versione live-action del classico Disney Lilli e il Vagabondo - che saranno accessibili in esclusiva solo sulla loro piattaforma.

 

Non solo: hanno già annunciato che entro la fine dell’anno prossimo tutte le proprietà Disney oggi presenti sulle altre piattaforme “torneranno a casa”, per Netflix ed Amazon Prime Video una volta scadute le licenze oggi attive su film e telefilm Disney quindi non ci sarà più modo di rinnovarle.

Come si tramuta tutto ciò per noi consumatori?

Al momento attuale, Disney ha quattro nomi importanti per le sue produzioni:

- Disney (sia live-action che studio di animazione),

- Pixar Animation Studios,

- Marvel Studios,

- Lucasfilm.

 

Questi continueranno senza dubbio a produrre con a disposizione dei mega budget e (una volta finalizzata l'acquisizione delle risorse di 21st Century Fox) le principali produzioni di Fox che rientrano nei progetti Disney (ad esempio, i film degli X-Men che si sposteranno su Marvel) saranno distribuite nelle sale di tutto il mondo come di consueto con un’uscita ogni tre o quattro mesi.

 

 

 

 


I film con un budget medio come quelli prodotti da Fox 2000 o Fox Searchlight approderanno probabilmente su Hulu (piattaforma esistente negli Stati Uniti e presente nell’accordo con Fox) nel caso siano vietati ai minori, o su Disney Play in tutti gli altri casi, dopo un quasi ovvio passaggio iniziale in sala.

 

Quindi, invece di concedere licenze per servizi premium a pagamento o pubblicità, un film della nuova galassia Disney resterà nella galassia Disney: terminato il periodo in cui saranno ancora in piedi gli accordi precedenti con Starz o con Netflix, sarà la fine dei giochi per chiunque altro. 

 

E questo è un radicale cambiamento rispetto alla pratica corrente di tutti gli studios grandi e piccoli negli Stati Uniti.

 

Oggi a livello mondiale - dati i fenomenali risultati dei film Disney negli ultimi anni - prodotti di successo come Black Panther o Gli Incredibili 2 possono generare oltre 150 milioni di dollari dalle licenze per la pay tv e per la televisione supportata dalla pubblicità per un periodo di circa nove anni, iniziando ad essere trasmessi circa 7/8 mesi dopo la loro prima uscita nelle sale cinematografiche. 

 

 

 



La Disney abbandonerà questo gigantesco guadagno in nome di un margine di profitto sperato sui ricavi delle sottoscrizioni che a livello USA si aggirano intorno ai 6/8 dollari per abbonato al mese (e a quanto hanno annunciato si parla della stessa cifra a livello internazionale… sì: costerà meno di Netflix).


In termini pokeristici siamo vicini a un “all-in” per Disney: la scommessa è davvero enorme.


C’è però da dire che il colosso topesco non si muove senza delle solide basi: una ricerca di mercato Nielsen ha rivelato che all'interno di due target molto forti come gli “spettatori di film per famiglie” e i “fan di film di supereroi” sono rispettivamente il 94% e l'89% le persone che guardano almeno un film alla settimana in streaming.

[fonte: Ken Ziffren - The Hollywood Reporter]


Film per famiglie e film sui supereroi: vi viene in mente un altro studio che possa oggi battere la Disney su questi due fronti?

 

Quello che succederà e come verrà accolta in tutto il mondo la piattaforma streaming di Disney non si può chiaramente sapere, ma appare ormai evidente che la mossa dell’acquisizione degli asset di 21st Century Fox era, come avevano intuito alcuni osservatori tra i quali -concedetemelo- il sottoscritto, votata alla cannibalizzazione di qualunque prodotto della galassia per rimpinguare il catalogo della futura “Disney Play”.

 

Qualunque film Disney Pixar, tutti i film finora prodotti da Touchstone Pictures, i franchise di Marvel e di Star Wars, più tutto il pacchetto Fox che comprende titoli (e possibili franchise o già dichiarate espansioni di quelli attuali) come gli X-Men, Deadpool, I Fantastici 4, Avatar, Titanic oltre alle storiche serie animate di successo come I Simpson e i Griffin, quelle live action della ABC come Lost o Scrubs da poter mettere in catalogo o quelle più recenti ma che hanno già un nutrito fandom come American Horror Story e Modern Family, senza dimenticare gli innumerevoli documentari di National Geographic... 

 

 

 



Tutti questi titoli trasmigreranno da tutte le piattaforme streaming oggi esistenti per convergere solo ed esclusivamente su quella Disney, con in più il vantaggio di non avere delle licenze “a tempo” come hanno oggi Netflix ed Amazon ma potendo restare in catalogo virtualmente per sempre.

 

Senza più muoversi da lì.
E tutti i prodotti nuovi da quel momento in poi seguiranno lo stesso destino.

Il tutto, per 6 o 8 dollari al mese.

 

È davvero una scommessa enorme per Disney, che forse sta facendo preoccupare ben più di un azionista... 

Ma ho come l’impressione che la concorrenza attuale sia molto, molto più preoccupata.


update del 19 settembre 2018: 
https://www.cinefacts.it/cinefacts-news-15/nuove-serie-tv-marvel-esclusive-per-disney.html
già: pare proprio che la concorrenza avrà di che preoccuparsi! 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

News

Articoli

Articoli

Lascia un commento

336 commenti

tommaso Napoletano

10 mesi fa

Personalmente trovo l'apertura di questa piattaforma un'ottima trovata; penso a tutti coloro che, come me, sono cresciuti con i prodotti (di qualsiasi tipo) targati Disney. Tuttavia trovo la dilagante preoccupazione leggermente eccessiva; parliamo di una piattaforma che offre un determinato tipo di contenuti non così vario in fin dei conti. Disney è un impero che nel mondo dell'animazione supera aziende come Netflix o Amazon magari, tuttavia il pubblico che richiamerà a se, pur non trattandosi di una nicchia, può' essere considerata non più di semplici "aficionados" alla casa produttrice di cartoni di/per eccellenza. Darà filo da torcere a Netflix? Forse si, ma la vastità di contenuti che offre la sopracitata piattaforma di streaming, da documentari/docufilm fino ad arrivare a serie tv provenienti da ogni parte del mondo, film e i sottostimati anime giapponesi, non credo possa essere messa a paragone. 

A parer mio, l'impatto non sarà più grave dell'impatto che ha avuto Dazn su Sky; un'irriverente schiaffo ad un colosso della contenutistica cinefila e non che, si ha dato fastidio, ma di certo è lontana dal "mettere in difficoltà il servizio (ormai di lusso) che offre. 

Magari si può parlare di specializzazione/settorializzazione; piattaforme come queste insieme ai colossi (chi più chi meno) porta il "compratore" a operare una scelta; serie tv generiche di qualsiasi tipo o cartoni? Tutto lo sport generico o SerieA, Nfl e compagnia cantante? 
L'unica differenza, purtroppo, sarà l'impatto nei nostri portafogli, portandoci nella maggior parte dei casi a non operare nessuna scelta, ma piuttosto a prendere tutto quello che ci viene propinato. 

Da ricordare che si sta parlando di aziende il cui focus è quasi esclusivamente puntato sul denaro e sugli introiti. Dagli torto...🐙

Rispondi

Segnala

Matteo Tocci

11 mesi fa

Di questo passo la Disney prima o poi comprerà anche Netflix 😂

Rispondi

Segnala

Luca Rodo

1 anno fa

Sinceramente non mi meraviglio anzi me lo aspettavo. Era inevitabile che dopo l'espansione di Disney non provasse ad aggredire questo mercato visto la quantità di contenuti a sua disposizione.

Rispondi

Segnala

ilric

1 anno fa

Hail Mickey!

Rispondi

Segnala

Andy Dufresne

1 anno fa

Inizialmente costerà 6/8 dollari, ma poi? Il Topo che arraffa tutto non mi sembra una buona cosa; che dire, Heil Mickey!

Rispondi

Segnala

Daniele Scibetta

1 anno fa

Se, come hanno detto, punteranno solo su alcuni target, non vedo perché le altre aziende non possano sopravvivere con tipi di prodotti diversi. Fino ad ora, i contenuti originali di Netflix e Prime, togliendo quelli a carattere supereroistico, hanno funzionato (vedi OITNB, House of Cards, Sense8, American Gods, The Marvelous Miss M, TMITHC, The Crown etc...)

Rispondi

Segnala

Nuriell

1 anno fa

Non credo succederà, per quel che mi riguarda una piattaforma in più è solo un altro luogo diverso in cui andare a trovare le cose che voglio.

Sarò davverofelice quando ne avremo solo una con tutto lo scibile umano.

Rispondi

Segnala

OldBoy

1 anno fa

Io penso che questo non potrà che portare le altre piattaforme a trovare il loro target, diverso da quello per famiglie e/o da fan di supereroi, alzando il livello medio di tutto l'ambiente. Io personalmente molto probabilmente non mi abbonerei mai a un Disney Play con queste premesse, virando piuttosto su un netflix rivisitato che strizzi di più l'occhio al cinema d'autore

Rispondi

Segnala

Marco Natale

1 anno fa

Minchia quello che farà la Disney è davvero spaventoso

Rispondi

Segnala

Andrea Mazziotta

1 anno fa

L'impero disney consentirà alla piattaforma di partire con un vasto catalogo di film di grande successo commerciale e parte di grossi brand che chiaramente non saranno più concessi alle altre piattaforme.
In più punteranno forte su serie originali di quegli stessi brand che tanto la stanno facendo ricca al cinema in questi anni(marvel,star wars ecct.).In piu ci saranno le serie prodotte da fox,abc e probabilmente in seconda visione quelle prodotte da hulu.
Si tratta di un win to win;faranno il botto indipendentemente dalla qualità dei prodotti nuovi che proporranno.
Per amazon l'impatto sarà secondo me più limitato perchè da una parte prime video è un elemento di un servizio più ampio,e dall'altra nel 2020 Prime video arriverà la serie ispirata al 'Signore degli anelli',un brand diciamo non proprio piccolo.
Su netflix il discorso è più complesso.Loro si stanno preparando già da una paio di anni all'avvento di Disney.Hanno messo un po' da parte prodotti di altri e hanno investito cifre folli in un'ampissima quantità di prodotti originali.L'idea è di puntare più sulla quantità che sulla qualità(quanti nuovi originali netflix salviamo negli ultimi 2 anni?)e di cercare di fidelizzare il più possibile il pubblico a questi orginali.
Non so se si tratti della giusta strategia e se basterà a resistere all'avvento di Topolino.

Rispondi

Segnala

Andrea Mauri

1 anno fa

Se i prodotti Disney saranno all'altezza delle aspettative penso proprio che prevarrà. Netflix è bella e comoda quanto si vuole, ma in termini di prodotti esclusivi Netflix non sta sfornando niente di speciale onestamente. Tutte le cose belle che ha sono semplicemente serie TV prodotte da terzi e semplicemente DISTRIBUITE da Netflix.

Rispondi

Segnala

Grazia173

1 anno fa

Andrea Mauri
Sono d'accordo solo in parte. Che siano prodotte o semplicemente distribuite non credo faccia così tanto la differenza: resta comunque il fatto che puoi trovarle su Netflix, con un costo sicuramente inferiore rispetto alle altre  piattaforme di streaming (se consideri che,dividendolo con altri,Netflix viene a costarti soltanto 3,5 al mese)

Rispondi

Segnala

FedeCar99

1 anno fa

Fra un po' se andrà avanti cosi ogni cosa sarà targata Disney.😂😂

Rispondi

Segnala

Nicolas Strenta

1 anno fa

La mia paura è che parta un meccanismo concentrato sul produrre tanto ma con poca qualità, ok che si parla si Disney ma in certi cinecomics già questa cosa si può vedere.

Rispondi

Segnala

E questa volta sono veramente tentata di abbonarmi ad una piattaforma online.

Rispondi

Segnala

Nicolò Murru

1 anno fa

Investire soldi per fare soldi. Ci mancherebbe.

Rispondi

Segnala

Lara Del Freo

1 anno fa

Il topo con i big money compra tutto

Rispondi

Segnala

Mr. Hyde

1 anno fa

Disney piglia tutto!

Rispondi

Segnala

James Flint

1 anno fa

Le potenzialità per dominare il mercato ovviamente le ha. Il mio dubbio era sul prezzo del servizio, ma se davvero dovrebbe costare quanto scrive Teo, beh allora.. Monopolio incontrastato

Rispondi

Segnala

Luckyboy

1 anno fa

Addio Netflix, sono già pronto ad abbonarmi a Disney

Rispondi

Segnala

GretaCookies

1 anno fa

La Disney conquisterà il mondo.

Rispondi

Segnala

Angie

1 anno fa

Per quanto io adori la Disney queste ultime mosse non mi piacciono per niente. Adesso si spiega perchè Netflix piano piano abbia cominciato a puntare sempre di più su produzioni personali.

Rispondi

Segnala

James Flint

1 anno fa

Angie
Si..il problema è che non tutte le ciambelle gli escono col buco anzi..

Rispondi

Segnala

Angie

1 anno fa

James Flint
Uno dei motivi per cui sono preoccupata

Rispondi

Segnala

Angie

1 anno fa

James Flint
Uno dei motivi per cui sono preoccupata

Rispondi

Segnala

Lara Del Freo

1 anno fa

Angie
Netflix ha molti film validi, ma perde grande fetta con questa mossa... forse troppa

Rispondi

Segnala

Emanuele Cusentino

1 anno fa

Disnet is the new Skynet

Rispondi

Segnala

Lara Del Freo

1 anno fa

Emanuele Cusentino
Il commento del secolo🔝

Rispondi

Segnala

Lorenzo Nuccio

1 anno fa

La speranza risiede ormai nei film indipendenti

Rispondi

Segnala

DocBrown

1 anno fa

Ma le altre due principali piattaforme, ovvero Netflix e Amazon Video, come si stanno muovendo a riguardo?
Disney sta smuovendo le montagne per lanciare la nuova piattaforma come Dio comanda e sarebbe logico pensare che la concorrenza si muova di conseguenza. Punteranno tutto sui prodotti originali? Sarebbe una bella scommessa puntare solo su prodotti originali per contrastare l'impero Disney.

Rispondi

Segnala

James Flint

1 anno fa

DocBrown
È quello che stanno cercando di fare, seppur in Maniera alterna. Ad Amazon ancora manca il botto (la serie tv sul signore degli anelli?)

Rispondi

Segnala

DocBrown

1 anno fa

James Flint
Quella serie é l'unico motivo che giustifica un abbonamento ad Amazon video sinceramente.

Rispondi

Segnala

James Flint

1 anno fa

DocBrown
Beh non è vero dai.. se consideri che primevideo è incluso nel costo prime, ha delle visioni interessanti. Se poi avesse un costo come Netflix o superiore, allora dovrebbero rivalutare la lista. Ma per il momento qualcosa di decente si riesce a trovare

Rispondi

Segnala

Anacrusi

1 anno fa

Ma l'Antitrust non ha detto nulla a proposito dell'acquisizione dalla Fox?

Rispondi

Segnala

Gabi

1 anno fa

Netflix punterà sulle sue produzioni originali e alla fine la Disney si comprerà anche quelle 😂

Rispondi

Segnala

Mr Blonde

1 anno fa

Basta Netflix (?)

Rispondi

Segnala

Grazia173

1 anno fa

Mr Blonde
...per essere felici😂

Rispondi

Segnala

Francesco Miale

1 anno fa

Ma quanti cazzarola di soldi ha la Disney è illegale ahhahahahhahahahhah

Rispondi

Segnala

supertramp

1 anno fa

Non c'è partita, Disney rivoluzionerà tutto

Rispondi

Segnala

Antonio Pellegrino

1 anno fa

La Disney punta al monopolio mentre la qualità dei suoi prodotti scarseggia sempre di più...questo sempre secondo la loro logica della quantità. Prendiamo ad esempio il MCU, dove per costruire un arco narrativo che raggiunge la sua vetta con Infinity War (filmone) ci riempie di film come iron man 3 e ragnarok

Rispondi

Segnala

James Flint

1 anno fa

Antonio Pellegrino
Beh chiamare filmone una storia di supereroi tutta azione con  la trama scritta da un adolescente mi pare azzardato

Rispondi

Segnala

Lara Del Freo

1 anno fa

Antonio Pellegrino
Diciamo che sanno fare il loro lavoro. Hanno creato qualcosa che prima era impensabile, riuscendo a dare vita anche a personaggi poco apprezzati (e poco amati) dei fumetti.  Per il mio gusto personale però le loro mosse sono troppo influenzate dal "ciò che vuole il pubblico" e di conseguenza i film stanno calando di qualità (parere personale).

Rispondi

Segnala

Antonio Pellegrino

1 anno fa

James Flint
Beh ovviamente non è Quarto Potere ma nel suo campo, quello dei cinecomic, riesce ad intrattenere senza scadere in quel tipico umorismo forzato del MCU e ad accontentare anche i fan integralisti del fumetto

Rispondi

Segnala

Antonio Pellegrino

1 anno fa

Lara Del Freo
Perfettamente d'accordo, quando ti pieghi al volere delle fanbase inevitabilmente la qualità viene meno

Rispondi

Segnala

James Flint

1 anno fa

Antonio Pellegrino
Nulla da obiettare su questo. E' il termine "filmone" che continua a non quadrarmi :)

Rispondi

Segnala

Alessandro Minore

1 anno fa

Sono convinto che tra meno di 10 anni , la Disney avrà il monopolio del cinema. Acquisterà tutto ciò che può , così da non avere rivali!

Rispondi

Segnala

Stefano Mazzeo

1 anno fa

Se alla fine la Disney nn acquisirà proprio Netflix, si ridurrà tutto ad un duopolio probabilmente...secondo me Netflix resisterà data la robusta base di utenti che ha accumulato partendo in anticipo.

Rispondi

Segnala

RustCohle

1 anno fa

Stefano Mazzeo
In effetti la Disney ha già comprato la Marvel e la Lucasfilm, volendo potrebbe anche comprarsi Netflix ma non credo neanche io che lo farà... Netflix ogni hanno diventa sempre più potente

Rispondi

Segnala

valerio acernese

1 anno fa

Più che distruggerla è facile che alla fine se lo compri Netflix

Rispondi

Segnala

Dav 9000

1 anno fa

L'unica speranza è che non si abbassi ulteriormente la qualità dei contenuti.

Rispondi

Segnala

Panda

1 anno fa

Dav 9000
Per ora Disney sta accumulando consensi buttandoci in mezzo nuove produzioni di franchise famosi e con persone di rilievo dell'intrattenimento.
Sono abbastanza curioso di premere play.

Rispondi

Segnala

Dav 9000

1 anno fa

Panda
Scatenare la curiosità del pubblico è sicuramente uno degli obiettivi di Disney.

Rispondi

Segnala

Federico Cardinale

1 anno fa

Disney, ora come ora, ha tutti i mezzi per riuscire a distruggere Netflix. Possedendo i diritti sui film di supereroi, che stanno monopolizzando il mercato dei Blockbuster, Star Wars e film per i più piccoli, parte già da una base più che solida.

Quello di cui più dovremmo preoccuparci è di come evitare che queste due aziende distruggano il Cinema.

Rispondi

Segnala

RustCohle

1 anno fa

Netflix parte con un vantaggio consistente essendo leader assoluta del settore già da 4-5 anni, Disney però ha una potenza di fuoco impressionante. Di questo dualismo ne sentiremo parlare molto in futuro mi sa...

Rispondi

Segnala

Francesco Marino

1 anno fa

RustCohle
Non sono convinto sarà un vero e proprio dualismo.
Nonostante il dominio assoluto di Netflix in campo streaming, Disney è ormai un’azienda a dir poco storica e quindi anche con un grandissimo, oltre che fedelissimo, publico.
Inoltre il prezzo più basso ed il fatto che potrebbero proporre offerte legate ai loro parchi a tema, store o comunque merchandising varii gioverebbe a loro favore.
Insomma giocandosela bene Disney potrebbe, a mio parere, annichilire tutti i rivali, ora non ci rimane altro che stare a guardare...

Rispondi

Segnala

sharon_holmes

1 anno fa

Francesco Marino
Completamente d'accordo

Rispondi

Segnala

Grazia173

1 anno fa

Francesco Marino
Sinceramente non ci avevo pensato🤔
Sarà interessante vedere come si muoverà la Disney

Rispondi

Segnala

Anacrusi

1 anno fa

Francesco Marino
Consideriamo che Netflix è vero ha il dominio assoluto sul campo attualmente, ma in Italia è arrivato nel 2015 e dal non essere conosciuto (e anzi disprezzato perché a pagamento...) è passato ad essere praticamente in ogni casa. Le masse sono facilmente influenzabili, una multinazionale come la Disney potrebbe impiegare davvero poco tempo a deporre Netflix dal suo trono.

Rispondi

Segnala

Francesco Marino

1 anno fa

Anacrusi
Non posso essere più d’accordo, il mercato odierno è a dir poco rapidissimo, aziende come Netflix passano, come dici giustamente tu, dall’essere amate all’essere odiate in un attimo, quindi non si può mai sapere...

Rispondi

Segnala

James Flint

1 anno fa

Anacrusi
Perfettamente d accordo. Anche perché le produzioni netflix ultimamente non è che abbiano prodotto dei capolavori (bright)

Rispondi

Segnala

Samuele Monzani

1 anno fa

Difficile da prevedere... Netflix oramai ha un marchio parecchio forte (basti pensare a tutti i "Netflix ha vinto a Venezia" per un film solo distribuito) e sarà difficile per la Disney modificare la concezione popolare oramai diffusissima di streaming=Netflix. Certo, i mezzi ce li ha di sicuro, direi che chi vivrà vedrà

Rispondi

Segnala

Serena Scarpi

1 anno fa

Se Netflix continuerà con i suoi contenuti originali credo non avrà grandissimi problemi e restare operativo, anche perché punta più sulle serie tv e a quanto ho capito la piattaforma Disney sarà più per i film, ma staremo a verere

Rispondi

Segnala

Gaia Marchetti

1 anno fa

Non credo che la Disney riuscirà mai ad uccidere Netflix, soprattutto se Netflix continuerà a concentrarsi sui contenuti originali rafforzando il proprio brand. Piuttosto tutto questo streaming ucciderà il cinema in sala?

Rispondi

Segnala

Nibbio

1 anno fa

Nulla vieta comunque di fare un mese Disney e un mese Netflix

Rispondi

Segnala

Davide Sciacca

1 anno fa

Nibbio
Il mese gratis di entrambi (se ci sarà anche di Disney), cambiando identità ogni due mesi

Rispondi

Segnala

Nibbio

1 anno fa

Davide Sciacca
Così ancora meglio Ahahah😂

Rispondi

Segnala

Charlie Shield

1 anno fa

La disney si sta mangiando tutto. Tutto! Maledetti loro

Rispondi

Segnala

Gabri.G

1 anno fa

La Disney ucciderà tutto. E tutti.

Rispondi

Segnala

RustCohle

1 anno fa

Gabri.G
Speriamo di no!

Rispondi

Segnala

Gabri.G

1 anno fa

RustCohle
Beh lo spero anche io. Ma ho paura sia così :)

Rispondi

Segnala

Speriamo bene...

Rispondi

Segnala

Tommaso Caperdoni

1 anno fa

Una strategia per Netflix sarebbe senz'altro puntare su contenuti più di livello, magari investendo sulle produzioni locali, specialmente ora che il MiBACT vuole introdurre una norma per la quale il 30% dei contenuti delle piattaforme streaming sia di nazionalità italiana. Già con "Sulla mia pelle" si è puntato su una distribuzione "clandestina", in apparenza lesiva per il modello-cinema standard, in centri culturali e sociali, che ovviamente hanno sfruttato Netflix. Poche sale ma enorme impatto mediatico

Rispondi

Segnala

David Marchese

1 anno fa

Non so se è stato già detto ma ho paura che questa "guerra" sulla quantità possa compromettere la qualità. A mio avviso si stanno producendo, ad esempio, una quantità sconfinata di serie tv al solo scopo di aumentare e diversificare l'offerta senza preoccuparsi di mantenere determinati standard qualitativi.

Rispondi

Segnala

Davide Sciacca

1 anno fa

David Marchese
La battaglia per il pubblico del binge-watching è appena cominciata. Sentiremo sempre più persone difendere prodotti deprecabili sotto ogni punto di vista che han divorato in una notte.

Rispondi

Segnala

Davide Chemello

1 anno fa

Proprio o perché la piattaforma Disney sarà più rivolta verso intrattenimento per famiglie e fan di supereroi un buon modo per le altre piattaforme di rimanere a galla potrebbe essere quello di puntare su contenuti più maturi, meno rappresentati dall'offerta disney. Insomma: diversificare l'offerta dei titoli in modo da non concorrere con il gigante su un terreno dove ad oggi non c'è competizione.

Rispondi

Segnala

Cristina Viscione

1 anno fa

Al giorno d'oggi abbiamo più piattaforme streaming che canali tv. Credete che la tv come la conosciamo resisterà ancora tanto? Ormai anche rai, mediaset ecc offrono dirette o repliche online. Tra quanto le tastiere sostituiranno definitivamente il telecomando?

Rispondi

Segnala

Manuel Bestetti

1 anno fa

Cristina Viscione
Parlando personalmente, io non sto più guardando la TV da parecchio tempo. Se la mia televisione è accesa, è perché sto guardando Netflix, Amazon Prime o un qualche Blu-Ray o DVD. Non penso però che la TV come la conosciamo oggi stia per morire: ci sono ancora molte persone che la guardano, non sembra ma in molti stanno cercando di remare contro lo Streaming. Siamo ancora lontani secondo me, resterà ancora per qualche tempo!

Rispondi

Segnala

Davide Sciacca

1 anno fa

Manuel Bestetti
Io effettivamente vivo da 3 anni senza un televisore. Fuori sede, solo col pc, e un proiettore per a volte film/videogiochi. Ha perso appeal per me sia per la programmazione cinematografica sia per l'informazione (di cui usufruisco online).

Rispondi

Segnala

Manuel Bestetti

1 anno fa

Davide Sciacca
Esatto, per i film ho mille altri modi per guardarli, e dei programmi tv non me ne interessa neanche uno. Per l'informazione lasciamo perdere: ogni volta che mi capita di seguire una notizia detta da un TG mi sembra di vedere qualcosa di appena abbozzato e superficiale, scritto dopo aver cercato un paio di notizie che possono sembrare vere. Rimaniamo, comunque, in minoranza come numeri, mi sa.

Rispondi

Segnala

RustCohle

1 anno fa

Cristina Viscione
Sarà un processo lento ma secondo me in futuro si andrà sempre di più in una direzione in cui ognuno potrà decidere cosa vedere come ora con le piattaforme streaming.

Rispondi

Segnala

George Nadir

1 anno fa

Cristina Viscione
La Tv è morta, almeno tra i giovani (diciamo dai millennials in giù) e il futuro è lo streaming e la tv on-demand. E l'omicida è internet. Su questo non ci sono dubbi. Dobbiamo solo stare a vedere chi dominerà questo mondo... e la battaglia è pienamente aperta.

Rispondi

Segnala

Jabbags

1 anno fa

Dipende molto da come sarà gestita tutta la questione diritti in generale. Quando si renderanno conto che un povero cristo non può pagare 5 abbonamenti per 5 sevizi di video on-demand opteranno per delle fusioni tattiche in modo da spartirsi i guadagni.

Rispondi

Segnala

Duilio Colombo

1 anno fa

Jabbags
Si... oppure La Disney compra netflix infinity e la parte tv di prime....

Rispondi

Segnala

Davide Sciacca

1 anno fa

Duilio Colombo
Non si accenna all'acquisto di Disney di licenze esterne, ma potrebbe finire come per le pay-tv e i campionati sportivi: chi si aggiudica di volta in volta le licenze vince una parte di pubblico.
La differenza evidentemente sta nella base enorme di licenze proprietarie del colosso Disney in confronto a Netflix.

Rispondi

Segnala

RustCohle

1 anno fa

Duilio Colombo
Se la Disney compra pure Netflix la gran parte dell'intrattenimento cinematografico e televisivo sarà in mano ad un'unica multinazionale iper-dominante. Non proprio una grande prospettiva...

Rispondi

Segnala

Duilio Colombo

1 anno fa

RustCohle
ma dipende.... se chi guida il mercato ha un buon senso delle misure, cosa che a me personalmente pare che la Disney abbia, non vedo il lato negativo.
Poi se invece finisce come con "dazn" per le partire, o come con l'EA per i game... bhe allora e diverso.
Fermo restando che comunque netflix non sparira perche comunque ha una buona produzione propria di serie tv ..

Rispondi

Segnala

BubbleGyal

1 anno fa

Secondo me no, coesisteranno tranquillamente. Quelli che dovrebbero avere paura sono i creatori di nuove piattaforme, se mi leggete createne una per la visione di film d'epoca, grazie!

Rispondi

Segnala

Manuel Bestetti

1 anno fa

BubbleGyal
Un servizio streaming contenente i classici film Universai dei mostri? Oppure quei fantastici film d'avventura con gli effetti speciali di Harryhausen? Oppure... Oppure quelle commedie stile Stanlio e Ollio, o Gianni e Pinotto? Dove devo firmare per avere un servizio pieno di questi film? 😍

Rispondi

Segnala

Giorgia Leonardi

1 anno fa

BubbleGyal
Che idea stupenda sarebbe!! Purtroppo è sempre difficile trovare film d'epoca sulle piattaforme streaming, in tv o anche su piattaforme come sky (che pur ha dei canali e delle categorie ad hoc).

Rispondi

Segnala

BubbleGyal

1 anno fa

Manuel Bestetti
Esattamente! In tv io non ho mai visto questo tipo di film e spesso la ricerca in streaming è tortuosa. Averli tutti in un'unica piattaforma, per sempre, senza l'ansia che tra due giorni ne perdano i diritti come accade con alcune visioni di Netflix.

Rispondi

Segnala

Manuel Bestetti

1 anno fa

Giorgia Leonardi
Guarda, io mi sono messo l'anima in pace e li sto recuperando tutti in DVD. Ho preso tempo fa il cofanetto dei mostri Classici Universal e sto collezionando quelli Hammer o comunque gli Sci-Fi dimenticati nella collezione della Sinister Films. Se sei interessata te li consiglio, sono di una qualità ottima! :)

Rispondi

Segnala

Manuel Bestetti

1 anno fa

BubbleGyal
Esattamente! Ti rimando alla risposta a Giorgia qui sopra, quelle edizioni DVD sono perfette se si vogliono recuperare :)

Rispondi

Segnala

Giorgia Leonardi

1 anno fa

Manuel Bestetti
Ti ringrazio molto per il consiglio!! Già avere dei cofanetti con i must see è un bel passo avanti, ma anche questi non sono banali da trovare purtroppo. Io conta che vado ancora avanti con i VHS di Chaplin 😂

Rispondi

Segnala

BubbleGyal

1 anno fa

Manuel Bestetti
Ok ho allungato la mia lista Amazon 😂😂

Rispondi

Segnala

Marco Milazzo

1 anno fa

il concentrarsi della produzione e distribuzione di contenuti in un probabile monopolio è un rischio soprattutto per la qualità del prodotto, e di riflesso nell'intera industria cinematografica. speriamo in bene..

Rispondi

Segnala

Francesco Gliro

1 anno fa

Anno 2021: la Disney ingloba la Warner
Anno 2034: Apple e Microsoft vengono acquisite
Anno 2040: La Disney compra la polizia statunitense e l'esercito
Anno 2050: La Disney compra l'Australia 
Anno 2055: La Disney dichiara guerra a Elon Musk per dei video in cui si vede lui fare uso di erba, che va contro la politica family friendly del regime.
Anno 2118: Il cervello di Elon Musk viene pubblicamente giustiziato al grido di "YUK"

Rispondi

Segnala

Drugo

1 anno fa

Francesco Gliro
Fantastico 😂

Rispondi

Segnala

Guido Vaccari

1 anno fa

Francesco Gliro
E James Gun muuuuuuto 😂😂

Rispondi

Segnala

Duilio Colombo

1 anno fa

Francesco Gliro
La Disney crea i dinosauri
 La Disney distrugge i dinosauri
 La Disney crea l'uomo
 l'uomo distrugge  La Disney
 La Disney crea i dinosauri
 I dinosauri mangiano l'uomo, la donna eredita la Terra.

Rispondi

Segnala

Francesco Gliro

1 anno fa

Duilio Colombo
La dreamworks eredita la Terra* XD

Rispondi

Segnala

Giorgia Leonardi

1 anno fa

Francesco Gliro
AHAHAHAHAH

Rispondi

Segnala

RustCohle

1 anno fa

Francesco Gliro
Scenario molto probabile 😂😂😂

Rispondi

Segnala

Stanley K.

1 anno fa

Scienza delle reti, effetto San Matteo: le grandi case produttrici/distributrici crescono sempre di più; le piccole case produttrici, si rimpiccioliscono sempre di più, fino ad essere inglobate in quelle più grandi. Questo vale per tutte le reti, quindi, purtroppo, anche per quella del cinema. Il problema è che di questo passo si andrà verso una sempre maggiore omologazione dello spettacolo offerto. A farne le spese è sempre lo spettatore.

Rispondi

Segnala

SandroSandro

1 anno fa

Onestamente? Ho paura. Il prezzo basso e l'enormità dell'offerta sono due presupposti molto preoccupanti. Disney ha sempre più potere e sicuramente con questa nuova mossa cambierà radicalmente l'intrattenimento per come lo conosciamo. E con esso il cinema. E purtroppo sento che per i piccoli artisti/produttori sarà una mazzata.

Rispondi

Segnala

SandroSandro
Speriamo bene..

Rispondi

Segnala

RustCohle

1 anno fa

SandroSandro
Concordo con te purtroppo, i progetti cinematografici si polarizzeranno sempre di più temo, o progetti Blockbuster o film indipendenti realizzati con 4 spicci, sarà sempre più raro trovare le vie di mezzo...

Rispondi

Segnala

SandroSandro

1 anno fa

RustCohle
E come sappiamo in fondo tutti: in medio stat virtus...

Rispondi

Segnala

Daniele Veroli

1 anno fa

Il vero problema, in tutto ciò, è che sarà il cinema (inteso come struttura) a morire...

Rispondi

Segnala

Manuel Bestetti

1 anno fa

Daniele Veroli
Il vero problema del cinema non sono questi servizi Streaming, ma quelli gratuiti illegali. Il cinema inteso come struttura non può morire se i guadagni dei servizi streaming serviranno a finanziare ANCHE film che andranno al cinema, cosa che sta già succedendo. Siamo in una situazione di molto migliore rispetto a com'era qualche tempo fa: oggi più di qualche persona dice che preferisce aspettare che il film esca su Netflix piuttosto che andare a cercarselo in maniera illegale. Se lo si guarda su Netflix (o Amazon Prime, o chi per loro) ci sarà sempre e comunque un guadagno. Non dico che sia una cosa buona che molti film escano solo in Streaming (amo andare al cinema anche io), ma cerchiamo di non guardare il bicchiere mezzo vuoto in ogni caso :)

Rispondi

Segnala

Giorgia Leonardi

1 anno fa

Manuel Bestetti
Per quanto ovviamente sia da preferire la gente che decide di accedere ad un film tramite una piattaforma streaming legale piuttosto che illegale, penso che ci si riferisse al cinema come luogo. In tal caso sono d'accordo. A me personalmente la politica di Netflix che svilisce la visione in sala non sta affatto bene, nonostante io stessa sia abbonata e riconosca la qualità del prodotto. A me sembra un po' una mancanza di rispetto verso l'arte in sè e per sè, come se il grande schermo e lo schermo di un pc fossero paragonabili. La pretesa secondo me è ridicola, soprattutto per film che hanno un impatto fortissimo al cinema, come possono essere ad esempio un Vita di Pi o un Dunkirk. Voler ostacolare l'uscita al cinema dei film solo per fare più soldi non mi sembra quindi un atteggiamento corretto e non mi basta che sia un'efficace lotta alla pirateria. Preferirei tornare alla pubblicità assordante che la indicava come un reato fra un trailer e l'altro.

Rispondi

Segnala

Daniele Veroli

1 anno fa

Giorgia Leonardi
Intendevo esattamente questo. Non ho mai inteso Netflix o simili come dei "problemi", anzi.

Rispondi

Segnala

Giuseppe Palumbo

1 anno fa

Il punto é che Netflix e Disney Play (per come si immagina adesso) hanno target leggermente diversi. Entrambe si acquistano a costo molto basso. Io scommetto qualunque cosa su una convivenza /concorrenza molto positiva soprattutto riguardo la qualità dei prodotti.  Vedo un po' dietro Amazon, ma mi aspetto novità su questo fronte.

Rispondi

Segnala

Carmelo Trifoglio

1 anno fa

Io spero nella convivenza delle piattaforme streaming, anche perché sulle serie tv Netflix è ancora imbattibile.

Rispondi

Segnala

paoreb

1 anno fa

Il mercato di Netflix è praticamente incentrato sulle serie tv (e perora è imbattibile), quello della Disney sui film. Se le cose non si intrecciano troppo, potrebbero entrambe sopravvivere senza troppi problemi

Rispondi

Segnala

Davide Sciacca

1 anno fa

paoreb
Pero' Netflix sta cercando ora di entrare con le coproduzioni e le distribuzioni di film di caratura maggiore anche nel settore film... che si lasci arrestare dall'ingresso di Disney sul campo semplicemente perché ci sa fare meglio con le serie? Difficile secondo me.

Rispondi

Segnala

Filippo Soccini

1 anno fa

Secondo me bisogna tenere conto del fatto che Netflix ormai stia diventando sempre più indipendente da produzioni esterne e stia sfornando serie tv e film sempre più validi (tralasciando qualche scivolone qua e là). Anche se Disney raggiungesse il successo sperato dubito che Netflix venga completamente dimenticato e fallisca. Per gli altri siti streaming non so (ma se amazon prime video rimane legato ad amazon prime dubito che fallisca).

Rispondi

Segnala

Alessio Bottoni

1 anno fa

Filippo Soccini
Anche secondo me Netflix si terrà la sua buona fetta di pubblico. A meno che non aumenti di nuovo il prezzo...

Rispondi

Segnala

Duilio Colombo

1 anno fa

Alessio Bottoni
bhe non parlerei di fallimento in nessuna delle direzioni, però perdere una buona fetta di mercato credo sia inevitabile, per quanto sia basso il prezzo la % di utenti che avrà entrambi la paytv sara minima...

Rispondi

Segnala

Lorenzo Casarini

1 anno fa

La Disney temo abbia un po' valicato il limite, rischia davvero di compromettere il mercato.

Rispondi

Segnala

L’unica cosa che spero è che tra molti anni i film continueranno ad uscire nelle sale

Rispondi

Segnala

Duilio Colombo

1 anno fa

Vecchio Snaporaz
a parer mio sarà l'esatto contrario, grazie anche ai prezzi delle sale sempre piu alti (giustificati o no) le persone sceglieranno sempre di più la visione 4k(per ora) seduti sul divano.

Rispondi

Segnala

Duilio Colombo
Non voglio neanche immaginarlo

Rispondi

Segnala

Vecchio Snaporaz
Secondo me Netflix finirà per aprirsi i suoi cinema privati

Rispondi

Segnala

Giorgia Leonardi

1 anno fa

Vecchio Snaporaz
è quello che spero anch'io sinceramente. Da questo punto di vista spero che la piattaforma Disney tolga un po' dalla scena Netflix come distributore di film per scongiurare quest'assurda lotta che sta facendo alla sala cinematografica. Va bene il guadagno, ma qua mi sembra che si arrivi ad infangare il capostipite da cui si proviene.

Rispondi

Segnala

Giorgia Leonardi

1 anno fa

Emanuele Cortellini
Questa sarebbe una soluzione già interessante e che potrei accettare come compromesso. Ma rinunciare alla visione dei film in sala no, a meno ovviamente di una sala cinema vera e propria in casa...sì lo so...lasciatemi sognare 😂

Rispondi

Segnala

Giorgia Leonardi
Esattamente, anche se non è detto che con la Disney con la sua piattaforma continuerà a far uscire i film al cinema, ma sarebbe veramente una follia

Rispondi

Segnala

Giorgia Leonardi

1 anno fa

Vecchio Snaporaz
Vero, diciamo che ci spero visto che proviene da quel mercato principalmente. Diciamo che spero che mantenga la tradizione 😂

Rispondi

Segnala

Piero Crea

1 anno fa

Sicuramente questa piattaforma può allarmare Netflix e il resto dei siti streaming..ma non credo li ucciderà..anzi, spero possa incentivarli a migliorarsi.

Rispondi

Segnala

Piero Crea
La concorrenza non può non esistere

Rispondi

Segnala

Luca Cozzolino

1 anno fa

Non so se ucciderà o meno Netflix, ma darà sicuramente la mazzata finale al cinema, contribuendo allo spostamento dell'attenzione degli spettatori e del mercato dalla sala allo streaming su pc o tv (o peggio, su telefonino...), ancora di più di quanto accade oggi, con film prodotti da Netflix in esclusiva e, ben che vada, distribuiti in 4 sale del cacchio...che tristezza...

Rispondi

Segnala

Giorgia Leonardi

1 anno fa

Luca Cozzolino
Non lo so, io non credo che diventi necessariamente così. Secondo me questa piattaforma Disney sarà più simile ad uno sky on demand, con distribuzione anche in sala tenendo ovviamente prodotti interessanti come la serie tv su star wars in esclusiva in streaming.

Rispondi

Segnala

Luca Cozzolino
Io spero che trasferendo molti prodotti di dubbia qualità su queste piattaforme si liberi spazio nelle sale per prodotti che ora restano fuori (ad esempio The Killing of a Sacred Deer non sono riuscito a vederlo perché proiettato solo in un cinema su cinque che sono nelle vicinanze e per meno di due settimane)

Rispondi

Segnala

Gigi Dag

1 anno fa

Non credo che la piattaforma della Disney possa avere in Modo così massiccia la meglio su una Netflix che ora mai è diventata regina indiscussa delle piattaforme streaming mondiali.

Rispondi

Segnala

Sallu

1 anno fa

Avevo fatto anche io un ragionamento simile, e la piattaforma Disney potrebbe rivelarsi davvero un must have per molti, molti motivi...

Rispondi

Segnala

Spero che netflix prenda questa concorrenza come un motivo valido per aumentare la qualità di contenuti della piattaforma

Rispondi

Segnala

Soldier9.5

1 anno fa

"La dittatura del topo"
Prossimamente al cinema.

Rispondi

Segnala

Melancholia

1 anno fa

Spero soltanto che tutto ciò non contribuisca ad allontanare sempre più lo spettatore dalle sale e trasferire il mercato cinematografico sui siti di streaming (come Netflix e Disney Play)

Rispondi

Segnala

Alessandro Dinale

1 anno fa

Secondo me Netflix non sparirà, per coprire i buchi lasciati da disney inizierà a produrre serie tv e film sempre più osceni e banali (cosa che ormai sta già facendo, ho visto che tira fuori una o due cose buone all'anno) per attirare gli spettatori stupidi che cercano sempre la stessa sbobba perchè gli pesa cambiare.

Rispondi

Segnala

ThePoleMan

1 anno fa

Due mesi fa ho partecipato ad un progetto universitario dove si dovevano studiare determinate società. A me e il mio gruppo capito la Disney. Fui scioccato dal fatto che la società è proprio dappertutto. Questa notizia insieme a quella dell’acquisizione della Fox (ormai unico competitor rimasto) mi fa venire in mente una frase di “Trafficanti” con Jonas Hill...la Disney non vuole una fetta, vuole tutta la torta del cazzo...

Rispondi

Segnala

Irene Disarò

1 anno fa

Ho come l' impressione che se creeranno una cosa simile potremmo dire addio a netflix, e la cosa mi dispiacerebbe tantissimo. Sinceramente non vorrei una piattaforma così...ma sono gusti👌

Rispondi

Segnala

Antonio Caldarelli

1 anno fa

Ero completamente all'oscuro di questa notizia, penso che la disney con questo all in stia facendo una mossa nettamente redditizia, staremo a vedere

Rispondi

Segnala

Se il prezzo non varierà e quello di Netflix si attesterà su una cifra non molto alta, molti li attiveranno entrambi. Certo, se poi Netflix continua con questa programmazione in cui ad ogni prodotto decente ne corrispondono 15 indecenti, allora si mette nei guai da sola.

Rispondi

Segnala

MadameDeStaël

1 anno fa

A mio parere una possibile entrata della Disney nel mondo dello streaming potrebbe portare, oltre alla scontata concorrenza con Netflix e le altre principali piattaforme, un abbassamento della qualità dei contenuti poiché i vari produttori, mossi dal desiderio di attirare a sé il maggior numero di spetattori/utenti possibili, tenderanno a sfornare prodotti più "vendibili" che originali e così ,fino a che il pubblico non inizierà a chiedere qualcosa di nuovo, ci si dovrà accontentare di vedere sempre stesse idee mascherate da novità o, al massimo, mescolate tra loro

Rispondi

Segnala

Dwight KS

1 anno fa

Secondo me, se il prezzo mensile rimane quello (non così elevato) molti non toglieranno gli altri due servizi. A patto ovviamente che questi ultimi non vadano ad aumentare troppo come costo e continuino con produzioni proprie d'interesse. :)

Rispondi

Segnala

Sinceramente non so immaginare che fine farà Netflix davanti ad un tale colosso; possiamo solo sperare che la strizza che si stanno certamente prendendo sia un buon incentivo ad offrire più prodotti validi. Nonostante l'idea di una Disney totale dominatrice del settore non entusiasmi, credo, nessuno, sono molto curioso di vedere dove si andrà a parare

Rispondi

Segnala

Pfepfer

1 anno fa

Orco.
Iniziando a leggere, nella mia mente utopistica, mi sono chiesta perché anziché distruggere la concorrenza non ci si unisca: far convergere Netflix e Amazon Prime tutto sotto la Disney Play. Secondo me tutti avrebbero un guadagno ragguardevole...
Gli azionisti non dovrebbero preoccuparsi affatto, se il prezzo rimane quello previsto avrà sicuramente successo, ma condivido il pensiero di taluni: Netflix crollerà davvero? Non sarebbe più logica la mossa di unirsi al grande colosso onde evitare perdite?

Detto questo, preoccupiamoci lo stesso: LA DISNEY DOMINERÀ IL MONDO1!!1 🙈

Rispondi

Segnala

Pfepfer
Si potrebbe applicare io tuo discorso a tutto: Con Samsung ed Apple, con Canon e Nikon... Ma sappiamo tutti che é un utopia 😉

Rispondi

Segnala

Pfepfer

1 anno fa

Francesco Avagliano
Sarebbe un po' come vivere in un mondo senza avvocati. [semi cit.]

😂😂😂

Rispondi

Segnala

Paolo Incampo

1 anno fa

Pfepfer
Non lo potranno mai fare per il motivo dell'antitrust, cioè che si occupa di proteggere il consumatore, Pensa soltanto se lo farebbero, quale sarebbe il prezzo.
Troppo alto perchè dopo quelle tre non c'è una grossa concorrenza.

Rispondi

Segnala

Melancholia

1 anno fa

Pfepfer
Applicando il discorso a tutte le forme di mercato ci ritroveremmo nella Londra di 1984 col Big Brother che ci guarda mentre facciamo ginnastica ahahahah

Rispondi

Segnala

Pfepfer

1 anno fa

Paolo Incampo
E hai ragione pure tu, non ci avevo minimamente pensato. 👍

Rispondi

Segnala

Pfepfer

1 anno fa

Melancholia
Hahahahah mi ero completamente dimenticata di quella parte 😂 in compenso mi è partito un flash di Black Mirror 😂

Rispondi

Segnala

Melancholia

1 anno fa

Pfepfer
Figurati io ho molto esagerato la situazione, ahahahah

Rispondi

Segnala

Sirio

1 anno fa

Mmmh, non sono mai stato un fan di netflix, quindi...😗😗😗

Rispondi

Segnala

Antonio Ciriello

1 anno fa

Rimpiango i tempi in cui Disney significava "Il re leone", "Hercules", "Le follie dell'imperatore", "Mulan" ecc. Sono anni ormai che i (pochi) film prodotti da Disney sono solo orribili live action (ti piace vincere facile? Ponziponzipopopo) o discutibili tipo Frozen, che sbancano il botteghino solo grazie al credito che ha la casa di produzione verso il pubblico e alle campagne di promozione milionarie. Quindi la mossa migliore non poteva che essere che acquistare altri studi che sfornassero per loro prodotti di maggiore qualità. Per quanto riguarda Netflix, c'è da dire che al netto dell'enorme catalogo, i prodotti originali non sono questo oro colato che viene raccontato, fatta eccezione per qualche serie davvero ben riuscita (un nome su tutti, Daredevil...della Marvel/Disney quindi). Quindi questa sfida potrebbe aprire ad una sfida sulla qualità, come si spera, o ad una più temibile sfida a chi realizza il prodotto dal più ampio bacino di utenza possibile (e torno ai live action di vecchi successi animati, o alla settordicesima stagione della casa di carta). Staremo a vedere, ma in tutto questa diatriba, l'antitrust che fa!1!??

Rispondi

Segnala

Antonio Ciriello
Il tuo discorso é il classico effetto nostalgia. Tra 20 anni i ragazzini di ogni diranno esattamente le tue stesse parole(come accade con le serie Nickeleoden o Disney). Dobbiamo farcene una ragione, le cose si evolvono, soprattutto nell’intrattenumento per bambini

Rispondi

Segnala

Antonio Ciriello

1 anno fa

Francesco Avagliano
Io non sono affatto nostalgico, anzi, pensa che uno dei miei preferiti in assoluto è Ralph Spaccatutto. Il problema è che quelli citati erano ancora in un certo senso innovativi e iconici, Mulan credo che sia la prima principessa guerriera della Disney, il Re Leone è in assoluto tra i capolavori della cinematografia, animata e non. Dei recenti film cosa rimane? Film come Raperunzel, Frozen o La principessa e il ranocchio hanno aggiunto poco o nulla, anzi, impallidiscono rispetto ai predecessori. Oggettivamente la Disney sono anni che campa solo con i film della Pixar, che sanno sempre reinventarsi ed essere costantemente moderni, pur trattandosi di "intrattenimento per bambini" (definizione che trovo un pò riduttiva).

Rispondi

Segnala

Giorgia Leonardi

1 anno fa

Antonio Ciriello
In realtà direi che Zootropolis sia un film perfettamente riuscito, come Ralph Spaccatutto che tu stesso hai citato. Non parliamo poi della Pixar, i cui film, anche se non fanno parte della dicitura "classici", sono davvero dei gioielli e continuano ad essere stupendi e originalissimi di anno in anno!! Sui live action sono pienamente d'accordo invece, anche perché sentire i testi delle canzoni cambiati per motivi di doppiaggio è sempre un colpo al cuore 😂

Rispondi

Segnala

Antonio Ciriello

1 anno fa

Giorgia Leonardi
La soluzione è semplice, evitare come la peste i live action: perchè devo andarmi a rivedere la Bestia in CGI quando era cosi bella disegnata e animata?

Rispondi

Segnala

Giorgia Leonardi

1 anno fa

Antonio Ciriello
È vero, ma poi la tentazione viene sempre. Basta una persona che ti chieda di accompagnarla e ti ritrovi in un baleno a maledire il momento in cui hai comprato il biglietto!! Comunque, in quanto a live action terribili, a mio parere Cenerentola era ancora peggio. Almeno Emma Watson mi piace come attrice e riesco ad accettarla nei panni di Belle.

Rispondi

Segnala

Antonio Ciriello

1 anno fa

Giorgia Leonardi
Ti capisco, anche io sono stato "costretto" a vedere Cenerentola, orribile. Gli altri fortunatamente sono riusciti ad evitarli, ricordo che quando andammo per la Bella e la Bestia io mi feci un biglietto in solitaria per vedere la Tartaruga Rossa dello Studio Ghibli, un piccolo gioiello.

Rispondi

Segnala

Giorgia Leonardi

1 anno fa

Antonio Ciriello
Wow hai avuto davvero un'idea fantastica!! Io purtroppo al cinema l'ho perso la Tartaruga Rossa e ancora devo vederlo. Del resto Studio Ghibli non delude!!

Rispondi

Segnala

The_Watcher_TV

1 anno fa

Netflix non chiuderà secondo me, perchè ormai è un servizio streaming affermato e con un ampio catalogo. La Disney avrà sicuramente un buonissimo catalogo, ma non riuscirà mai a offrire prodotti così vasti come Netflix (mi riferisco ad esempio a documentari e docu-serie, ma anche altri). Quindi spero che ci sarà una concorrenza forte in fatto di prezzi, di modo che molte persone riescano ad avere il doppio abbonamento Netflix-Disney.
Io mi sa che se riuscirò a permetterlo e se il catalogo Disney sarà molto buono mi farò anche questo abbonamento 😉😆

Rispondi

Segnala

Nick name

1 anno fa

The_Watcher_TV
Dipende da un po' di cose. Netflix sarà forse affermato in america ma bisogna ammettere che il catalogo italiano è un po' povero ancora. Dipende che intenzioni ha la Disney

Rispondi

Segnala

The_Watcher_TV

1 anno fa

Nick name
Staremo a vedere... spero per il meglio

Rispondi

Segnala

Gioze

1 anno fa

Forse arriveranno ad un accordo e faranno uno di quei mega pacchetti viaggi tutto incluso che vendono in libreria.

Rispondi

Segnala

Nick name

1 anno fa

Gioze
Sogno hahahah

Rispondi

Segnala

Mario Di Capua

1 anno fa

Gioze
personalmente credo che l'approccio del topo sarà più simile ad un tornado che spazza via tutto, anche se un accordo per Daredevil e compagnia dovranno trovarlo...

Rispondi

Segnala

Gioze

1 anno fa

Mario Di Capua
Ma si di sicuro li fa solo tutti fuori e punta a diventare l’unico

Rispondi

Segnala

Mario Di Capua

1 anno fa

Gioze
Forse sta puntando a diventare l'unico a produrre contenuti audio-visivi; mi immagino un futuro distopico dove tutto è prodotto e controllato dalla Disney

Rispondi

Segnala

Gioze

1 anno fa

Mario Di Capua
the mouse in the high castle

Rispondi

Segnala

Stefano Prates

1 anno fa

Dividerà il catalogo e basta, ma non chiude netflix

Rispondi

Segnala

Luca Zenesini

1 anno fa

Manca solo la notizia "Disney Play, ormai la piattaforma digitale numero 1, compra Netflix" e saremo tutti sotto un grande regime totalitario comandato da Topolino

Rispondi

Segnala

Nick name

1 anno fa

Luca Zenesini
Questo è stato il mio primo pensiero, di sicuro più realistico di una chiusura di netflix

Rispondi

Segnala

Nick name

1 anno fa

Luca Zenesini
Questo è stato il mio primo pensiero, di sicuro più realistico di una chiusura di netflix

Rispondi

Segnala

Francesco Pio

1 anno fa

Nuove piattaforme non possono che far bene, poiché chi avrà i migliori prodotti in esclusiva vincerà. Ciò comporterà una guerra a suon di prodotti Ottimi (se non eccelsi) tra le varie piattaforme, seppur Disney parte con un piede già oltre la linea di partenza con gli ottimi diritti che si trova tra le mani.
L'unico male sarà per il mio portafogli che dovrà sganciare ulteriori soldi per un altro servizio online 😭

Rispondi

Segnala

Eleonora Colacillo

1 anno fa

Francesco Pio
Hai ragione!! In Italia per esempio l'arrivo di netflix ha scosso parecchio le altre piattaforme ondemand, che si sono date un po' più da fare da allora.

Rispondi

Segnala

Ivan Allievi Carli

1 anno fa

Vedremo se converrà tenere i due abbonamenti, anche se ultimamente Netflix si sta dando da fare con i contenuti originali

Rispondi

Segnala

Davide Ripamonti

1 anno fa

Il problema verrà risolto quando la Disney finirà per comprarsi anche Netflix (se non puoi batterli, comprali, vero Marotta?). Scherzi a parte penso che la nuova piattaforma rivoluzionerà tutto il panorama non solo dello streaming, ma dell'intrattenimento per come siamo abituati a conoscerlo. Sono curiosissimo di sapere come si approccerà al cinema questa nuova mossa, sappiamo tutti che Netflix è riuscita a far uscire in contemporanea sia sul grande, sia sul piccolo schermo il nuovo film di Alessio Cremonini, ma cosa succede se il film in questione è una macchina da soldi capace di sfondare il botteghino a suon di record?

Rispondi

Segnala

M4G1ST3R

1 anno fa

La cosa è alquanto interessante! Però il prezzo mensile dovrà davvero essere nel range più o meno da te indicato. Speriamo bene 😁

Rispondi

Segnala

Netflix ed Amazon si dovranno rimboccare le maniche per provare a non soccombere al potere indiscusso della Disney, che se continua di questo passo fagociterà tutto e riuscirà ad attrarre a sé molti telespettatori, per così dire, me compresa visto il pacchetto tanto interessante

Rispondi

Segnala

iena plinsky

1 anno fa

Staremo a vedere che misure adotterà netflix contro un colosso come la Disney! Spero abbiano già qualcosa in mente altrimenti la vedo molto dura

Rispondi

Segnala

RustCohle

1 anno fa

Questione molto spinosa ed attuale. Finora Netflix ha regnato nel campo delle piattaforme on demand, vediamo come si svilupperà la situazione!

Rispondi

Segnala

Andrea Bartolo

1 anno fa

Quello che resta fuori dal “nuovo mondo Disney” non credo sia poco; la concorrenza dovrebbe avvalersi di quello, soprattutto di grossi titoli. Io penso che possa tenere botta.

Rispondi

Segnala

Marta

1 anno fa

Indubbiamente una mossa astuta, in molti,dove si scegliere preferiranno Disney Play, io per prima credo. Anche se Netflix non è  da sottovalutare, probabilmente riuscirà a programmare una controffensiva!  A meno che Disney non se lo compri!

Rispondi

Segnala

Lorenzo Piazza

1 anno fa

Siamo di fronte a 3000 Persyani che dichiarano guerra a 300 Spartanix ma io non sottovaluterei Netflix,
Se questo comporta una guerra all’eccellere, spero che la “nuova nata” si impegni al massimo, e ci regali dei contenuti degni di nota. Lo possono fare.

Rispondi

Segnala

Claudio Sicari

1 anno fa

Sicuramente Disney partirà col botto, dato il catalogo che ha intenzione di sfoderare per gli abbonati. Resta il fatto che ogni piattaforma vanta delle perle e se Disney applica una politica così restrittiva nei confronti degli altri non durerà molto... Alla fine la gente può sì vedere quei capolavori della Casa del Topo sempre e comunque senza paura che scadano, ma è anche vero che se aggiornano poco e con loro prodotti che non possono avere una cadenza così come quella di Netflix non cisarà molto da fare. La politica del "per sempre" è ottima, fantastica, poiché crea nell'abbonato una sorta di faro, come per dire "ecco, avrai sempre questo titolo qui, non temere" ma Netflix ha serie tv cazzute, film interessanti e un parco titoli gigantesco che ogni mese si allarga. Un po' meno per Amazon che non vanta grandi capolavori... Staremo a vedere.

Rispondi

Segnala

Giorgia Leonardi

1 anno fa

Claudio Sicari
è vero, ma dal punto di vista cinematografico è pur vero che la Disney sforna film come se non ci fosse un domani. Il punto starà nel vedere se riuscirà a produrre anche tante serie e soprattutto di qualità. è pur vero che solo esclusiva di Marvel e Star Wars attirerà molto pubblico.

Rispondi

Segnala

Guido Vaccari

1 anno fa

Netfilx è una bomba ed è amatissimo da tutti, logicamente funziona in base ai titoli che carica. Spero che Netflix resti forte, la concorrenza può farle bene, augurandomi che la Disney non monopolizzi anche questa piattaforma

Rispondi

Segnala

Morena Falcone

1 anno fa

La Stardust rinascerà e si riprenderà il potere!
...dopo aver fatto il passaggio da vhs a digitale di tutti i suoi film d'animazione! :D

Rispondi

Segnala

fabbrii

1 anno fa

Disney ucciderà Netflix? Penso piuttosto che se Netflix dovesse sfoderare qualche asso nella manica (calo di prezzo? Film/serie bomba?) potrebbe “solo” subire qualche ferita ma non morire del tutto. D’altronde ora come ora hanno serie di altissimo livello (stranger things o Better call Saul i primo due nomi che mi vengono in mente) che già bastano ad attirare una buona fetta di pubblico 🤔

Rispondi

Segnala

Davide Arienzo

1 anno fa

fabbrii
Netflix non può abbassare il prezzo dell'abbonamento. Se non mi sbaglio hanno un casino di debiti e non sono tutto quell'enorme colosso ricchissimo che molti si immaginano

Rispondi

Segnala

Mattia Fiorio

1 anno fa

C'è da dire che la Disney sa quello che fa. Questa volta non so veramente cosa aspettarmi. Staremo a vedere...

Rispondi

Segnala

Rainia

1 anno fa

Dipenderà tutto da come verrà organizzato il sito: ok avere tanti studi e tanti brand in proprio possesso, ma bisogna avere idee nuove per stupire il pubblico, anche perché, per quanto possa esserci gente che guarda film, molti seguono anche tante serie tv, di cui Netflix è ricchissima, quindi Disney dovrebbe, a mio avviso, anche proporre cose nuove e accattivanti.

Rispondi

Segnala

Kelevra

1 anno fa

Solo io trovo tutto questo molto preoccupante? Una megamultinazionale che gestisce una percentuale altissima dell'intrattenimento. Che decide cosa sì, cosa no, come, quando e dove. Per fare un esempio a quello cui mi sto riferendo: Guardiani della Galassia. Non voglio entrare nel merito politico di quello che è successo al regista, ma -parafrasando ciò che disse anche Teo- la politica dell'azienda è tale che se Gunn dieci anni fa ha scritto dei post discutibili e questa notizia emerge oggi, Gunn viene licenziato. Punto. Tralasciando i pareri personali sull'argomento, se da contratto devi piacere alle famiglie e ai bambini e tu fai un post su Twitter in cui fai battute su "pratiche poco ortodosse" (con molte virgolette), sono cazzi tuoi e sei fuori. 
Ma lui non sapeva dieci anni fa che la Marvel sarebbe stata acquisita. Verissimo. Ma nemmeno io dieci anni fa sapevo che mi sarei iscritta a Cinefacts.it, non è questo il punto. Quello che sto cercando di dire è che la prospettiva è che la Disney (che è già IL Colosso dell'intrattenimento) faccia alla settima arte quello che Hulk fa alla Vedova Nera in quel filmato che abbiamo visto tutti quanti. Quello che vedo io è una Disney proprietaria del casinò, che fa da croupier, da coniglietta sexy, da buttafuori, da buttadentro, da cliente-esca e da chiunque altro lavori in un casinò, invitando la gente a entrare per giocare al suo gioco. Non a Black Jack, ma al SUO Black Jack. 
Un po' come quando Trenitalia ti ringrazia di aver scelto di viaggiare sui loro regionali. Grazie al ca*, nun c'avemo scelta!

Rispondi

Segnala

Teo Youssoufian

1 anno fa

Kelevra
ahahahahahah il paragone con trenitalia non è male... 

in realtà l'antitrust a stelle e strisce ha valutato che non si trovano in una situazione di monopolio, quindi "strapotere" sì, ma non assoluto. 


questa nuova situazione, che pone Disney senza dubbio ad un livello mai visto prima nella storia dell'entertainment, può secondo me solo portare ad una lotta spietata tra la concorrenza. 

vedremo in che modo, e con che prodotti. 
e soprattutto vedremo con Guardiani 3 cosa succederà: io ho seguito l'andamento del titolo Disney in borsa dopo la querelle Gunn, e... è salito. 
quindi per gli azionisti Disney si è mossa nella giusta direzione. 

per l'opinione pubblica sembra invece proprio di no, ma saranno gli incassi del film a dirci se questa opinione diffusa è davvero una maggioranza o se semplicemente fa solo più rumore degli altri. 
se si verificherà la seconda ipotesi allora si rischiano altre prese di posizione simili.

Rispondi

Segnala

Kelevra

1 anno fa

Teo Youssoufian
Premetto che se non fosse per il post qui sopra e per gli aggiornamenti che ho letto sulla pagina FB, non avrei capito una beata mazza di quello che stava accadendo, per cui GRAZIE. Sei ancora una volta un faro nella nebbia della mia ignoranza. 

Non avevo dubbi che il Colosso si fosse mosso economicamente parlando nella direzione giusta, ma mi chiedo se la concorrenza abbia i numeri adeguati per essere concorrenziale. Insomma, anche se Amazon e Neflix si coalizzassero, riuscirebbero a opporsi alla Disney-dolina? Oppure l'unica speranza è un Asse Netflix-Amazon-P*rnhub?

Rispondi

Segnala

Teo Youssoufian

1 anno fa

Kelevra
😂
a livello di piattaforma streaming Disney si troverà contro un pubblico che oggi, soprattutto in Europa, è ormai affezionatissimo a Netflix, al punto che si può quasi parlare di tifoseria netflixiana. 

e guadagnarsi la fiducia è un lavorone, anche perché la forza di Netflix sta soprattutto nelle serie tv, lato che in Disney al momento vedo deboluccio. 

per "concorrenza" mi riferivo soprattutto alla parte cinematografica, lì i numeri li hanno eccome... devono solo capire come farli fruttare a dovere piuttosto che buttarli via a colpi di 200 milioni di dollari alla volta per fare cose sostanzialmente inutili sia per il pubblico che per loro stessi!

Rispondi

Segnala

Kelevra

1 anno fa

Teo Youssoufian
E niente, a "tifoseria netflixiana" la mia mente mi ha ricondotto, con non poca nostalgia, al meme di Aragorn che dice "Per megavideo". Ovviamente sostituendo a Megavideo Netflix. 
Prevedo un sole rosso. 😜

Rispondi

Segnala

Giorgia Leonardi

1 anno fa

Kelevra
Ahahahaha bellissimo commento spiritoso e arguto. Ti ringrazio!! In effetti comunque il monopolio della Disney, anche se appunto l'antitrust non lo ritiene tale per ora, è preoccupante, come sempre accade in caso di egemonia soprattutto della cultura...

Rispondi

Segnala

Pietro Griffa

1 anno fa

Di sicuro è un colosso tale da poter far male a tutta la concorrenza, ma molto dipenderà, a mio parere, da come si presenterà il servizio, perchè comunque se la dovrà vedere con prodotti già molto affermati (soprattutto Netflix) a cui molta gente, sopratutto all'estero, è già molto affezionata. Senza ombra di dubbio potrà vantare una collezione di titoli da paura, il che sarà un bel vantaggio!
Sarà divertente vedere quale sarà il nuovo equilibrio quando questi colossi si scontreranno... non ci resta che prendere i popcorn e rimanere a guardare!

Rispondi

Segnala

Michela Holmes

1 anno fa

È indubbio che con la scadenza della licenza per i film disney, prima, e del lancio della piattaforma streaming Disney, poi, porterà un calo degli abbonamenti. Ma Netflix, soprattutto, e Amazon Prime hanno titoli interessanti e ne producono di nuovi continuamente che meritano, le puoi vedere e rivedere quando vuoi, cosa che, da come scritto nell'articolo, la Disney non potrà probabilmente permettersi. Inoltre se si parla di prodotti per la famiglia che possano concretamente competere con quelli Disney, su Netflix ci sono serie, cartoni e film della Dreamworks.
La Disney si prepara a dare una batosta ma io rimango abbastanza positiva sul destino di Netflix e Amazon Prime. Poi da qua alla fine del 2019 ce n'è di tempo e potrebbero anche fallire nel frattempo. 😂

Rispondi

Segnala

Panda

1 anno fa

Michela Holmes
Diciamo che le promesse di Disney di produrre materiale originale delle sue proprietà intellettuali e il costante calo di prodotti quantomeno sufficienti di Netflix mi danno da pensare.
Al massimo si passerà da un abbonamento all'altro con la stessa frequenza con cui vediamo Dwayne Johnson al cinema :v

Rispondi

Segnala

Paul Bickle

1 anno fa

Che casino. Sarò vecchio... ma era bello quando un film usciva al cinema, lo vedevi, e poi aspettavi mesi per la VHS... e se il film meritava la fondevi letteralmente... cazzo.

Rispondi

Segnala

Panda

1 anno fa

Paul Bickle
Si può ancora fare, seppur non con le VHS. Ma se non ce ne rendiamo conto in più persone possibili, quest'opzione sarà destinata a scomparire veramente.

Rispondi

Segnala

Francesca Tantalo

1 anno fa

La Disney qualsiasi passo faccia sta sempre avanti a tutti, soprattutto in questo ultimo periodo

Rispondi

Segnala

Stefano Ciani

1 anno fa

Penso che ormai faccia parte del processo evolutivo digitale. Lo streaming a pagamento è in auge e al suo massimo in questi anni e tutti vogliono attingere a questa preziosa risorsa per guadagnarne quanto più possibile. Non ci resta che attendere cosa Disney tirerà fuori dal cilindro e se saprà con la sua indiscutibile classe creare qualcosa di innovativo e memorabile in un’infinita Di programmi streaming che si somigliano così tanto.

Rispondi

Segnala

Joaquin Phoenix

1 anno fa

queste piattaforme non mi sono mai piaciute

Rispondi

Segnala

Francesco Costa

1 anno fa

Ho seguito con grande attenzione e stupore tutti gli sviluppi inerenti l'acquisizione della Fox ed inevitabilmente, per tutti i competitor già citati, si profila una vera e propria Apocalisse.. Tuttavia saremo sempre noi utenti e spettatori ad essere decisivi sul verdetto, che sulla carta, appare già scontato.

Rispondi

Segnala

Valentina Lofiego

1 anno fa

Ultimamente la disney nn sbaglia un colpo, a parte continuare a fare star wars,ci vedono lungo sono curiosa cosa ci riserveranno   per il futuro

Rispondi

Segnala

Sothoryos

1 anno fa

Valentina Lofiego
Mi permetto di dissentire per quanto riguarda Star Wars: secondo me è stata una mossa geniale, hanno cavalcato l'idea del "prendiamo dei successi dal 2000 in su e rifacciamoli/continuiamoli/rivediamoli ma in chiave diversa" dando un seguito ad un'opera dalla fama grandissima e longeva, sono stati capaci di sfruttare benissimo "l'effetto nostalgia" e hanno ricavato uno sproposito quanto meno sul merchandising... Poi se il tuo era un commento da fan delusa dagli ultimi lavori allora non replico

Rispondi

Segnala

Panda

1 anno fa

Sothoryos
Senza dubbio ha introdotto un metodo alternativo di ampliare una saga senza perdersi nei classici seguiti a numerazione cardinale (e mi riferisco in particolar modo agli "a Star Wars story"). Tuttavia la coordinazione del progetto va scemando e le esigenze dittatoriali dei fan non aiutano a lavorare sereni.

Rispondi

Segnala

Valentina Lofiego

1 anno fa

Sothoryos
io parlavo a parere personale, a mio parere o per me star wars è chiuso con il numero 6, quando hanno fatto i prequel ad esempio ancora ancora ci stava perchè si è venuta a conoscere la storia di anakin... ma continuare dove c'era stato già una fine alla guerra,  dove c'era solo il compito di ricostruire i governi nei vari pianeti....per me ha perso ogni atrattiva e vedere anche un luke avere un cambio così repentino non mi ha fatto piacere questi seguiti...magari non metto in dubbio l'idea di estendere quel mondo e sfruttarne ogni possibilità per ricavarci sempre i soldi...questa è una semplice opinione a mio parere è così poi sono quella che va a vedersi jurassic world perchè non riesce a staccarsi da quel mondo e nonostante i film, siano tuttaltro che perfetti ,mi piacciono tutti...quindi non sto messa bene 😂

Rispondi

Segnala

Davide Arienzo

1 anno fa

Se fanno tutto bene e sfruttano egregiamente le loro carte si rischia di avere un servizio talmente vantaggioso ed efficiente che sarà capace di distruggere la concorrenza e creare un monopolio assoluto 
Con tutte le sue conseguenze..
... sopratutto per il cinema e le sale

Rispondi

Segnala

Spero che in Disney play si raccoglieranno tutte le super produzioni alla michael bay o cine-comics troppo ripetitivi, lasciando più spazio ad altri generi

Rispondi

Segnala

FedericoD17

1 anno fa

Disney prima o poi sarà il punto di riferimento per tutto una potenza troppo forte da poter fronteggiare

Rispondi

Segnala

Alessandro Lauria

1 anno fa

Io sono contento di questa nuova piattaforma. Per gli amanti dell’intrattenimento “Disney” attualmente poter vedere buona parte dei prodotti significa dover avere più abbonamenti su diverse piattaforme, così invece si dovrebbe pagare un solo abbonamento. Che ben venga

Rispondi

Segnala

Giulio Terigi

1 anno fa

Netflix è troppo radicato nel mercato al momento, la vedo dura che la disney riesca ad offuscarla così facilmente senza fare nulla di innovativo.

Rispondi

Segnala

Davide Arienzo

1 anno fa

Giulio Terigi
Bhe si parla di un servizio streaming dal prezzo basso (presumo che Disney nei primi anni lo metterà in perdita per distruggere la concorrenza) che dalle premesse dovrebbe offrire un parco di film e serie grande il doppio, se non il triplo, di Netflix

Rispondi

Segnala

Carlo Padova

1 anno fa

Giulio Terigi
Probabilmente nei primi tempi, ma poi nel lungo periodo secondo me la spunterà la disney

Rispondi

Segnala

Giulio Terigi

1 anno fa

Davide Arienzo
Vero, il catalogo di Disney dovrà essere bello vasto per poter mettere in difficoltà netflix, il che comporta acquistare diritti di serie, film e documentari esterni alla società in tutti i paesi in cui vuole distribuire il servizio. Ovviamente è un lavoro enorme a livello burocratico, ma nulla che la Disney non possa fare senza problemi

Rispondi

Segnala

Ettore Rocchi

1 anno fa

Tutto dipenderà da quanto vasto sarà effettivamente il catalogo Disney Play. Io, nel mio piccolo, sono già (abbastanza) soddisfatto di Netflix...

Rispondi

Segnala

IlBuonVecchioNick

1 anno fa

Secondo me alla luce di tutte queste cosette di poco conto che disney si porterà a casa, o meglio ri-porterà, Netflix potrebbe accettare di essere comprato da Topolino e così insieme acquisirebbero un monopolio pazzesco per quanto riguarda lo streaming. Comunque vedremo, perchè anche da solo Netflix fa bei prodotti ed è sul mercato da più tempo. Lo scopriremo solo vivendo.

Rispondi

Segnala

Giacomo Passoni

1 anno fa

A meno che non promuova qualcosa di veramente straordinariamente innovativo, tale da dire "ok che figata, ce l'ha solo Disney andiamo da lei" mi sembra veramente difficile scalzare il posto a chi ha già avuto modo di affermarsi sul mercato e sperimentare parecchio.

Rispondi

Segnala

René Ferretti

1 anno fa

Se da un lato la concorrenza è una cosa sempre gradita, dall'altro lo spezzettamento dell'offerta rende sempre più difficile avere a disposizione tutto, pur volendo.

Non so quanti, al momento della scelta tra un'offerta generalista (Netflix e Prime) e una di nicchia (Disney, per quanto nicchia abbastanza grande) sceglierebbero la seconda.

Rispondi

Segnala

Mauro Baluci

1 anno fa

Una scommessa enorme che però dovrebbe portare tutti a focalizzarsi sulla qualità il che per noi utenti è la cosa migliore.

Rispondi

Segnala

Baxter

1 anno fa

Heil Disney

Rispondi

Segnala

Jacopo Sole

1 anno fa

La vedo nera

Rispondi

Segnala

Matteo Cataldi

1 anno fa

Beh io penso che spodestare netflix completamente sia impossibile. È come dire di spodestare la coca cola, troppo annidato nella quotidianità. Ma sicuramente gli darà del filo da torcere e ci faranno sprofondare nel mondo del doppio abbonamento.

Rispondi

Segnala

Greedy_85

1 anno fa

Matteo Cataldi
Sono d'accordo, non sarà così semplice fare da concorrente a Netflix. Sicuramente hanno le carte in regola per "infastidirli" ma non é così scontato che li scavalchino con tanta facilità. Vedremo.

Rispondi

Segnala

Teo Youssoufian

1 anno fa

Greedy_85
no, assolutamente non credo che la cosa avverrà "con facilità"... ma è indubbio che Disney sarà un carro armato con intenzioni più che bellicose! vedremo... 😉

Rispondi

Segnala

Matteo Cataldi

1 anno fa

Teo Youssoufian
Anche Google era un carro armato quando creò Google Plus, erano tutti certi che una potenza del genere avrebbe completamente spodestato Facebook, ma sappiamo tutti come è finita.
Purtroppo il mercato è imprevedibile, ma sono d'accordo che si prospetta una guerra senza esclusione di colpi.

Rispondi

Segnala

Davide Arienzo

1 anno fa

Matteo Cataldi
il tuo paragone non ha senso, G+ è un servizio gratuito che rispetto al rivale non offriva nulla ed era arrivato praticamente all'improvviso
Disney sta per lanciare un servizio gigantesco probabilmente ad un prezzo ridottissimo (e la gente di certo vuole risparmiare quindi basta fare 2+2)

Rispondi

Segnala

Davide Arienzo

1 anno fa

Matteo Cataldi
il tuo paragone non ha senso, G+ è un servizio gratuito che rispetto al rivale non offriva nulla ed era arrivato praticamente all'improvviso
Disney sta per lanciare un servizio gigantesco probabilmente ad un prezzo ridottissimo (e la gente di certo vuole risparmiare quindi basta fare 2+2)

Rispondi

Segnala

Matteo Cataldi

1 anno fa

Davide Arienzo
Beh in realtà si tempi che furono G+ fu pompato ed esaltato tanto, almeno io ne ho sentito parlare tanto  ci fu una grande campagna di marketing. E fondamentale te del servizio di Disney non sappiamo niente, solo che c'è un colosso dentro che vuole inserirsi nel mercato, ma ieri come oggi per inserirsi in un mercato già avviato è un impresa difficilissima in cui anche i più grandi cadono (vediamo l'universo DC) ma sono allo stesso tempo convinto che la Disney possa giocare le carte giuste.

Rispondi

Segnala

Matteo Sinigaglia

1 anno fa

Bah, chissà. So solo che sono molto curioso di vedere come sarà strutturato Disney Play

Rispondi

Segnala

Jan Berto

1 anno fa

La concorrenza non può che fare bene, però come in molti casi di altri settori arrivare prima conta. Certo si parla di Disney ma credo faranno fatica a infastidire netflix, nonostante il catalogo sia effettivamente pauroso xD

Rispondi

Segnala

Kenji Endo

1 anno fa

Secondo me riusciranno a vivere in contemporanea per molto tempo, Netflix può vantare già una grande fetta di pubblico che difficilmente deciderà di rinunciare alla piattaforma in tempi brevi.
In futuro chissà.

Rispondi

Segnala

Matteo Usai

1 anno fa

Con tutti i soldi che ha la Disney il rischio è reale, staremo a vedere.

Rispondi

Segnala

Francesca Banfi

1 anno fa

Speriamo che i film al cinema non verrano penalizzati però!

Rispondi

Segnala

Davide Arienzo

1 anno fa

Francesca Banfi
è invece accadrà proprio questo :-(

Rispondi

Segnala

Richi97

1 anno fa

Penso che questa concorrenza sia positiva, in questo modo piattaforme come Netflix, potrebbero migliorare i loro prodotti già buoni; ed evitare di produrne altri, meno interessanti

Rispondi

Segnala

Samuel De Checchi

1 anno fa

Visto i recenti avvenimenti, (licenziamento di James Gunn) tifo più Netflix che fa lavorare Talenti come Scorsese, Wells (postumo) e Cuaron. Invece di licenziare i talenti perché se no perdi pubblico in sala (che sinceramente di chi va in sala, solo il10% è informato su cosa e chi sta guardando, penso che tutti i cinefili lo possano constatare con gli amici e parenti non cinefili).

Rispondi

Segnala

Teo Youssoufian

1 anno fa

Samuel De Checchi
occhio però: Cuaron non ha lavorato grazie a netflix, sono solo distributori 😏

Rispondi

Segnala

Samuel De Checchi

1 anno fa

Teo Youssoufian
😂 grazie per la dritta

Rispondi

Segnala

SViulenz

1 anno fa

Secondo me un punto a favore di netflix sarebbe quello anche di puntare sulle licenze di film meno recenti ma che hanno fatto la storia del cinema. Già ho visto che lo sta facendo con Orson Welles, ma sarebbe molto interessante vedere anche altri nomi importanti. Inoltre noto anche l'assenza di molto cinema asiatico come Kurosawa, Ozu o Kitano.

Rispondi

Segnala

Martina Foderetti

1 anno fa

Leggo e nella mia testa rimbomba la marcia di mickey mouse alla "Full Metal Jacket"

Rispondi

Segnala

Francesca Banfi

1 anno fa

Martina Foderetti
Ho pensato la stessa cosa!

Rispondi

Segnala

Greedy_85

1 anno fa

Francesca Banfi
Ahahaha l'ho pensato anch'io 😂

Rispondi

Segnala

Martina Foderetti

1 anno fa

Francesca Banfi
Ahahahahahahahahahah era inevitabile, già tutto previsto da Kubrick

Rispondi

Segnala

Davide Arienzo

1 anno fa

Martina Foderetti
Oddio hahahahahaha

Rispondi

Segnala

Felix

1 anno fa

Spero che Netflix da adesso punti sopratutto sulla qualità anziché sulla quantità, e che le due si facciano "guerra" su questo, insomma, più qualità per tutti, anziché puntare a riunire tutto in un unico servizio.

Rispondi

Segnala

Teo

1 anno fa

Non credo morirà, in quanto ha ottime produzioni proprie, ma una cosa è certa: molti si ritroveranno a dover scegliere molto presto dove guardare i propri film, quali abbonamenti tenere e quali no. Secondo me se questa cosa si allargherà a molte altre case produttrici porterà ad un ritorno della pirateria

Rispondi

Segnala

Davide Bertolotti

1 anno fa

Credo che la sopravvivenza di Netflix dipenderà molto da qui in avanti dalla quantità ma soprattuto dalla qualità dei propri titoli originali. Saranno le produzioni originali a fare la differenza in un mondo dove con tutta probabilità le maggiori case inizieranno a proporre i loro servizi come già sta accadendo

Rispondi

Segnala

Riccardo Sacchi

1 anno fa

Da una parte per noi utenti diventa una comodità: un catalogo immenso tra film, serie tv, documentari racchiuso in un solo posto e senza il pericolo che possa sparire dalla libreria per licenza scaduta da un giorno con l'altro; di contro dovremo spendere altri soldi per l'ennesimo abbonamento mensile per un servizio.

Rispondi

Segnala

Alex73

1 anno fa

Personalmente non sono un grande fan di Netflix, mi ha deluso molto soprattutto a livello di film. Le serie tv invece le considero di buon livello, però sono piuttosto convinto che se il prezzo della piattaforma Disney sarà effettivamente di 6-8 dollari al mese, Netflix sarà costretta a rivedere totalmente i suoi piani (a partire proprio dal prezzo dell'abbonamento). Per quanto riguarda i miei gusti, se dovessero davvero fare una serie tv di qualità su Star wars con quel prezzo mensile, direi addio a Netflix molto volentieri.

Rispondi

Segnala

Grazia173

1 anno fa

Alex73
Non credo sinceramente che il prezzo dell'abbonamento a netflix possa subire una variazione, in fondo per la maggior parte degli utenti si tratta di 3,5€ al mese... che è una spesa irrisoria (per quanto mi riguarda)soprattutto se  netflix offre serie come bojack horseman,  stranger thing,  black mirror...

Rispondi

Segnala

Alex73

1 anno fa

Grazia173
Per l'appunto gli utenti Netflix che conosco io non condividono il proprio account con altri quindi per loro si tratta di pagare un prezzo più alto. Però come dici tu ci sta che la maggioranza degli utenti divida le spese e questo potrebbe cambiare le cose. Questa è una statistica che varrebbe la pena di approfondire effettivamente. Per quanto riguarda le serie, Bojack non l'ho mai visto (ma rimedierò nel breve periodo sicuramente), mentre nonostante Black mirror e Stranger things mi siano piaciute molto credo proprio che la Disney abbia il potenziale per fare molte più serie di quantomeno pari livello.

Rispondi

Segnala

Josephin Overwood

1 anno fa

Non abbiamo scampo... Ci comprerà tutti!

Rispondi

Segnala

Giovanni Gaja

1 anno fa

La speranza è che questa concorrenza spinga le parti a sviluppare nuove serie/film originali, ampliando cosi la nostra possibilità di goderne.

Rispondi

Segnala

Andrea Ardenghi

1 anno fa

Nel momento in cui ho aperto l'articolo ho detto, la maggior discriminante sarà il prezzo.
Una volta letto il possibile costo teorico...beh, c'è poco da dire. Tutto questo però potrebbe giovare al videospettatore trasformandosi in una guerra al ribasso come appenna accaduto per le compagnie telefoniche.

Rispondi

Segnala

Alessandro Vacca

1 anno fa

Non credo che Disney ucciderà Netflix ma spingerà ancor di più alla produzione di serie e film originali, il che va solo bene. Certo è che il catalogo della disney farà paura.

Rispondi

Segnala

Luca la Donna

1 anno fa

Io non vedo l'ora di poter usufruire dei contenuti di Disney. Spero soprattutto in una recodifica dei propri film in alta qualità!

Rispondi

Segnala

Sclef96

1 anno fa

Non credo che Disney ucciderà Netflix.

Rispondi

Segnala

Francesco Bombarda

1 anno fa

Non so, netflix è la piattaforma messa meglio per ora, difficile buttarla giu. Anche se la disney ha un potenziale enorme. Vedremo sono curioso di vedere cosa ne uscirà.

Rispondi

Segnala

Stefano Fronzoni

1 anno fa

Disney porta il nome di uno dei piú grandi uomini di cinema. E questo fa da sempre. Cinema. É cinema che nasce da un mondo creativo alla base e commerciale nel modo. Netflix é commercio alla base e cinema poi. Si spera che con l'arrivo di disney si smitizzi il netflixismo

Rispondi

Segnala

stefano marino

1 anno fa

Stefano Fronzoni
Non sono totalmente d'accordo, dIsney porta sicuramente uno dei nomi piú prestigiosi della storia del cinema, ma è anche vero che molta della forza delle esclusive della futura piattaforma sta non tanto nella qualitá e originalitá dei prodotti, ma nella capacità di avere attorno ad esse un franchise molto forte, quindi credo che il commercio sia alla base sia di netflix che della disney

Rispondi

Segnala

Stefano Fronzoni

1 anno fa

stefano marino
Certo c'é il franchise anche nella Disney hai ragione, ma (almeno per me) anche nei grandi franchise ha qualcosa che Netflix non ha: innovazione e coraggio di prendersi dei rischi. Guarda i prodotti Netflix piú famosi, da Stranger Things alla Casa di Carta: non aggiungono nulla al genere da cui provengono. Guarda Star Wars: il coraggio di non piacere per forza ai fan, il desiderio di palingenesi creativa, di tracciare nuovi metodi. Guarda il Marvel universe: sperimentazione con la serialitá e Kevin Feige con una grande idea per unire idee e creativi. Io questo in Netflix non lo vedo

Rispondi

Segnala

stefano marino

1 anno fa

Stefano Fronzoni
Sono d'accordo con te quando elogi il modo in cui la marvel ha rinnovato il concetto di serialitá, mentre dissento sul fatto che la disney voglia sperimentare  senza necessariamente piacere al pubblico. Ritengo che i prodotti disney vadano quasi sempre a botta sicura, non sono sicuro che ci siano dei rischi creativi veri e propri.

Rispondi

Segnala

Roberto Rotondo

1 anno fa

Tra poco la Disney comprerà anche sè stessa

Rispondi

Segnala

Andrea Vassalle

1 anno fa

Il futuro che si prospetta mi inquieta non poco. Il cinema, i film sono un patrimonio enorme che dovrebbe essere a disposizione di tutti. Se si creano queste frammentazioni continue si spezza solamente l'arte cinematografica, rendendola più difficile da abbracciare. Una delle domande è, queste piattaforme streaming in futuro faranno uscire i propri film in dvd o manterranno la visione esclusiva nei loro canali?

Rispondi

Segnala

Panda

1 anno fa

Andrea Vassalle
In America il collezionismo è un fenomeno vivo come molte altre parti del mondo. Senza dubbio potranno investire nell'home-video e in collector extra lusso.

Rispondi

Segnala

Federico (Sylar)

1 anno fa

Ritengo che così facendo si aggiungerà un competitor in più che causerà un ribasso nei prezzi dei servizi di streaming

Rispondi

Segnala

Davide Sciacca

1 anno fa

Tutto dipenderà molto secondo me da come Netflix deciderà di rispondere a un'offensiva del genere. Il prezzo e il catalogo del possibile Disney Play lo metterebbero sicuramente in posizione privilegiata, ma per tutti i film che non rientrano sotto l'egida della Disney e Fox? Non tutto puo' essere esaurito dalla Disney che dovrebbe anch'essa cercare licenze in giro. O non lo vorranno proprio cercare? Saremmo costretti ad avere due servizi di streaming che in pratica non condividono nessun titolo in catalogo? Secondo me ci sono un sacco di scenari, è sicuramente una mossa che cambia profondamente gli equilibri del panorama streaming.

Rispondi

Segnala

Wolvering

1 anno fa

Essendo entrata prima nel mercato dello streaming ed avendo una posizione già ben consolidata, potrebbe anche accadere che l'ingresso di Disney porti una maggior concorrenza e quindi un miglioramento della qualità

Rispondi

Segnala

Panda

1 anno fa

Wolvering
Per ottenere ciò, Netflix dovrebbe minimo dimezzare le sue produzioni e lavorare sulla metà dei prodotti.
Tanto a momenti non potrà fare altro perché cancella serie tv ogni due ore.

Rispondi

Segnala

Wolvering

1 anno fa

Panda
Si questo è vero, dal mio punto di vista ben venga, propendo più per la qualità che per la quantità. In più spero anche nell'ingresso di altri competitor oltre a Disney, spero proprio porti una sorta di arricchimento del mercato

Rispondi

Segnala

Rebecca Pettirossi

1 anno fa

Disney sta uccidendo tutto ciò che assorbe, cercando di rendere qualsiasi cosa un "prodotto per famiglie", come gli ultimi film Marvel, sempre più ridicoli e ridotti ad un insieme di gag per portare al cinema più bambini e meno adulti. Netflix invece si butta sul lato opposto, offrendo sempre più serie e film originali per adulti, non necessariamente esagerati, ma semplicemente con toni più cupi o sobri, a volte un po' horror, a volte con del Black humor. Non soccomberá.

Rispondi

Segnala

Panda

1 anno fa

Rebecca Pettirossi
Non sono d'accordo con questa credenza che Disney "familiarizzi" tutto a priori.
I film Marvel sono prodotti sì da uno studio Disney, ma utilizzano personaggi del fumetto popolare prevalentemente (e, sia chiaro, non esclusivamente) destinati a un pubblico ampio e possibilmente giovane.
Stesso dicasi di Star Wars, che era "family friendly" ancor prima di finire sotto i guanti bianchi di Disney.

Come contro-esempio, invece, mi viene da citare Miramax, che per quasi dieci anni è stata controllata da Disney. Periodo nel quale, tra l'altro, vennero prodotti Pulp Fiction e Kill Bill.

Rispondi

Segnala

Rebecca Pettirossi

1 anno fa

Panda
Forse sarà una mia fissazione, ma mi sembra che da quando Disney ha preso sotto la sua ala la Marvel, dei prodotti come Thor Ragnarock, Avenger & Co sono stati ridicolizzati con trame superficiali e battutine idiote ogni tre per due. Però magari sono io che noto eccessivamente la cosa.

Rispondi

Segnala

Panda

1 anno fa

Rebecca Pettirossi
Questo è un discorso che trovo particolarmente interessante.
I tratti dei film Marvel che comunemente vengono attribuiti a Disney, in realtà hanno origine dal primo Iron Man (periodo non Disney) che però aveva la fortuna di essere diretto da Jon Favreau. Tra l'altro, vi fu anche una riunione tra i capi di Marvel Comics per decidere come strutturare un eventuale universo cinematografico e che toni dargli.
Ovviamente, quindi, data l'affinità di intenti tra Disney e Marvel capita che si possano attribuire a una le colpe dell'altra (come anche i villain con i poteri necessariamente simili a quelli dell'eroe protagonista). Addirittura, dopo l'acquisizione, non possiamo neanche più dire con certezza da chi vengano determinate direttive.

Gli esempi che hai portato all'attenzione hanno la particolarità di poter essere analizzati nel singolo.
Thor Ragnarok, per vari motivi di cui non sto a discutere, si è ritrovato nella condizione di dover mutare in una storia cosmica (che poi in realtà ci sta pure col personaggio protagonista); ambientazioni in cui James Gunn si era imposto notevolmente in casa Marvel e quindi diciamo che un immaginario fin troppo definito già esisteva. A questo è stato aggiunto l'eclettico Waititi che, tra l'altro, ha dichiarato di aver lasciato quasi tutto all'improvvisazione degli attori e alla sua ispirazione del momento. Non avrò lauree in materia e non posso che offrire le mie personalissime considerazioni, ma questo scenario risultava inevitabilmente tragico già all'annuncio. E a oggi mi vengono quasi i brividi a pensare che Waititi abbia inventato il cinepanettone supereroistico, lo spaghetti-superhero potremmo chiamarlo.
Per parlare della (attuale) trilogia di Avengers, invece, si dovrebbero sovrapporre più percorsi di produzione. Facendo una sintesi, tuttavia, il primo Avengers era quasi logico che venisse fuori come un costosissimo giocattolo (di cui sono anche particolarmente contento perché è riuscito a portare a termine un progetto puntando su un intrattenimento sano, per quanto mi riguarda). Age of Ultron, d'altro canto, è stato quasi l'opposto, non riuscendo nemmeno a portare in scena una sceneggiatura quantomeno chiusa nella sua natura episodica (nonostante il risultato comunque non mi dispiaccia, ma vabbè). Infinity War, invece, ha avuto il grandissimo impegno di portarsi appresso dieci anni di narrazione non trovando fisicamente il posto per collocare un momento leggero di cui i film Marvel tendenzialmente hanno bisogno. E questo ha portato inevitabilmente ogni battuta quantomeno non seria a risultare quasi del tutto fuori luogo (e stordente, in alcune sequenze). Questo risultato è l'unico tra i film di cui ho parlato che mi spinge a indagare veramente su dove si è imposta eventualmente (ma sicuramente) Disney, proprio perché vi erano molti fattori ed elementi da gestire e far coincidere.

P.S.: Tra', puoi anche non leggere. Avevo un'ora libera da passare in qualche modo :v

Rispondi

Segnala

Rebecca Pettirossi

1 anno fa

Panda
Quindi dici che la Disney forse non ha influito sulle cose che comunemente pensano tutti, ma ci sono delle scelte in origine prese da altri o a volte scelte sbagliate dei registi tipo quella di Waititi (non sarai un esperto in materia ma penso che come dici tu la tragedia era annunciata per Thor Ragnarock!!!) o ho capito male? Sai io attribuiva tutto ciò alla Disney (le scelte di battute, sceneggiatura, trama ecc) semplicemente perché mi sembrava di aver notato un peggioramento della qualità dei film del MCU dopo la fusione con la Disney. Ma appunto, come dici, effettivamente non si sa quanto influiscano e come. Ti ringrazio perché mi hai dato uno spunto per riflettere sulla cosa, prima ero convinta che fosse così al 100 %, invece potrei sbagliarmi.

Rispondi

Segnala

Netflix é stata la capostipite ma credo che tra qualche anno si farà da parte di fronte ai giganti come Disney o Apple (non sono assolutamente contro Netflix)

Rispondi

Segnala

quent

1 anno fa

Sicuramente darà una bella scossa al mercato di questo settore, se Netflix, Amazon Prime e simili riusciranno a produrre dei buoni prodotti propri come già stanno facendo è possibile che riescano a resistere e mantenere un buon livello di utenza. Non c'è altro da fare se non aspettare e vedere che succede. Sarà una bella sfida.

Rispondi

Segnala

Stefano Lucariello

1 anno fa

Sicuramente "Disney Play" sarà imbattibile per quanto riguarda i prodotti per famiglie e quelli di genere supereroistico. D'altro canto, ci sono film e serie tv appartenenti a generi "più adulti" che invece resteranno o verranno aggiunti su Netflix, andando a costituire un catalogo ben diverso da quello della Disney. A quel punto, chi non potrà permettersi entrambi i servizi, sarà posto davanti ad una scelta relativamente facile, a seconda dei propri gusti, e secondo me non saranno in pochi a scegliere Netflix,il quale, a mio avviso, non rischia affatto l'estinzione.

Rispondi

Segnala

Stefano Lucariello
D’accordo con te, ho paura che DisneyPlay sarà completamente piena di film troppo mainstream, spero di sbagliarmi comunque

Rispondi

Segnala

Non penso che Netflix debba preoccuparsi poi di tanto di una piattaforma simile dato che le loro produzioni originali sono sempre molto apprezzate

Rispondi

Segnala

Valentina Temperini
Le produzioni(non distribuzioni) netlfix che sono degli ottimi prodotti si possono contare sulle dite di una mano, ma sono indubbiamente in espansione per via dei giganteschi fondi che investe in nuove produzioni.
Ma si sa, Netflix ha sempre puntato sulla quantità

Rispondi

Segnala

Francesco Avagliano
Quello è poco ma sicuro, però non devi pensare solo al catalogo Netflix che vedi in Italia sia chiaro...

Rispondi

Segnala

Credo che se Disney giocasse bene le sue carte potrebbe sbaragliare il mercato della pay tv, anche se Netflix è in grado di difendersi adeguatamente secondo me

Rispondi

Segnala

Alessandro

1 anno fa

Netflix è e rimarrà ancora a lungo sul mercato dello streaming come big: catalogo tendente all'infinito ad un prezzo che se lo condividi con tuoi amici è bassissimo. Ma i suoi contenuti originali sono molto poco "originali" quindi una concorrenza come Disney che invece sforna contenuti molto più iconici e originali potrebbe divorare tutti in tutti i campi

Rispondi

Segnala

Matteo Capozucca

1 anno fa

Facendo un corso in facoltà sulla crescita esponenziale negli ultimi 5 anni delle piattaforme di contenuti in streaming, osservando il potenziale economico della corazzata Made Topolino, ci dovevamo aspettare il monopolio dell'intrattenimento audiovisivo... Beh, daje! ...più o meno

Rispondi

Segnala

Matteo Cicirello

1 anno fa

Speriamo solo che con questo “monopolio” che creerà la Disney (e quindi non avendo più concorrenza) non si perderà qualità nelle prossime pellicole.

Rispondi

Segnala

Sof C.

1 anno fa

Concordo con molti dei commenti prima del mio: Netflix ha un peso gigantesco, e per quanto la competizione sia molta (e le librerie variano da stato in stato) è difficile che soccomba per una decisione del genere. Specie considerato il fatto che autoproduce molti contenuti di successo praticamente tutto l'anno.

Rispondi

Segnala

Luca Leonardi

1 anno fa

Ottimo articolo, sicuramente i prodotti disney sono ormai un enorme fetta del mercato, e quindi inevitabilmente un servizio streaming che convogli i prodotti della casa del topo avrebbe un potere pazzesco, ma credo anche che cio non porterebbe di per se alla scomparsa di netflix, ma piuttosto a un suo ridimensionamento globale e magari addirittura a un cambio di struttura interna di netflix.

Rispondi

Segnala

Stefano Calegari

1 anno fa

Netflix perderà molti titoli importanti, ma credo che non si faranno trovare impreparati e sapranno offrire le giuste motivazioni ai propri clienti per rimanere abbonati.

Rispondi

Segnala

Mario Di Capua

1 anno fa

Credo che se una cosa del genere dovesse accadere Netflix punterà molto di più sui contenuti autoprodotti magari ampliando sempre di più il catalogo, come tra l'altro sta già facendo... Inoltre bisognerebbe discutere i diritti di Daredevil, Luke Cage e Jessica Jones che credo (e correggetemi se sbaglio) sono tutti e tre prodotti di Netflix con marchio Marvel.

Rispondi

Segnala

Roberta

1 anno fa

Credo che Netflix sia una piattaforma troppo grande per essere "uccisa", ma sicuramente l'entrata sul mercato streaming della Disney non lascerà invariati i profitti di Netflix

Rispondi

Segnala

Davide Antonetti

1 anno fa

È devastante, Netflix e Amazonprimevideo riceveranno un duro colpo. Purtroppo anche io come appassionato di cinecomic saró tentato di passare a questa nuova piattaforma, a maggior ragione se costa anche meno. Netflix e Amazon si dovranno impegnare a creare prodotti originali validi e accattivanti per contrastare la potenza della Disney! Si vedrà come andrà a finire.. 😁

Rispondi

Segnala

Mattia Manzo

1 anno fa

sperando non diventi come amazon video😢

Rispondi

Segnala

Matteo

1 anno fa

Meglio così. I prodotti originali Netflix validi sono ben pochi! Dovrebbe aumentare la qualità del catalogo.

Rispondi

Segnala

Pierluigi

1 anno fa

Disney finirà per mangiare anche Netflix, è un dato certo ormai

Rispondi

Segnala

Davide Perdon

1 anno fa

La concorrenza non fa mai male a nessuno. Netflix e compagnia dovranno solo prepararsi ad un concorrente che può effettivamente spostare l'ago della bilancia.

Rispondi

Segnala

LeoGuerra

1 anno fa

Io sono dell'idea che potrà solo ridimensionare Netflix e uccidere tutte le altre piattaforme

Rispondi

Segnala

Gianni

1 anno fa

Secondo me no

Rispondi

Segnala

Giorgio Bizzaro

1 anno fa

Secondo me non ucciderà Netflix, sicuramente perderà molto, ma comunque offre dei contenuti originali cui sarà difficile farne a meno.

Rispondi

Segnala

RayRJJackson

1 anno fa

Lo utilizzerei più volentieri di Netflix. A me non interessano le serie/film originali di Netflix.

Rispondi

Segnala

James Mackenzie

1 anno fa

Mi dispiacerebbe per Netflix

Rispondi

Segnala

Alessandro Iacono

1 anno fa

Beh, godiamoci per un altro anno Netflix e Prime, dopo si vedrà se riusciranno a sopravvivere all'impero Disney

Rispondi

Segnala

Su certe cose bisogna dare tempo al tempo. Certo, il crescente potere della Disney è abbastanza preoccupante e ora che è uscita questa novità di Disney Play ci sarebbe ancora più da preoccuparsi... ma non dobbiamo essere così tanto catastrofisti. La Disney sia in passato sia negli ultimi anni ci ha sorpreso svariate volte e potrebbe farlo ancora. L’unica cosa che potrebbe essere preoccupante è il velo del cosiddetto “family-friendly”. Certamente negli ultimi tempi molti prodotti Disney sono pieni di situazioni ben poco simpatiche, vedi il finale di Infinity War in cui praticamente ogni eroe si è polverizzato, ma chi può dire che in fututo non renderanno veramente tutto più soft. Insomma, la Disney ha comprato dei marchi all’interno dei quali ci sono molti prodotti ben poco family friendly, tipo la Fox con i Griffin, perciò bisognerá vedere. Spero solo che non cambino l’aspetto di alcuni loro prodotti che secondo me, ora come ora sono ben fatti e se fossero cambiati, probabilmente, perderebbero la loro vena originale e il loro aspetto iniziale.

Rispondi

Segnala

doncapissi

1 anno fa

Impressionante la scalata che ha fatto la Disney in questi ultimi anni.
Sempre più un monopolio con il topone che stringe le mani su tutto!!!
P.s. La mano di Topolino che fa il dito a Netflix  mi fa sganasciare 😂😂

Rispondi

Segnala

Teo Youssoufian

1 anno fa

doncapissi
eheheh ridevo mentre la facevo... 😁

Rispondi

Segnala

doncapissi

1 anno fa

Teo Youssoufian
Ahhahahaha

Rispondi

Segnala

Andre

1 anno fa

Ed inoltre dovrebbe persino crearsi una nuova piattaforma dove verranno messe nuove serie DC( tra cui dovrebbe esserci il nuovo titans) e magari vecchi film( pagherei piuttosto un’ abbonamento mensile per far sì che suicide squad non venga mai più nominato da niente e nessuno).

Rispondi

Segnala

Alex Fanelli

1 anno fa

La sensazione comunque è che Disney difficilmente sbaglierà e finiremo per dare sti 7€ (per far media) anche a loro 😁

Rispondi

Segnala

Bruno Palma

1 anno fa

Chissà come verranno spartiti  prodotti Marvel-Netflix come Dardevil, The Punisher et similia...
Spero vivamente che visto che si tratta di co-produzioni rimangano sulla grande N (o eventualmente vengano riporatate sul nuovo Disney Play SENZA TUTTAVIA LASCIARE NETFLIX).

Rispondi

Segnala

Sergio Carpentieri

1 anno fa

Bruno Palma
credo che se davvero i prezzi per l'abbonamento del servizio Disney saranno così bassi, chi usufruisce di prodotti Marvel passerà autonomamente sull' altra piattaforma.

Rispondi

Segnala

Andre

1 anno fa

Bruno Palma
Penso che comunque resteranno su Netflix perché un conto sono i film, un conto sono serie che Netflix stessa ha finanziato.

Rispondi

Segnala

Daniele Ticconi

1 anno fa

Mi ero perso il fatto che avrebbero rinunciato alle licenze, è incredibile D:
Forse per combatterla le "piccole" potrebbero effettuare una fusione... Non so, ma la Disney attualmente sembra veramente avere la strada spianata per gli anni a venire.

Rispondi

Segnala

Simone Bernardotto

1 anno fa

Daniele Ticconi
Anch'io la penso come te, unite contro un nemico comune 😂😂

Rispondi

Segnala

Daniele Ticconi

1 anno fa

Simone Bernardotto
Eh forse sarebbe l'unico modo per sfidarla. Forse. Sempre che sia possibile 😂

Rispondi

Segnala

Simone Bernardotto

1 anno fa

Daniele Ticconi
Penso finirà con un futuro tipo v per vendetta con la disney al potere hahahahahahah

Rispondi

Segnala

Sergio Carpentieri

1 anno fa

tutto ciò sta uccidendo la magia di andare al cinema. La Disney senza dubbio sta creando un impero,ma dovrà giocare bene le sue carte per non rischiare di perdere la marea di soldi che fa nelle sale. Sicuramente i dirigenti del colosso non sono sprovveduti e avranno fatto e stanno facendo tutti i dovuti calcoli e non credo che si butteranno nel vuoto ma prenderanno una decisione in base a dati concreti. Se la cosa andrà in porto credo che causerà non pochi problemi ai concorrenti, che dovranno buttarsi sempre più su serie originali , aumentare la libreria e scendere di prezzo per poter competere.

Rispondi

Segnala

Il Cionco

1 anno fa

La Disney ormai è inarrestabile e i prodotti che può offrire sono i più desiderati dal consumatore medio di film da streaming se il prezzo sarà (come sembra) altamente competitivo saranno tempi bui per i concorrenti!

Rispondi

Segnala

Gemi

1 anno fa

I monopoli fanno bene solo ai possessori dei monopoli. Speriamo che Netflix corra ai ripari...o prepariamoci a pagarne tutti il prezzo! 😁

Rispondi

Segnala

Atom

1 anno fa

Spero di no. Netflix potrà avere una politica che allontana le persone dalle sale, ma ha degli ottimi contenuti, e spesso propone un catalogo fresco e irriverente. Dopo quello che la Disney ha fatto con Star Wars spero che la gente apra gli occhi.

Rispondi

Segnala

Sergio Carpentieri

1 anno fa

Atom
bisogna vedere se davvero il prezzo per abbonarsi al servizio Disney sarà così basso e se riuascirà a competere con le esclusive Netflix.

Rispondi

Segnala

Atom

1 anno fa

Sergio Carpentieri
Dai Netflix costa pochissimo. Lo dividi con 4 amici/persone e paghi 3,50 al mese. Anche se la Disney mi propone un mensile di 9,90 non sono quei centesimi a cambiarmi la vita. Inoltre credo che il monopolio distrugga la varietà artistica che è sinonimo di innovazione, perciò spero che la Disney non diventi sinonimo di Cinema.

Rispondi

Segnala

Vincenzo Giordano

1 anno fa

Quello che mi chiedo è come sia stato possibile tornare a ciò che ormai è sempre più simile al monopolio delle Big Five dell'era classica di Hollywood. Non si tratta più di capire se la Disney ucciderà o meno Netflix, mi sento più preoccupato dal fatto che sembra delinearsi un futuro non molto lontano in cui - se fai, ti intendi, scrivi, o semplicemente vai al cinema - non fai altro che lavorare per la Disney.

Rispondi

Segnala

Davide Angelini

1 anno fa

Più leggo notizie sull'impero Disney, più penso alla solitudine che subiranno lo zio Quentin... e i suoi ammiratori

Rispondi

Segnala

Riccardo De Fusco

1 anno fa

Davide Angelini
Beh guarda che Pulp Fiction se non sbaglio è stato prodotto anche dalla Disney

Rispondi

Segnala

Davide Angelini

1 anno fa

Riccardo De Fusco
Potrei sbagliarmi, ma dopo il caso Weinstein Tarantino era in cerca di un nuovo produttore e categoricamente rifiutava la Disney. Per il resto non so, anche Tim Burton con tempo è tornato tra le braccia del topo

Rispondi

Segnala

Lorenzo Mandile

1 anno fa

Davide Angelini
Tarantino odia la Disney, specialmente dopo che la medesima fece sí di avere più sale per proiettare Star Wars 7 ad un festival mentre Quentin era appena uscito con TH8

Rispondi

Segnala

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni