close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#news

Dopo il Matrimonio, di Bart Freundlich - Dal 27 febbraio al cinema

Il 27 febbraio uscirà nelle nostre sale Dopo il Matrimonio, film di Bart Freundlich con Julianne Moore e Michelle Williams, remake hollywoodiano del film omonimo di Susanne Bier del 2006 con Mads Mikkelsen.

 

 

Come sotto la spinta di una forza ineluttabile, Isabel (Michelle Williams), direttrice di un orfanotrofio in un bassofondo di Calcutta, ha dedicato la vita ad aiutare i bambini indigenti.

 

È anche diventata una sorta di madre sostitutiva per un vulnerabile ragazzino di sette anni, Jai (Vir Pachisia): i due hanno un legame così profondo da essere quasi inseparabili.

Nonostante Isabel abbia passato anni a lavorare con la collega Preena (Anjula Bedi) per racimolare donazioni, l'orfanotrofio rischia la bancarotta.

 

Proprio quando la situazione sta per precipitare, Preena riceve una lettera da una potenziale finanziatrice facoltosa che esige che Isabel vada a New York a presentarle il progetto di persona.

All'inizio Isabel tentenna di fronte alla richiesta della filantropa che non offre garanzie, ma poi si lascia convincere da Preena e torna nella città dove non metteva volutamente piede da più di vent'anni.

 

Una volta a New York, Isabel si trova disorientata tanto dallo sfarzoso hotel che le hanno prenotato, quanto dall'incontro con la potenziale benefattrice, Theresa Young (Julianne Moore), una magnate dei media multimilionaria.

Fra lo scintillante grattacielo da cui la businesswoman dirige i proficui affari e la splendida tenuta sulla Oyster Bay dove vive felice con il marito artista, Oscar Carlson (Billy Crudup), la figlia ventunenne, Grace (Abby Quinn), e i gemelli di otto anni Theo e Otto, la vita di Theresa sembra assolutamente perfetta.

 

Ma anche se le loro esistenze in apparenza sono agli antipodi, Isabel e Theresa sono due donne con una forza enorme e hanno più cose in comune di quanto non credano.

 

Mentre Isabel pensa di tornare presto all'orfanotrofio, dal suo amatissimo Jai, Theresa ha altri piani. 

 

 

 

Con la calma sommessa e l'intensità di Gente comune e Voglia di tenerezza, Dopo il Matrimonio celebra il complesso potere di trasformazione dei legami umani più primordiali e la perpetua espansione del concetto di famiglia.

 

Nel cast di Dopo il Matrimonio, basato sul film di Susanne Bier candidato agli Oscar, troviamo il premio Oscar Julianne Moore (Sotto sequestro, Gloria Bell), la candidata agli Oscar Michelle Williams (Venom, Come ti divento bella!), Billy Crudup (Che fine ha fatto Bernadette?, Watchmen), Abby Quinn (Black Mirror, Good Girls Get High) e Alex Esola (Orange is the New Black, The Young Pope).  

 

Il film, presentato da Ingenious Media, Rock Island Films e Riverstone Pictures, è scritto e diretto da Bart Freundlich (Wolves - Il campione, The Rebound - Ricomincio dall'amore) e prodotto da Joel Michaels (Terminator Salvation, Basic Instinct 2, Lolita) e Harry Finkel (Finding Steve McQueen, Trading Paint). 

 

 

 

 

Quando Joel B. Michaels ha visto Dopo il Matrimonio, film della regista danese Susanne Bier candidato agli Oscar, è rimasto folgorato dall'intenso dramma umano della storia.

 

"Quello che mi ha colpito del film", ricorda il produttore,

"è che affrontava zone grigie dell'esistenza e l'idea che il confine morale tra giusto e sbagliato possa essere labile.

In quanto umani, siamo quasi tutti colpevoli di manipolazioni di piccola o grande portata: tuttavia, anche con le migliori intenzioni, piegare la realtà in funzione della storia personale che ci vogliamo costruire causa spesso enormi danni."

 

Michaels ha lottato strenuamente per ottenere i diritti del film dalla casa di produzione danese; dopo una lunga battaglia contro altre case cinematografiche, li ha finalmente acquisiti a metà del 2007.

 

Ha fatto scrivere un primo adattamento della sceneggiatura e ha passato anni a cercare il regista giusto.

Nel 2016 un amico gli ha suggerito di contattare Bart Freundlich. 

 

Michaels sapeva che Freundlich era abilissimo a dirigere storie con scenari emotivi intricati e aveva una meritata fama da regista in grado di assecondare le esigenze degli attori.

 

"Bart ha capito immediatamente l'obiettivo del film e mi ha descritto la storia nei termini in cui l'avevo sempre immaginata io", racconta Michaels.

"Abbiamo avuto diverse conversazioni da cui mi è risultato chiaro che aveva colto perfettamente la psiche e la psicologia di tutti i personaggi."

 

Freundlich apprezzava molto lo stile della Bier ma non aveva ancora visto Dopo il Matrimonio.

 

 



Ha trovato molto efficace lo sviluppo approfondito dei personaggi e il modo estremamente moderno in cui si dipana il dramma.

 

"È una cosa che succede anche nel mondo reale", spiega.

"Una storia che riconosciamo tutti, credo. Volevo esplorare più a fondo gli argomenti da cui sono rimasto più affascinato, ovvero la fragilità umana e la gioia derivante dai legami che costruiamo con gli altri nel corso della vita.

In fondo stiamo tutti facendo lo stesso viaggio, ma non abbiamo il controllo totale su dove ci porterà."

 

Freundlich e Michaels hanno anche definito un aspetto cruciale della storia.

 

Il film della Bier aveva due uomini come protagonisti, ma secondo Michaels il remake avrebbe funzionato molto meglio con due donne nei ruoli principali.

Freundlich ci ha riflettuto un attimo e poi si è dichiarato d'accordo con Michaels sul fatto che quel cambiamento avrebbe reso la storia più attuale, per via della persistente scarsità di ruoli femminili forti e sfaccettati e del clima sulle dinamiche di potere e di genere che si respira attualmente in America.

 

Freundlich si è messo al lavoro per adattare la sceneggiatura.

"La storia originale era diversa da tutto quello a cui avevo lavorato prima", commenta il regista.

"Aveva molti livelli di lettura e una profusione di personaggi diversi e tridimensionali.

Era un'ottima opportunità per raccontare cosa significa per queste donne dover prendere delle decisioni di una portata così grande e doverne poi affrontare le numerose conseguenze."

 

Julianne Moore aveva adorato il film della Bier.

 

Quando Freundlich, suo marito, ha cominciato ad adattare la storia, l'attrice ha pensato che il ruolo di Theresa costituisse una sfida interessante. 

 

 

 

 

Mentre Freundlich sistemava la sceneggiatura, la Moore gli ha dato consigli preziosi, fra cui suggerimenti sui personaggi e sui loro legami.

 

"Adoro le storie sulle famiglie e i film sui legami", spiega, "perché è di questo che è fatta la nostra vita.

Credo che tutti noi abbiamo una qualche esperienza di quel mondo e io sono interessata soprattutto alle storie personali."

 

Quando Freundlich ha completato la sceneggiatura, la Moore ha deciso di interpretare Theresa.

 

"Il casting non è mai un processo facile", sottolinea Michaels, "ma avere Julie a bordo ha reso molto più facile trovare gli altri attori.

Lei e Bart sono stati fondamentali per scritturare Michelle Williams e Billy Crudup."

 

Per Freundlich il casting è uno degli aspetti più piacevoli della realizzazione di un film e quello di Dopo il matrimonio è stato particolarmente speciale: è la prima volta che è riuscito a scritturare proprio gli attori che aveva in mente quando scriveva la sceneggiatura.

Da tempo apprezzava l'arte e la profondità di interpretazione di Michelle Williams; inoltre aveva già diretto due film con Crudup, di cui è anche amico stretto.

 

Michelle Williams è stata subito attratta dagli alti e bassi emotivi della storia.

"Cerco sempre di fare cose che non ho ancora fatto e che non so ancora bene come gestire", spiega l'attrice.

"È stato emozionante mettermi alla prova per interpretare Isabel, e anche il fatto che quel processo di crescita sia stato un po' doloroso, perché mi sono ritrovata in situazioni nuove di volta in volta."

 

La Williams ha poi trovato talmente commovente la profonda fedeltà di Isabel ai bambini dell'orfanotrofio che ha detto al produttore Harry Finkel che sarebbe stata disponibile a lavorare in un'istituzione del genere per un po' di tempo prima delle riprese. 

 

 

 

 

Il concetto di cosa rende un uomo un "buon" padre gravava sulle spalle di Crudup, che ha discusso spesso con Freundlich dei rispettivi ruoli come genitori.

 

Entrambi si ritrovavano nei temi del film: ciò che un genitore desidera lasciare ai figli, il modo in cui vuole proteggerli e gli sbagli che ogni tanto gli capita di fare nei loro confronti.

 

Crudup ha dichiarato che durante le riprese gli è venuto naturale esplorare a livello creativo quelle che prima erano state interazioni personali tra amici.

"È sempre incredibilmente gratificante lavorare per Bart", racconta Crudup.

"Capisce in modo intuitivo che spesso le cose più monumentali si verificano su scala ridotta.

Praticamente tutte le nostre conversazioni sul personaggio di Oscar riguardavano il fatto che dovevo mostrare in modo meno evidente il suo tormento interiore.

 

Se l'ho fatto nel modo giusto è stato in larga parte perché Bart sapeva perfettamente come gestire il percorso di Oscar."

 

 



Fin dall'inizio la Moore ha caldeggiato la scelta di Abby Quinn per il ruolo di Grace.

 

"È meravigliosa", commenta la Moore con entusiasmo.

"E dato che ero coinvolta nel film per via di mio marito, ho visto tutti i provini. Sono rimasta subito colpita da Abby.

Recitava in modo perfettamente naturale, aperto e splendido da guardare.

Ricordo di aver pensato: 'Oh, per favore, fa che prendano lei.'"

 

Dato che la tabella di marcia era strettissima e c'era poco tempo per le prove prima delle riprese, la Quinn temeva di non riuscire a interpretare efficacemente Grace nel contesto degli stretti legami familiari del personaggio, ma le sue paure si sono dissipate in fretta.

"Appena ho conosciuto Julie e Bart, ho capito che sarebbe andato tutto bene", dice la Quinn, ridendo.

"Sono stata a casa loro per diverse ore. Abbiamo parlato dei loro figli e di dove sono cresciuti.

Anche solo stare lì con loro a parlare della loro vita mi ha permesso di creare un legame con Julie e capire cosa voleva Bart dal mio personaggio, ancora prima di trovarmi davanti alla cinepresa."

 

 



"Ho scoperto che Billy Crudup, Michelle Williams, Julianne Moore e Abby Quinn sono attori che amano esplorare conflitti e contraddizioni", aggiunge Freundlich.

 

"Erano 'felici' che il film andasse in profondità, cercando sempre un livello successivo di esplorazione di ciò che poteva succedere.

Gli attori si sono impegnati per mettere in luce i dettagli che mostravano in che proporzione il comportamento dei personaggi era conscio oppure inconscio."

 

Dopo il Matrimonio è distribuito in Italia da Lucky Red e sarà nei cinema a partire dal 27 febbraio. 

Dopo il Matrimonio Dopo il Matrimonio Dopo il Matrimonio Dopo il Matrimonio Dopo il Matrimonio Dopo il Matrimonio

Dopo il Matrimonio Dopo il Matrimonio Dopo il Matrimonio

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

news

news

news

Lascia un commento



2 commenti

Gabriele Rovello

1 mese fa

Non so perché ma non mi attira particolarmente...

Rispondi

Segnala

Mattia Pellegrino

1 mese fa

Quello del 2006 mi è piaciuto

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni