close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#top8

8 cose che non sai su Jake Gyllenhaal

Credo sia difficilmente contestabile affermare che Jake Gyllenhaal sia uno degli attori del momento, così come affermare che sia uno degli attori più amati dal pubblico femminile dei giorni nostri. 

 

Fin dagli esordi Jake Gyllenhaal ha dimostrato di poter interpretare un ampio ventaglio di personaggi e di trovarsi a suo agio sia nei ruoli sottotono che in quelli muscolari.

 

Ha lavorato con registi importanti quali David Fincher, Denis Villeneuve, Ang Lee ed è stato presente sul set di molti esordi registici, ultimo in ordine cronologico Wildlife, il film di Paul Dano che ha vinto come Miglior Film al Festival di Torino 2018.

 

Ha iniziato a soli 9 anni in Scappo dalla Città - La vita, l'amore, le vacche nei panni del figlio di Billy Crystal e pare che adesso sia uno degli annunciati prossimi vincitori dell'Oscar, basta solo trovargli il ruolo della vita... nonostante i film che ha girato negli ultimi anni siano tutti meritevoli di attenzione. 

Ecco una carrellata di cinefacts che riguardano Jake Gyllenhaal: qual è il vostro preferito? 



Posizione 8

 


I Segreti di Brokeback Mountain (Ang Lee, 2005)

 

Nel film vincitore di tre Oscar Jake e Heath hanno una chimica invidiabile: fu lo stesso Gyllenhaal a raccontare che spesso la foga di Ledger lo costringeva a trattenere delle smorfie di dolore 

 

"Heath mi ha quasi rotto il naso, mi prendeva, mi sbatteva contro un muro e mi baciava...

Allora io lo prendevo, lo sbattevo contro un muro e lo baciavo! 
E lo facevamo per parecchi ciak: abbiamo anche avuto delle scene di lotta nel film, ma lì non mi sono mai fatto male come invece mi son fatto nelle scene d'amore!" 

Credo di non andare errato nel pensare che a leggere queste righe molti di voi hanno avuto un mancamento. 

Per questo film Jake Gyllenhaal ricevette la sua prima (e ad oggi unica) nomination agli Oscar e vinse un BAFTA come Miglior Attore non Protagonista: con queste e tante altre nomination I Segreti di BrokeBack Mountain è il film che lo ha definitivamente lanciato nel cinema che conta. 

 

Posizione 7



Il Signore degli Anelli (Peter Jackson, 2001/2003)  

 

Ma non sempre le cose sono andate come dovevano andare, per Jake!

L'attore ha raccontato che fu tremendo: non sapeva nulla in merito, inizialmente non c'erano battute da recitare ma solo qualche indicazione di movimento e un forziere da aprire con dentro un anello... 

Lui lo prese con nonchalance e chiese "Va bene così?" 

 

Peter Jackson si mise una mano in volto.
Evidentemente non andava bene.

 

Quando poi dovette recitare delle battute scoprì che avrebbe dovuto farlo con un accento britannico, che lui non aveva preparato, al che il registone neozelandese gli chiese 

"Nessuno ti ha avvisato dell'accento?" 

E alla risposta negativa di Gyllenhaal Jackson lo apostrofò così: 

"Beh, allora licenzia i tuoi agenti!"  

 

Tutto ciò avvenne prima di Donnie Darko: chissà che carriere diverse avrebbero avuto lui e Elijah Wood

 

Posizione 6



Donnie Darko (Richard Kelly, 2001)

 

Ecco, appunto: Donnie Darko.

Il film che lo ha reso famoso, il film su cui ognuno ha una propria teoria, il film che la prima volta che lo vedi... devi rivederlo una seconda volta. 

Se anche voi non avete ancora ben chiaro di cosa parli e di quale sia il suo significato, non preoccupatevi: al Wrap Party del film, ovvero la festa che si tiene una volta concluse le riprese, una giornalista avvicinò Jake Gyllenhaal e Seth Rogen per chiedere loro di cosa trattasse Donnie Darko

I due giovani attori risposero tranquillamente che non ne avevano la più pallida idea! 

E voi che idea avete del film? 

 

 

Posizione 5



Lo Sciacallo - Nightcrawler (Dan Gilroy, 2014)

 

Senza dubbio una delle prove più impressionanti di Jake Gyllenhaal finora: il suo Lou Bloom è un personaggio difficile da dimenticare, con quel suo cinismo, quella gelida lucidità volta all'ambizione più sfrenata e senza scrupoli.

 

L'attore qui dimostra di essere in grado di trasformarsi e di togliersi di dosso i panni del bel ragazzone, sceglie di non sbattere mai le palpebre in scena e di dormire poco. 
Il risultato è sotto gli occhi di chiunque guardi il film.

 

Certo, il Wonka-Bale nella foto se la ride come al solito, ma sappiamo tutti che certi livelli li raggiunge solo lui. 

 

Posizione 4



Source Code (Duncan Jones, 2011) 

 

Dopo il folgorante esordio con Moon, il secondo film di Duncan Jones - uno che non vuole che si dica che è il figlio di David Bowie - è un thriller fantascientifico.  

 

Il personaggio di Jake Gyllenhaal è costretto a rivivere un'azione drammatica per capire chi l'ha causata, e nonostante nel 2011 il ragazzo avesse ormai già ampiamente dimostrato le sue capacità, Jones decise di usare un trucchetto. 

 

Tramite un auricolare radio mandava completamente random e senza nessun preavviso della musica o del rumore improvviso nell'orecchio di Gyllenhaal! 

Capite bene che la cosa non è il massimo per mantenere la concentrazione, ma quello era proprio l'effetto voluto dal regista: l'attore doveva risultare disorientato, spaesato e confuso... e il risultato è stato ottenuto sicuramente. 

Ma anche perché Gyllenhaal è bravo, dai, con o senza auricolare! 

 

 

Posizione 3



Enemy + Prisoners (Denis Villeneuve, 2013)

 

I due film di Denis Villeneuve con Jake Gyllenhaal sono stati girati a breve distanza uno dall'altro. 

 

Due ruoli diversissimi per l'attore: in uno recita quasi sempre sotto le righe, dimesso, disorientato, stranito da ciò che gli succede senza sapere realmente se sia reale o meno - e la stessa cosa accade allo spettatore - nell'altro invece è un carismatico e deciso agente sulle tracce di un rapitore di bambini, con un taglio di capelli... particolare, tatuaggi sulle mani e una serie di atteggiamenti che rendono il personaggio molto più profondo di ciò che dimostra. 

 

Il regista canadese dichiarò che si trovò talmente bene a lavorare con Jake su Enemy che quando gli capitò la sceneggiatura di Prisoners pensò subito a lui e non gli fece neanche il provino: una volta assicuratosi che l'attore fosse disponibile comunicò alla produzione che il ruolo era coperto. 

E Gyllenhaal lo ripagò con una interpretazione eccezionale. 

 

Posizione 2



Prisoners + Zodiac (Denis Villeneuve + David Fincher, 2013/2007)

 

Ho appena parlato dei tatuaggi del Detective Loki di Prisoners, e guardando bene c'è qualcosa che a me sa tanto di riferimento. 

Secondo voi è un caso oppure un'idea dei truccatori per omaggiare uno dei film più importanti di Gyllenhaal

 

D'altronde sulle mani si può tatuare di tutto, quindi come mai proprio i segni dello zodiaco? 

 

Non ho trovato risposta alla domanda, ma a questo punto mi piacerebbe sapere cosa ne pensate voi!  

 

 

Posizione 1

 

 

 Zodiac (David Fincher, 2007)

 

E parlando di Zodiac e delle mani di Jake Gyllenhaal, in prima posizione non poteva chche esserci questo cinefact. 

Il regista non era convinto delle mani di Jake, ritenute molto curate, "poco pelose e troppo carine", quindi scelse di utilizzare la CGI per raggiungere l'effetto desidersto.

 

In tutte le scene in cui ci sono dei particolari sulle mani, ad esempio quando Robert Graysmith apre le lettere, fece aggiungere dei peli. 

Siamo abituati a un cinema hollywoodiano che utilizza le immagini digitali per creare i fondali, gli oggetti, addirittura per creare dei personaggi dal nulla o per ringiovanire degli attori. 

 

Ma credo che la CGI usata per aggiungere i peli sulle mani sia una cosa che possono vantare solo David Fincher e Jake Gyllenhaal !

 

 



Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Goodnight&Goodluck

LeParoledelCinema

Articoli

Lascia un commento

11 commenti

Elena Mercuri

7 mesi fa

mi piace da morire come attore, secondo me "lo sciacallo" è il film in cui si è più distinto, il cinefact sulle mani delicate mi fa morire 😂

Rispondi

Segnala

Manuel Perin

8 mesi fa

Zodiac, Enemy e Prisoners 😚

Rispondi

Segnala

Nicolò Murru

8 mesi fa

Uno dei miei attori preferiti. Grande Jake HILIENELO

Rispondi

Segnala

Gianluca Florio

9 mesi fa

Jake Gyllenhaal è un attore formidabile! L'ho conosciuto in The Day After Tomorrow e da lì non l'ho più mollato...ho visto ogni suo film ed in ognuno ha fatto capire che fa parte dei grandi di Hollywood e oltre😌 purtroppo fa parte anche lui di quegl'ottimi attori che non hanno ancora ricevuto un Oscar a coronare la propria carriera, già...

Rispondi

Segnala

BKiddo

10 mesi fa

Mi consola il fatto che nemmeno lui abbia capito Donnie Darko...

Rispondi

Segnala

I cineasti

10 mesi fa

Un attore fantastico, l'ho adorato in praticamente tutti i suoi ruoli, da "lo sciacallo" a Donnie Darko e per ultimo in "Animali notturni". Non che cambi molto, ma un oscar se lo meriterebbe

Rispondi

Segnala

Davide Rossi

10 mesi fa

Lascio un commento!

Rispondi

Segnala

Billizful

10 mesi fa

Lo adoro! E' bravissimo a mio parere e l'ho conosciuto in un film che probabilmente nessuno ricorda o che nessuno associerebbe a lui: The Day After Tomorrow. Non sapevo dei segni zodiacali sulle mani e del non-provino per Prisoners, il resto dei cinefacts li avevo già sentiti o visti da qualche parte... forse proprio da te, Teo😂

Rispondi

Segnala

Vi.

10 mesi fa

Billizful
Anche io! Adoro quel film, ero entrata proprio in loop e lo vedevo in continuazione 😍

Rispondi

Segnala

Peter from Space

10 mesi fa

È un attore che ho scoperto da poco e mi fa piacere imparare cose sul suo conto!

Rispondi

Segnala

Francesca Sica

10 mesi fa

Non ricordavo Seth Rogen in Donnie Darko 😧

Rispondi

Segnala

close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni