close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#news

The Last Planet: Terrence Malick girerà alcune scene in Italia

Dopo Song to Song e La vita nascosta - Hidden Life, Terrence Malick inizierà a breve le riprese di The Last Planet, titolo provvisorio del suo nuovo film, e alcune scene saranno girate in Italia tra Matera e Gravina. 

 

Il regista sceglie ancora il nostro Paese dopo aver girato alcune sequenze nella Riserva Naturale di Tor Caldara e sulla spiaggia di Anzio

 

Vincitore della Palma d'oro al Festival del Cinema di Cannes nel 2011 per The Tree of Life, dell'Orso d'Oro al Festival di Berlino nel 1999 per La sottile linea rossa e del Premio per la Regia a Cannes nel 1979 per I giorni del cielo, Terrence Malick è definito a buon diritto uno dei più grandi registi in vita.  

 

 

 

 

Le location italiane di Malick sono le stesse scelte dalla produzione di No time to die, il venticinquesimo film che ha per protagonista 007, interpretato da Daniel Craig e diretto da Cary Joji Fukunaga.

 

Nonostante il titolo lasci presagire si tratti di fantascienza, dalle pochissime indiscrezioni trapelate dal set di Terrence Malick - famoso anche per la sua riservatezza - pare che The Last Planet sarà un film sulla rappresentazione di alcune parabole evangeliche tratte dalla vita di Gesù Cristo.

 

Ciò ci lascia presagire che non sia un caso che Terrence Malick sia stato suggestionato dalla location dove Pier Paolo Pasolini ha ambientato Il vangelo secondo Matteo. 

 

 

[Una suggestiva immagine di Matera, già location pasoliniana]

 

 

Nel cast sono confermati Géza Röhrig (Il figlio di Saul), Matthias Schoenaerts (La vita nascosta - Hidden life, Suite francese), Mark Rylance (Dunkirk, Il ponte delle spie) e Aidan Turner (Lo Hobbit). 

 

Il rapporto uomo-natura è sempre stato fondamentale per la poetica cinematografica di Terrence Malick, soprattutto quando questa è incontaminata; oltre alle polemiche ambientaliste nei suoi film viene sempre sottolineato come l'uomo perdendosi nella natura possa ritrovare se stesso.  

 

Non sorprende che i Sassi di Matera e le bellezze del Parco nazionale dell'Alta Murgia abbiano attirato la sua attenzione. 

 

Quel che è certo è che sarà un grande onore ospitare un regista del suo spessore, e che pare ormai evidente che l'Italia sia tornata ad essere una delle mete preferite dei location manager hollywoodiani, con tutto il buono che un indotto simile può portare al nostro Paese. 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Lascia un commento



5 commenti

Davide Chemello

2 anni fa

Se la fotografia sarà anche solo la metà di quella di song to song, non vedo l'ora di vedere i nostri posti attraverso la sua lente!

Rispondi

Segnala

Arkantos

2 anni fa

Fa piacere notare che il nostro paese abbia una nuova luce grazie a importanti registi.

Rispondi

Segnala

Marco Natale

2 anni fa

Daje Malick

Rispondi

Segnala

Benito Sgarlato

2 anni fa

Ottimo! Sicuramente economicamente rilevante, ma fa piacere anche artisticamente parlando... un trend di cui tutti dovremmo essere felici

Rispondi

Segnala

Filman

2 anni fa

Assolutamente non sorprende. Lui è a tutti gli effetti un Pasoliniano convinto, al netto del suo ultimo calo incredibile.

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni