close

NUOVO LIVELLO

COMPLIMENTI !

nuovo livello

Hai raggiunto il livello:

livello

#cinefacts

#articoli

Captain Marvel: un atipico film di origine - Recensione

Captain Marvel è il più recente prodotto Marvel Studios: 21° film del Marvel Cinematic Universe, a un passo dalla conclusione della cosiddetta 'Fase 3' che verrà conclusa da Avengers: Endgame.

 

Protagonista Brie Larson, accompagnata da Samuel L. Jackson, Ben Mendelsohn, Jude Law, Annette Bening e Clark Gregg

 

 

 

 

The Marvelous Captain Danvers

  

Captain Marvel è un film insolito secondo alcuni dei canoni dei film Marvel, soprattutto se parliamo dei capitoli stand alone di quello che ad oggi è l'universo cinematografico più redditizio di sempre.

 

La prima particolarità la si intuisce già quando si prova a dare una sinossi del film che non contenga spoiler.

 

Perchè, già provando a riassumerlo, ci si rende conto che Captain Marvel non è riassumibile usando la stessa metodologia di film come il primo Iron Man, Captain America - Il primo vendicatore, o anche Ant-Man

 

 

 

 

Captain Marvel racconta la storia di Vers, soldatessa appartenente all'esercito della civiltà aliena dei Kree.

 

Vers ha poteri particolari e un passato pieno di punti bui.

 

Una missione la porterà sul pianeta Terra per fermare gli storici avversari dei Kree, i mutaforma Skrull, ma questo si rivelerà un campo di battaglia capace di nascondere insidie pericolose anche per un addestrato soldato kree come Vers.

 

La particolare struttura narrativa di Captain Marvel impedisce di definirlo un film di origine, perchè effettivamente non rispecchia le caratteristiche temporali di un film supereroistico di quel genere, ed è un bene.

 

Ad oggi sono fin troppi i film, soprattutto di supereroi, che spendono buona parte del loro minutaggio nello stabilire le premesse per poi andare avanti con la storia.

 

Anna Boden, Ryan Fleck, Nicole Perlman, Geneva Robertson-Dworet, Meg LeFauve, Liz Flahive e Carly Mensh, sceneggiatori del fim, evitano tutti gli stilemi classici di un film che dovrebbe essere atto a introdurre un personaggio e puntano a svilupparlo attraverso le sue azioni, spiegando solo quanto necessario del suo passato.

 

 

 

 

From the Soapbox to the Lunchbox

 

Il film affronta temi che oggi anche molte altre pellicole provano ad affrontare, come la ricerca d'identità, l'importanza per una donna di imparare ad accettarsi completamente ed essere capace di affermarsi, non solo professionalmente.

Un esempio è il recente film di Netflix Non è romantico?.

 

Captain Marvel riesce a non sacrificare una trama chiara e unica per affrontare invece diversi temi importanti, anche se non in maniera approfondita comunque meglio che, per esempio, in Avengers: Infinity War

 

 



Il viaggio personale di Vers/Carol, infatti, convive perfettamente con temi quale gli effetti del razzismo - anche se diverso dagli schemi classici - e l'importanza di non sostenere politiche e ideologie che avversano i più deboli.

 

Il tutto è condito con la giusta ironia e l'immancabile azione che un film Marvel ha nel suo DNA.

 

Non solo gli sceneggiatori riescono a fare ciò, che già di per sé non è scontato come altri film Marvel testimoniano, ma riescono anche a contribuire al chiarimento di alcuni punti oscuri della lore del Marvel Cinematic Universe.

 

 



 

Nick, ti presento Carol... e Phil, Talos...

 

Non si può inoltre passare sopra le performance del cast che, da Brie Larson ad Annette Bening passando per Ben Mendelsohn e Samuel L. Jackson, riescono non solo ad interpretare benissimo i loro personaggi ma anche a creare la giusta chimica, fondamentale soprattutto in alcuni momenti del film. 


La Bening riesce ad interpretare un ruolo multiplo, per dirla molto semplicemente, e a dare il giusto risalto anche a due personaggi non troppo presenti.

 

Mendelsohn interpreta al meglio un personaggio che fortunatamente non è troppo simile ad altri da lui interpretati in altri film importanti, come Rogue One: A Star Wars Story, Robin Hood e Ready Player One

 

 

 

 

Jackson dal canto suo, per quanto non catturi nella sua interpretazione come è capace di fare la Larson, ci ricorda di essere capace di recitare un personaggio per 10 anni senza sembrare così impostato da dare l'idea di non provarci più.

 

Interpreta un Nick Fury in divenire e lo fa con classe e bravura, rendendo percebile il suo divertimento nel gettare una nuova luce sul Nick Fury spia dai mille segreti.

 

 

 

 

Voglia di Piña Colada
 

Anche la regia, affidata ad Anna Boden e Ryan Fleck, riesce a essere quasi sempre all'altezza del tono del film e del ritmo di cui la storia ha bisogno.

 

Unica pecca, dal punto di vista tecnico, è la scelta di una precisa canzone durante una scena di combattimento abbastanza centrale, e degli effetti speciali che non sembrano essere all'altezza dei film attuali.

 

Ovviamente il film non è un capolavoro del cinema contemporaneo, ma riesce ad arrivare all'asticella ormai fissata per i film supereroistici e a fare anche quel millimetro in più per distinguersi.

 

 



 

È possibile che la struttura del film non convinca quegli spettatori e quei fan più affezionati che preferiscono la struttura classica, ma si spera che qualsiasi giudizio riguardo Captain Marvel nasca da mancanze trovate nel film e non dalle dichiarazioni male interpretate di un'attrice, o dall'aver voluto imporre al film un'etichetta davvero fuori luogo.

 

 

Chi lo ha scritto

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

News

News

News

Lascia un commento

18 commenti

Lorenzo Rinaldi

2 mesi fa

È sicuramente uno dei migliori film del MCU

Rispondi

Segnala

Marina Ingrassia

3 mesi fa

Non mi è dispiaciuto, sicuramente meglio di altri film dell'universo Marvel: indispensabile per la continuity, ma non un film che riguarderei più volte.

Rispondi

Segnala

Giuseppe Iero

3 mesi fa

Visto ieri al cinema. Prima di guardarlo ho letto critiche di ogni genere ma dopo averlo visto veramente io non le comprendo. 
Il film all'interno del MCU è, direi, indispensabile, e anche ben riuscito. Poi soggettivamente a me Brie Larson piace tanto, ho letto di qualcuno che la definiva monoespressiva, io l'ho vista molto naturale invece, e anche ironica.
Film promosso, e ora si aspetta End Game

Rispondi

Segnala

Primus

3 mesi fa

un 7 cinematograficamente (fore un pochino generoso) ma tranquillamente un 9 all'interno del franchise marvel

Rispondi

Segnala

Alessandro Borgia

3 mesi fa

Per me è un 7

Rispondi

Segnala

Alessandro Borgia

3 mesi fa

Per me è un 7

Rispondi

Segnala

Daniele Farina

3 mesi fa

Davvero un film molto interessante che, personalmente, si è guadagnato una buona posizione tra i 21 film dell’MCU.. Concordo su tutto, in particolare per la pecca negli Effetti Speciali, in una particolare scena era abbastanza evidente il difetto di CGI, dovrebbero concentrarsi più su questo...
Sono andato in sala ne con aspettative troppo alte ma neanche troppo basse e devo dire che ho visto quello che mi aspettavo, hanno presentato in modo peculiare la nuova ‘front man’ dell’MCU e non ha avuto una certa pesantezza (a parte i primi 30 minuti di ‘presentazione’)

Adesso si aspetta Endgame con tanta ansia (sopratutto dopo quella scena dei mid credits che ha messo moltissimo hype)

Rispondi

Segnala

Gabriele Vaudano

3 mesi fa

Gran bel film di origini diverso dagli altri cinecomics! Mi è piaciuto molto, specialmente Brie larson nei panni di Carol. Non voglio sbilanciarmi sulla regia perchè non sono ancora in grado di dare un giudizio, sono solo un principiante. Mi sono dispiaciute 2-3 cose però... gli skrull buoni non me li aspettavo e temo che con questa scelta non ci sarà mai una secret invasionnel MCU; poi nick fury così... com'è che dite voi cinefili?... ah sì: "comic relief" non mi è piaciuto nè tantomeno come si è procurato la famigerata ferita all'occhio; e altra cosa che non mi ha fatto impazzire è il personaggio di jude law... per il resto molto bello e originale

Rispondi

Segnala

fefax

3 mesi fa

Non è stato così banalotto come alcuni dicono, ma purtroppo Marvel ha questa tendenza...di far uscire film non al top prima di filmoni grossi (e spero che per Endgame valga la pena). Effetti speciali in alcuni punti davvero pessimi e alcune volte "cartuneschi" (dovevano risparmiare sul budget? Boh); ma in ogni caso è al pari col secondo Ant-man.

Rispondi

Segnala

adebrune

3 mesi fa

Io l'ho trovato noioso e abbastanza banale invece..  devo dire di essermi annoiata durante la visione (ammetto di aver anche momentaneamente chiuso le palpebre heheh ups) in ogni caso.. darei appena la sufficienza

Rispondi

Segnala

Andrea Vassalle

3 mesi fa

Solo io ho trovato bruttina la realizzazione degli Skrull?

Rispondi

Segnala

Gabriele Coppola

3 mesi fa

Completamente d'accordo! Non un capolavoro, magari le aspettative erano anche più alte ma non posso di certo dire che mi abbia deluso... anzi. E poi quanto gasa il finale con Carol overpower?

Rispondi

Segnala

Elia Tron

3 mesi fa

A me è piaciuto molto! Comicità e azione sono ben bilanciati a mio parere e le 2 ore passano velocissime. Come viene sottolineato nell'articolo non si tratta di un capolavoro ma è un film che sa intrattenere, confermando il buon livello raggiunto dai film Marvel in questi 10 anni.

Rispondi

Segnala

RayRJJackson

3 mesi fa

A me è piaciuto parecchio...certo, non l'ho trovato uno dei migliori film di questa terza fase, ma ci andava vicino e in sala mi sono comunque spaccato dalle risate.
Unica raccomandazione particolare per il film...portatevi dei fazzoletti che vi serviranno per quando inizierà il film.

Rispondi

Segnala

Paolo Cellammare

3 mesi fa

A me non ha convinto per niente, ma ne parleremo nella prossima puntata del Podcast ;)

Rispondi

Segnala

Teo Youssoufian

3 mesi fa

Paolo Cellammare
però così mi fai venire voglia di inaugurare la nuova rubrica qui sul sito… 

😉

Rispondi

Segnala

Paolo Cellammare
Cavolo così mi fate venire hype!! 😱

Rispondi

Segnala

Billizful

3 mesi fa

E' la recensione "più buona" che leggo su questo film😂

Rispondi

Segnala