close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#articoli

Centralia: la vera Silent Hill

Silent Hill è un famoso videogioco della Konami nato nel 1999 che ha dato vita a ben 8 seguiti e 5 spin-off. 
Nel 2006 venne fatto l'adattamento cinematografico con la regia di Christophe Gans: sorvolando sulla qualità del film, che si inserisce nel filone dei "film tratti da un videogioco che non sono venuti benissimo ovvero praticamente tutti", c'è una storia interessante alla base delle atmosfere lattiginose ed inquietanti viste sullo schermo. 

 

 



Lo sceneggiatore Roger Avary (uno che mise le mani anche sugli script dei tarantiniani Una Vita al Massimo e Pulp Fiction) dichiarò di essersi ispirato a una vera città fantasma: Centralia, in Pennsylvania, USA. 

La storia di Centralia meriterebbe di essere raccontata da sola in un film dedicato, perché ha tutti i crismi di un horror moderno. 
La zona fu comprata ai nativi americani a metà del XVIII secolo, ma fu solo un centinaio di anni più tardi che qualcuno si accorse dell'immensa ricchezza nascosta sotto terra: carbone, tanto, tantissimo carbone e antracite.
Nel 1856 furono aperte le prime due miniere per l'estrazione del minerale e la città divenne florida e popolata per un secolo... poi, nel 1962, il dramma. 

 

 



I vigili del fuoco di Centralia erano soliti bruciare la spazzatura della città in maniera controllata in ampie zone sottoterra, ma un giorno qualcosa non andò come doveva andare. 
Il giacimento sotterraneo di carbone prese fuoco e diede vita ad un incendio sotterraneo che non accennava a spegnersi. 

Nutrendosi del carbone e dell'ossigeno che viaggiava attraverso le aperture della miniera in superficie, il fuoco imperversava senza più alcun controllo: per i successivi 16 anni i vigili del fuoco e gli abitanti tentarono di soffocare l'incendio che avevano sotto i piedi, ma ogni tentativo era fallimentare. 

 

 



L'incendio cominciò a propagarsi lungo tutto il sistema minerario sotto la città e quando dalle fessure nel terreno cominciarono a uscire il monossido di carbonio, il biossido di zolfo e il metano non furono pochi i malori e gli svenimenti, portando gli abitanti ad allontanarsi dalla zona.

Nel 1979 il pericolo e l'impossibilità di tornare indietro furono ancora più chiari quando i già pochi abitanti rimasti iniziarono a registrare temperature di oltre 80° C sull'asfalto. 

 

Nel 1981 un'apertura nel cemento si aprì improvvisamente inghiottendo il dodicenne Todd Domboski, che fu tratto in salvo quasi per miracolo dal cugino quattordicenne che si trovava con lui e che gli evitò di finire in una voragine larga un metro e mezzo e profonda ben 46 metri
L'incendio sotterraneo si era ormai allargato fino a coprire un'area vasta oltre un chilometro e mezzo quadrato

 

 



Tre anni più tardi il governo degli Stati Uniti stanziò 42 milioni di dollari per aiutare gli abitanti a ricollocarsi altrove: molti accettarono l'offerta e abbandonarono le loro case stabilendosi nelle contee vicine, ma non tutti: dai circa 2000 abitanti Centralia scese fino ad arrivare agli attuali... 7. 

Già, perché Centralia è oggi una città fantasma abitata solo da 7 irriducibili persone che rischiano la salute. 

Questo nonostante i ripetuti avvisi della Protezione Civile e i vari tantativi da parte dello Stato della Pennsylvania di mandarli via: nel 1992 l'allora governatore Bob Casey emanò una delibera che di fatto espropriava le residenze della città mettendole nelle mani dello Stato e nel 2002 il servizio postale degli Stati Uniti revocò il codice di Centralia, il 17927, rendendolo inattivo. 
Ancora nel 2009 il governatore Ed Rendell iniziò lo sfratto esecutivo degli abitanti di Centralia, ma quei 7 stanno ancora lì. 

 

 



Negli ultimi anni l'incendio sotterraneo si è esteso al punto di arrivare sotto Byrnesville, la città vicina, e rendere disabitata anche quella: oggi sono pochissime le case rimaste in piedi a Centralia, gi edifici abbandonati furono demoliti per motivi di sicurezza dalla Columbia County Redevelopment Authority oppure... sono crollati per il calore sotterraneo, le intemperie e la generale mancanza di manutenzione.

 

 



Con soli 7 abitanti e 3 cimiteri Centralia ha il sinistro primato di avere più cittadini morti che vivi, e le strade che la attraversano sono state nel tempo prese d'assalto dal cosiddetto "Dark Tourism" - un tipo di turismo che si prefigge di visitare le zone pericolose ed inquietanti del pianeta - e da graffittari di ogni tipo che negli utimi dieci anni hanno creato la "Graffiti Highway": circa un chilometro e mezzo di Route 61 completamente ricoperta da disegni colorati e scritte... non propriamente di benvenuto. 

Il tutto ovviamente nella desolazione più totale.

 

 



Se doveste capitare in zona vi accorgerete che non sono molti i cartelli che indicano la zona di pericolo, come se la storia di Centralia fosse già nota e non ci fosse bisogno di avvertire nessuno: oltre a dei piccoli segnali istituzionali di avvertimento all'entrata della città, il cartello più famoso si trova su un albero secolare e reca sempicemente la scritta "Fire", con una freccia che indica la direzione del fuoco. 
Carina. 

 

 

 

 



Gli esperti si dividono sulle previsioni: c'è chi dice che l'incendio andrà avanti per i prossimi 250 anni, c'è chi dice che invece non smetterà mai.
Nella zona i cellulari non prendono, non esiste ovviamente nessun tipo di connessione internet, il codice di avviamento postale è stato annullato e si respira zolfo e monossido di carbonio. 


Forse non incontrerete Pyramid Head e delle strane infermiere che camminano sbilenche, ma se proprio volete andare a vedere con i vostri occhi la "vera" Silent Hill vi consiglio di non passarci la notte.

 

 



 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

News

Articoli

LeParoledelCinema

Lascia un commento



56 commenti

Arianna

1 anno fa

Storia molto interessante, davvero potrebbe essere un film! Mi chiedo cosa abbiano in testa quei 7 che non se ne vanno...

Rispondi

Segnala

Luca Ernandes

1 anno fa

Nuova destinazione per cinefacts on location ahahah

Rispondi

Segnala

Nicolò Murru

1 anno fa

Interessantissimo come articolo. Fa impressione che ci siano più morti che abitanti comunque.

Rispondi

Segnala

Valeria Olindo

1 anno fa

Il prossimo anno "GRUPPO VACANZE CINEFACTS", andiamo tutti a Centralia!😂

Rispondi

Segnala

Melancholia

1 anno fa

Chissà cosa spinga quei 7 a voler rimanerci con così tanta covinzione.
Questa storia mi intriga un sacco!

Rispondi

Segnala

Maria Angelillis

1 anno fa

In realtà mi hanno detto che dal vivo, se non sai tutte le storie annesse, non è poi così inquietante come ci si immaginerebbe una città fantasma dovrebbe essere

Rispondi

Segnala

Mells324B21

1 anno fa

Affascinante e inquietante. 🔝

Rispondi

Segnala

Marco Sangiorgio

1 anno fa

Centralia, al centro della sfiga direi...

Rispondi

Segnala

Joe Riga

1 anno fa

Che cosa inquietante😱

Rispondi

Segnala

Dav 9000

1 anno fa

Centralia is the old Terra dei Fuochi.

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni