Caricamento...

Caricamento...

close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#Kineneumatica

I Love Radio Rock - La musica e i ricordi

'Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è da ritenersi puramente casuale. Ad eccezione del film. Quello è ispirato ad una storia realmente accaduta.'

 

Visualizzate sei ventenni in vacanza a Praga.

Immaginateveli spiaccicati su lettone matrimoniale, divano e tappeto, dopo aver trangugiato qualche pilsner di troppo e qualche… “sandwich”, per citare Ted Mosby.

Il più lungimirante di loro aveva previsto una situazione simile e si era portato appresso un hard disk pieno di film.

 

Sarà la loro passione per il rock, sarà lo spirito ribelle della storia o forse la facilità nell’immedesimarsi nei personaggi, comunque sia, il film della loro vacanza sarà I Love Radio Rock.

 

 

 

 

Scritto e diretto da Richard Curtis, I Love Radio Rock inizia introducendo Carl (Tom Sturridge), un ragazzo appena espulso da scuola per uso di sostanze improprie e mandato dalla madre sulla nave/radio pirata di Quentin (Bill Nighy), il suo padrino, come “misura correttiva”.

Ci troviamo però in uno di quei casi in cui probabilmente la cornice è più importante del quadro stesso.

Infatti, la storia di Carl e le altre sottotrame sviluppate durante le due ore di film sembrano costruite appositamente per esaltare il racconto di una rivoluzione culturale (quella degli swinging sixties) avvenuta anche grazie all’impulso propellente della musica pop e rock.

 

Le vicende del’equipaggio adempiono appieno alla funzione di appassionare il pubblico, mentre il gruppo di bucanieri delle onde medie porta avanti la sua battaglia contro il governo e i suoi funzionari (capitanati da un volutamente e magistralmente irritante Kenneth Branagh), intenzionati a fare chiudere la radio pirata.

 

 

 

 

Ma veniamo a quella che, almeno personalmente, ritengo la vera protagonista della storia: la musica!

La musica e la sua trasmissione in radio sono infatti il “deus ex machina” della storia, ma non si limitano a questo.

 

Le canzoni vengono spesso utilizzate per enfatizzare le emozioni dei nostri pirati radiofonici, come con le splendide “So long, Marianne” di Leonard Cohen“Stay with me baby” di Lorraine Ellison, ma anche per presentarci alcuni personaggi, come con “Elenore” dei Turtles per accompagnare la salita a bordo della futura moglie del dj Simon (Chris O’Dowd).

 

Questi sopracitati e tutti gli altri meravigliosi pezzi utilizzati da Curtis mi hanno donato emozioni contrastanti ricordandomi al contempo come la musica sia una parte fondamentale del nostro passaggio su questo pianeta.

È la compagna ideale per chi deve stare a lungo da solo, è la catalizzatrice delle energie positive di chi festeggia, ci regala conforto nei momenti più bui.

 

Ogni momento importante della vita di ognuno di noi, così come per i protagonisti del film, è stato, è, e sarà accompagnato da una canzone, ed essa rimarrà indissolubilmente incollata a quel ricordo rendendolo più potente e più prezioso.

 

 

 

 

Però il rock non è solo emozione. Il rock è anche forza primigenia e iconoclasta, distruttiva e creatrice, una forza irrazionale capace di essere il cerino che accende il lago di benzina nascosto nel sottosuolo.

In questo senso i personaggi del Conte e di Gavin (i divertentissimi Philip Seymour Hoffman e Rhys Ifans) sono i perfetti interpreti del ruolo di agitatori contro le regole di un sistema antico.

Le scene del “vaffa” pronunciato dal Conte e della prima trasmissione radio di Gavin, accompagnate dalle reazioni dei giovani ascoltatori britannici, racchiudono al loro interno tutto lo spirito riottoso del rock’n’roll.

L’altra grande rivoluzione culturale mostrata dal film e raccontata dai testi dei cantanti rock è, senza dubbio, quella sessuale.

Tutta la pellicola è permeata dalle vibrazioni e dallo spirito libertino di quegli anni, esplicitato alla massima potenza da Midnight Mark (Tom Wisdom) “il più sexy animale del pianeta”, il dj protagonista di una simpatica scena-tributo alla copertina di Electric Ladyland di Jimi Hendrix, in cui lo vediamo circondato da un gruppo di ragazze… come mamma le ha fatte.

 

Ora, mi rendo di come questa non sia una recensione, e mi rendo anche conto di essere emotivamente attaccato a questo film, forse oltre i suoi meriti, principalmente per i bei ricordi legati ad esso.

Perché le canzoni della colonna sonora hanno girato per anni, e continuano imperterrite, nella playlist del mio lettore mp3.

Perché pochi giorni dopo averlo visto ci siamo resi protagonisti di un rifacimento della scena del pub crawling, con la stessa minuziosità dei poveri impiegati del Secondo Tragico Fantozzi alle prese con la Corazzata Kotiomkin.

E per tanti altri motivi con i quali non vi annoierò...

 

 

 

 

Proprio per questo mi sento di proporvelo. Perché se avete vent’anni non potrete non amarlo, e anche se non avete più vent’anni e il vostro “spirto guerrier”, invece di ruggire, miagola, vale sempre la pena risvegliare il ragazzino dentro voi, di tanto in tanto.

Perché se siete amanti della buona musica le due ore del film saranno passate prima che ve ne possiate accorgere.

Perché insieme alle scene tristi e commoventi, è pieno zeppo di momenti comici e battute esilaranti.

Perché la natura leggermente macchiettistica dei personaggi è funzionale alla storia e ci permette di rivedere in ognuno di loro un pezzetto di noi stessi.

Per queste ragioni, guardatelo e amate anche voi Radio Rock.

 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Lascia un commento

7 commenti

Martina Cellanetti

21 giorni fa

Nota di merito a Richard Curtis che ha diretto 3 film uno più bello dell'altro: Love Actually ormai è un classico, una commedia che non mi stanco mai di rivedere; il sopracitato I Love Radio Rock, esilarante e pieno di bella musica; e il più recente, About Time, mi ha commossa, una storia fantasy semplice e carina di cui non bisogna giudicare troppo severamente la logica dei viaggi nel tempo.

Rispondi

Segnala

Yorgos Papanicolaou

18 giorni fa

Martina Cellanetti
Grazie delle info sugli altri due film che non conoscevo minimamente 😎

Rispondi

Segnala

Martina Cellanetti

17 giorni fa

Yorgos Papanicolaou
Spero ti piacciano e aspetto altre "recensioni" di questo tipo, mi hai fatto venire voglia di rivederlo!

Rispondi

Segnala

ThePoleMan

21 giorni fa

Non so se possa essere un film che mi fa dire “cazzo che bel lavoro hanno fatto” o “cazzo che cagata tremenda ne è uscita”. Sono indeciso; forse è interessante, forse no. Forse è bella la trama, o forse è bello solo il fatto che si rivedere Hoffman. Fatto sta che dovrò solo vederlo per prendere una decisione e per avere un’idea.

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

21 giorni fa

ThePoleMan
Fidati di Yorgos (e se vuoi del sottoscritto): vale la pena. E' un gran bel film, con una colonna sonora strepitosa.

Rispondi

Segnala

ThePoleMan

19 giorni fa

Adriano Meis
Allora mi fido di te e cercherò di vederlo. Appena finito ti dirò

Rispondi

Segnala

Yorgos Papanicolaou

18 giorni fa

ThePoleMan
Fidati di lui che ne sa sicuramente più di me 😉 Per me è un bel film che rivedrei volentieri ma perché va a colpire proprio nei punti giusti, e penso che questo traspaia dalla rece/consiglio, però non rimmarrei scandalizzato se a qualcun altro non colpisse minimamente

Rispondi

Segnala