close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#news

Se ti abbraccio non aver paura: per la Giornata mondiale dell'autismo il film arriva su YouTube

Nel 2018, in concomitanza con l'inizio delle riprese da parte di Gabriele Salvatores di Tutto il mio folle amore, film ispirato al libro di Fulvio Ervas Se ti abbraccio non aver paura, la troupe ha preso i protagonisti del libro (Franco Antonello e suo figlio Andrea, un ragazzo autistico) per riportarli in viaggio in moto come avevano fatto anni prima.

 

Dopo essere stati sul set di Salvatores sono partiti seguendo le orme di uno dei suoi film cult, Marrakech Express, arrivando fino al deserto del Sahara.

 

Quello che ne è nato è un film documentario.

Se ti abbraccio non aver paura è un film che parla di autismo e, soprattutto, del legame di un padre e un figlio.

 

L'uscita del film era prevista al cinema per il 2 aprile 2020, Giornata mondiale per la consapevolezza sull'autismo, ma causa Covid è stato ovviamente tutto annullato.

 

Per questo motivo hanno deciso di regalare il documentario a tutti coloro costretti a rimanere a casa in quarantena, e pertanto, sempre il 2 aprile per la Giornata Mondiale dell'autismo, troverete Se ti abbraccio non aver paura online su YouTube a partire dalle ore 12:00!

 

  

 

 

Il film rimarrà disponibile per 24 ore, per una sorta di première ai tempi del Coronavirus.

 

Il film, interamente autoprodotto dalla Ushuaia Film con una troupe giovanissima, può anche contare sulle musiche dei Ministri, di Emma Morton & The Graces, e di Roberto Ciotti, il musicista blues autore 30 anni fa delle colonne sonore di Marrakech Express e Turné.

 

Ciotti è scomparso qualche anno fa, ma grazie alla famiglia la troupe di Se ti abbraccio non aver paura ha trovato una decina di brani inediti, tutti registrati in Africa, che sono andati a comporre la colonna sonora del film, oltre al famoso brano No More Blue, main theme di Marrakech Express. 

 

 

[Niccolò Maria Pagani, regista di Se ti abbraccio non aver paura - credits Ushuaia Film]

 

 

"Con tutte le persone costrette a rimanere nelle proprie case ci sembrava doveroso, nel nostro piccolo, provare a fare anche noi di Ushuaia Film qualcosa per la comunità", racconta il regista Niccolò Maria Pagani. 

 

"Il nostro lavoro è fare film, e dunque è venuto naturale decidere di uscire con una première su YouTube gratuita e disponibile a tutti.

In una data, quella della giornata mondiale dell'autismo, così simbolica.

Speriamo di regalare 55 minuti di svago portando le persone in viaggio con noi, almeno con la mente, in attesa di poter tornare a girare fisicamente per il mondo."

 

“Se ti abbraccio non aver paura è un film che parla sì di autismo, ma soprattutto del rapporto di un padre e un figlio.

Ho cercato di raccontare per immagini una storia che era già bellissima di suo, con due personaggi da cui ho potuto trarre ispirazione giorno dopo giorno.

 

Due persone fortissime, tanto che ho voluto dedicare il film proprio a tutti quelli che non si arrendono.

Perché Franco è un uomo che ha deciso di non arrendersi." 

 

[Una clip da Se ti abbraccio non aver paura]

 

 

Continua Pagani: "Senza copione né sceneggiatura, ne è venuto fuori un road movie che accompagna lo spettatore per 9000 chilometri in sella a una moto, tra strade crollate, uragani e mille difficoltà, dall’Italia fino al deserto del Sahara, proprio come fecero 30 anni fa i protagonisti di Marrakech Express di Salvatores.

 

Una pellicola cult per la mia generazione, un film con cui sono cresciuto, indiziato numero uno nella mia scelta di fare il regista.

Per questo girare un lungometraggio strettamente legato a quella storia, e proprio a 30 anni dall’uscita, ha rappresentato per me la chiusura di un cerchio.”

 

In Se ti abbraccio non aver paura compaiono anche Gabriele Salvatores con Diego Abatantuono, Valeria Golino, Claudio Santamaria e Giulio Pranno: il cast di Tutto il mio folle amore, quando padre e figlio lasciano il Marocco per recarsi a Pag, in Croazia, sul set del film.

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

top8

news

news

Lascia un commento



1 commento

Antonio Conzo

6 mesi fa

Tantissima stima....grande iniziativa, un modo davvero egregio per sensibilizzare e avvinare le persone a questa triste realtà...💙

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni