close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#articoli

Ride - Torino Film Festival 36

Valerio Mastandrea è un habitué del Torino Film Festival: qualche anno fa è stato presidente della giuria internazionale e negli ultimi anni ha partecipato a svariati film visti qui a Torino (Tito e gli Alieni, La Felicità è un sistema complesso, Ogni Maledetto Natale).

 

Ride è il suo primo film da regista e, probabilmente, non c'era festival più adatto per il suo esordio, che ha visto come produttori gli stessi con cui aveva collaborato sul set di Non Essere Cattivo di Claudio Caligari e con i quali aveva condiviso tutta quella particolarissima vicenda.

 

 

 


 

Ride è la storia del giorno prima del funerale di Mauro Secondari visto dalla prospettiva della vedova Caterina, di suo padre Cesare e del figlio Bruno.

È morto sul lavoro, in fabbrica - la stessa in cui anni prima lavorava suo padre, combattendo le sue battaglie a suon di picchetti e scioperi - lasciando moglie e figlio nella sciagurata situazione di dover gestire la stampa per la risonanza di una tragedia simile, l'organizzazione del funerale e il lutto.

 

Questo ultimo aspetto è proprio quello che riesce meno a Caterina che, dalla notizia della morte di Mauro, ancora non è riuscita a piangere: lei "ride".

 

Attorno alla sfida di Caterina seguiremo da una parte le vicende di Bruno, che con un amico si prepara alle possibili interviste durante il funerale, vissuto ingenuamente come un modo per far colpo su una ragazza, e dall'altra quelle di Cesare il quale si interroga sui risultati delle sue battaglie in fabbrica con nuovi e vecchi operai.

 

Nonostante i presupposti tragici, il film è pervaso da un'ironia di fondo molto affine al personaggio Valerio Mastandrea e a molte delle sue interpretazioni, la comicità spontanea di quasi tutti i personaggi di Nettuno - paesino di mare fuori Roma - è tagliente e costante, ma non per questo risulta sguaiata o inappropriata. Questa caratteristica non copre soltanto la linea narrativa di Bruno, più adatta a un taglio simile, ma anche le vicende di Cesare e di un ex-collega che ha avuto un ictus, o ancora quelle di Caterina e della truccatrice impersonata da Milena Vukotic.

 

 


 

La grande forza del film è la scrittura dei personaggi: in particolare Mastandrea è capace di farci empatizzare sin da subito con i familiari di Mauro senza mai mostrarci il defunto e riesce, poco alla volta, a costruirli con una profondità e tridimensionalità davvero mirabile. Contribuisce molto il fatto di aver ristretto gli eventi e gli altri personaggi al minimo, così da poterci lasciare per grandissima parte del tempo soli con Caterina, Cesare, oltre che con Bruno e il suo amico.

 

Come detto dallo stesso regista, il film inizialmente doveva coprire l'arco temporale di una settimana, ma questo tempo era troppo dilatato, sia per i mezzi, sia per la volontà stilistica alla base di questo prodotto. 

 

Nonostante la patina dolceamara data dal contrasto tra la tristezza per l'addio ad un proprio caro e l'ironia dei personaggi, il film si ritaglia lunghi spazi per un'analisi sociale sull'eredità di una generazione di lavoratori che hanno combattuto per tutta una vita e che oggi si trovano a guardare cosa hanno conquistato attraverso le loro guerre, interrogandosi se davvero sia cambiato qualcosa nonostante la loro abnegazione.

 

Caterina, spesso lasciata volutamente sola nella sua casa ormai vuota, è al centro del film e le vengono dedicate diverse scene in cui la regia di Mastandrea la esalta prendendosi più di un rischio attraverso sequenze musicali e movimenti di macchina tutt'altro che scontati.

 

L'interpretazione di Chiara Martegiani è promossa a pieni voti: il senso di tenerezza per un'amica che non sappiamo come aiutare, di tristezza per una donna in difficoltà e la rabbia per una madre lasciata sola in terra straniera (nessuno le sarà mai ostile, ma non è un caso che sia l'unico personaggio non di Nettuno) scaturiscono sin dal primo attimo e non ci abbandonano fino al pianto liberatorio.

 

Il film è segnato anche dalla presenza di Nicola, fratello di Mauro, che rende ancor più lampante la critica di Mastandrea a una società in cui o chini il capo e muori in fabbrica o ti ritrovi abbandonato dal mondo ed esiliato dai tuoi cari.

 

La rabbia dell'unico figlio rimasto verso il padre che ha spinto il fratello nel suo stesso inferno è dirompente e la sua esplosione, con conseguente minaccia di morte a Cesare, è uno dei momenti più profondamente drammatici del film, forse uno degli eccessi che non convincono completamente.

 

 



La bara vuota che, con gli operai, blocca l'ingresso della fabbrica in una delle ultime scene è simbolo della vena combattiva del sottotesto di questo film, che non vuole solo osservare una situazione ingiusta, ma vuole anche spingere a riflettere e a ribellarsi contro questo malcostume.

 

Dall'altra parte si ha invece la dimensione più prettamente familiare - sulla quale il film si chiuderà - con la giovane madre che finalmente piange, insieme al figlio, in un eccesso registico - quasi fantasy - di una pioggia nel bel mezzo di un salotto, espressione della vena semi-favolistica e intima di questo film.

 

Non mancano gli eccessi e le scelte azzardate, aspetti tipici delle opere prime, ma il film risulta comunque un esordio davvero interessante per un artista arrivato tardi alla regia e che, in questa nuova veste, potrà regalare ancora tante opere meritevoli al mondo del cinema.

 

Se vi interessa guardare Ride in sala, ecco i cinema che lo proietteranno:

 

ABRUZZO

Massimo - Pescara

Arca - Spoltore

Ciakcity - Lanciano

Movieplex - L'Aquila

 

BASILICATA

Multicinema Ranieri - Tito

 

CALABRIA

Aurora - Reggio Calabria

Supercinema - Catanzaro

San Nicola - Cosenza

 

CAMPANIA

Filangieri - Napoli

America - Napoli

Duel - Caserta

Supercinema - Castellammare

Movieplex - Mercogliano

Savoia - Nola

Teatro - Salerno

Torre Village - Torrecuso

 

EMILIA ROMAGNA

Arlecchino - Bologna

Sarti - Faenza

Apollo - Ferrara

Saffi Multisala - Forlì

Pedagna - Imola

Astra Multisala - Modena

Cinemacity - Ravenna

Jolly - Reggio Emilia

Settebello - Rimini

 

FRIULI VENEZIA GIULIA

Cinema Zero - Pordenone

Giotto - Trieste

Visionario - Udine

 

LAZIO

Adriano - Roma

Quattro Fontane - Roma

Admiral - Roma

Eurcine - Roma

Greenwich - Roma

Andromeda - Roma

Alhambra - Roma

The Space Cinema Parco de' Medici - Roma

UCI Cinemas Porta di Roma - Roma

UCI Cinemas Parco Leonardo - Fiumicino

Del Mare Multisala - Formia

Politeama - Frascati

Oxer - Latina

Cineland - Ostia

Cinetuscia - Vitorchiano

 

LIGURIA

Ariston - Genova

Teatro Ariston - Sanremo

Multisala Moderno - Sarzana

Diana - Savona

 

LOMBARDIA

Anteo - Milano

Eliseo - Milano

UCI Cinemas Bicocca - Milano

Arcadia - Bellinzago

Multisala Studio Capitol - Bergamo

Sociale - Brescia

Cinema Moretto - Brescia

Spaziocinema - Cremona

Garden - Gavirate

Multisala Cinema Moderno - Lodi

 

MARCHE

Goldoni - Ancona

Odeon - Ascoli

Politeama - Fano

Multiplex 2000 - Macerata

Solaris - Pesaro

 

PIEMONTE

Romano - Torino

Eliseo - Torino

Kristalli - Alessandria

Pastrone - Asti

Cinelandia - Borgo S.Dalmazzo

Vittoria - Bra

Cinelandia - Casale Monferrato

UCI Cinemas - Moncalieri

Italia - Vercelli

 

PUGLIA

Galleria - Bari

Ciaky - Bari

Cinemars - Andria

Multisala Opera - Barletta

Andromeda Maxicinema - Brindisi

Città del Cinema - Foggia

Massimo - Lecce

UCI Cinemas - Molfetta

 

SARDEGNA

Greenwich - Cagliari

Madison Cineworld - Iglesias

The Space Cinema - Quartucciu

 

SICILIA

Ariston - Catania

Gaudium - Palermo

Iris - Messina

 

TOSCANA

Principe - Firenze

Multisala Eden - Arezzo

Cinema Teatro 4 Mori - Livorno

Splendor - Massa

Imperiale - Montecatini

Cine 8 - Montevarchi

Lanteri - Pisa

Eden - Prato

 

TRENTINO ALTO ADIGE

Astra - Trento

Capitol - Bolzano

 

UMBRIA

The Space Cinema - Corciano

Supercinema - Foligno

Postmodernissimo - Perugia

Cityplex - Terni

 

VENETO

Porto Astra - Padova

The Space Cinema - Limena

IMG Cinemas Palazzo - Mestre

Edera - Treviso

Multisala Roma - Vicenza

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Articoli

Articoli

Articoli

Lascia un commento

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni