close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#articoli

I morti non muoiono, di Jim Jarmusch - Festival di Cannes 2019 - Recensione

I morti non muoiono (The Dead don't Die) è il film che ha aperto la 72ª edizione del Festival del Cinema di Cannes. 

 

Regia di Jim Jarmusch, cast incredibile che vede in prima fila Bill Murray, Adam Driver e Chloë Sevigny accompagnati da Tilda Swinton, Caleb Landry Jones, Steve Buscemi, Danny Glover, Tom Waits, Iggy Pop, Selena Gomez e RZA

 

La storia è una Zom-Com, una commedia con zombie dove si ride e si ribalta la figura del morto vivente che ormai è una figura classica del cinema.  

 

 



La piccolissima cittadina di Centralville, di poco più di 700 abitanti, subisce le conseguenze di uno spostamento dell'asse terrestre che modifica l'influsso che la Luna ha sul nostro pianeta, con il risultato di riportare in vita coloro che sono sepolti sotto terra. 

 

Il tono e lo stile di Jarmusch sono ben riconoscibili, con dei protagonisti apatici che si lasciano scivolare la vita addosso e un tocco surreale in pressoché tutte le interazioni tra di loro. 

 

Ma se è vero che la risata è presente, lo è meno la soddisfazione a fine visione.  

 

 

 

Lungo tutta la durata de I morti non muoiono si ha costantemente la sensazione che manchi qualcosa per renderla completa, alcuni passaggi risultano quasi soporiferi e la chimica tra Murray e Driver, pur restando bravissimi entrambi, non scatta mai. 

 

C'è un Buscemi reazionario e iroso, una Swinton in un ruolo particolarissimo e un Iggy Pop che riesce a stare a petto nudo anche da zombie, c'è un gustoso inside joke dedicato ad Adam Driver e a Star Wars - l'attore è tra i protagonisti della nuova trilogia fantasy nel ruolo di Kylo Ren - e c'è ad un tratto una svolta completamente inattesa che si prende gioco del film stesso e che scherza apertamente con lo spettatore. 

 

Però il tutto mescolato insieme funziona fino a un certo punto.  

 

 

 

 

Perché se è evidente la critica che Jarmusch vuole mettere in scena e che tanto cara fu a George Romero e ai suoi morti viventi, lo è in una maniera così plateale e diretta da risultare didascalica e quindi poco corrosiva. 

 

Non si riescono a comprendere fino in fondo le motivazioni di alcuni personaggi - Tom Waits su tutti, in un ruolo volutamente lontano dal resto del cast - né addirittura il senso stesso di alcuni di loro, con una sorta di plot twist completamente inaspettato riguardante Tilda Swinton che, se da una parte stupisce, dall'altra fa chiedere il perché di una scelta così esagerata e fuori registro.  

 

Gli zombie de I morti non muoiono non sono originali e i vivi che si trovano ad affrontarli lo fanno con poca convinzione, quasi rassegnati. 

 

 



Ma la rassegnazione è anche quella dello spettatore, di fronte a un film di un genere che è già stato più volte ribaltato anche in forma comica, con però dei risultati più rotondi sia dal punto di vista dello zombie-movie che della commedia. 

 

La sensazione a fine visione è quella di un'ottima occasione sfruttata a metà, un insieme di scene spesso riuscite ma che non danno mai l'idea di un qualcosa di strutturato. 

 

Resta sottinteso che I morti non muoiono è consigliato comunque, non fosse altro per vedere le prove di attori di questo calibro inseriti in un contesto assolutamente fuori dal normale, e per godere del gioco che Jarmusch sceglie di fare con Driver e con noi. 

 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Lascia un commento

9 commenti

SViulenz

3 mesi fa

A me non è per nulla dispiaciuto

Rispondi

Segnala

Mario Pannarale

3 mesi fa

adoro Jarmush e nonostante la fredda accoglienza ricevuta a Cannes sono molto curioso di vedere questo film. Considero Paterson un capolavoro.

Rispondi

Segnala

Manuel Perin

4 mesi fa

anche il suo precedente film "Paterson", sempre con Driver, non mi aveva convinto molto... però su "the dead don't die" ci punto ancora 😅

Rispondi

Segnala

Elena Mercuri

4 mesi fa

Che peccato buttare via così tante buone carte, con un cast così e Jarmusch alla regia ne poteva venir fuori una bomba

Rispondi

Segnala

Marco Supertramp

4 mesi fa

Tutta colpa del titolo cacofonico!!!

Rispondi

Segnala

Lorenzo Rinaldi

4 mesi fa

Credo che andrò a vederlo comunque perché il cast mi fa impazzire

Rispondi

Segnala

Davide Sciacca

4 mesi fa

Forse lo zombie movie era effettivamente il genere già troppo rivisitato rispetto ad altri trattati da Jarmusch in chiave personale/rivoluzionaria. Peccato

Rispondi

Segnala

Morena Falcone

4 mesi fa

Peccato, speravo di sentire più entusiasmo per D Deddon Dai... :/

Rispondi

Segnala

Benito Sgarlato

4 mesi fa

Peccato... prova che un ottimo cast non vuol dire per forza un ottimo film... lo vedrò comunque in futuro ma non al cinema

Rispondi

Segnala

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni