close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#articoli

Star Wars: L'Ascesa di Skywalker - Troppe soluzioni comode uccidono atmosfera e personaggi - Recensione

J.J. Abrams torna in sella alla Saga per chiuderla con Star Wars: L'Ascesa di Skywalker, facendosi beffe del capitolo precedente di Rian Johnson e fondamentalmente replicando la formula del suo capitolo 7: se Il Risveglio della Forza era paragonabile a Guerre Stellari, L'Ascesa di Skywalker presenta una struttura simile a Il Ritorno dello Jedi, ma con tantissima trama che va inevitabilmente ad appiattire i personaggi; con in più una serie di scelte narrative che non comportano mai delle conseguenze per i protagonisti e fin troppe comodità e deus ex machina utili allo svolgimento della trama. 

 

 

Provo a sgomberare subito il campo dalle fastidiose voci che accompagnano come sempre ogni nuovo film della saga di Guerre Stellari: mi ritengo un fan del franchise. 

 

Da sempre, da quando ho memoria, da quando sono un bambino: sono nato nell'anno del primo film e questa cosa associata alla gigantesca passione per i primi tre film mi ha sempre dato l'idea che dovesse esserci un legame, una connessione; si tratta ovviamente di una sciocca convinzione infantile, ma avere in comune quel 1977 mi ha legato alla Saga da subito. 

 

Con il tempo ho imparato che generalizzare parlando del punto di vista del "fan di Star Wars" ha davvero poco senso: dopo 9 film canonici, innumerevoli romanzi più o meno ufficiali, videogiochi e quant'altro, è davvero impossibile che possa esistere un punto di vista comune sulla saga nella sua interezza. 

 

[Trailer internazionale di Star Wars: L'Ascesa di Skywalker

 

 

Ho amato, e amo ancora tantissimo, la trilogia originale, pur con tutti i suoi difetti che secondo me colpiscono soprattutto Il Ritorno dello Jedi

 

Personalmente non ho mai nascosto il fastidio provato nei confronti della "Trilogia Prequel", i film scritti e diretti da George Lucas tra il 1999 e il 2005, per una serie di motivi che qui non ha senso elencare, mentre invece ho apprezzato Il Risveglio della Forza e ancora di più ho apprezzato Gli Ultimi Jedi, che ho trovato originale e coraggioso nella sua iconoclastia. 

 

Questo punto di vista sugli 8 film è difficilmente riscontrabile in un ampio gruppo di persone: c'è chi al contrario di me adora i prequel e non sopporta i film nuovi, chi ha apprezzato il capitolo 7 ma non l'8, e così via... e ognuna di queste persone si ritiene "fan della Saga" in egual misura. 

 

Non ha senso pertanto secondo me cercare di incasellare "il" gusto dei fan di Guerre Stellari in un unico punto di vista. 

 

E scrivo ciò per introdurre il fatto che Star Wars: L'Ascesa di Skywalker mi ha deluso terribilmente: l'ho trovato un film schiavo del suo autore, che si prende gioco del capitolo precedente riportando indietro molte delle storyline aperte ne Gli Ultimi Jedi, e che soprattutto imprigiona i personaggi in una storia troppo grande, dove il plot la fa da padrona e annulla qualsiasi eventuale approfondimento sui protagonisti, quando la forza della trilogia originale stava proprio lì. 

 

 



Guerre Stellari ha una storia semplice, è ambientato nello spazio ma è il classico 'Viaggio dell'Eroe': ci sono appunto l'eroe principale, il mentore, l'ombra, il trickster, il messaggero e il guardiano della soglia. 

 

La struttura ricalca gli archetipi: c'è il mondo ordinario che viene abbandonato dopo il rifiuto alla chiamata, c'è la soglia, ci sono la caverna e la prova centrale, c'è la ricompensa e ci sono il viaggio di ritorno e il compimento. 

 

Ma i personaggi vivono di vita vera nonostante siano dei cliché, sono affascinanti e incastonati in una storia che per ammissione dell'autore si svolge "tanto tempo fa", rendendola allo stesso tempo fiabesca e fantastica, con un tocco di fantascienza tale da dover coniare il termine Space Opera cinematografica proprio a causa della sua originalità di messa in scena. 

 

Gli archi narrativi di Luke Skywalker, di Han Solo, di Leia Organa ma anche dei personaggi minori come potevano essere i droidi e degli antagonisti come Darth Vader, hanno sempre avuto un senso, uno sviluppo costante e una caratterizzazione forte. 

 

Star Wars: L'Ascesa di Skywalker a mio avviso dimentica tutto ciò.  

 

 

 

 

La storia ha una struttura simile a quella delle "quest" di un videogame: i protagonisti devono trovare qualcosa, ma per farlo hanno bisogno di un oggetto. 

 

Per recuperare questo oggetto hanno bisogno di un altro oggetto, che però andrà decifrato. 

Per decifrarlo devono compiere un'altra azione e così via. 

 

Con il difetto però di annullare qualsiasi conseguenza negativa che nasca dalle loro azioni, perché poco dopo l'azione la reazione viene cancellata e riportata alla situazione precedente. 

Vanificando quindi l'azione stessa, che a quel punto risulta essere stata inutile. 

L'intero film è un susseguirsi di MacGuffin. 

 

Il primo atto di Star Wars: L'Ascesa di Skywalker toglie il respiro, non c'è mai una pausa o un attimo di tregua: ma se in altre occasioni la cosa è un merito, qui viene tutto confuso dalla velocità del montaggio che non permette a volte nemmeno di comprendere perché i personaggi stiano facendo quello che fanno, dato che nel momento in cui lo hanno fatto si spostano immediatamente a fare dell'altro. 

 

I personaggi non sono più caratterizzati perché sono diventati intercambiabili.  

 

 

 

 

Tolti i personaggi di Rey e di Kylo Ren, tutti gli altri compiono azioni e hanno battute che potrebbero senza problemi essere fatte o dette da un altro, senza che ciò cambi la storia. 

 

Il risultato è quello di cancellare la loro personalità, appiattendoli e rendendoli delle figurine che si muovono da una parte all'altra senza un vero scopo personale. 

 

Oltre a ciò, ho trovato quasi maleducata da parte di JJ Abrams questa evidente intenzione di liberarsi con Star Wars: L'Ascesa di Skywalker di ciò che è successo ne Gli Ultimi Jedi, scritto e diretto da Rian Johnson, forse per non incappare in tutto quell'odio internettiano di cui è stato vittima quel capitolo - anche se si è poi scoperto che forse non era del tutto reale. 

 

Sembra quasi che il film sia stato scritto per venire incontro al volere di tutti coloro che hanno odiato Gli Ultimi Jedi: ci sono personaggi svaniti nel nulla, così come il loro rapporto con gli altri personaggi che invece di progredire è regredito, e ci sono al contrario personaggi che tornano dal nulla, addirittura uno che ci viene detto che muoveva tutta la storia fin dall'inizio. 

 

Senza dubbio in Star Wars: L'Ascesa di Skywalker ci sono cose mirabili: in una produzione di questo tipo gli effetti visivi sono incredibili, e a livello di messa in scena e fotografia mi sono piaciute tantissimo la scena iniziale e quella del duello sull'oceano - non entro in dettagli per non spoilerare, lo farò dopo - ma anche a livello tecnico ho trovato qualche pecca, soprattutto per come è stata gestita una delle più belle invenzioni del capitolo precedente che vede interagire Rey e Kylo Ren.  

 

 



Proprio in merito a questi ultimi due provo probabilmente il più grande senso di delusione: nonostante quelle che a mio avviso siano due grandi interpretazioni di Daisy Ridley e Adam Driver, i personaggi vengono sballottati da un'emozione all'altra in modo assolutamente incoerente, senza un vero sviluppo e con una conclusione telefonata e banalotta. 

 

Ed è un vero peccato. 

 

In aggiunta a tutto ciò, Star Wars: L'Ascesa di Skywalker è pieno zeppo di soluzioni narrative di comodo per niente giustificabili, di capacità da parte dei protagonisti che sono delle novità assolute introdotte al nono film e mai menzionate prima, di troppe scenette, inquadrature e personaggi presenti per un mero fan service e assolutamente non funzionali alla trama. 

 

Ci sarà sicuramente qualche fan a cui questo film piacerà tantissimo - come ho scritto nell'introduzione, i gusti dei "fan" ormai sono variegati e affatto uniformi - anche perché sembra proprio costruito seguendo una lista di appunti presi leggendo l'ira dei fanboy nei confronti del film precedente, e provando quindi a correggere il tiro su cose, situazioni e personaggi.  

 

 

 

 

Ma personalmente in questo Star Wars: L'Ascesa di Skywalker non ci ho trovato nessuna magia, nessun trasporto e soprattutto, che ripeto essere a mio avviso l'errore più grande, nessun amore nei confronti dei personaggi.

 

Che concludono il loro arco narrativo nella maniera più semplice e più piatta possibile.

Con addirittura una romanticheria che tutto è tranne che necessaria, perché non aggiunge nulla alla loro storia e, anzi, la banalizza ulteriormente ed è totalmente fuori dal personaggio di entrambi. 

 

Ed è un po' triste pensare che una Saga di nove film si concluda riproponendoci un'immagine iconica che conosciamo a memoria, con il risultato non di chiudere un cerchio che in realtà non c'è, quanto di replicare quanto già fatto, senza però emozionare. 

 

 

SPOILER dopo il trailer. 

Non proseguite la lettura se non avete ancora visto il film. 

 

SPOILER dopo il trailer. 

Non proseguite la lettura se non avete ancora visto il film. 

 

[Trailer italiano di Star Wars: L'Ascesa di Skywalker

 

 

Oltre alla puntata Spoiler Special del podcast dedicata al film e in aggiunta a quanto scritto sopra, vorrei approfondire qualche dettaglio. 

 

La prima scena di Star Wars: L'Ascesa di Skywalker, quella tra Kylo Ren e il redivivo Imperatore Palpatine, l'ho trovata davvero bella esteticamente: dark, tenebrosa, con una location nuova e una minaccia ben presente. 

Ma a livello di plot mi ha fatto da subito storcere il naso: c'era davvero bisogno di recuperare un personaggio dato per morto inventandosi che tutto quanto abbiamo visto finora sia nato da lui? 

Perché non scegliere di approfondire Kylo Ren e al contrario farlo tornare indietro sulla sua decisione di abbandonare la maschera - oltre ovviamente a creare un nuovo casco di Kylo Ren da poter vendere nei Disney Store?

Che senso hanno la presenza di Luke Skywalker o il ritorno di Lando Calrissian? 

 

 

 

 

La struttura a scatole per cui l'Imperatore si trova in un luogo sconosciuto, che va trovato grazie a un oggetto che però va recuperato grazie a un pugnale che però va decifrato, e che per decifrarlo bisogna resettare la memoria di C3PO... si sgretola da sola nel momento in cui al droide viene ripristinata la memoria. 

 

Così come la scena in cui ci viene fatto credere che Chewbacca sia morto in un'esplosione si sgretola neanche cinque minuti dopo mostrandoci che in realtà è vivo. 

 

Tutto Star Wars: L'Ascesa di Skywalker è disseminato di azioni alle quali seguono reazioni che però non hanno un vero peso sulla storia, e la conseguenza di ciò è che praticamente l'intero film risulta quasi superfluo perché in fin dei conti racconta pochissimo. 

 

Il confronto finale tra Palpatine e Rey è paradigmatico in tal senso: oltre a riproporre pedissequamente la scena già vista ne Il Ritorno dello Jedi, dove Luke era al cospetto dell'Imperatore mentre i suoi amici volavano combattendo l'Impero, la scena pone delle basi che vengono poi smentite. 

 

 



Nel terzo film della saga viene ripetuto più volte a Luke che nel momento in cui ucciderà Palpatine vorrà dire che si è abbandonato all'odio, passando così inevitabilmente al Lato Oscuro della Forza. 

 

E infatti Luke non cede, sopporta, soffre ed è Darth Vader che vedendo il figlio in fin di vita decide di uccidere il suo mentore - o almeno, tutti pensavamo l'avesse ucciso fino all'uscita di questo film. 

 

In Star Wars: L'Ascesa di Skywalker invece è Rey che, se all'inizio è titubante perché non vuole cedere all'odio, poco dopo grazie alle due spade laser di casa Skywalker e alle voci di tutti gli jedi prima di lei (...) lotta con tutta se stessa e con un visibile odio negli occhi contro Palpatine, avendo infine la meglio su di lui. 

 

Ma non le succede nulla. 

Il Lato Oscuro non conta più. 

 

E la stessa cosa succede dalla parte opposta, con Kylo Ren: oltre a mostrarci gli assolutamente inutili Cavalieri di Ren - personaggi nati dal nulla, senza storia, senza nome, senza volto, senza sviluppo - che lo ostacolano per qualche minuto, la scena finale del personaggio di Adam Driver ce lo mostra passare al Lato Chiaro della Forza non si sa bene mosso da quale spirito.  

 

 

 

 

Grazie ai due minuti di chiacchiera con il fantasma del padre, che ovviamente non poteva mancare all'appello dei redivivi? 

 

Un po' poco, per un personaggio simile e per quanto aveva detto e sostenuto fino a quel momento. 

 

Vorrei sorvolare sulle soluzioni di comodo presenti un po' in tutto Star Wars: L'Ascesa di Skywalker come il passaggio fisico della spada laser da una all'altro o alla guarigione con la sola imposizione delle mani e relativo "passaggio di energia vitale" mai vista prima in tutta la saga. 

 

E vorrei sorvolare anche sulla gestione del rapporto telepatico tra Rey e Kylo Ren: un'intuizione originale e resa tecnicamente in modo affascinante nel film precedente, che qui viene totalmente distrutta. 

 

Oltre a mostrarci i due personaggi fisicamente nel luogo dove si trova l'altro, addirittura c'è il passaggio di interi oggetti. 

Ne Gli Ultimi Jedi era una suggestione, c'era magari qualche goccia di pioggia che restava sulle mani. 

 

Qui invece si apre un portale alla bisogna, un nuovo potere incredibilmente utile per scoprire dove si trova Rey o per aiutare Kylo Ren in battaglia. 

 

 

 

 

Mi piacerebbe sorvolare sul fatto che Kylo Ren si dissolva alla fine come si dissolve Leia, cosa che succede solo ai jedi. 

 

E anche su tutta la gestione del personaggio di Leia in Star Wars: L'Ascesa di Skywalker, che sembra appiccicato con lo scotch e il più delle volte ha delle battute che si capisce erano state girate per altre scene - Carrie Fisher è mancata nel dicembre 2017, e J.J. Abrams da subito disse che il suo personaggio sarebbe stato presente in questo film grazie a delle inquadrature non utilizzate de Il Risveglio della Forza: se all'annuncio la cosa sembrava strana, ora direi che siamo andati ben al di là dello "strano". 

 

Vorrei anche sorvolare sulla scena del bacio - il mugugno generale della Sala Energia dell'Arcadia di Melzo lo ricorderò tanto quanto i vaffanculi che si alzarono quando ne La Minaccia Fantasma vennero nominati i midichlorian - perché ritengo sia stata una scelta veramente di bassa lega. 

 

Non ne trovo il senso: non porta niente ai personaggi, è inutile, è superflua, è fuori luogo. 

 

È cringe, per utilizzare un termine che va di moda ultimamente. 

 

 



Potrei sorvolare anche sul congegno che permette a Poe e alla sua banda di passare indenni attraverso le forze nemiche, congengo regalatogli da un personaggio saltato fuori dal nulla, che ha cinque minuti di screen time, che dichiara di odiare e volere morto lo stesso Poe e che riponeva in quell'oggetto il sogno e la speranza di allontanarsi da quella vita e da quel mondo. 

 

Comodo per il plot, no? 

E potrei anche sorvolare sul numero abnorme di Star Destroyer, che non è chiaro chi li abbia costruiti, né quando, né come, né finanziato da chi, come non è chiaro chi ci sia a bordo e da dove arrivi, quale esercito stia seguendo Palpatine e per quale motivo; non è chiaro perché mai dovrebbero avere un'antenna centrale che le guidi tutte e, come già visto e già sottolineato, perché nonostante la distruzione di tale antenna ci sia bisogno comunque di cannoneggiarle per vincere. 

 

Il punto fondamentale dell'attacco era l'antenna, ma una volta distrutta la battaglia prosegue esattamente come se non l'avessero distrutta. 

Azione senza conseguenza, ancora una volta, MacGuffin dopo MacGuffin come in tutto Star Wars: L'Ascesa di Skywalker. 

 

Potrei sorvolare anche sul nuovo droide, creato ad hoc per avere sugli scaffali un nuovo personaggino da vendere. 

E non è tanto quello il problema, dato che è dal 1980 che la saga di Star Wars crea personaggi per il merchandising, ma è il fatto che questo nuovo droide non faccia assolutamente nulla. 

Se non ci fosse stato, la storia sarebbe stata identica. 

 

Ben diverso dalla presenza di un R2D2 nella trilogia originale o in quella di BB-8 nei due film precedenti. 

 

 



Ma non posso e non voglio sorvolare su tutto ciò, proprio perché con Star Wars: L'Ascesa di Skywalker la Saga è conclusa e questi personaggi non li vedrò più. 

 

E trovo che non abbia alcun senso concludere qui storia e arco narrativo dei personaggi: gli Skywalker non hanno portato equilibrio nella Forza. 
È stata una Palpatine che alla fine del film - con una battuta prevedibile da una decina di minuti - si dà il nome di Skywalker. 

 

Poe Dameron e Finn non hanno un finale degno di nota, e in tutto ciò resta anche sospesa la famosa frase che Finn voleva dire a Rey in punto di morte, che non ci viene mai svelata. 

I droidi, dopo un interessante momento in cui tutto sembrava prendere un'altra piega, restano esattamente dov'erano tre film fa. 

 

Il personaggio di Leia viene praticamente violentato, Luke utilizzato per correggere quanto visto ne Gli Utlimi Jedi, Han Solo richiamato per un discorsetto lacrimoso. 

L'introduzione dei personaggi nuovi come la misteriosa donna del congegno o la ragazza amazzone non dicono nulla, non aggiungono nulla, non sono nulla. 

 

Rivediamo addirittura gli ewok. 

 

 



Le scene che mi sono piaciute e che ho citato nella parte spoiler free della recensione sono quella iniziale e quella del duello sull'oceano tra Rey e Kylo Ren: scenograficamente meravigliosa, coreograficamente accattivante, ma d'altronde quelli sono gli unici due veri personaggi del film, se non dell'intera nuova trilogia, degni di essere chiamati personaggi.

 

Ma fondamentalmente tutto Star Wars: L'Ascesa di Skywalker mi è risultato frettoloso, incoerente e rattoppato. 

A livello cinematografico in generale lo ritengo quindi un film mediocre, scritto male e confusionario. 

 

E da fan della saga, mi dispiace davvero terribilmente che sia tutto finito così. 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Lascia un commento



16 commenti

Jules Winnfield

2 mesi fa

Mi ritrovo nella recensioni, troppi elementi (molto caotici e non caratterizzati, a partire dagli stessi personaggi su cui si poteva lavorare di più) messi assieme per concludere le vicende...
Mancanza di chiarezza e di forti emozioni che i film della trilogia originale erano stati in grado di regalare splendidamente. 
Più che di uno scalino in basso rispetto al precedente capitolo che era riuscito in qualche modo a far rivalutare a molti l'ultima trilogia. 
Dal punto di vista visivo niente da ridire: straordinario.

Rispondi

Segnala

Andrea Ginanni

2 mesi fa

Uno dei pochi film che mi ha fatto pentire di essere andato al cinema

Rispondi

Segnala

Rosario Azzaro

2 mesi fa

Mi stava piacendo parecchio fino a quando 
SPOILER
-
-
-
-
Leia chiama suo figlio mentre quest'ultimo sta combattendo. Da lì in poi secondo il mio modesto parere solo scelte sbagliate. Il finale poi di una noia mortale, come avete detto anche voi nel podcast in questo film mancava il pathos!

Rispondi

Segnala

Marco Raffaeli

2 mesi fa

Un film sbagliato.
Non perché sia fatto male, anzi il lato tecnico/visivo è forse il solo che si salva; ma bensì pensato male. La scrittura caotica ed eccessivamente incalzante nella ricerca di un ritmo frenetico e convulso toglie qualunque possibilità "artistica" di migliorare il prodotto in fase di ripresa e addirittura finisce per rovinare un montaggio che sembra non sappia nemmeno come si facciano dei semplicissimi raccordi.
Il film è una caccia al tesoro qualunquista che cerca di suscitare emozioni attraverso colpi di scena che però vengono smorzati e appiattiti nel giro di poche battute (vedi Chewbacca). I personaggi vengono totalmente appiattiti e le loro scelte, e quindi le loro azioni, finiscono per essere un "how convenient" per poter arrivare allo step successivo.
Una trilogia buttata via nel momento migliore dato che l'episodio 8 aveva aperto porte immense per poter andare in direzioni inaspettate. L'Ascesa di Skywalker invece riparte dall'episodio 7, quello di Abrams, cancellando ogni possibilità di cambiamento, e. quindi di riuscita.

Rispondi

Segnala

Livio Siano

3 mesi fa

Io questo film lo vedo esattamente come l'ultima stagione di Game of Thrones

Rispondi

Segnala

Mike

3 mesi fa

Concordo su quasi tutto! Nonostante il film comunque mi abbia emozionato, la scena dei duelli, quella dei Jedi che parlano a Rey. 
Ho schifato il bacio, e no sense Palpatine arrivato dal nulla.

Rispondi

Segnala

Nicolò Casaril

3 mesi fa

mi trovo d'accordissimo con questa recensione. Premetto che sono un grandissimo fa di star wars ed anche io sono cresciuto con la trilogia originale e prequel, infatti i giorni prima di andare a vedere The Rise of Skywalker mi sono rivisto tutta la saga, da episodio I la minaccia fantasma all'episodio VIII gli ultimi jedi; fino all'episodio VI sono ritornato bambino, rivedere giorno dopo giorno l'evolversi della saga mi ha fatto riprovare forti sentimenti (come ogni volta che la riguardo), soprattutto per l'evoluzione del mio personaggio preferito: Anakin Skywalker (sono forte fan anche della trilogia prequel, l'ho apprezzata tantissimo, nonostante evidenti problemi dei primi 2 film). Il risveglio della forza non mi è piaciuto tanto, anche se certe scelte a livello di trama e di incrocio con le trilogie vecchie mi sono piaciute in fin dei conti. Gli ultimi jedi lo reputo meglio del suo predecessore (ma neanche questo è tutto sto granchè rispetto agli altri film), anche se non ho apprezzato l'evoluzione che hanno dato a Luke. Ieri sera ho visto l'ascesa di Skywalker....e sono rimasto deluso. Sarà perchè ci sono stati inutili ritorni (mi riferisco solo ad uno, che finalmente avevano la possibilità di far evolvere e dargli più spessore) e per troppe scelte fatte per cercare di reggere la trama, o solo perchè da un finale di una saga durata ben 40 anni e che ha influenzato un sacco di generazioni, mi sarei aspettato molto ma molto di meglio. Visti i 2 film precedenti, sono entrato in sala con basse aspettative, ma speranzoso di un bel finale che mi avrebbe fatto emozionare....nulla, non mi ha trasmesso niente, tranne la scena di endor😂. l'unica cosa che sicuramente salvo di questa trilogia sequel sono le scenografie, veramente belle e ben fatte, ma altro non so, non mi ha trasmesso quelle sensazioni ed emozioni che mi vengono quando guardo la trilogia prequel e la trilogia originale....un vero peccato, spero che in prossimi film, la disney ritiri su il nome di Star wars, come ha fatto secondo me benissimo con Rogue One.

Rispondi

Segnala

Elia Cassine

3 mesi fa

Concordo con Teo sulle critiche mosse. La cosa che più fa dispiacere e la totale mancanza di collegamento di questo film con il capitolo 8, per me il migliore della trilogia. Il rapporto tra Ray e Kylo Ren era l'elemento narrativo che stava dando sostanza alla trama dei nuovi capitoli: in The Rise Of Skywalker è stato sì sviluppato ma è risultato in secondo piano rispetto al ritorno di Palpatine. La resurrezione di un imperatore sconfitto e deceduto più di 40 anni fa dovrebbe farci riflettere su quanto J. J. Abrams abbia avuto paura di innovare, sfornando un film piatto, esageratamente nostalgico (è uno Star Wars con più personaggi "morti" che vivi), privo d'identità e caratterizzato da un finale che, possiamo dirlo senza pudore, il regista ha proprio toppato, e quando sbagli il finale di una saga non hai più modo di rimediare al tuo sacrilego errore, perchè, per l'appunto, la saga è conclusa.

Rispondi

Segnala

Roberto Rinaldi

3 mesi fa

Eppure come sarebbe avvincente vedere l'unico personaggio che i veri fan di Star Wars aspettano da anni in un film della saga: l'Ammiraglio Thrawn! com'e' triste vedere film appena sufficienti quando ci sarebbe da rappresentare il geniale ammiraglio in un film che sarebbe monumentale e che straccerebbe qualunque aspettativa di altri pseudopersonaggi con scarsa credibilità

Rispondi

Segnala

Fabrizio Boni

3 mesi fa

L’unica cosa che mi ha permesso di godere questo film è stato vederlo con mia figlia di 10 anni, sapientemente iniziata alla saga da quando ne aveva 5. Con lei ho potuto guardare con emozione e stupore un film che - a freddo - ho trovato ancora più banale degli altri due (si, ok, episodio 8 ha delle cose originali, ma 2/3 del film sono inutili quanto i 3/3 di questo). Penso che sia la degna conclusione di una trilogia scritta male. Unica nota positiva (di questo) è Babu Frik.

Rispondi

Segnala


close

LIVELLO

NOME LIVELLO

livello
  • Ecco cosa puoi fare:
  • levelCommentare gli articoli
  • levelScegliere un'immagine per il tuo profilo
  • levelMettere "like" alle recensioni