close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#CineFactsPodcast

Podcast 44 - Pinocchio, Judy, Frozen 2, Knives Out, Le Mans '66, Storia di un Matrimonio

Puntata da record: 4 persone ai microfoni e una valanga di recensioni tra cui ben due anteprime: Pinocchio di Matteo Garrone e Judy con una spettacolare Renée Zellweger; ma ci sono anche le recensioni di Cena con Delitto - Knives Out, L'Immortale, Storia di un Matrimonio, Le Mans '66 - La Grande Sfida e Frozen II - Il Segreto di Arendelle! 

 

 

L'autore e regista Paolo Cellammare modera con maestria una puntata monstre da quasi 180 minuti, in compagnia del Direttore Editoriale di CineFacts.it Teo Youssoufian, del caporedattore e curatore di Goodnight & Goodluck Adriano Meis e 'der trucido' Enrico Tribuzio, autore di alcune tra le recensioni più cattive che trovate qui sul sito. 

 

Tante anche le news, a partire dalle nomination dei Golden Globe fino alle ultime novità sul nuovo Mad Max, Matrix 4, John Wick 4 e Kill Bill 3 - sequel ne abbiamo? - e tanti anche i trailer: Ghostbusters Legacy, Wonder Woman 1984, Free Guy, I Due Papi, 6 Underground, VFW, Mulan... ora capite perché la puntata è gigantesca? 

Anche perché oltre a tutto ciò rispondiamo alle vostre domande dando il nostro parere sui film in bianco e nero più belli degli ultimi vent'anni e sui più bei "film sulla neve"! 

Senza dimenticare lo spazio The Best & The Mest, dove grazie alle vostre segnalazioni facciamo un applauso a una sala cinematografica che merita e tiriamo schiaffoni virtuali a una che invece dovrebbe migliorare le cose...

 

Vi ricordiamo inoltre che martedì 17 dicembre c/o il Cinema Citylife Anteo di Milano dalle 19:30 ci sarà la proiezione evento di Una Poltrona per Due: qui trovate tutte le informazioni in merito!

 

Come sempre, il podcast potete ascoltarlo qui sul sito oppure su Spotify, Apple Podcast, Soundcloud, TuneIn, Stitcher e su Google Podcast usando questo link

 

Per chi invece usa aggregatori, podcatcher e simili, questo è il feed RSS.

  

Potete ascoltarlo con le vostre app e farvi compagnia in auto, sull'autobus o in qualunque momento della vostra giornata desideriate!  

 

E inondateci di feedback, così potremo migliorare di puntata in puntata! 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Lascia un commento



5 commenti

Giorgia Leonardi

5 mesi fa

Ammetto di non aver ancora ascoltato tutta la puntata, ma sono saltata direttamente alla recensione di storia di un matrimonio perché ero curiosa di sapere la vostra opinione e per una volta mi permetto di dissentire 😬
SPOILER
.
.
.
.
.
Trovo che il film parli sì del divorzio fra due persone, ma l'azione legale è solo un pretesto per un percorso che definirei quasi un'educazione sentimentale. Non è un novello Kramer contro Kramer perché quello che vuole comunicare secondo me va al di là della battaglia legale per il figlio, nè è un La guerra dei Roses perché non parliamo di due persone che sono arrivate ad odiarsi.
Penso ci siano alcune scene in grado di catapultare lo spettatore all'interno dell'animo dei protagonisti. La prima arriva quando Nicole racconta la sua storia con Charlie e la presa di coscienza prima di quanto l'amore cambi completamente la definizione di vita degna di essere vissuta e poi di come però quello stesso sentimento possa portare ad annullare se stessi e rimanere all'ombra di qualcuno. Poi c'è il litigio, con un climax mozzafiato e in cui la barriera comunicativa fra i due esplode in tutta la sua potenza, pur mantenendo sempre il dialogo su un livello di realismo quasi sconcertante visto il picco di rabbia che si raggiunge.
E a queste aggiungiamo alcune scene in cui non si può che empatizzare con i protagonisti grazie anche a quel tocco di nostalgia: l'apertura su ciò che amano (al presente, non al passato) l'uno dell'altra e la rivelazione successiva della separazione quando ormai ci stavamo anche noi innamorando di questa coppia talentuosa, il taglio dei capelli durante il blackout, la canzone cantata da Charlie e la lettura della lettera sul finale con l'aggiunta di una frase rispetto a quanto già detto all'apertura del film che sbatte in faccia come l'amore non basti per stare insieme.
In sintesi non mi trovo d'accordo con voi quando dite che non si riesce ad immedesimarsi perché non si tocca il problema economico essendo i due protagonisti più che benestanti. Sarebbe sicuramente interessante approfondire questo aspetto, ma in Storia di un matrimonio è marginale perché non è di questo che si parla. La battaglia legale è un pretesto per andare a sviscerare la storia del matrimonio appunto e non di un divorzio: come ci si innamora, come la realtà subentra al rapimento iniziale, come un figlio cambi le priorità, come la mancanza di un vero dialogo porti all'allontanamento e alla rottura definitiva. Il confronto con gli avvocati ci fa ripercorrere frammentariamente quanto successo in precedenza, è più un espediente narrativo e uno stimolo per aprire quel dialogo che è mancato in precedenza, e l'epilogo è importante solo per mostrare come due persone che si amano non sempre poi riescano a vivere insieme, ad essere compatibili, a trovare il compromesso.

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

5 mesi fa

Giorgia Leonardi
Ciaol Giorgia! Sono abbastanza d'accordo con te. Durante il podcast mi sono espresso male e velocemente, dato che dovevamo correre per esigenze di scaletta... nello specifico:
SPOILER
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
Il divorzio, come dici tu, è sicuramente un pretesto per parlare di una storia d'amore - e della sua triste evoluzione - fra due esseri umani fallibili, pieni di speranze, sogni, difetti e peccati. E, come spesso accade nella realtà, la colpa non è totalmente di uno o dell'altra. Concordo anche sul fatto che sia facile empatizzare con loro, specialmente per tutte quelle dinamiche dolorose, divertenti e reali che ci vengono mostrate nel film (anche se il loro status sociale li allontana un po' dallo spettatore, come ha detto Enrico).

Scarlett e Adam sono stati eccezionali (mi ha lasciato a bocca aperta Driver in più di una scena). Ma mi sento anche di confermare quanto ho - malamente - accennato in trasmissione: la proposta ripetuta di immagini fortemente didascaliche (il cancello che si chiude fra i volti dei due, lei che gli allaccia la scarpa alla fine ecc.), personalmente, mi ha fatto storcere un po' il naso.

Ma questo è gusto personale, nulla da dire. A differenza dell'esimio Tribuzio, considero Storia di un matrimonio un gran bel film. Sicuramente uno dei più belli del 2019 (non il migliore) fra quelli che sono riuscito a vedere...Ciao!

Rispondi

Segnala

Giorgia Leonardi

5 mesi fa

Adriano Meis
Eh questa scaletta, lo so che è un problema mantenere la brevitas e cercare di stare il più possibile nei tempi!
Comunque avevo capito che ti era piaciuto, ma sono anche contenta di questi due commenti che permettono di entrare ancora un po' più nel merito (del resto c'è sul sito anche una splendida recensione).
Sono d'accordo sul fatto che non sia il migliore dell'anno, ma è davvero scritto e recitato bene a mio parere.
Sul problema dell'immedesimazione, penso che forse aggiungendo anche l'aspetto di tracollo economico per spese legali sarebbe stata messa un po' troppa carne al fuoco o il lato emotivo sarebbe passato in secondo piano. Per altro non sono sicura che due persone meno facoltose avrebbero ingaggiato degli squali come quelli e magari la battaglia legale sarebbe stata meno efficace. Così invece si portano alla luce tutte le emozioni e il tribunale diventa uno strumento utile al fine dell'indagine del rapporto. Però forse a questo punto sto cadendo in pure speculazioni 😂
Capisco la questione delle scene un po' didascaliche, ma probabilmente la mia cultura cinematografica non è ampia a sufficienza da portarmi a trovarle troppo scontate.
Grazie della risposta!

Rispondi

Segnala

Adriano Meis

5 mesi fa

Giorgia Leonardi
Grazie a te per la chiacchierata! Trovo che sia molto bello e interessante potersi confrontare con chi sta "dall'altra parte del microfono"...
Buone feste e buone visioni!

Rispondi

Segnala

Fabrizio Boni

5 mesi fa

Stoppare il podcast sulla recensione di “Storia di un matrimonio” perché voglio vederlo, senza spoiler e senza commenti, sul mio buon vecchio proiettore HD (alla faccia di tutti i televisori nuovi di Paolo Cellammare - ma quanti ne ha?!) e realizzare che così avrò ancora 20’ di podcast da ascoltare 🤩

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni