close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#CineFacts. Curiosità, recensioni, news sul cinema e serie tv

#articoli

Dogman e la strada verso l'Oscar

Come molti di voi sapranno Dogman è il candidato italiano nella corsa agli Oscar 2019.

Lo scorso 25 settembre l’ANICA ha infatti indicato il film di Matteo Garrone, già premiato a Cannes per l’interpretazione di Marcello Fonte, come rappresentante italiano per la selezione del Premio Oscar al Miglior Film in Lingua Straniera.

 

È da intendersi che siamo ancora nelle fasi embrionali del processo di selezione da parte dell’Academy.

Sapremo solo più avanti se Dogman riuscirà ad entrare nei candidati veri e propri della cerimonia degli Oscar e fare previsioni in questo senso per il momento è azzardato.

Però possiamo iniziare già a fare delle considerazioni.

 

 

 

Iniziamo col dire che l’Italia è la nazione che detiene il record di vittorie nella categoria al miglior film in lingua straniera, con 14 pellicole risultate vincitrici.

È una statistica importante, ma che va contestualizzata.

Infatti, se consideriamo soltanto gli anni che vanno dal 2000 ad oggi, ci accorgiamo che in verità soltanto in due occasioni un film italiano è stato anche solo nominato agli Oscar: oltre a La grande bellezza, che ha poi anche vinto la statuetta nel 2014, ci è riuscito soltanto La bestia nel cuore, nel 2006.

 

E non che siano mancati titoli capaci di smuovere la critica e l’opinione pubblica: negli ultimi anni, tra gli esclusi eccellenti dell’Academy troviamo tra gli altri La stanza del figlio, ultimo film italiano a vincere la Palma d’Oro, e Gomorra, dello stesso Matteo Garrone, che non riuscì nell’impresa di essere candidato nel 2009, nonostante il forte successo di pubblico, mediatico e di critica che ottenne.

Questo per dire che il passo dall’essere selezionati come rappresentanti italiani ad essere poi effettivamente candidati è un passo lungo ed importante. Anche se certamente non impossibile.

 

 



Per ora quindi il film è stato selezionato, a livello nazionale, per competere agli Oscar. E da qui in poi cosa succede?

Chi deciderà se includerlo nel novero dei cinque candidati finali? 

 

Dogman verrà preso in esame da una specifica commissione dell’Academy, la Foreign Language Film Award Committee, che ha il compito di visionare tutti i film a loro inviati da ciascuna nazione (un film per nazione), e di sceglierne sei.

Ulteriori tre film verranno indicati dalla Foreign Language Film Award Executive Committee, per un totale di nove candidati, che costituiranno una preliminare short-list.

Solitamente questo avviene nel mese di dicembre.

 

A quel punto ci sarà un nuovo turno di votazioni, sempre all’interno della Foreign Language Film Award Committee, per stabilire i cinque candidati finali.

Ogni membro della commissione dovrà aver visionato tutti e nove i film selezionati, in una finestra temporale tra l’altro piuttosto ristretta (l’anno scorso le proiezioni si svolsero dal 12 al 14 gennaio, tre al giorno) e poi indicare la propria preferenza.

 

Qualora Dogman superasse entrambi questi scogli, sarà ufficialmente nominato agli Oscar. A quel punto… sarà l’intera Academy a doversi esprimere, per stabilirne l’eventuale vittoria finale. Differentemente da altre categorie, per il miglior film in lingua straniera è - di nuovo -  espressamente richiesto che i membri abbiano visionato tutte e cinque le pellicole selezionate, il che ne fa una categoria un po’ particolare ai sensi di volerne predire i risultati, ma anche molto interessante.

 

 



Potrebbero esserci delle sorprese, perché quest’anno tra l’altro è cambiato l’uomo “al comando” della commissione, Mark Johnson, che l’aveva presieduta nella quasi totalità dei casi negli ultimi diciotto anni. A rimpiazzarlo, Larry Karaszewski, già membro della branch degli sceneggiatori, e Dianne Weyermann, attiva soprattutto nell’ambito del documentario.

Se questo sia un bene o un male per Dogman lo scopriremo tra qualche settimana, ma pare essere un cambiamento significativo all’interno dell’Academy.

 

Tra gli altri film già selezionati a livello nazionale dai rispettivi paesi, si segnalano nomi importanti come quello di Laszlo Nemes (vincitore nel 2016 per Il figlio di Saul) con Sunset, Hirokazu Kore’eda con Un affare di famiglia (premiato quest’anno a Cannes) Pawel Pawlikowoski, già vincitore di una statuetta con Ida, e forte contendente anche per questa edizione con Cold War (premiato quest’anno a Cannes per la miglior regia).

Si prospetta dunque una competizione entusiasmante. 

 

 

Per il momento è ancora presto, ma la lunga corsa che ci porterà il 24 febbraio alla cerimonia degli Oscar è ormai già iniziata.

 

 

 

 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Lascia un commento



57 commenti

I cineasti

1 anno fa

Fosse per me darei a Dogman il premio senza nemmeno pensarci molto, è davvero un film fantastico, anche se alcuni dei film candidati insieme a lui non li ho visti, e poi vabe, diciamo che sono un po di parte😂. Una cosa che mi chiedo è, questo gruppo di persone che decideranno per la sorte di Dogman, guarderanno il film in lingua originale ? Spero e credo di si, perche credo che una buona parte faccia anche l'accento degli attori che ancora di più ti mette in quella zona d'italia, in particolare in quella periferia di Roma dove il film è ambientato, e dando a mio parere più spessore alla trama

Rispondi

Segnala

Teo Youssoufian

1 anno fa

I cineasti
certo che sì: in tutti i festival e in tutte le occasioni di premi cinematografici i film sono sempre rigorosamente in lingua originale.  

 e per quanto riguarda gli USA difficilmente loro doppiano qualcosa, quindi anche in sala in ogni caso i film arrivano in V.O. 😉

Rispondi

Segnala

I cineasti

1 anno fa

Teo Youssoufian
Immaginavo, grazie per la risposta

Rispondi

Segnala

RustCohle

1 anno fa

Scelta azzeccatissima, film eccezionale Dogman. Autori come Garrone dobbiamo proprio tenerceli stretti.

Rispondi

Segnala

Emanuele Antolini

1 anno fa

Non sapevo ci fosse tutta questa maratona per essere candidati... speriamo.

Rispondi

Segnala

Tony S.

1 anno fa

Film visto da poco, incredibile la credibilità degli attori, chi vive nella perireria di Roma avrà incontrato almeno una volta un Simoncino.
Mi ha sorpreso Adamo Dionisi, vedendolo in un ruolo completamente diverso da quello di Suburra.

Rispondi

Segnala

Achille Sannino

1 anno fa

Uno dei film più belli di questo 2018, italiano e non. Meriterebbe davvero il meglio

Rispondi

Segnala

I cineasti

1 anno fa

Achille Sannino
D'accordissimo

Rispondi

Segnala

Pfepfer

1 anno fa

Oddio, preferirei mille volte vedere Dogman candidato -e vincitore- che ricordarmi dell'Oscar vinto da La grande bellezza. 😂

Rispondi

Segnala

Andrea Vassalle

1 anno fa

Quest'anno pare che ci sia grande concorrenza, ma ovviamente speriamo che Dogman possa riuscirsi. A parte della critica americana è piaciuto moltissimo, chissà...

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni